Prime esperienze

Scritto da , il 2017-04-13, genere prime esperienze

I SENTIERI/PERCORSI DELL'ANIMA autrice: Giulia Saab

I PERSONAGGI FEMMINILI:
Sasha
Vanessa (o Vane)
Samantha
Serena

I PERSONAGGI MASCHILI:
John
Andrea (Andy o Andrew)
Carlo (Charlie o Karl)
Stefano (Step o Steve)
Giobbe o Giacobbe (jack)
Lain o Flavio
Dave
Beppe il becchino
Markus
Luke
Mark

LE CITTà:
Torino
Genova
Bologna
Salerno













CAPITOLO 1: Capitolando...

Genova, Aprile 2014

Sono io, sempre io caro diario (ebbene si: Sabrina Sasha Mendez) e passo le giornate su Facebook. Sono piu Sasha oppure Sabry? Chissà. La voglia aumenta e la primavera avanza inesorabile...
Ho 21 anni inoltrati come ben sai, sono vergine e me ne vergogno. Mi piace Eleonora e me ne vergogno. Le piace Nicoletta e la detesto. D'altronde la Camilla è fidanzata nonostante sia etero-curiosa anzi bi-curiosa? A dire il vero il porno l'ho conosciuto da poco, Hele non si può dire una rara bellezza ma è un piacevole sogno erotico ed è palesemente lesbica nei suoi atteggiamenti mascolini. Con lei si scherza, si gioca, si ride, ci si eccita e ci si emoziona (almeno io). Ma ahimè mi toccherà ripiegare su di un uomo in quanto il suo cuore è occupato (come mi disse un ragazzo che mi spezzò il cuore al liceo). A chi pensare? Su chi puntare l'attenzione? Mh...vediamo un po'...mi piace quando mi parla di Fisica e Astronomia al bar... Si, è proprio affascinante il Signor S. Ma attraente non piu di tanto... Beh mi incuriosisce non poco il nerd friend etero friendly (ma fidanzato storico) Dave! Carino, gentile e simpatico. Ricordo bene l'appuntamento a 3 con loro 2 a mangiare il sushi. S arriva da Savona ed è anche figlio di un dentista, ricordo bene la grigliata a casa sua. Ho provato a "frequentarlo" invano nel suo appartamento genovese ma nulla da fare...e così puntavo sulla diva Grey, la quale catalizzò tutta la mia perversa attenzione fino al giorno dell'erasmus party casalingo con gli spagnoli. Uno spagnolo mi fece una corte spietata e mi propose una birra. Assumevo antidepressivi per problemi di adattamento alla nuova city ma mi dissi perchè no? Fumai pure un paio di Marlboro. Una vita che sapeva di libertà. Tutta la mia adolescenza repressa esplodeva altrimenti sarei implosi di lì a poco... Fatto sta che la festa non mi soddisfò, S. Mi squadrava per ingelosirmi mentre parlava con le svedesi. S. Era un metallaro poliglotta appassonato di Scienze. Un pozzo di cultura sotto ai ricci impertinenti e l'algido sguardo azzurro velato dalle lenti. Baccagliava con una certa Shira ai tempi e voleva volare in Svezia lasciando tutto, folle! Mi incuriosiva il suo discorso riguardo ai progetti sulle stampanti 3D, ma bando alle ciancie! In poche parole mai nulla si concludeva, mi aspettava un futuro da monaca? Così facendo (anzi cosi temendo) mi addentrai nei meandri oscuri del dark web laddove ci si videochiamava x dio o un demone solo sa quali sporchi motivi. Detto ciò iniziai tra un video esplicativo e l'altro ad inviare messaggi piuttosto espliciti ed inequivocabili ai ragazzi della zona (Struppa e dintorni). A tal punto che un amico di vecchia data a seguito di una fan page da me creata dal titolo "non ci impegnamo", mi invitò fuori a cena per un incontro galante a sua detta però dalle mie parti. Il problema era multiplo: 1) vergogna riguardo alla verginità; 2) lontananza; 3) non mi faceva impazzire ma potevo pur sempre farmi "stappare" per la sua gioia senza dubbio... Iniziò proponendomi un rapporto di "amicizia intima" senza alcun coinvolgimento amoroso ed in totale segreto. In poche parole una storia poco seria e top secret con un "cesso" sfigato. Mio malgrado accettai. Dapprima si trattò di uno scambio di foto a distanza... Il fatidico giorno dell'appuntamento si avvicinava ed io ero sempre la solita Sabri verginella. Un giorno la Hele mi lanciò una battutaccia al vetriolo affermando "pensa morire vergine come il Pascoli". Per tutte queste ragioni sentivo sempre più l'esigenza di emanciparmi da quella condizione statica e pesante. Iniziai pensando di occuparmene per conto mio attraverso la masturbazione interna, ad esempio provando ad inserire un tampax. Questo non entrava nella maniera piu assoluta. Di conseguenza mi buttai sul social piu in voga al momento ovvero il tanto amato quanto odiato FB.














