Erotici Racconti

Grigliata di maiale

Scritto da , il 2016-12-10, genere orge

Il mattino dopo mi risveglio con un po’ di mal di testa.
Per una volta, non sono abbracciata a Eva: lei è a letto, nuda come me, ma è distesa a pancia sotto con la testa sotto il cuscino e un braccio fuori dal letto, con l’aria sfatta.
Io sono di traverso, con i piedi intrecciati ai suoi ma la testa a penzoloni dal lato opposto del materasso.
Non mi ricordo bene come sia successo esattamente, ma non siamo rientrate insieme.
Non ho idea da quanti altri maschi si sia fatta sbattere lei, ma quando sono rientrata allo stabilimento ci siamo incrociate un momento: lei aveva appena finito di scopare con il ragazzo di colore con cui l’avevo vista ballare, e me lo aveva ceduto strizzandomi un occhio e mostrandomi un pollice alzato con un gesto di evidente soddisfazione.
Lei era sparita di nuovo nella calca, e io mi ero trovata a chiacchierare con il giovanotto di colore, che fra l’altro aveva un perfetto accento milanese e si era rivelato in compagno simpaticissimo.
Avevamo chiacchierato un po’ seduti sul muretto del dehor, scolandoci un paio di prosecchini e sgranocchiando quanche nocciolina, ed eravamo finiti a infrattarci sulla sua macchina parcheggiata poco più in là, dove il vigoroso ragazzone di colore mi aveva scopata per un’ora buona, mettendo a dura prova la mia fica già provata e le sospensioni della sua Golf…
Ero tornata alla Serenissima mentre albeggiava, dopo le quattro del mattino, tutta pesta e dolorante. Ero davvero esausta, ma avevo goduto come non mi capitava da un bel po’…
Jasmine era nella sua cabina, dove si era addormentata vestita mentre ci aspettava, poverina, ma di Eva e Giulia non c’era traccia.
Se fossi una moglie e una madre responsabile mi sarei anche preoccupata, ma sono quella che sono, e quindi mi sono trascinata fino alla cabina padronale, ho scalciato via gli stivali, gettato in terra gli abiti stazzonati, e sono crollata addormentata sul lettone.
Chissà quando è rientrata Eva… Quanto a Giulia, per ora di lei non c’è traccia.
Jasmine sta lavorando nel vano motori, decisa a lucidare anche quello, e non mi dà retta neanche un po’: immagino sia molto più preoccupata di me.
Infilo una canotta e un paio di slip e mi preparo un bel caffè bollente che mi sorbisco con calma sul ponte, seduta sul sedile del capitano con le gambe alzate e lo sguardo sul molo.
Sto valutando di prepararmi un secondo caffè quando vedo una seicento scassata arrestarsi un momento alla base del molo; la portiera del passeggero si apre e ne scende la Giulia, vispa come una farfalla, che si volta per baciare prima il conducente e poi il passeggero seduto dietro, e poi si avvia allegramente lungo il molo verso di noi.
Non avrei dovuto preoccuparmi: mia figlia deve aver speremuto a dovere le gonadi dei ragazzotti da cui si è fatta scopare tutta la notte, e adesso sta tornando a casa fresca e riposata come se avesse passato la notte riposando come una brava quindicenne.
- Ciao, Pat! – mi saluta salendo a bordo.
Mi stampa un bel bacio sulle labbra, e io sento il sapore dello sperma.
Lei mi strizza l’occhio con aria vissuta, e si volta per abbracciare la sua Jasmine che ha praticamente le lacrime agli occhi per il sollievo.
Poi spariscono insieme sottocoperta come se io non esistessi.
Poso la tazzina del caffè guardo l’orologio, e mi avvio rassegnata a preparare il pranzo: prima o poi, Eva si sveglierà, e avrà una fame nera…

***

Alla fine mi trascino fino alla spiaggia.
Eva si è alzata, mi ha dato un lungo bacio di lingua, ha divorato gli spaghetti con il sugo di concentrato come se fosse a digiuno da una settimana, e poi è tornata subito a letto: russava dopo neanche cinque minuti.
