Malandrino fu il massaggio 1

Scritto da , il 2016-06-15, genere prime esperienze

- MALANDRINO FU IL MASSAGGIO - 1
Questo racconto l’avevamo già pubblicato su un sito di soli racconti erotici e visto che le recensioni sono state ampiamente positive abbiamo deciso di pubblicarlo anche su questo magnifico sito che da poco abbiamo scoperto.

RACCONTO
Le nostre fantasie sessuali che da anni erano le nostre compagne di giochi non sortivano più l’effetto coinvolgente che inizialmente ci davano e lentamente andavano scemando.
Una sera finito di fare l’amore lo dissi a Lorena mia moglie, anche lei aveva ne aveva avuto sentore ma non sapendo che farci non me ne aveva parlato.
Io l’avevo un’idea che mi frullava per la mente così le dissi: « Amore perché una sera non facciamo un giro in qualche club privè giusto per curiosare? »
« Ma dai! » disse lei, « ma sei fuori di testa? Cosa ti salta in mente, chissà che troiame c’è lì dentro! »
Li per li lasciai perdere, sapendo quanto fosse curiosa ero sicuro che prima o poi avrebbe ceduto e infatti al terzo tentativo acconsentì dicendo che sarebbe venuta solo per farmi contento, ma volle la mia promessa che ci saremmo andati esclusivamente per curiosare.
Lorena ha 34 anni, mora molto appariscente, alta poco meno di un metro e sessanta con una 4ª di seno coi capezzoli scuri e uno splendido culetto alla brasiliana su due gambe perfette e due caviglie sottilissime. Insomma è una bella figa.
La prima volta che ci andammo servì per lo più a lei per capire il genere d’ambiente ma passò quasi tutta la serata in modo teso, però servì a fargli capire che in quell’ambiente nessuno importunava nessuno se la controparte non voleva e questo la tranquillizzò.
Non si alzò mai dalla poltroncina dove stavamo seduti ma non disdegnava gli sguardi di uomini e donne le puntavano addosso. Lei con le gambe accavallate e la gonna già corta di suo le era salita sulle cosce scoprendole in bella vista.
La seconda volta che ci andammo accondiscese a scendere sulla pista da ballo e ballammo per buona parte della serata, poi poco prima di fare rientro a casa la convinsi a fare un giro nelle salette privè per curiosare.
Una volta dentro s’incuriosì nel vedere donne che facevano sesso anche con più uomini e donne che si baciavano o leccavano tra di loro.
Ormai conoscitrice dell’ambiente, la volta successiva le cose cambiarono.
Eravamo in un grande salone semibuio, io ero appoggiato con le spalle alla parete e lei di schiena appoggiata a me guardavamo le performance di una bella donna alle prese con un giovane mentre il marito li accanto li guardava.
Fui felice di vedere che aveva deciso di rimanere a guardare, così iniziai a farle sentire la durezza del mio cazzo sulle chiappe e lei senza farsi pregare con una mano me lo strinse da sopra il pantalone.

Eccitato cominciai a palparla e visto che si lasciava fare pian piano le aprii la scollatura e facendo uscire il seno iniziai a palpare e a solleticargli i capezzoli già duri.
Dalla penombra si avvicinò un ragazzo che guardando Lorena cominciò a toccarsi. Lei fece finta di nulla anche quando lui le accarezzò un braccio.
Percependo la sua accondiscendenza il ragazzo si fece man mano più intraprendente, si aprì la cerniera dei pantaloni e tirò fuori il cazzo e visto che lei stava al gioco, le abbassai le spalline del vestitino e lo feci scendere fin sui fianchi.
Al ragazzo non sembrò vero e con gesti delicati iniziò a palparle i seni e con mio sommo piacere vidi che lei lo lasciava fare.
Era evidentemente parecchio eccitata perché quando una mano del ragazzo la raggiunse tra le cosce lei le aprì un po’ di più per agevolarlo. Intanto da dietro le baciavo il collo e le spalle e la voglia di possederla cresceva a vista d’occhio. Il ragazzo ormai sgamato le prese una mano e se la portò sul cazzo.
Lorena ebbe un attimo di incertezza, poi si lasciò guidare dal ragazzo e gli prese il cazzo e dopo averne saggiato la consistenza prese lentamente a menarlo avanti e indietro mentre con le chiappe si sfregava sul mio cazzo.
Le sollevai la gonna e le misi la mano tra le cosce sentendo quanto fosse bagnata,
lei con l’altra mano libera mi prese il cazzo e lo diresse tra le gambe a contatto con la figa.