Capitolo 2: Bye Bye Baby

Data la stagione primaverile la concentrazione nello studio veniva meno e le giornate rinchiusa in uno stanzino ad eccezione del week-end venivano trascorse online. Chattando e riflettendo, anche se la riflessione era ben poca, incappai nel primo pollo ovvero un personaggio misterioso in quale si fidò immediatamente di me senza sospettare , a differenza degli altri, alcun tentativo di raggiro o prese in giro. Ed ecco John, il tipico tipo con occhiali da sole il quale millantava doti da Casanova ed innumerevoli conquiste in campo amoroso anche se di amore non si trattava...
Quando venne il giorno dell'incontro (ahimè ho scordato la data) mi appropinquai con fare sospettoso, zompando sul bus verso il negozio del ragazzo (il sedicente John).
Una volta a destinazione lo trovai a fumare con fare smargiasso sull'uscio del negozio. Iniziò a farmi il terzo grado in quanto con molta probabilità temeva fossi a pagamento ed inoltre mandata da qualche approfittatore, magari temeva pure per l'incolumità del negozio. Ed ecco che ci fu l'inganno. Mi presentò a sorpresa un altro individuo! Uno straniero musulmano, sposato e nemmeno giovanissimo. E tutto iniziò...con una violenza! Era il suo magazziniere che portandomi nel retro mi spogliò completamente e mi mise su dei cassoni, lui tirò fuori solamente l'orribile arnese di colore (non ne avevo mai visto uno di persona), sembrava un tronchetto turgido. Mi afferrò x le ginocchia senza rivolgermi sguardo nè parola il porco ed...entrò con violenza. L'avevo sentito raggiungere la mia pancia e scoparì completamente all'interno del mio ventre vergine, stavo immobile fissando il soffitto e sforzandomi di non guardarlo. Mi sentivo lacerata e sporca dentro...la mia purezza se ne andò bruscamente senza che nemmeno lo volessi del tutto, non lì...non così...non con lui...ecc...una sfilza di NON.
Il corpo era ghiacciato in modalità "sopravvivenza" nel tentativo di non perdere i sensi. Prima dell'apice dell'amplesso fuoriuscì in terra per fortuna.




