Erotici Racconti

Giovanna e quella fantastica signora

Scritto da , il 2016-11-28, genere orge

E così partimmo, divertiti dalla serata precedente, grazie a quella porca , ma genio assoluto, di Giovanna.
Sara volle sedersi nel retro con la scusa di voler riposarsi durante il viaggio, poi scoprii che era d'accordo con Giovanna; durante l'ora di strada che ci avrebbe portati a prendere l'autostrada, Giovanna ,mentre guidavo mi tirò un pompino da mille ed una notte, mentre Sara guardava, masturbandosi violentemente...
e le nostre ferie dovevano ufficialmente ancora cominciare; capii che sarebbe stata dura, e che avrei sborrato più in quella settimana che nel resto della mia vita.
Giunti a destinazione, nemmeno il tempo di sistemare le nostre cose, e Sara già era pronta per andare al mare, mentre Giovanna era nel suo letto a gambe aperte che godeva da sola come una cagna....
non potevo lasciarla sola, e Sara appoggiò la mia scelta, la raggiungemmo più tardi al mare, dopo un paio di scopate allucinanti, ovviamente non godevo come con Sara, con lei, la mia ragazza, c'era un feeling particolare, ovviamente, ma con Giovanna, amica da una vita, era proprio un puro divertimento.
Giunti al mare, finalmente riuscii a distendermi sul lettino a godermi il sole, e fui subito attirato dal movimento di due piedi perfetti (non sono feticista, ma erano così perfetti che addirittura Sara e Giovanna li notarono subito),erano i piedi di una bella signora sulla cinquantina, con qualche chilo in più nei punti dove è giusto che ci siano, aveva una classe tale, che anche stando ferma distesa sul lettino non riuscivamo a non guardarla.
Ad un certo punto rispose ad una telefonata, dalla quale capimmo chiaramente che il marito l'avrebbe raggiunta solo la settimana seguente per motivi di lavoro.
Appena finì la telefonata, si avvicinò un venditore ambulante di colore, con il quale la donna intrattenne una conversazione molto discreta, ma un atteggiamento che l'avrebbe fatto rizzare ad un impotente, tanto che, appena rimasta sola, Giovanna non esitò un momento, con la banale scusa di chiedere se conosceva qualche locale per la sera, alla fine la invitò a bere un aperitivo insieme a noi.
Nemmeno cominciammo a bere che Paola, questo è il nome della signora, cominciò a farci vari complimenti per l'aspetto fisico, lasciando intendere palesemente di adorare tanto glia uomini quanto le donne;
capì subito che noi tre formavamo un terzetto aperto a tante cose nuove, e non esitò a chiederci:"ma voi, fate sesso a tre?";
Senza alcun imbarazzo le risposi io, affermando il tutto, e lei senza esitare un secondo disse:"dove si può stare in tre, si può stare anche in quattro, giusto?"
Sara prontamente disse:"si, ma tre contro uno , non è una lotta alla pari!".
Paola la guardò fissa negli occhi e le rispose:"Lui starà immobile fino a quando lo decideremo noi, ok?"
Giovanna e Sara si guardarono eccitate e presero la palla al balzo,quella sera ci saremmo divertiti parecchio.
Tornammo a prendere il sole tutti, ad un certo punto Paola chiamò le altre due e si dissero qualcosa a mia insaputa; Paola si dirisse verso me, mi prese per mano e disse:"vieni bambino, vieni con la mammina che ti compera il regalo...
Mi portò nella sua camera d'albergo,mi spinse sul letto, si tolse le infradito e rimanendo in piedi mi infilò il piedie in bocca, dicendo:"contento, adesso li vedi più da vicino!", erano state le due 'amiche' a dire alla signora di quanto avrei voluto leccare quei piedi, grandiose, come sempre.
Poi Paola disse ancora:"Io stasera scoperò la tua sara, mi sembra giusto e corretto scopare anche te".
Pensavo, che Paola aveva da sola quasi l'età di Sara e Giovanna messe insieme, eppure solo a leccarle i piedi, dalla carica erotica, che sprigionava avevo l'uccello di marmo.Dopo averle comletamente lavato entrambi i piedi,Paola mi disse di fermarmi, era tutto organizzato a dovere, in modo da farmi eccitare come un animale,in attesa diella serata piccante, ma visto che avevo il cazzo che esplodeva, me lo prese in mano;
ebbe immediatamente uno spasmo alla figa, e mi chiese se Sara sarebbe stata d'accordo se avessimo proseguito.
Le risposi che non c'era alcun problema, a patto che dopo le raccontassimo i dettagli, in modo da farla eccitare a dovere.
Nemmeno finii di parlare che Paola se lo infilò in gola fino alle palle, la signora era una super professionista,
tanto che mi chiese se poteva farmi sborrare subito;