Nell’orecchio le sussurrai che ci stava facendo impazzire sia me che il ragazzo e come risposta mi diede una strizzata al cazzo e continuò.
Sfilai il cazzo dalle cosce per far posto al ragazzo e quando le sue dita le toccarono la figa lei ebbe un fremito e in meno che non si dica capii dai movimenti che il ragazzo la stava sditalinando.
Marta iniziò a gemere ed era talmente infoiata che raggiunse subito l’orgasmo e bagnò letteralmente la mano del ragazzo.
Poi fu la volta del ragazzo. Sentendolo prossimo alla sborrata mi chiese di passarle dei fazzolettini che erano in una confezione li accanto, tutta la sala ne era disseminata. Ne prese un po’ e intanto che glielo menava con l’altra mano gli mise i fazzolettini intorno alla cappella e poco dopo sentii il ragazzo che sborrava.
Lo ripulì e gettò i fazzolettini nel cestino lì accanto, si girò verso di me e mi baciò appassionatamente.
Lui si rimise a posto e avvicinandosi all’orecchio di Lorena le disse era bellissima e si allontanò nel buio della sala.
Ci stavamo ancora baciando quando una coppia, nel semi buio si mise di fianco a noi e pian piano avvicinò a noi fino a sfioraci con le braccia.
Anche loro come noi si baciavano e si toccavano e mentre lo facevano la lei di coppia iniziò a carezzare il braccio di Lorena.
Mi aspettavo che Lorena si scansasse, invece la lasciò fare e quando la lei di coppia iniziò a farsi più intraprendente lei non si oppose dando l’impressione all’altra che la cosa non le dispiacesse.
L’altra si staccò dal suo uomo, e messasi di fronte a mia moglie iniziò con una mano a carezzarle il seno mentre con l’altra si sbottonò la camicetta facendo uscire il seno che appoggiò su quello di Lorena ancora scoperto.
Poi come fosse la cosa più naturale del mondo l’altra le prese il viso tra le mani e la baciò sulla bocca.
Mi pareva d’impazzire, avevo le palle indolenzite dalla voglia e volevo quasi mettergli il cazzo in mano, non lo feci per non sciupare quel momento tanto erotico.
Restarono cos’ì con le lingue che si cercavano e le mani frenetiche che scorrevano dappertutto sui corpi accaldati dalla voglia.
I capezzoli di Lorena erano diventati di marmo sotto i colpi di lingua dell’altra mentre entrambe emettevano dei mugolii di piacere.
Quando l’altra le mise la mano tra le cosce, Lorena ebbe come un brivido e sussultò, mentre l’altra le carezza la figa io spinsi il pene tra le cosce e quando lei con la mano lo sentì senza problemi lo prese e iniziò a strusciarlo sulla figa di mia moglie, poi mi spinse via come a dirmi che era sua e cominciò a giocarci lei.
A quel punto il suo compagno si scostò dalle due e invitò anche a me a farlo per lasciarle libere di giocare, ci mettemmo da parte attenti che nessuno venisse a rovinare quel momento magico.
Quando smisero tornarono ad abbracciare ognuno il proprio marito. Mentre ci stavamo baciando, l’altra mise una mano tra noi e mi prese il cazzo, mi scostò da Lorena e abbassandosi se lo mise in bocca.
Non sapendo come l’avesse presa mia moglie, la guardai.
Avevo il suo sguardo su di me ma mi guardava serena, lui la prese per il braccio e
l’attirò a se, anche lui con fuori il cazzo le mise una mano sulla spalla facendole capire che avrebbe gradito, lei come fosse una cosa normale si abbassò e glielo prese in bocca.
Ero così eccitato che vederla fare il pompino a quello sconosciuto fu il massimo, in procinto di venire tirai fuori il cazzo da quella bocca vogliosa e sborrai il mio piacere
Anche Lorena si alzò, segno che anche lui aveva raggiunto il piacere, ma il fatto di non averli visti usare i fazzolettini mi fece pensare che lui per qualche motivo non avesse raggiunto l’orgasmo.
Ci demmo una sistemata e per chiudere la serata andammo al bar a bere insieme qualcosa insieme, poi salutammo i nuovi amici e uscimmo dal locale.
Una volta in macchina le chiesi se ci fossero stati problemi con il lui di coppia e come mai non fosse venuto.
«Chi ti ha detto che non è venuto » rispose, « certo che è venuto e pure tanto.»
