Erotici Racconti

Nel mondo dei cuckold Pt.1 (storia vera)

Scritto da , il 2017-01-05, genere tradimenti

Siamo una coppia, 42 anni io, 32 lei. Una convivenza iniziata da dieci anni, io smaliziato seduttore, lei giovincella quasi inesplorata alla quale insegnare tutto. Una favola a cui una gravidanza ha messo fine troppo presto.
La nascita di una figlia, con tutte le responsabilità che ne derivano aveva catalizzato tutti i nostri sforzi e le nostre attenzioni.
Addio viaggi, vacanze, weekend romantici e uscite serali e via con pannolini, pediatri e biberon. In quei primi tempi la presenza di un padre è quasi superflua; un contorno.
Mi feci da parte affogandomi di lavoro, letture, dando una mano prevalentemente in cucina ma trascurando lei anche fisicamente.
Nonostante fosse e sia bellissima, minimamente scalfita dalla gravidanza e con quel culetto sodo da pubblicità, io, non so perchè, non riuscivo più a trovarla attraente.
Non la tradivo, ma neanche la cercavo e lei, in silenzio, ne soffriva.
Non potendo contare sull'aiuto di nessuno per occuparsi della bambina, avevamo concordato di uscire separatamente una sera a settimana.
Io ne approfittavo per fare un po' di sport, lei, per vedere la sorella minore Rita, una troietta da quattro soldi, con cui prendersi qualche aperitivo al bar che frequentiamo di solito.
La mia lei, Marina, non è una che passa inosservata, specialmente se si mette in tiro (coi tacchi supera abbondantemente il metro e settanta) e qualche cascamorto non disdegna l'elargire complimenti e attenzioni anche in mia presenza. La cosa non mi disturba affatto, anzi ne vado piuttosto orgoglioso che lei sia mia. Allo stesso tempo lei pur restando sempre composta è ovviamente compiaciuta del suo suscitare ammirazione.
Uno dei suoi fan è un tipo mio coetaneo, Maurizio, libero professionista, separato, con un bel po' di tempo a disposizione per lampade e palestra. Un bell'uomo, curato nel vestire e nei modi. Il contrario di ciò che potevo essere io all'epoca: pallido, trasandato e annoiato.
Lei riconosce che è un bel tipo che le fanno piacere i suoi complimenti ma poi basta così.
Quando esce da sola, le chiedo se ci sono state avances di qualche tipo ma lei mi rassicura dicendo di limitarsi a chiacchiere di circostanza. Io non ho motivo di non crederle.
Un giorno, un litigio banale, ma pesante, rompe l'alone di tranquillità e lei mi pianta a casa per andarsene a stare dalla sorella.
Io ringrazio il Signore per il periodo di silenzio e pace che mi aspetta e a cui ero abituato da single, metto la ciliegina sulla torta portando la bimba dai nonni. Finalmente solo.
Non che fossi animato dal desiderio di fare chissà cosa.. mi bastava la solitudine, il silenzio, la pace.
Non mi fregava niente neanche di ciò che potesse fare lei non essendo mai stato geloso a differenza sua che sapeva essere ossessionante.
Passa martedì, passa mercoledì e nulla. Telefono staccato. Niente neanche giovedì così il venerdì mattina vado a trovarla in ufficio.
Le chiedo scusa, mi prendo la colpa del litigio, le chiedo di tornare. Lei è scura in volto, non è convinta.
Io finisco il mio monologo e la lascio in pace. Nel pomeriggio provo a richiamarla ma non risponde quindi chiamo Rita, la sorella, una che ha sempre invidiato il fatto che marina avesse una famiglia sua, una casa, un buon lavoro, tanto da desiderare una rottura tra noi per trascinare Marina al suo livello e sentirsi meno sola nella sua tristezza, nella sua inutilità.
Rita mi risponde e mi dice che marina non c'era e che probabilmente era con Maurizio!!
Cosa??? Io divento immediatamente verde, non posso credere che lei abbia individuato in questo tizio la soluzione al nostro problema, ma siccome so dove abita, prendo l'auto e comincio a fare la ronda della zona ma senza risultati.
Finisco con l'arrendermi, ingoiare il rospo e rimuginare. Pensare e ripensare, cominciare a considerare la possibilità di aver messo su un bel paio di corna.