Ecco una piccola per così dire "fortuna". Almeno non fui ingravidata al primo rapporto. John ci raggiunse ed alla vista del sangue non gli ressero i nervi così uscì e fumò un'altra sigaretta delle sue...era visibilmente preoccupato e chiaramente impotente nei riguardi dell'accaduto. Come se tutto ciò non bastasse decise di abbandonarci andandosene , l'amichetto dal tronchetto colorato e vispo. Nonostante tutto mi fece rivestire e mi parlò come se nulla fosse successo della sua adorabile famiglia, facente parte la moglie oramai cornuta, residente in Africa del nord nei pressi del Mediterraneo. Non pago, in quanto si fece rapidamente sera, decise di accompagnarmi in pizzeria e trattenermi per tutta la sera. Puzzava! Mi costrinse a baciarlo anche laddove non batte il sole...sentivo salire i conati di vomito. Voleva rifare le porcate a pancia piena. Stavolta all'interno del suo furgone, gli era piaciuta proprio la ragazza timida e "virginia". Mi sottrassi dicendo che era troppo buio e sporco lì ma ne voleva ancora... E così mi portò in un parco. Mi mise per terra tra fango e fogliame a pancia sotto e si servì di me semplicemente sfilandomi le mutandine e tenendomi ferma la schiena e tappata la bocca con l'altra mano. Un ragazzo ci vide e fece finta di nulla forse per paura. Dopo avermi usata come una bellissima bambola ormai rotta, mi voltò. Il mio sguardo era rivolto al cielo stellato ma non c'era nulla di romantico in quello. Il porco si stufò in fretta del nuovo giocattolino vista la scomodità del posto e decise di non terminare il rapporto. Il tutto ovviamente senza la minima precauzione. Uscito dal mio corpo mi alzò e accompagnò a piedi alla mia residenza con un braccio attorno al collo ed il suo membro puntato in vita. Finalmente in stanza sola! Sarà stato mezzanotte e mi feci immediatamente una doccia. Sapevo di peccato, misto a sangue e fango. Nessuna ragazza vorrebbe una prima volta così rocambolesca e priva di delicatezza. La ragazza dovrebbe essere al centro delle attenzioni, con tanto di coccole, premure e affetto, magari col fidanzato storico ma nulla di tutto ciò per me. Il destino fu infame, un brutto scherzo di internettopoli. Dopo qualche giorno, passato lo spavento e dichiarata la "violenza" mi montò una voglia tremenda ed incontrollabile. Iniziai ad acquistare preservativi ed inserirli facendo pratica con manici di spazzola...poi mi masturbavo con esso, sperimentando posizioni, ritmi e affondi ma ahimè venivo esclusivamente per sfregamento pubico. Erano solo gli inizi e tra la primavera e l'estate dei miei 21 anni (un po' in ritardo rispetto ai coetanei piu precoci) le curiosità e le domande aumentavano. Prima di allora l'intimità col sesso opposto mi interessava poco date le batoste adolescenziali e gli amori unilaterali.

Capitolo 3: Sasha sprint

Un giorno decisi di fare sexy shopping con amiche da HM. Comprai un corpetto col ferretto ed altre diavolerie come le calze scure alle ginocchia e gli short. Immancabili i reggiseni aggressivi e i perizomi.
