Non è Francesca

Scritto da , il 2020-06-27, genere tradimenti

[TRAMA: Facendo l'autostop, un rigoroso manager viene raccolto da un playboy rozzo e vanitoso. Durante il viaggio, la strana coppia scopre che FORSE hanno in comune l'intima conoscenza della stessa donna...]
______________________________________________________



Non posso certo lamentarmi della mia vita.
Ho un buon lavoro come consulente aziendale, una bella moglie di cui sono ancora innamorato dopo 20 anni di matrimonio, e un figlio nato da poco che rappresenta la mia vittoria sul destino avverso. Infatti i dottori mi avevano detto che ero quasi sterile, e che quindi le nostre possibilità di avere dei figli erano molto scarse. Per questo la nascita del piccolo Gianluca è stata una doppia soddisfazione.


Oggi però la perfezione della mia esistenza è stata incrinata da un piccolo imprevisto: mentre tornavo a casa da un meeting fuori città, la mia auto ha avuto un guasto al motore, così ora mi ritrovo appiedato su un tratto isolato della superstrada.
Peraltro non posso neanche chiamare il soccorso ACI perché ho dimenticato a casa il telefonino, così non mi resta altra soluzione che fare l'autostop.

Dopo mezz'ora non si è ancora fermato nessuno, e comincio ad innervosirmi un po'...quando finalmente una berlina rallenta e accosta.
Il guidatore è un giovanotto sulla trentina, dall'aspetto piuttosto kitsch: jeans bisunti, camicia smanicata aperta sul davanti in modo da mostrare il petto villoso, catenona d'oro al collo, capelloni alla dandy, tatuaggi pacchiani...
A quanto pare mi sono imbattuto in un truzzo da manuale...ma non posso permettermi di fare lo schizzinoso.
- «Salve...Potrebbe darmi un passaggio fino a Viterbo?»
- «E che, me dai del "Lei"? Ma che te paro, 'n senatore? Sarta su, va'!», risponde lui con un marcato accento romanesco.

L'interno dell'auto è perfettamente in linea con la tamarraggine del suo proprietario: addobbi di cattivo gusto tipo uno scheletrino impiccato, un gagliardetto della Roma, una foto di Totti con la scritta "Corri! Pensa a me!", lattine di birra vuote buttate un po' ovunque, e nell'abitacolo c'è un tanfo di sudore, alcol e scorregge liberamente espulse.
- «Io me chiamo Romolo, e te?», dice il giovane porgendomi la mano.
- «Giulio Ferretti, consulente aziendale. Molto piacere.»
- «Ammazza, un studiato...Vuoi vede' che alla fine der viaggio me ritrovo accurturato pure io?»

Appena ripartiamo, il giovanotto prende una bottiglia di Glen Grant, fa una sorsata e poi me la porge.
- «Che, te va 'n goccio?»
- «Uh...N-no, grazie, sono astemio...»
- «Aho', anvedi questo...Se perde er mejo della vita!», ribatte facendosi un'altra trangugiata.
Diamine...Sono salito sull'auto di uno che si ubriaca al volante! E come corre, poi!

Poco dopo si accende uno spinello e me lo porge:
- «Toh, fatte 'n tiro, amico...'Sta qui è robba tosta, pakistana, te manna in orbita per du' giorni!»
- «Ehm...Meglio di no, figurati che non fumo neanche le sigarette normali...»
- «Aho', nun bevi, nun fumi, nun sai guida'...Ma te c'hai proprio tutte le disgrazie, te manca solo da esse frocio!»
- «Beh, quello no...Sono sposato.»
- «Eh, come dicevo: te c'hai proprio tutte le disgrazie!»
- «Perché; per te essere sposati è una disgrazia?»
- «Ahahah! Ma stavo a scherza', Giulio! Ma dimme un po': che c'ha de speciale la tua donna per farte decidere de rinuncia' a tutte le artre?»
- «Beh...Per cominciare, mi ama anche lei...Poi cucina bene, è premurosa, ordinata, intelligente, una madre amorevole...»
- «Seee, girace intorno...Tanto hai capito cosa intendevo: com'è tu' moglie a scopa'?»
L'indelicatezza di questo giovinastro è fastidiosa...ma in fondo mi sta facendo un favore, si tratta solo di assecondarlo finché arriviamo a Viterbo.
- «Mah, direi normale...Magari a letto non ha molta fantasia, ecco, ma io ci passo sopra...»
- «"Je passi sopra"...AHAHAH! Bona questa! Ammazza, Giulio, sei proprio 'no spasso...Questo sarà un viaggio da schiantarse dal ride!»
Mi sono proprio imbattuto in bell'elemento. Fortuna che dovrò sopportarlo solo per una mezz'oretta.


