Erotici Racconti

Una birra per Giovanna

Scritto da , il 2016-11-30, genere orge

Qui, sarò breve,
mi svegliai dopo la fantastica serata al ristorante, le ragazze ancora dormivano, non avrei allungato nemmeno un dito in quel momento, erano sicuramente crollate ubriache e dopo essersi fatte lavare da un quantitativo di sborra indefinibile.
Si svegliò prima Giovanna, si fiondò in doccia appena salutandomi; subito dopo si svegliò Paola, e, per la prima volta dimostrava tutti i sui cinquanta passati, ma, nonostante questo, faceva sempre rizzare l'uccello.
Sara, dopo la serata trascorsa, era normale che non si sarebbe svegliata tanto presto.
Aspettai le due zoccole , una volta fatta la doccia ci sedemmo tutti e tre a bere un caffè raccontandoci della serata precedente.
Giovanna e Paola, andarono semplicemente al chiosco in spiaggia, anche loro senza intenzioni strane.
Ma ,chiacchera dopo chiacchera, si resero conto che avevano esagerato con le pinte di birra.
Nel frattempo, un gruppo di ragazzi seduti anch'essi al chiosco, si era fatto avanti, ma , avevano ottenuto solo il nome delle due.
Ad un certo punto, dopo l'ennesima birra, Giovanna si alzò per un bisogno, ma si rese subito conto che le gambe non la tenevano e ricadde seduta sulla sedia, esplodendo in una risata insieme a paola.
Alla vista di tutto, un ragazzo della compagnia urlò alla cameriera:"Una birra per Giovanna, ed una per Paola", trovando il modo per riprovare un avvicinamento.
Non erano ragazzi troppo piacevoli, tanto che, ad un certo punto, Giovanna disse che lei e Paola erano due escort in serata libera, tanto, era credibile sia per il loro atteggiamento che per come erano (s)vestite.
Speravano di allontanare questi cinque ragazzi, ma al contrario attirarono maggiormente la loro attenzione, tanto che, poco dopo, i ragazzi chiesero un prezzo per la nottata.
Due dei cinque erano peggio che inguardabili, tanto che, Paola, reggendo il gioco, sparò alto, per evitare di tirarla per le lunghe.
Disse:"per la nottata sono 500 a testa"
Cominciarono tutti a lamentarsi, cercando di sdrammatizzare il tutto, ma non lasciarono perdere, cominciarono a chiedere di abbassare il prezzo.
Il Genio di Giovanna allora disse:" noi non facciamo gruppi; tuttavia stasera possiamo fare tre di voi con noi due per 1000 euro".
I ragazzi chiesero alle due di aspettare sedute mentre andavano a decidere tra di loro;
in quel momento pensavano di essersi liberate finalmente dei tipi.
Paola:"Ehi ma se tirano fuori mille euro, lasciamo fuori i due cessi e ce li scopiamo?"
Giovanna:"ovvio, tanto li avremmo scopati anche gratis in queste condizioni!!"
Erano divertite e complici, convinte che sarebbe finito in quel momento il tutto, quando, tornarono i 5,
misero mille euro freschi di bancomat sul tavolo, e dissero:"o tutti o nessuno".
Mentre raccontavano questa storia, ridevo perchè non ricordavano nulla, a parte di aver fatto sborrare ripetutamente i cinque sfigati, e di avere gettato nella pattumiera oltre trenta preservativi alla fine di tutto.
La sera, saremmo andati a cenare io, Sara, Paola e Giovanna, a spese dei cinque sfigati.
Devo ammettere che in quella settimana di delirio, la situzione ci stava sfuggendo di mano, mai prima, avevo pensato di lasciare scopare la mia Sara con altri uomini, e tantomeno in mia assenza;
ormai stavamo provando ogni più oscura fantasia e perversione.
Quella sera, avremmo raggiunto massimo della depravazione, tutti e quattro, a cena insieme, ancora ubriachi, con mille euro piovuti dal cielo, e, con Giovanna e Sara ormai, fuori da ogni controllo.
Vi racconterò di
GIOVANNA IN CRISI

Questo racconto di è stato letto 3 9 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.