Mi tornò in mente Karl ed un giorno vestita con una retina sulla schiena e l'evidente balconcino bianco candido, attraversai un vicolo frequentato dalle prostitute sudamericane per raggiungere la stazione con l'obiettivo di incontrare quel famoso ragazzo dal quale non volevo assolutamente andare impreparata. Presi il treno e ci trovammo a metà strada. Mi prese con una fiammante city car rossa e mi affiancò con gli occhi piantati sulle ginocchia con le calze sexy. Mi caricò come se fossi una lady in prestito anzi affitto. Mi portò in un piazzale di camionisti nei pressi dell'autostrada ma in piedi nel prato senza appigli ci risultava molto difficile e poi il mio corpo non era ancora del tutto pronto a peripezie. Così entrambi delusi rientrammo in auto nascosti da un'0alta siepe. Ovviamente volle godere solo lui e dopo una rapida e non curante toccata e fuga, spinse la mia testa proprio lì, riempiendomi bocca e gola. Iniziai a comprendere che i sapori potevano essere diversi e mi piacque, era dolciastro e forse docciato da poco. Resistette pochissimo, tra un commento lurido, volgari complimenti e varie esclamazioni venne all'interno della mia bocca . Per la prima volta assaggiai quel dolce miele e ne diventai dipendente. Il secondo della lista per quanto riguardava questo lavoretto, fu un meccanico che in una notte piena di lucciole ad illuminare la calura di maggio, esclamò: "mi hai quasi ucciso!" In poche parole diventai una bocca d'oro in poco tempo, una macchina del piacere maschile. Nessuno resisteva, nemmeno la sottoscritta. Era diventato una calamita per me, il mio giochino e passatempo intrigante. Mi presentavo con l'imancabile corpetto nascosto sotto ad una innocente t-shirt vagamente "lesbica".
Volevo puntare piu in alto e servirmi di ragazzi impegnati, i quali diventarono rapidamente il mio proibito sogno erotico. Tra questi ragazzi c'era Dave. Un giorno andai adirittura da lui ma non accadde nulla... Delusa mi buttai su Karl e scrissi vari annunci erotici su bacheche online. Alla fine lo feci anche con Karl, un rapporto completo con tanto di preservativo (secondo il sexy gergo detto guanto), il tutto a casa mia. Ma non ne avevo abbastanza, così mi procurai un anello che aveva le funzioni simili alla pillola contraccettiva. Volevo sentire la carne nuda! Tra uno svago e l'altro a giugno conobbi Andy... Tradito all'istante con l'aitante Jack, soprannominato nella mia testa "lo Squallor". Un crocerossino biondo di quasi due metri, una pertica che sembrava uscita da un match di basket. Il principe azzurro dal sorriso smagliante a 32 denti ma cafone. Appena vista mi baciò palpandomi con veemenza il lato b. Aveva da poco fatto il turno lavorativo notturno perciò durò poco ( a sua detta x quel motivo) .
Mi fece scendere una scaletta arrugginita al di sotto di una grata rimovibile. Rimasi aggrappata ad essa e lui entrò con prepotenza facendomi sfuggire un urletto di piacere...un paio di colpi molto graditi ma non ce la fece più così mi voltò venendomi tra bocca e seno. Infine si pulì con la mia canotta! Che squallore e che maleducato...e che spreco!
Ed iniziarono così i miei tradimenti verso Andy in quanto il sesso con lui non mi soddisfaceva del tutto. Ma chi è costui? Un siculo bassino e gobbo con occhi sporgenti probabilmente affetto da qualche ritardo mentale. Non mi piaceva come aspetto ma era molto premuroso, senza contare il fatto che si arrabbiava facilmente imprecando a Dio ed era fissato con creme per massaggi e tacchi alti come se fossi la sua escort personale. Ed eravamo nel giugno di una calda, anzi bollente estate.