Guida come un pazzo, infrangendo ogni limite di velocità...E manco a dirlo, poco più avanti veniamo fermati da una pattuglia della Stradale.
Mi vengono i brividi: sono in compagnia di un pirata della strada ubriaco e drogato, e magari trattengono anche me per accertamenti...
Una poliziotta si avvicina a Romolo con aria arcigna.
- «Crede forse di trovarsi sul circuito di Indianapolis, lei? Favorisca patente e libret...Oh, ma sei tu!»
- «Ciao, Monica. Nun me fa perde tempo, che devo scorta' questo mio amico a casa...»
- «Romolo, non posso fartela passare liscia...Sono sotto esame, il mio superiore mi sta controllando dall'auto per vedere come mi comporto!»
- «E dije de veni' qui a controllarte più da vicino! Nun sarà mica 'n frocio?», dice pinzandole un seno con due dita.
- «Non fare lo stronzo, Romolo! Ti ho detto che il mio collega ci sta guardando!», gli dice sottovoce la poliziotta, dandogli uno schiaffetto sulla mano.
- «E annamo a trovallo, che te famo 'na bella doppietta sur cofano della machina della polizia!», le dice Romolo scrollandosi il pacco. Io mi sto vergognando per lui, cerco di farmi notare il meno possibile.
- «Senti, ti farò un verbale in bianco per salvare le apparenze, ma tu guida più piano...e fai almeno sparire la cannabis, accidenti a te!»

10 secondi dopo essere ripartito, Romolo accartoccia la multa e la getta fuori dal finestrino con noncuranza. Mi lascia sempre più sconcertato.
- «Ehm...Mi sembra di capire che conoscevi già quella poliziotta...»
- «E che, scherzi? Quella me la so' fatta davanti, de dietro, in piedi, a testa in giù...Se vuoi te combino un incontro con lei, che me sta a stufa'...»
- «Vuoi farmi credere che tu hai cosi tante donne da poterti permettere di passarle agli amici?»
- «A' bbello, te nun sai che a me mi chiamano "ER TRAPANO"! Me so' ripassato metà delle donne d'Italia, e l'artra metà ce l'ho in agenda!»
- «E bum! Adesso le stai sparando grosse...»
- «Nun ce credi? Guarda qua!»
Abbassa il parasole sul lunotto di fronte a me, nel cui taschino c'è una serie di foto esplicite. MOLTO esplicite. Praticamente porno.
- «Sono alcune foto-ricordo di quelle che me so' scopato...E pensa che queste nun so' ancora niente, qui tengo solo le più troie! Guardale, guardale pure, eh!»
E ciò detto, afferra una mazzetta di foto e me le mette in mano, senza neanche chiedermi un parere.
Questo burino non si rende conto di quanto sia imbarazzante per me, un perfetto sconosciuto, mettermi a guardare delle foto di lui che copula...ma devo dargli soddisfazione sbirciandone almeno alcune.
Così passo in rassegna quel plico di immagini oscene, fingendo ammirazione. È un campionario delle peggiori porcate che si possano compiere durante un amplesso, con donne sempre diverse e di ogni tipo: giovani, di mezza età, brune, bionde, rosse e...



Oh.
Porca.
Miseria.



Non ci posso credere: la donna nella foto che ora sto tenendo in mano sembra essere...MIA MOGLIE FRANCESCA!!
In effetti non ne sono sicuro, poiché l'immagine è un po' sfocata e la donna è vista da dietro mentre viene scopata alla pecorina. Però POTREBBE essere proprio lei!