Giulia e Jasmine sono riemerse anche loro in tempo per il pranzo, e sono sparite subito dopo, lasciando a me i piatti sporchi.
Incazzata, ho mollato tutto lì, ho infilato il costume e un pareo, e ho arrancato fino al mio ombrellone in cerca di Elena.
Le napoletane sono lì, calme e beate a godersi la digestione all’ombra del loro ombrellone.
- Pat! – mi apostrofa la terrona – Maronn’ tu ssì ‘apoteosi d’a schifezza! Che t’è successo, ti sei fatta scopare da una legione di cosacchi?
Incoraggiante e carina come al solito…
- No, soltanto da un avvocato e da un negrone – ammetto io con un sospiro – In più ho anche fatto la festa alla cornuta dell’avvocato…
Elena scuote la testa con disapprovazione: lei si è solo fatta sbattere come al solito dal bagnino, ed è andata a letto presto perché è pigra.
La Mara rizza le orecchie: l’avvocato e il negrone la lasciano indifferente, ma l’idea che io abbia stuprato una tipa le interessa parecchio…
- E’ successo due ombrelloni più in là… - ammetto – Si vede ancora la sabbia smossa dalle sue ginocchia, e quelle sono le tracce dei miei stivali.
- Pat, racconta!
- Hmmm… Invece Giulia si è fatta scopare da due ragazzi proprio lì, dove c’è quella famigliola con quattro bambini e la mamma grassa con il costume rosa.
- Cazzo! Davvero?
Racconto gli eventi della sera prima, e noto che Elena si fa sempre più irrequieta. Comincia a strofinare le gambe fra loro, e mi rendo conto che si è ingrifata mica poco ad ascoltare le mie prodezze della sera prima.
Quando finisco, si allontana con una scusa e sparisce dietro alle cabine.
- Sarà andata a farsi sbattere da Ettore – mi fa la Mara con una smorfia buffa all’indirizzo di quella troia di sua madre – Lo sai che non sa stare a gambe chiuse per più di qualche ora…
Già: - E tu, invece?
La sedicenne scrolla le spalle: - Io devo accontentarmi. Giulia ha una nuova amichetta, e ormai comunque preferisce i maschietti, come hai appena raccontato. La Franci arriva solo dopodomani… Così devo farmela a mano. A meno che, tu…
La curvacea adolescente allunga una manina ad accarezzarmi una gamba.
Trattengo un fremito: sono stata io a svezzarla tre anni prima, e mi sento ancora una pedofila per questo.
La Mara si è fatta davvero un bel bocconcino: ancora un filino acerba, ma con due tette al fulmicotone, piene e sode come meloni, un trionfo di capelli corvini, due occhioni che sembrano carboni ardenti, e tutte le curve morbide e flessuose che una napoletana dovrebbe avere.
Sopprimo una vampata di desiderio: sarebbe facile portarla nella sua cabina e farmela di brutto…
Le accarezzo la manina morbida e le sorrido con affetto: - Tieni duro fino all’arrivo della Franci.
Leggo un filo di disappunto nel suo sguardo, ma la Mara non se la prende.
- Okay, me ne farò una ragione: tu e Giulia volete essere solo delle amiche, e va bene così. Dice la mamma che non hai ancora fatto sesso neppure con lei… Sei davvero così innamorata di Eva?
Sorrido: - Sì, lo sono… Ma non è per quello. Vedi, non puoi semplicemente passare la vita a fottere con tutti quelli che ti passano vicino.
- E perché no?
Il discorso si fa troppo complicato, così vado a tuffarmi in mare per calmarmi i bollori.

Più tardi, quando Elena è rientrata al termine della monta con il bagnino del momento, passano Enrico e la Leti.
Loro di solito frequentano uno stabilimento un po’ più in là, ma sono passati apposta per invitarci alla seratina che sta organizzando Sergio per festeggiare il suo divorzio.
- Dice che vorrebbe veniste anche voi due – sorride Letizia, seducente come al suo solito – E naturalmente anche Eva…
- E io? – fa la Mara imbronciata.
- Tu sì ‘na guagliona – le risponde secca la madre con tono che non ammette repliche.