Capitolo 4: come back home (ritorno all'ovile)

Mi ritrovai così ad abbandonare la residenza ligure per tornare a casa mia siccome era finito il periodo accademico ed era tempo di vacanze! In questo modo ebbi l'occasione di frequentare "Karl non Farl" in maniera piu assidua. Ci scatenavamo in quanto era previsto per l'autunno il suo imbarco sulle navi da crociera in qualità di "teen animator". Un giorno dimenticò il "guanto" e lo facemmo per la prima volta senza. Durò pochissimo e fu costretto ad uscire fuori sporcandomi la pancia...bleah! Andy ormai distante era soggetto a corna e non solo, siccome il sesso con lui non era un granchè eravamo prossimi all'inevitabile rottura che non tardò ad arrivare. A fine luglio/inizio agosto mio padre mi portò in vacanza dagli zii al confine con la calabria. Lì sul mio smartphone conobbi un certo Beppe ex becchino over 30 impegnato da una relazione stanca e annoiata, pronto a flirtare con la prima che ci sarebbe stata. Una bella dimensione da stallone mi aspettava in una casa vuota che doveva vendere. C'erano solo i sanitari ed un letto... Avevo il ciclo, fu la prima volta in quelle condizioni. Proprio per quel motivo non esitò ad inondarmi del suo nettare all'interno del mio bacino caldo. Chissa come mai nessuno resisteva per molto?
Forse ero piacevolmente stretta oppure brava di bocca. Zia un giorno mi beccò al rientro a casa accompagnata da lui e ci cacciò. Fu un agosto triste, intervallato da un breve riciclaggio di Andy il quale addirittura aveva fatto roba con me sul divano di papà e stava migliorando nettamente coi preliminari. Divenne "dita d'oro" e forse pure io provavo sensazioni via via piu intense di un tempo. Dopodichè seguì un settembre felicemente single ma triste senza sesso. Cambiai città universitaria: Torino. La città dei 1000 misteri. Nonostante i cambiamenti solitari rimasi in contatto letteralmente appigliata a Dave ed all'amico Lucci con il quale ci si scambiava foto hot. Mi sfogavo in ambito virtuale spingendomi addirittura al sesso telefonico con chiamate anonime. Verso fine ottobre conobbi una ragazzo carino il quale finse di fidanzarsi con me x abbandonarmi dopo una scopata ma a quanto pare una ragazza ce l'aveva già! Piansi come una bambina dopo l'accaduto ed il crudele messaggio "non fai per me". Autunno/inverno 2014/2015: depressione e cure, cure e depressione. Karl partito... Mi risvegliai come di consuetudine in primavera dopo una singola sveltina l'ultimo dell'anno con uno sconosciuto. Arrivò il 30 marzo 2015, il Bipolar Day. Mancava poco alla Pasqua e conobbi Giacobbe. Non era bellissimo ma grosso e relativamente vicino (provincia di Alessandria). Il primo appuntamento avvenne nel suo letto dove gli rubai in fretta e furia la verginità conservata (non credo per scelta) da tutta la vita. Tutto ciò davanti ad un DVD di Star Trek o Star Wars, poco importa quale film fosse...noi eravamo sotto coperta e siccome era primavera faceva un gran caldo. La piccola ninfa cresceva e non veniva! Fino al fatidico giorno dove ci fu l'immancabile volta senza come con tutti...ecco che venimmo entrambi in simultanea come in un porno romantico (almeno credo). Successo quello mi sentivo meno anormale. L'intenso rapporto prettamente di natura carnale durò un mesetto, la magia si ruppe prima della fine del mese nonostante anche lui avesse famigliarizzato con mio padre e col suo divano. Quindi inevitabile fu la rottura imminente dove apostrofò me e la mia stirpe come "astigiani di merda". Nel frattempo come di consuetudine Karl tornò alla base nell'estate 2015 e l'abbiamo fatto in maniera singolare, dopo una sveltina venne fuori schizzando sulla testiera del letto. L'idiota non si fidava della pillola ma allo stesso tempo era eccitatissimo, non mi vedeva da molto così per la contentezza mi imbrattò capelli e viso, mancandomi di poco un occhio. Rividi addirittura Andy al quale feci un servizietto in bagno da me coi fiocchi...come in un set di un film porno. Bocca in basso, 0 reggiseno, perizoma e tacchi chiari con le dita smaltate fuori. Resistì poco come da manuale dell'amante perfetta e finì nel suo amico WC (quello di mio padre). Con me invece usò la lingua infilandosi oltre il perizoma e vidi le stelle. L'unico che si occupava anche del mio piacere. I migliori gemiti ed orgasmi nelle fasi preliminari e non. Nemmeno da sola raggiungevo quei picchi, tremavo tutta in preda all'estasi.