- «Allora? Ce credi, adesso? Nun so' gajiardo?»
- «Eh? Oh, certo, certo...Sei un vero mandrillone, complimenti...Ma dimmi, come riesci a rimorchiare così tanto?»
- «E che te devo di'...Piaccio. Quanno 'na donna me vede, je viene subito voja de entrarme nelle mutande.»
- «Sì, ma dammi un saggio concreto di come operi...Per esempio, guarda la donna di questa foto: chi è? E come sei riuscito a sedurla?»
- «Fammela un po' vede'?», dice prendendo in mano la foto, «Ah, questa...Manco me ricordo come si chiama, però me ricordo bene come è andata...Mettite comodo, che mo' er guru della fregna te spiega tutto.»
Bene, sono riuscito a far leva sulla sua vanità...ma ho il presentimento che NON mi piacerà per niente quel che ha da dirmi.


- «Dunque; me ne stavo ar cinema a vede' uno de quei film con Boldi e De Sica...Ce li hai presente, sì? So' film gajiardi, e si sa che le femmine diventano molto più abbordabili quanno se pisciano adosso dal ride.»
- «Vero, vero (boh?), vai avanti.»
- «Beh, all'intervallo vado fuori sala a fumarmi 'na paglia, quanno l'occhi me cascano su 'sta milfona bionda con du' tette da infranto. Me dico: "A' Romolo, te nun ti chiami più 'Er Trapano' se entro stasera nun te fai un giro nei canali di scolo de 'sta smandrappona!". Così ar secondo tempo me siedo di fianco a lei, e tasto il terreno allungandoje 'na mano sulle gambe.»
- «E lei? Almeno all'inizio avrà cercato di respingerti, immagino...»
- «Macchè...Rimaneva lì ferma come 'n manichino facendo finta de niente. Beh, per farla breve, entro 10 minuti je stavo già a pastrugna' le tette. E lei sempre ferma, co' lo sguardo fisso ar film...però intanto ansimava, la troia. Allora je ho infilato 'na mano nelle mutande, e ho preso a ravanaje la fregna. Nun te dico il colo! Pareva la fontana de Trevi...Insomma, so' andato avanti così per un po', poi de scatto je ho ficcato i diti in bocca, a faje assaggia' la broda della sua sorca fracica...»
- «E lei come ha reagito?»
- «S'è messa a ciucciarme i diti che pareva me li volesse scortica'...Poco dopo er film è finito, e la tipa s'alza ed esce come se nulla fosse, ma si vedeva che brancolava ed era tutta sudata.»
- «E tu?»
- «Io je vado dietro fino ar parcheggio, e lì la branco contro la sua machina: "A' maiala, ti credi che finisce solo co'n antipasto? Mo' annamo ar piatto forte!", e lei: "No, la prego, sono una donna sposata, poco fa è stato un attimo di debolezza", e bla-bla-bla...Le solite fregnacce che tirano fuori le femmine, insomma. Allora taglio corto e je mollo 'no sganassone, poi prendo il controllo della faccenda: "A' zoccola, mo' ti chiudi quella bocca da pompinara che te dico io quel che si fa: annamo a casa tua che te faccio vede' li sorci verdi!". Beh, credi che abbia più provato a di' una parola?»
- «Ma...È stato tutto così facile?! Cioè, ti è bastato trattarla come una merda, per farla cedere?»
- «A' Giulio, te sarai pure un studiato, ma de donne nun ne capisci niente. Macché corteggiamento, macché frasi dolci, macché regalini...Quelle son le robe giuste per farti apparire come un mollaccione impotente. Le mammellute vanno prese per i capelli, buttate sul letto e chiavate senza pietà. È solo così che ti riconoscono come un vero uomo, tosto, virile, er mejo leone del branco!»

(Cacchio. Se questo deprecabile individuo avesse ragione, vorrebbe dire che nel mio approccio al genere femminile ho sempre sbagliato tutto. E come me, hanno sempre sbagliato anche quasi tutti gli altri maschietti del pianeta. Sarebbe assurdo...eppure i fatti son lì da vedere, nel successo che ha con le donne questo buzzurro tutto ferormoni e niente altro.)