io stupito dalla domanda, le risposi in segno di sfida che avrebbe dovuto metterci meno di due minuti, altrimenti avrei dovuto romperle il culo.
Accettò ,e , malgrado io abbia avuto il dono del non eiaculare precocemente, anzi , direi il contrario,
Paola mi mise in seria difficoltà, nemmeno la mia Sara riusciva a farmi godere tanto con la bocca.
Passati i due minuti, soffrendo come un cane per trattenermi, come da accordi potei passare al culo di quella troia;
la signora era calda e sicuramente esperta, ma, probabilmente non era solita a cedere il suo retro, in effetti disse che, una storia del genere, di pura trasgressione non l'aveva mai avuta prima, ed era felicissima di averci conosciuto, e, avendo un uomo piacevole e molto più giovane, avrebbe fatto qualsiasi cosa per goderselo,e comunque parole a parte, dopo un quarto d'ora di lavoro serio per slargare quel buchetto del culo, la castigai, anzi pensai di farlo, ma troppo avevo bisogno di sborrare, e dopo nemmeno due minuti di cavalcata, esplosi .
Con una bella leccata di fica a dovere, calmai gli ormoni di Paola, che, con sorpresa molto piacevole, urlando di piacere emise una squirtata da paura; era davvero l'amichetta ideale per una coppia, nonostante l'età.
Tornammo in spiaggia e raccontammo tutto a Sara e Giovanna, poi, finalmente la giornata procedette 'normalmente' fino a sera.
La sera, dopo una bella doccia in albergo, ci preparammo per uscire e raggiungemmo Paola al Bar della spiaggia, le tre donne erano vestite in modo semplice, estivo, ma Paola, nonostante la semplicità, trasudava sensualità da ogni poro;per via di quei due seni attempati ma grossi, Sara impazziva.
Andammo a cenare e ci comportammo in modo 'normale' tutti, fino alla fine della cena, poi ,Giovanna, visibilmente ubriaca, cominciò a farsi notare, massaggiando il collo di Sara, fino a leccarle il collo prima, ed infilarle la lingua in bocca poi, e , visto che eravamo in ferie, ma si, Sara non si tirò di certo indietro;
io con indifferenza mi avvicinai a Paola e feci la stessa cosa.
Andammo tutti e quattro in stanza d'albergo, unimmo i tre letti nostri, e, come da accordi mi sedetti a guardare lo spettacolo; cominciarono Sara e Giovanna contro Paola; Sara leccava un piede e Giovanna l'altro, ma Paola prese sara e la portò subito con la bocca sulla sua fica depilata come quella di una ragazzina;
Giovanna dal piede passò ai seni, e subito dopo , mise lei, a sua volta, la fica in bocca alla signora.
Era bello vedere due ragazze come la mia Sara e Giovanna, godere come cagne con una signora che avrebbe potuto essere la loro madre, ma non vedevo l'ora di partecipare;
Ad un certo punto Paola mise distese le altre due; mentre leccava una, toccava l'altra, con una maestria che alternandosi a fare la stessa cosa prima con una e poi con l'altra, in tempo da guinness, le fece urlare entrambe; poi pretese che loro, si mettessero in due per farla godere;
Insieme le leccarono quella succulenta fica, fino a che Paola tirò un urlo accompagnato da un'inaspettata squirtata che riempì la faccia di entrambe, che eccitate come pazze continuarono a menare quella fica, facendola squirtare altre quattro volte.
Purtroppo, troppo prese, ancora non mi chiamavano per partecipare, e, non era il momento giusto;
ovviamente, essendo fatto di carne, non potei fare a meno di cominciare a toccarmi; eccitato come un animale sentivo che avrei sborrato immediatamente, allora, mi diressi verso Sara; tutto quel divertimento mi aveva fatto quasi dimanticare i miei impegni di coppia; le feci leccare tutta la mia sborra davanti alle altre due, poi , stremato, mi buttai a letto, la giornata era stata fantastica ma devastante.
Mi addormentai subito, e mi risvegliai al mattino dopo , sentendo un odore acre da sesso , come non l'avevo mai sentito; avevo quelle tre ancora nude nel letto; praticamente mi raccontarono che dopo essere crollato io, crollò Giovanna anche per causa dell'alcool, mentre Sara e Paola si divertirono quasi tutta la notte, tanto che una parte del letto ed il pavimento erano ancora bagnati del succo di Paola.
Dopo una bella doccia, eravamo pronti per una nuova giornata, andammo al mare tutti insieme, e cominciammo a pensare ad una nuova serata alternativa ;sapevamo che sarebbe stato difficile amliare le conoscenze, trovare persone 'come noi', quindi su consiglio di Paola quella sera decidemmo di fare un salto in un club di scambisti vicino all'albergo, quindi a breve vi racconterò,
GIOVANNA E LE SUE FATICHE

Questo racconto di è stato letto 5 1 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.