Sia io che Elena siamo senza macchina, ma Letizia si offre di passare a prenderci mentre gli uomini preparano la grigliata.
Sembra davvero un’ottima idea, così ci separiamo d’accordo di incontrarci alle sette di sera sul lungomare davanti allo stabilimento.
Sono già le cinque, così saluto madre e figlia e mi avvio verso la marina.
Eva e Giulia sono risorte da poco. Jasmine è di nuovo al lavoro nel vano motori, mentre le altre due stanno giocando a carte in coperta: hanno ancora l’aria un po’ sbattuta, ma sembrano stare bene.
Quando dico loro dell’invito per la sera, Eva s’illumina tutta, e Giulia afferra il cellulare per invitare la Mara a passare la serata con lei sulla Serenissima.
Io arriccio il naso: - E come la metti con Jasmine?
- Oh, Pat! – mi fa mia figlia esasperata – Fidati di me, okay?
Okay.

Il top della serata precedente ha bisogno di una sessione in tintoria dopo tutto quello che è successo, ma per il resto mi agghindo allo stesso modo, con stivali e minigonna. Per il sopra, mi accontento di un tank top color sabbia: è un po’ trasparente e lascia intravedere le areole dei capezzoli, ma in fondo cosa c’è di male?
Eva invece è una bad cowgirl: minishorts di jeans che oltre alle gambe scoprono anche metà delle chiappe abbronzate, t-shirt bianca (assai più trasparente del mio toppino), e giubbotto jeans. In più, stivali e cappello texani prestati da me.
Giulia ci saluta entrambe con un saporito bacio in bocca, ci augura buon divertimento, e si tuffa sul cellulare per chiamare la Mara.
Io getto un’occhiata a Jasmine, ma la bella tunisina evita il mio sguardo, un’espressione indefinibile sul volto delicato.
Raggiungiamo il luogo dell’appuntamento con cinque minuti di anticipo e traccheggiamo un po’ sul lungomare, gustandoci le attenzioni un po’ pesanti dei passanti di sesso maschile, poi arriva la Leti con la macchina, e ci disponiamo ad aspettare insieme che arrivi anche Elena, che ovviamente si presenta con quasi mezz’ora di ritardo.
Noi due tardone ci accomodiamo dietro, mentre Eva si siede accanto alla guidatrice che parte in tromba.
Elena è sul classico: camicetta bianca aperta a mostrare un raffinato intimo di pizzo, gonna classica al ginocchio nera come i suoi capelli, tacco dodici per potermi guardare negli occhi (beh, quasi…), e cinque chili e mezzo di bigiotteria napoletana sparsi un po’ dappertutto sul suo bel corpo burroso.
Letizia è fasciata in un bel tubino arancione semplice e grazioso come lei: il suo bel fisico snello di trentenne in forma perfetta non ha bisogno di altro. Un paio di sandali dorati e un crocifisso appeso al collo completano il quadro, assieme ai riccioli scuri che le incorniciano il viso allegro.
Quando arriviamo alla villetta di Sergio, il padrone di casa e il fidanzato di Letizia sono impegnati nella braciolata: il profumo della carne di maiale si spande per ogni dove.
Ci baciamo tutti, e ci accomodiamo in giardino con una bella birra in mano.
I maschi sono a torso nudo per il caldo, e con i jeans attillati e l’abbronzatura offrono un gran bel vedere: Enrico è giovane e vigoroso, mentre Sergio anche se ultracinquantenne, è ancora in perfetta forma fisica. Nel complesso, offrono il meglio che una donna possa desiderare in quanto a compagnia maschile da diporto.
Chacchieriamo per un po’, e in breve a causa degli argomenti di conversazione ci ritroviamo ripartiti per età: Elena e io ci avviciniamo sempre di più a Sergio, mentre Eva e Letizia tendono naturalmente a gravitare intorno a Enrico.
Mentre i più giovani preferiscono l’erbetta fresca, noi che abbiamo una certa età (ci tengo a precisare che Elena ha un anno più di me e Sergio almeno dieci) ci sistemiamo sulla larga panca davanti al robusto tavolo da giardino.