- «Ehm...Sei davvero una miniera di preziosi insegnamenti, Romolo...Vai pure avanti con la storia.»
- «Dov'ero rimasto? Ah, sì...Insomma, poco dopo ci ritrovamo in casa della tipa, e lei fa ancora la gatta morta che non pija nessuna iniziativa. Allora je strappo li vestiti de dosso, la agginocchio e je sfodero er pitone davanti ar muso. "A' mignotta, intostamelo pe'bbene, che mo' te vado a tojerte le ragnatele dalla sorca!". La pijo per la capoccia e je scopo la gola fin giù allo stomaco, poi la abbutto sur divano, je lo schiaffo dentro e comincio a daje 'na bella sgorgata alle tubature.»
- «E...e lei si è lasciata prendere senza opporsi neanche un po'?!»
- «All'inizio se lagna che so' troppo irruento, che je fo male...ma io mica me fermo, conosco li miei polli. E infatti dopo un po' comincia a miagolare, a di' che col suo consorte nun aveva mai goduto così...È chiaro che su' marito è uno senza palle, 'no smidollato.»
- «Ehm...Ma non è detto; forse è solo uno molto impegnato sul lavoro, e l'aveva trascurata un po'...»
- «E no: se te dico che è 'no smidollato, è 'no smidollato! E che, vuoi veni' da me a insegnarme er mestiere? Me basta vede' quanto è affamata una donna per capire subito che tipo è su' marito...e quella è una che nun era mai stata scopata come sarebbe piaciuto a lei, fidati!»

(Non mi sono mai sentito così umiliato in vita mia...eppure non posso fare a meno di sapere il resto, sperando di scoprire che l'irriconoscibile donna di cui sta parlando NON sia davvero mia moglie.)

- «Insomma, je pistono la fregna in tutte le posizioni, e lei intanto gode, e gode, e gode, e me chiede sempre di più...Così la butto a pecora sur pavimento e je ficco du' diti ner culo. Allora lei comincia a strilla' che nun vole, che lì è ancora vergine...Come se me lo dovesse di'! E te pareva che quel frocio de su' marito si fosse mai preso la libertà de schiaffarjelo ner didietro?»

(Vorrei dirgli che in verità il "frocio" ci ha provato molte volte a convincerla a fare del sesso anale...ma lei si è sempre opposta fermamente, cosicché il bravo maritino si è rassegnato a rispettare questo suo tabù.)

- «E come sei riuscito a vincere le sue resistenze?»
- «Ce so' riuscito mollandoje du' sberle per faje capire chi comanda. Poi je ho puntato er cazzo ar buco e so' entrato con 'na spinta secca. In 'ste cose nun c'è da perde tempo in preliminari e lubrificazioni come fanno i damerini dal cazzo moscio; si va giù duro e basta, tanto dopo un po' de pompate er culo si adatta lo stesso. Infatti anche questa troia ha strillato solo per li primi 20 minuti, poi ha cominciato a pijarce gusto. Li mortacci, la dovevi senti': "Ancora, ancora, aaah, oooh", e io: "Puttanaccia di merda, te slargo er buco del culo come la galleria de Trastevere, te faccio usci' er cazzo dalla gola"...Lo sai quanto je piace alle zoccole quanno je se parla sporco, no?»

(Cavolo...E ora cosa dovrei rispondergli? Che durante il sesso io sussurro solo paroline dolci per non sembrare un buzzurro imbufalito?)

- «Comunque: dopo che je ho arato per bene tutto er camposanto, me sento che devo schizza'...Così la ribalto gambe all'aria, je rificco l'arnese nella passera, e je sborro dentro tutto fino all'ultima goccia.»

(COSA HA DETTO?!?...)

- «M-ma come...Non ci pensi al rischio di ingravidarle, facendo così? Per quel che ne sai, potresti avere in giro decine di figli...»
- «E che me frega a me...Tanto, ci pensano quei cornuti dei loro mariti a crescere li figli miei!»
- «E...e questa storia quanto tempo fa è accaduta?»
- «Ah, boh...Du' anni, forse tre...Che ne so, quanno scopo mica guardo er calendario appeso alle pareti, eh!»