Sono amareggiato e mi defilo, smetto di cercarla, quello che avevo da dire l'avevo detto, quello che potevo fare era fatto, mi immergo così nel fine settimana cercando di distrarmi.
Sabato era una calda serata di giugno, una festa all'aperto con alcuni amici, mi sto divertendo quando irrompe lei con telefonate e messaggi in cui chiede di vedermi.
Io non mi nego, lei dice di amarmi, di non voler rinunciare a me, alla nostra famiglia, a tutto.
Ci incontriamo, restiamo un po' alla festa prima di rientrare a casa insieme. C'è ancora tensione fra noi, come se ci fosse una barriera da rompere, dobbiamo passare “'a nuttata”, poi arriva la domenica sera che ha cambiato tutto.
Ceniamo, parliamo, facciamo l'amore. Lei è finalmente sorridente e rilassata; io, con fare sorridente e complice comincio a scavare.
La conosco bene. E' ingenua, impulsiva, stupida a volte ma mai bugiarda. Anche se le costerà mi dirà come stanno le cose.
La prendo larga: -Amore che avete fatto con tua sorella? - Niente di chè, siamo uscite solo giovedì sera, non siamo andate al solito bar ma in un locale più periferico-. -Ah, ok, e chi c'era?- Niente, dice lei, Rita era con un tipo, io sola.-
Ma dai, tutta sola.. E... Maurizio?-. Lei nega.
A quel punto, con fare sempre molto rilassato, le dico – guarda, ho telefonato a tua sorella venerdì pomeriggio, mi ha detto che non c'eri e che forse eri con lui..Perchè avresti dovuto essere con lui?-
Ma no, non è vero! E' una bugiarda, io quel pomeriggio ero a casa con lei! Ecco perchè si è allontanata per parlare al telefono..-
Si amore, ho capito, ma perchè chiamare in causa proprio Maurizio.. dopo tutto poteva dirmi che non c'eri punto e basta..
Ricordo di aver detto, bluffando, di sapere per certo che lei aveva visto il tipo e mentre lei comincia a sorridere nervosamente le dico:-guarda amore qualsiasi cosa sia successa, non mi arrabbierò, non ti lascerò, ma voglio sapere la verità.
Dopo aver ottenuto altre rassicurazioni da parte mia, con un sorriso birichino e arrapante come mai, finalmente ammette:- si, giovedì sera, l'ho visto-.
E? - Abbiamo bevuto una birra insieme poi.. mi ha chiesto se volevo andare a fare un giro in macchina e ho accettato-.
Quando sono salita in auto mi ha chiesto se mi andava di “farlo”..e io ho detto si..-
Da quel momento, con mia enorme sorpresa, la mia eccitazione ha cominciato a montare in modo animalesco e cresceva sempre di più con la prosecuzione di un racconto che avrebbe dovuto atterrirmi, umiliarmi, invece..
Mi ha portato in una zona isolata, periferica, buia. Mi ha baciata, mi ha spogliata e toccata mentre io glielo menavo.. era eccitatissimo e anch'io. Ha abbassato i sedili posteriori del suo monovolume e siamo andati di dietro. Mi ha aperto le cosce e mi ha leccata, io ero come paralizzata dal piacere. Poi si è liberato dei jeans, è venuto sopra di me e... ha cominciato a scoparmi-.
Io a quel punto non sapevo più cosa fare con il cazzo di marmo che avevo ma non volevo assolutamente interromperla.
Poi ha voluto prendermi da dietro, mi ha girato e mi ha scopato alla pecorina finchè mi è venuto addosso-.
A quel punto ho estratto “l'arma”, l'ho spogliata e scopata selvaggiamente avendo un orgasmo delirante.
Poi una sigaretta, lei che a mia domanda aggiungeva qualche particolare e di nuovo mi tornava duro come il muro. Altra scopata frenetica.
Andammo avanti tutta la notte con lei che non si capacitava dell'effetto viagra che la cosa mi stava facendo. E io anche.
Nei giorni successivi questa nuova “verve” sessuale continuava a trovare sfogo e un pomeriggio entrai in bagno e la presi da dietro.
Lei sorridente – perchè hai voluto farlo qui?- Io: perchè ne avevo voglia, ti è piaciuto? L'avevi mai fatto in bagno?-
Lei: si, una volta.. quando stavo col mio ex..e sorrisino..-

Questo racconto di è stato letto 6 9 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.