« E com’è che non vi ho visto usare i fazzolettini. »
La sua risposta mi lasciò di stucco : «Mi ero dimenticata di prenderli e quando me ne sono accorta era troppo tardi, l’ho sentito irrigidirsi e un attimo dopo mi è venuto in bocca, che dovevo fare! »
Rimasi basito. « Ma non ti ho visto sputarla! » dissi alterato, e lei: « bè non sapevo che fare e d’istinto l’ho mandata giù come faccio con te. »
Ero incazzato nero e per non fare una scenata rimasi in silenzio, un silenzio opprimente.
Poi quasi arrivati a casa con un filo di voce disse che le sembrava di aver vissuto quella serata come fosse stato un sogno, non capiva come avesse potuto fare quelle cose davanti ad altri e con degli sconosciuti, poi restando a testa bassa disse che la colpa era mia perché le avevo fatto bere i cocktail a base d’alcol, che adesso si sentiva sporca e non vedeva l’ora di arrivare a casa per farsi una doccia.
Questo mi fece incazzare ancora di più, non solo si era fatta sborrare in bocca ma la colpa era pure mia, ma come prima non dissi niente, capii che doveva trovare una giustificazione a quello che aveva fatto e così l’assecondai.
Le dissi che pure io ero sorpreso per tutto quello che era successo, ma visto che eravamo grandi e vaccinati e che nessuno ci aveva obbligato, dovevamo cogliere il lato buono della cosa, in fondo era piaciuto a entrambi e quindi stare a recriminare ora era da stupidi.
«Prendiamola così » le dissi, « questa esperienza ha comunque arricchito la nostra complicità di coppia e sta a noi scegliere se ripeterla oppure no. »
Lei non rispose, rimase zitta a rimuginare finché non arrivammo a casa.
Facemmo la doccia insieme e al solo guardarla mi passò la rabbia di prima accumulata. L’abbracciai e teneramente le dissi che l'amavo immensamente e che quanto era successo non aveva scalfito in nessun modo quello che provavo per lei e che ero contento di aver scoperto che trasgredire insieme mi era piaciuto.
Tutto questo per tranquillizzarla, non volevo si sentisse in colpa.
Avevo il cazzo duro appoggiato sul suo pancino, lei mi abbracciò e mi chiese se l’altra era stata più brava di lei, le risposi che si, era stata brava ma mai quanto lei.
Allora mi baciò e girandosi si piegò mostrandomi il culo, mi prese il cazzo e se lo mise tra le gambe, lo strofinò sulla figa e se lo infilò dentro.
Quando iniziai a stantuffarla, dalla bocca le uscì un turpiloquio di parole,, iniziò a dire che era una troia, una troia che si era fatta sborrare in bocca da uno sconosciuto, una troia che godeva anche con i baci di una donna e che si faceva sborrare in mano dai ragazzini.
Sembravamo due che non trombavano da mesi, due assatanati di sesso talmente infoiati che godemmo subito. Fu la sveltina più bella che ricordi.
Restammo abbracciati sotto lo scroscio dell'acqua e quando la voltai verso di me mi accorsi che piangeva.
Quella sera, nell'attesa di prendere sonno sono sicuro che i nostri pensieri furono gli stessi, anche lei come me continuava a pensare a quanto era accaduto ed ebbi paura che questi avvenimenti potessero in qualche modo minare il nostro rapporto.
Di quella serata non ne volle più parlare ne tantomeno volle rimettere piede in un privè.
Era trascorso parecchio tempo e di quell’episodio ormai non era rimasto che un ricordo, quando un giorno per lavoro conobbi una coppia.
Erano entrambi sulla 50ina, lui Mauro 52enne longilineo con qualche filo bianco sulle tempie, lei Carla una 47enne bionda molto ma molto attraente.
Ci incontrammo nel loro negozio, un centro beauty farm in zona Milano e volendo rinverdire l’ambiente mi contattarono. Rimasi subito colpito da quella donna tanto avvenente, non solo per la sua bellezza ma dal modo piacevole e gentile di porsi, fui inoltre attratto dai suoi occhi chiari oltre che dalle forme voluttuose del corpo tanto da sentirmi attratto come il ferro dalla calamita.
Parlammo di quello che c’era da fare dandoci appuntamento per la sera successiva a casa loro per le alternative che avrei proposto.