(Faccio un rapido calcolo mentale. Il nostro Gianluca ha quasi 2 anni, quindi i tempi potrebbero coincidere con... OH NO, buon dio, non ditemi che...?)

- «Insomma, per concludere: lascio la mignottona riempita di sborra e infilo la porta in silenzio. Lei inizia con le solite cagate da donna, "Ma come, te ne vai così, come se niente fosse stato"...Che du' cojoni 'ste cose; è per quello che di solito do 'na botta e via, i legami sentimentali li lascio a quei fessi che si sposano...Oh, senza offesa per i presenti, eh Giulio? Uahuahuah!»
- «Ma...ehm...il NOME di questa troia non te lo ricordi proprio?»
- «Ma che me frega a me de ricordarme li loro nomi? Preferisco ricordarme le loro fregne! Uahuahuah!», sghignazza Romolo dandomi una gomitata di complicità.
Lo assecondo ridendo anch'io come un idiota, anche se in realtà vorrei spaccargli la testa a martellate.
Alla fine del suo racconto, non ho ancora capito se la donna nella foto sia la mia Francesca oppure no. Questo dubbio mi sta facendo rodere il fegato.

*****

Comunque, pochi minuti dopo arriviamo alla periferia di Viterbo.
- «Ecco, questa è la mia città...Grazie del passaggio, Romolo; puoi farmi scendere qui, poi prenderò un autobus...»
- «E che, so' forse un cafone? Visto che t'ho portato fin qua, a 'sto punto famo er servizio taxi completo, no? Dai, dimme ando' abiti che te porto sotto casa!»

L'ultima cosa che voglio è che questo bifolco scopra che FORSE abito proprio nella stessa casa dove lui si è scopato la donna di cui abbiamo parlato durante il viaggio.
Non temo tanto il fatto che lui possa scoprire di avermi messo le corna senza saperlo, quanto il fatto che questa sarebbe la prova definitiva che quella donna si trattava in effetti di mia moglie. Preferisco tenermi il sospetto, piuttosto che scoprire una verità che mi risulterebbe insostenibile.

Così al primo semaforo salto giù dall'auto senza dire nulla e scappo a gambe levate con la foto ancora in mano, lasciando l'esterrefatto Romolo con un palmo di naso.
Può pensare ciò che vuole di quell'ingrato passeggero che si è dileguato in maniera così cafona; non è questo a preoccuparmi.
Ciò che mi preoccupa è COME farò a guardare mia moglie da adesso in poi, avendo sempre in testa questo dubbio atroce.

Mentre cammino verso la fermata del bus, guardo la misteriosa donna della foto e mi chiedo: per come conosco mia moglie, sarebbe davvero capace di avermi tradito con un burino del genere? Può essere vero che, al di là di quel che sembra a me, in realtà lei NON è affatto soddisfatta della nostra vita sessuale? E può essere vero che tale insoddisfazione possa indurla a concedersi ad un troglodita che non ha nessun altro pregio oltre ad una smisurata virilità?

Tutte domande senza risposte. Ed ho scelto io di non volerle conoscerle. Quindi dovrò rassegnarmi a convivere per sempre col dubbio. Ma preferisco così piuttosto che rischiare di veder crollare le piccole certezze su cui si fonda la mia vita quotidiana: che Francesca è una moglie fedele, che io sono il padre naturale di Gianluca, e che sono un buon marito che si sforza di fare il bene della propria famiglia.
Sì, per vivere bene è importante avere delle certezze, anche se FORSE sono soltanto illusorie. Ma chi ha voglia di scoprirlo?

Così strappo la foto e la getto in un cestino, e con essa anche tutti i miei cattivi pensieri. E subito dopo mi scopro sereno. Talmente sereno che mi viene da canticchiare il motivetto di una vecchia canzone.
"Mi son sbagliato, chi ho visto non è...Non è Francesca..."

[FINE]

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.