Elena, la solita scostumata, è già scosciata e si strofina in modo indecente contro il suo maschio di elezione. Io non intendo rimanere con il moccolo in mano, così piuttosto visto che i due sono già a lingua in bocca, cerco di prendere in mano qualcos’altro…
Il cazzo di Sergio è sempre come lo ricordavo: grosso, un po’ tozzo e bello tosto. Un paio di gollate ed è già al meglio, pronto a darci tutto il divertimento che cerchiamo.
Succhio con gusto il cazzo duro del padrone di casa mentre questi fa lingua in bocca con Elena e le strapazza rudemente le tettone.
Con la coda dell’occhio vedo che i giovani si stanno dando da fare anche loro sul prato: le ragazze hanno schienato Enrico sull’erba e lo stanno letteralmente montando. Letizia gli si è seduta in faccia e dimena gioiosamente la testa strillando di piacere: la faccia del povero Enrico è nascosta fra le sue cosce e sotto l’orlo del tubino arancione, ma è facile immaginare il motivo del sollazzo della sua fidanzata. Eva è in piena fellatio: come me no ha troppa pazienza ed è andata dritta al sodo… Il suo culetto stretto negli shorts è puntato verso di me, e lo spettacolo è decisamente gradevole.
Spompino Sergio per un bel pezzo, mentre lui succhia e morde le tette di Elena, poi quando mi convinco che se continuo rischio di farlo venire troppo presto mi stacco e mi rivolgo alla sudiciona che sta più in alto.
- E’ bello duro – la informo – Lo vuoi o me lo faccio da sola?
Elena è pigra ma non stupida: sa benissimo che non le concederò un’altra occasione, e si avventa sul membro che le ho intostato così bene.
La morettona napoletana si appecorina appoggiata alla panca, e il nostro stallone si porta alle sua spalle per impalarla a dovere: trattandosi di una cagna, deve essere presa come tale.
- Oohhh… Sì, fino in fondo!
La mia amica sembra soddisfatta del mio lavoro… Mi sembra giusto che mi ripaghi, così mi piazzo seduta sulla panca, spalanco le gambe e le afferro la testa portandomela fra le cosce.
Elena annaspa e resiste un po’: in fondo lei è etero e leccarmi la fica non è esattamente la sua passione. Però sa bene che quando esce con me deve pagare pegno, così dopo un po’ di sceneggiata napoletana con sputi, insulti e lacrimoni, la sua testa scompare sotto la mia mini di pelle e la sua lingua comincia a lapparmi diligentemente la fica.
- Aahhh… - gemo io, abbandonandomi al piacere di quella lingua che mi esplora nel profondo in cerca del mio miele.
Dopo tanto lavoro mi godo i frutti dei miei sforzi: assaporo le sensazioni roventi di quella slinguata e nel frattempo posso apprezzare lo spettacolo offerto dagli altri.
Sergio è nudo mentre possiede la sua cagna: i suoi muscoli stagionati risaltano al sole sotto un sottile velo di sudore dovuto alla foga della monta, e mi guarda arrapato mentre costringo la nostra compagna di porcate a leccarmi la fica… Non ho mai capito perché agli uomini piaccia tanto assistere a rapporti fra donne, visto che a me lascia abbastanza indifferente vedere due gay in azione, però fa sempre piacere vedere il tuo maschio ingrifato a dovere: la sua eccitazione nutre la mia e viceversa, in una reazione a catena che ci porterà fino all’esplosione finale.
Eva è stata meno generosa di me: quando il cazzo di Enrico le è sembrato cotto a puntino, si è liberata degli shorts e lo ha inghiottito nella fica cominciando a cavalcare come una forsennata. Fra lei e Leti fanno a gara a chi strilla di più… Finché le loro bocche non si incontrano a mezz’aria per un bel bacio fra amiche.
Elena è una pompinara da urlo, anche più brava di me, ma non sarà mai una gran leccatrice di fica: mi piace farmi leccare da lei, ma è davvero difficile che riesca a portarmi all’orgasmo.