Arrivai da loro verso le 18,30, venne ad aprirmi lei e rimasi incantato da tanto era bella, aveva una gonna scura poco sopra le ginocchia e una camicetta chiara leggermente aperta che metteva in evidenza il suo magnifico seno, sicuramente
una IVª piena. Simile a quello di mia moglie.
Mi disse che il marito era dovuto partire per lavoro e delle cose da fare ne avremmo parlato noi due.
Visto che la cosa andava per le lunghe mi chiese di restare e cena da lei in modo da portare a termine le scelte da fare.
Avvisai mia moglie oramai abituata a questo tipo di chiamate e le dissi che avrei fatto tardi e sarei rimasto a cena coi clienti.
A tavola non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso, ero rapito dal solco del suo seno che la sua scollatura permetteva di vedere e odiavo il bottone che ne teneva nascosto una gran parte.
Come se mi avesse letto nella mente e mentre si alzava per portare i piatti in cucina con il braccio urtò il seno e quel bottone si slacciò senza che lei ci facesse caso.
Finito di cenare ci spostammo in salotto, mi fece accomodare sul divano mentre lei si accomodò su una poltrona di fronte a me, accavallò le gambe e io mi beai di quella vista, il mio sguardo vagava dalle sue cosce alla scollatura che evidenziava il seno.
Sorseggiammo il caffè parlando del più e del meno, disse che a causa del lavoro il marito la lasciava spesso da sola anche per settimane e che questi periodi passati lontani l’uno dall’altra li avevano portati nel tempo a diventare un coppia libertina.
« In che senso » chiesi, mi rispose dicendomi che se a entrambi capitava l’occasione e il soggetto fosse stato di loro gradimento non si facevano scrupoli e ci andavano a letto per poi raccontarsi tutto quando si ritrovavano insieme, si eccitavano e finivano sempre a letto arrapati a fare l’amore.
Rimasi senza parole, non mi aspettavo che mi confidasse cose tanto intime e vedendomi in difficoltà cambiò discorso chiedendo di me e mia moglie.
Mi chiese di lei, di che tipo di donna fosse, se di compagnia se le piaceva uscire ecc .…
Le dissi che mia moglie era una gran bella donna estroversa e solare con un carattere allegro e in compagnia socializzava facilmente con tutti.
Fu contenta di sentire questo e incuriosita mi chiese se avevo una foto da mostrarle. Alla mia risposta negativa mi disse di portarne qualcuna la prossima volta che ci saremmo incontrati perché era curiosa di vederla.
Poi come se sapesse del segreto mio e di Lorena mi chiese che genere di fantasie sessuali avevamo e se ne avevamo provato qualcuna.
Forse si avvide dello stupore sul mio viso perché m’incalzò dicendomi che non dovevo vergognarmi, che le fantasie fanno parte dell’animo umano e chi più e chi meno le hanno tutti, c’è poi chi è fortunato e le realizza e c’è chi rimane tutta la vita ad attendere che accadano.
Sarà stato per le sue confidenze intime di poco prima o il suo modo naturale di chiedere fatto sta’ che le dissi tutto, compreso quello che era accaduto al privè e del triste seguito che portò alla fine dei miei sogni di trasgressione.
Mi guardò assorta per qualche attimo, poi si alzò e venne a sedersi accanto a me, mi guardò poi avvicinò le sue labbra alle mie e tenendomi per la nuca mi baciò.
Non so come accadde, so solo che ci trovammo abbracciati con le lingue avvinghiate che si cercavano smaniose.
Con non poca fatica iniziammo a spogliarci, poi fu un susseguirsi di passione. Mi leccava e succhiava come un’ossessa, caspita se era brava, molto brava e quando poi si accorse che così facendo da li a breve sarei venuto, si sdraiò sul divano e aprendosi mi attirò a se e mi diede il paradiso.
Non fu una scopata qualsiasi, mi sembrava di averlo messo dentro un frullatore, tanto che dovetti trattenermi dal non venire subito e fare una figuraccia.
Lei se ne accorse e si fermò, attese che mi passasse il momento critico e si mise sopra prendendo lei l’iniziativa.
Mi sentivo un bambino tra le sue braccia, mentre s’impalava mi baciava e carezzava dicendo quanto le piacesse, poi quando finalmente la sentii venire non resistetti più e le dissi che anch’io stavo per venire.
Lei si alzò facendolo uscire, lo prese in bocca e mi fece sborrare.
Mi disse che ero stato bravo, che le era piaciuto molto e che lo avremmo fatto ancora alla prima occasione.
