Erotici Racconti

Il culo di mia cognata

Scritto da , il 2016-12-14, genere tradimenti

Sono sposato da 2 anni ma da sempre il mio sogno erotico e' la mia cognatina (sorella di mia moglie).
Ha 21 anni si chiama Ilaria, minuta, bel culetto e faccia da bambolina.le sue esperienze in fatto di maschi sono molto discutibili, il suo ex era un ciccio-sfigato gia' pelato a 20 anni, il suo boyfriend attuale e' il classico palestrato so tutto io che secondo me ha il pene piccolo come il mio pollice.
Io L ho sempre considerata una bella ragazza ma la conferma ufficiale la ebbi al mio matrimonio quando dopo anni che la vedevo indossare felpe larghe e scarpe sportive la vidi in tenuta slanciacazzi.
Ero dentro in chiesa quando ad un tratto senti una persona che mi toccava, mi voltai ed era lei...
capelli ricci, vestitino nero (corto il giusto)con schiena scoperta e ciliegina sulla torta decolte' rosa con cavigliera sul piede destro.
Rimasi di sasso e muto per 5 secondi buoni e penso che se solo avesse voluto l avrei scopata li' davanti a tutti gli invitati di fronte all altare.
La giornata fini' e in molte seghe future io mi portai quell immagine di lei dietro.
Era il mio chiodo fisso quando mi masturbavo, tanto che un giorno di settembre mi stavo recando a casa dei miei suoceri dove lei teneva il computer con tutte le sue foto e visto che di recente era stata al mare speravo di trovare qualche foto di lei in costume.
In casa non c era nessuno e appena accesi il computer trovai quel che cercavo, mi tirai fuori il cazzo e iniziai a menarmelo su una foto di lei in bikini che salutava chissachi.
All improvviso la porta finestra che dava sul giardino si apri', entro lei ed era in costume( probabilmente stava prendendo il sole)e io feci appena in tempo a rimettermi il pisello nei pantaloni prima che lei mi chiedesse che cosa ci facevo li' davanti al computer.
Ero nel panico e mentre inventavo una scusa idiota cercavo di chiudere la foto sul monitor di lei mezza nuda ma
non ci riusci',il computer si era impallato e lei ormai si era avvicinata abbastanza per vedere l immagine.Con gli occhi spalancati mi guardo' e non disse nulla per un po' , io la guardavo e ad un certo punto decisi di giocarmi il tutto per tutto; mi alzai di scatto e le presi le chiappe con la mano destra, l avvicinai a me e le misi la lingua in bocca.
A parte un iniziale tremore di paura la vidi rilassarsi in fretta,era la mia occasione, spostai la mano sulla sua passera e iniziai a massagiarla.
le gambe gli cedevano dal piacere e ad un certo punto le chiesi
-le hai ancora le scarpe rosa col tacco che indossavi al mio matriminio?-
-si-sussurro
-allora vai in cameretta, apparecchiati come quel giorno e scendi che ci divertiamo!-
Lei protesto -tra 30 minuti ho devo andare a pallavolo-
Le strinsi forte il clitoride con i polpastrelli, mi avvicinai al suo orecchio e le dissi
-da adesso sei la mia troia e fai quello che dico io!-
Poi le leccai una guancia
lei sali le scale e io aspettai giu' seduto sul divano circa 25 minuti ( i piu lunghi della mia vita),il cazzo mi scoppiava dall erezione.
Quando senti i primi passi di lei che scendeva mi avvicinai alla scala e la vidi.Era spaziale,non so' come avesse fatto in cosi' poco tempo ma era divina.Non riusci ad aspettare e gli ultimi 2 scalini glieli feci fare di corsa tirandola per un braccio.
la spinsi in piedi con la faccia contro il muro, le abbassai le mutandine alle ginocchia e gli misi subito in figa il cazzo.
la troia era bagnata (si era eccitata farsi bella per me), pompavo come un diavolo e lei godeva come mai in vita sua.Non sono Rocco Siffredi ma spesso a causa delle dimensioni del mio cazzo a mia moglie in certe posizioni gli fa male.
mi accorgo dopo un po' di essere scomodo e che anche con il tacco la mia cognatina e' troppo bassa per me, il buco giusto per essere in linea con lei e'il suo ano.
esco dalla vagina e con il cazzo pieno di sua broda gli spingo la cappella sul culetto, lei lancia un piccolo urlo poi volta il viso verso di me.Io decido di abbassarmi e di lecargli lo sfintere fino a ficcargli dentro tutta la mia lingua.E visibilmente vergine li sotto ma i suoi versi di piacere mi suggeriscono un idea.
Mi allontano da lei e mentre vado verso il divano le dico
-adesso ti faccio vedere io come si dilata un buco del culo-
Mi sdraio completamente sul divano con l asta verso l alto e le dico di spogliarsi,lei si leva piano il vestitino nero e fa' per togliersi le scarpe.A questo punto la fermo e le dico che le scarpe le deve tenere su, lei senza fiatare le rimette.
E bello vedere la mia schiavetta che fa' tutto quello che gli ordino ed e' anche bello vedere che si avvicina a me quasi tutta nuda.
Le dico di sedersi su di me e lei tenendo i piedi a terra esegue.
si infila la prima parte di cazzo nel buchino e da li inizio millimetro per millimetro a spingerglielo dentro.E molto stretto e lei mi fa' capire che le fa' male dandomi dei pizzicotti sulla gamba e sulla pancia.
finalmente e' quasi tutto dentro a questo punto cambio marcia, mi sollevo leggermente e con un braccio le alzo le gambe piegate verso di me.Inizio un dentro fuori che sviluppo in velocita' e violenza giusto per fargli accusare il colpo, infatti lei riparte con i pizzicotti e il primo minuto praticamente urla tutto il tempo.
Noto con stupore che sulla cavigliera c'e' un campanellino come quello dei collari dei gatti e che a velocita' sostenuta suona di brutto eccitandomi come un cane!Sento le sue pareti anali contro il mio pene e spingo come se volessi farglielo arrivare in gola.E seduta sul mio cazzo e praticamente tra il suo peso e le mie botte da sotto quello che ne paga le conseguenze e' il suo sederino.
le urla e i pizzicotti mi danno una piccola tregua e anche il suo buchino sembra avere preso il ritmo, ma ora e' il momento di venire per me e venendo le sue labbra aperte e lucide mi sfiora l idea di sborrarle in bocca.Poi pero' penso che dopo un inculata cosi epocale sia giusto fare assaggiare al suo culo il mio seme.
sento pulsare il pisello e dopo 2 spinte eiaculo nel suo intestino.
Vedo un espressione nuova in lei come di stupore, finalmente si sfila il mio membro dal sedere e noto che sulla punta del mio cazzo c'e' una goccia di sangue (era proprio vergine da dietro la mia cognatina)
Il giorno dopo un messaggio
-Non riesco a camminare stronzo!vai a fare in culo!-
Rispondo -Si il TUO,domani dai tuoi!-

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.