Così, quando il nostro gagliardo stallone fa godere lei, mi sembra giusto scambiarci di posto. Li faccio staccare e impongo una nuova posizione: mi stendo di schiena sulla panca e spalanco le gambe puntando gli stivali verso il cielo in un invito che nessun maschio sano fraintenderebbe; poi invito Elena a sedermisi sulla faccia per farsi restituire il lavoro di lingua.
La mia amica, un po’ stranita dopo l’orgasmo e con la faccia tutta imbrattata dei miei umori, sorride contenta: leccare la fica non la esalta, ma farsela leccare le piace eccome… La solita terrona pigra.
Sergio si lecca i baffi guardandomi la fica bionda e bella spatasciata che lo aspetta vogliosa, si piazza fra le mie gambe, solleva la mini e mi punta l’arnese fra le valve bagnate.
Mentre aspetto la penetrazione, Elena mi scavalca e mi si siede in faccia: le sue coscione calde e l’orlo della gonna mi nascondono il resto, e un istante più tardi la sua patatona pelosa e bagnata mi soffoca obbligandomi a spalancare la bocca e a cominciare a leccare di gran lena.
Elena comincia a dimenarsi e a strepitare mentre la lecco suggendo avidamente i succhi della sua venuta, e quasi senza preavviso mi afferra le tette, me le stropiccia un po’, poi mi tira con forza i capezzoli facendomi urlare per il dolore.
Mi contorco tutta, ma il peso di Elena sulla faccia e soprattutto la forza di Sergio mi tengono fermamente in posizione: la lancia rovente del maschio mi affonda nella fica guazza, trafiggendomi il ventre e facendomi esplodere il cervello.
Vorrei gridare di piacere, ma ho la bocca piena e impastata, così mi scappa una spacie di grugnito da troia, che forse mi si addice di più…
Sergio mi scopa come un treno. E’ un maschio esperto e potente, nato per soddisfare le femmine: non sarà un adone, ma ha quel non-so-che fatto per attrarre le donne e non capirò mai come abbia fatto sua moglie a farselo scappare così.
Doveva essere frigida.
Mi do da fare fra le cosce di Elena, decisa a non smentire la mia fama, e infatti dopo una decina di minuti la mia amica lancia un gemito strozzato e mi si contorce tutta sulla faccia, riempiendomi la bocca del suo piacere.
Cerco di raccogliere ogni goccia dei suoi umori con la lingua e li inghiotto golosamente, mentre lei mi si affloscia addosso come un palloncino sgonfio…
Cazzo: un palloncino bello pesante… Alzati stronza, che sto soffocando!
Elena si solleva penosamente, e la potenza improvvisa del sole in faccia mi sferza stordendomi improvvisamente e lasciandomi senza difese ai colpi selvaggi che Sergio mi sta sferrando nel fondo della vagina.
- Ah! Ah! Cazzo, godo… Sto godendo… Aahhh!
L’orgasmo mi sconquassa il ventre e il cervello, mandandomi a sbattere contro la panca mentre contraggo convulsamente le cosce nude intorno ai fianchi muscolosi di Sergio, spremendolo come fosse un tubetto di dentifricio.
Lui annaspa, emette un ululato, e mi sborra dentro all’improvviso.
Sento i suoi caldi schizzi bagnarmi la bocca dell’utero, e mi abbandono alle onde di piena del mio orgasmo, abbattendomi stremata sulla panca.

Rimango inerte per qualche minuto, cercando di riprendere il fiato, apprezzando il tepore del sole calante sulla pelle nuda e ascoltando il battito del mio cuore che ritorna lentamente alla normalità.
Quando torno in me, sollevandomi su un gomito per guardarmi intorno, mi rendo conto di non essermi ancora spogliata: ci siamo ammucchiati con tanta foga che non ho avuto tempo che di sollevarmi appena la mini, che ora è tutta spiegazzata… Sguscio dai miei abiti da acchiappo e giro lo sguardo sui miei compagni che continuano ad aggrovigliarsi più o meno nudi sul prato.
Sergio è a terra, e Elena sta finalmente dandosi da fare succhiandogli il cazzo per farlo tornare duro in fretta.
Poco più in là, Letizia è a pecora con Enrico che la tromba e Eva che si fa leccare la fica da lei: è evidente che sono alla fine, perché la Leti annaspa e sussulta, tutta rossa in faccia, e infatti all’improvviso s’inarca tutta sollevando il viso dalla sorchetta olandese e belando come una pecorella.