Capitolo 5: un incontro bizzarro

Estate 2015...fine luglio: all'insegna del rap piu malato del mondo. Così la vicenda si sposta a Bologna. Ebbene si, conobbi un regaz di Bolo amante del freestyle, stile hipopparo ed ahimè frequentatore di rave e rastoni raggae. In realtà mi incuriosiva la sua aperta bisessualità con parte gay passiva per ottenere il fumo cosiddetto dai giovani sballoni "divertente". Perciò si vedeva costretto a "prestare" ai nordafricani popò e labbra carnose contornate da baffi da messicano sulle buste dei nachos. Un caliente venezuelano alto 1,70 m con una sexy barba. Il mulatto del mio cuore. Lo invitai nella mia city e lo baciai appassionatamente sul prato sulle sponde del fiume. Il secondo appuntamento fu all'insegna dell'eros in camera d'albergo dalla quale non siamo quasi mai usciti. 7 volte in 4 giorni: record assoluto! Di queste 7 ci fu l'immancabile volta con il ripieno alla crema dove pensai di rimanere incinta cos' feci un ambiguo test di gravidanza, non capendo con chiarezza il risultato, Nessuno o meglio Steve il "padre" di "Stella G" si trasferì di corsa a Torino con l'aiuto della zia anche se nel frattempo arrivarono le rosse... Non resistette un mese che gli venne un esaurimento nervoso per lo spavento e la lontananza da casa, così dovette tornare di corsa in quel di Bolo con la coda tra le gambe ripetendosi che non solo non era nessuno ma pure deficiente (in realtà sapevo di non essere incinta ma lo volevo vicino per saltargli addosso ma non si concedette in quel frangente...). Dopo lo shock della presunta gravidanza si inibì sessualmente anche se era grosso e bravo. A Steve non mancarono le corna con il solito Karl a fine 2015. Mi pentii molto della mia condotta e glielo confessai in lacrime, mi perdonò ( forse perchè in realtà poco gli importava di me oppure lo shock della gravidanza era stato peggiore ed a detta sua egli non era il Padre Eterno in grado di giudicarmi). Dopo quell'episodio si aggrappò alla religione con una sorta di fede malata e non mancarono le corna nei miei confronti...con uomini! Finchè nel 2016 le corna diventarono...donna! Una certa Rebe facente parte del nostro gruppo di auto mutuo aiuto online, originaria di Messina ma che viveva a Piacenza e studiava architettura a Firenze con tanto di gemella. Bellissima zoccola e folle tentatrice lasciò lo scopamico fiorentino Lorenzo per incontrare il mio Steve per un "innocente" caffè. Si videro piu volte credo, infatti lui mi considerò sempre meno. Ci vedemmo l'ultima volta a settembre quando tentammo una convivenza di una settimana soli da sua zia. Credevo fosse andata bene, infatti a lui tornò la voglia di fare ed impegnarsi nella vita. Quando tornai a casa, una volta accantonato per il momento l'inutile se non dannoso rap, si iscrisse per la gioia di tutti ad una scuola serale con un discreto successo scolastico. Il suo scopo era quello di aiutare mio padre in azienda nell'estate prossima. Molto impegnato tra scuola e nuove "amicizie" mi promise di raggiungermi a capodanno. In maniera prevedibile e oltremodo odiosa mi diede buca preferendo "esercizi spirituali". Ancora adesso non ho capito quanto di vero ci fosse in quel che mi diceva, fatto sta che si giustificò affermando che "non potevo essere sempre messa al centro". Ma noi non ci vedevamo da mesi e la cosa mi ferì molto. Delusa, sedotta e abbandonata per la prima volta piansi per un mese intero giorno e notte non volendo vedere anima viva quasi nemmeno i miei famigliari. Poi nel febbraio di quest'anno 2017 la lenta ripresa. Il 14 (San Valentino) per puro caso incontrai il mio primo fidanzato Andy. Sul treno conobbi anche un bel finlandese chef e sommelier. Dimenticavo un dettaglio importante: Markus. Fu prima di Giobbe e mi sverginò il deretano. Un giorno mi spinsi addirittura a Chiavenna fuggendo da casa per "chiavare", il migliore di sempre! Ma torniamo ad Andy. Lo rividi per un paio di notti nell'hotel sotto casa = sesso assicurato all'oscuro di tutti. Unico problema, ci sono pro e contro.
Pro: ripresa della pillola e dell'attività sessuale
Contro: lui vorrebbe riprovare ma io in realtà lo sto ingannando per ottenere il "belino" e lo sto tradendo di continuo almeno sul piano virtuale anche se ho in programma tradimenti reali. Ora gli anni sono "ben" 24 dunque sono quasi una lady matura ahah. Mi sento sempre più energica, voluttuosa ed esigente, pronta a tutto pure alle coppie scambiste. Il 4 Aprile sono invitata a Genova, la mia vecchia città. A fine mese invece avrà casa libera per qualche notte dove mi vorrebbe per sfrenatezze in totale privacy...e ci starebbe. Tuttavia dopo robetta virtual easy e soft con Dave, lui spinge per fare il cuckold ovvero il guardone di un rapporto sessuale. Vorrebbe appunto spingermi ad incontrare uno sconosciuto in una camera d'albergo e guardarci magari masturbandosi in maniera da partecipare al nostro piacere. Anche io ho strane voglie, addirittura di fare porno pensando non ci sia in fondo nulla di male. Nel frattempo avevo fatto una sana amicizia con un maturo torinese classe '74, il quale però non si è mai concesso dopo ben 3 incontri nel capoluogo piemontese... Ora Andy mi vorrebbe pure a Lloret de Mar in estate con amici...che fare? Il quesito resta aperto...
Alla prossima my diary!

P.s.: Dimenticavo che Sasha diventò Samantha poi Vanessa e Serena ma queste sono altre storie tutte da gustare con gli occhi.

Bye
Sabri (Giulia Saab)



Questo racconto di è stato letto 6 9 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.