Enrico si trattiene, accompagna la sua fidanzata attraverso il suo orgasmo tenendola saldamente sotto di sé, poi si alza in piedi stiracchiandosi tutto soddisfatto, con il cazzo eretto e durissimo ancora sgocciolante dei succhi di fica della romagnola.
I due amici si scambiano uno sguardo d’intesa: sono entrambi in tiro e pronti a riprendere la monta. Enrico si accosta e Sergio si solleva in piedi con un’agilità che non ti aspetteresti da un cinquantenne per quanto in forma come lui: si scambiano una pacca sulla spalla, poi Enrico afferra Elena per la capigliatura corvina e le caccia il cazzo duro dritto in gola, mentre Sergio, più galante, s’inginocchia accanto a Eva, che non chiede di meglio che cambiare cazzo.
Mi tiro penosamente a sedere, e incontro lo sguardo della Leti.
Mi sorride invitante, e io le sorrido di rimando: la bella brunetta romagnola mi è sempre più simpatica.
Mi accoccolo sull’erba accanto a lei mentre le altre due coppie fanno sesso intorno a noi, le passo un braccio intorno alle spalle e le sfioro le labbra con un bacio.
Lei mi offre la lingua e io la succhio avidamente: sa ancora di Eva…
Sento la sua mano sul seno, che mi accarezza delicatamente un capezzolo: Letizia ha ancora voglia.
- Ce l’hai con te il tuo amichetto? – mi chiede con aria da cospiratrice.
Mi bagno soltanto all’idea.
- Certo. Lo porto sempre con me quando vado a una festa come questa…
Allungo la mano alla mia sacca da spiaggia ed estraggo il mio giocattolo preferito.
Letizia mi guarda con gli occhi che brillano come carboni mentre indosso lo strapon e lo punto contro di lei come fosse un fucile.
Lei si lecca le labbra, eccitata quanto e più di me. Poi si mette a quattro zampe e mi offre i suoi quarti posteriori per la monta.
E’ buffo: le altre due coppie stanno scopando a pecorina anche loro… Mi sento terribilmente maschia mentre mi dispongo dietro le terga della Leti per prendarla dalla parte posteriore.
Elena e Eva ansimano vicino a noi, trapanate dai rispettivi maschi. Le tette di Elena ballano vistosamente sotto i colpi di Enrico, mentre quelle di Eva sono strette nella morsa delle manone di Sergio, che la trattiene con forza contro di sé per baciarla in bocca mentre la fotte rabbiosamente.
Io appoggio la testa del dildo esterno all’entrata della vagina di Letizia, poi l’afferro per i fianchi e la penetro lentamente, strappandole un lungo sospiro di piacere mentre la riempio.
- Oddio! – annaspa come in preda al panico – Non me lo ricordavo così grosso… Mi stai aprendo in due!
In effetti il dildo esterno è grosso almeno quanto quello di Sergio, e un bel po’ più lungo di quello di Enrico: quando arrivo a fondo corsa, la Leti ha davvero un sacco di lattice in pancia…
- Aarghhh… - geme la ragazza – Sì, spaccami…
L’accontento. Le sferro un colpo crudele, che la manda con la faccia nell’erba con uno strillo di spavento, poi comincia a sbatterla con lo stesso ritmo indiavolato degli uomini che sudano accanto a me fottendo le loro donne.
Hanno cominciato prima di me, ma non intendo restare indietro: scopiamo le nostre femmine con la stessa aggressività e con uguale cadenza, così che le ragazze gemono a loro volta allo stesso ritmo… E’ come una musica.
Io e i maschi ansimiamo, le ragazze gridano; il ritmo aumenta o si placa su iniziativa di sergio, il maschio più anziano: Enrico e io ci atteniamo alla sua guida esperta, e in effetti arriviamo al traguardo tutti insieme.
La prima a gridare il suo orgasmo è Eva; il suo strillo di piacere mi fa sballare: perdo il ritmo e vengo con forza, trascinando con me la Leti che rimane letteralmente trafitta e inchiodata a terra quando le cado addosso stremata dal piacere.
Elena è l’ultima a ululare la sua venuta, mentre i maschi si svuotano nelle rispettive compagne senza emettere suoni particolari.
Crolliamo tutti insieme nell’erba, in un mucchio di carne sussultante e soddisfatta.
Ci baciamo un po’ tutti confusamente, credo che solo Sergio ed Enrico non si siano baciati fra loro, ma tutte le altre possibili combinazioni si compiono nel groviglio di membra e di lingue che si rotolano sul prato.
Alla fine, in modo del tutto naturale, mi ritrovo fra le braccia di Eva.
Ci baciamo a lungo, mentre l’energia rifluisce lentamente nei nostri corpi soddisfatti.
Gli spiedini sono pronti… Le braciole quasi.
La maialata può continuare!

***

Forse abbiamo esagerato un po’ con la birra.
Pazienza, non devo mica guidare…
Comunque alla fine si è fatto tardi, ed è tempo di rincasare. Enrico passa un braccio intorno alle spalle della fidanzata, e suggerisce di cominciare ad andare…
- Ti dispiace se io resto? – fa a sorpresa la Leti – Ho voglia di passare la notte con Sergio. In fondo è la sua festa…
Enrico rimane un istante interdetto. Per un momento mi chiedo se il gioco della coppia aperta non abbia passato il limite, poi il viso del ragazzone si apre in un bel sorriso: - Ma certo Leti… Mi sembra una splendida idea. Vero, Sergio?
Solo uno scemo
Direbbe di no a una notte con la Leti, e sergio non è scemo.
- Okay, allora visto che voi siete venute con l’auto di Letizia, penso di potervi riaccompagnare con la mia; va bene?
Baciamo Sergio e Leti, che ci salutano abbracciati fra loro, e saliamo nella macchina di Enrico: Eva e io ci stringiamo dietro strette strette, e Elena si accomoda accanto al guidatore. Privilegi dell’età…
E’ notte fonda, e il traffico è scomparso anche nella rimini by night.
- Passiamo prima da casa di Elena e poi andiamo alla Marina, va bene? – propone Enrico.
Dietro, io tengo un braccio dietro le spalle di Eva con aria un po’ possessiva; ho lo sguardo un po’ annebbiato, ma non mi sfugge che Elena tiene la mano sulla coscia del conducente.
- Io veramente avrei un’altra idea – fa la mia amica con l’accento napoletano reso più marcato dalla birra – Giacché per stanotte sei libero, potrei farti compagnia a casa tua, tanto mia figlia passava la notte sulla Serenissima con le sue amichette…
Sogghigno fra me: Elena vuole sollazzarsi un altro po’ con il bel cazzo di Enrico e intende approfittare dell’assenza della Leti; uno scambio di coppia perfetto.
Lui non dice niente: si limita a cambiare direzione e a mettere la mano sulla coscia nuda di elena accanto al cambio.
Eva e io smontiamo all’ingresso della Marina, salutiamo con un bacio i nostri amici e ci avviamo un po’ malferme sulle gambe lungo il molo.
L’aria è frizzante e noi siamo vestite leggere, così camminiamo abbracciate.
Eva è l’unica con cui non mi sono accoppiata a casa di Sergio: ho fatto sesso prima con Elena e Sergio, poi ho scopato la Leti. Mentre mangiavamo, ho fatto un po’ la scema con Enrico e gli ho tirato una sega senza impegno, suggerendo di mettere la sua salsiccia sulla griglia perché avevo ancora fame… Lui ha suggerito di provarla prima cruda, così gli ho fatto un pompino con ingoio mentre Eva faceva altrettanto con Sergio e la Leti obbligava Elena ad aiutarla a sparecchiare…
Insomma, mi sento un po’ in debito con la mia compagna; e anche in credito… In fondo, è pur vero che siamo anche l’unica coppia che torna a casa insieme.
Eva e io siamo molto promisque, facciamo sesso con chi ci capita; però, alla fine della giornata, torniamo sempre a dormire una nelle braccia dell’altra.

Questo racconto di è stato letto 7 9 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.