Ci salutammo restando d’accordo che ci saremmo rivisti la settimana dopo al rientro del marito e di ricordarmi di portare le foto di Lorena che voleva assolutamente vedere.
Come d’accordo al ritorno del marito ci incontrammo a casa loro e come la volta precedente vollero che mi fermassi a cena da loro.
Durante la cena definimmo nei dettagli il lavoro da fare e quando Mauro di punto in bianco mi chiese se mi era piaciuto farmi la moglie mi si gelò il sangue, mai avrei pensato che Carla glielo dicesse.
Vedendomi imbarazzato intervenne lei che non c’era alcun problema, ricordandomi che mi aveva detto che tra loro non c’erano segreti e si raccontavano le loro avventure, poi per stemperare il momento per me infausto cambiò discorso e mi chiese se mi fossi ricordato di portare le foto di Lorena.
Accalorato le risposi di si ma che invece delle foto avevo portato un cd del filmino che avevamo fatto al mare l’estate precedente.
Guardavamo il filmino e fui felice di sentire i loro apprezzamenti nei confronti di Lorena , in quel momento la ripresa la mostrava in spiaggia con solo il perizoma nell’intento di spalmarsi d’olio abbronzante mentre alcuni ragazzi sdraiati li vicino non le staccavano gli occhi di dosso.
Dissi che a lei piace molto farsi guardare e si diverte ancora di più se vede che eccita chi la guarda sapendo che la cosa piace anche a me.
Annuirono entrambi sorridendo e quando finì il filmino Mauro al quale Carla aveva detto tutto di me e Lorena, disse che mia moglie doveva possedere una carica erotica molto forte, che era una mina vagante forse senza saperlo e che aveva bisogno solo di una buona guida per farla esplodere, aggiungendo: « Quello che è accaduto al privè non è che l’inizio, niente in confronto a quello che può dare se ben guidata, ne resteresti sbalordito. Se vuoi che accada noi potremmo aiutarti. »
« In che modo? » risposi.
Carla mi chiese se mia moglie fosse al corrente di cosa stessi facendo per loro e se sapeva qual’era la loro attività.
Le risposi che le avevo detto di questo lavoro in quanto lei è una patita di questi centri di bellezza tanto che scherzando mi chiese se c’era la possibilità di fare un po’ di massaggi a prezzi di favore...
Carla si alzò e prese qualcosa da un cassetto che poi mi porse, era una cartolina omaggio per una sessione completa di massaggi saune ecc.., disse di darla a Lorena come omaggio per la collaborazione intrapresa chiarendo però che essendo sedute gratuite l’orario sarebbe stato di sera dopo la chiusura delle 20,00
Quando a casa lo dissi a Lorena e le diedi la cartolina omaggio mi saltò al collo entusiasta. (Non avevo dubbi).
Il giorno fatidico arrivò, da qualche giorno non pensavo ad altro e pur non sapendo cosa avessero in mente quei due, la cosa mi intrigava di brutto.
Quella sera dissi a mia moglie di vestirsi un po’ sexy giustificando il fatto che la proprietaria era una bella donna e non volevo che lei le fosse da meno.
Non si fece certo pregare, uscì dalla camera con una gonnellina nera plissettata che metteva in risalto le gambe e il suo magnifico culo, sopra aveva una maglietta rosa aderente indossata senza reggiseno che non lasciava niente all’immaginazione e per finire un paio di sandali neri col tacco da undici.
Solo a guardarla sentii il cazzo inturgidirsi nei pantaloni.
Arrivammo al centro estetico e come d’ accordo suonammo alla porta retro, venne ad aprirci Carla, entrammo e facemmo le presentazioni, entrambe si profusero in complimenti reciproci ecc… (Donne!!)
Quando finirono con le smancerie Carla la fece accomodare alla scrivania e le fece le domande di rito per accertatasi che Lorena fosse idonea ai trattamenti di sauna ecc.., chiamò il marito e gliela presentò, gli disse di provarle la pressione mentre lei si accingeva a creare la scheda dati personale di Lorena.
Dopo aver constatato che la pressione fosse a posto, Mauro ci lasciò e tornò nel suo ufficio mentre Carla che aveva finito di compilare la scheda accompagnò Lorena nello spogliatoio dicendole di togliersi tutto e di indossare la salviettina che avrebbe trovato dentro perché per iniziare le avrebbe fatto fare una sauna di 10 minuti per poi passare ai massaggi.
Quando mia Moglie fu in sauna, Carla mi disse che mia moglie era uno schianto, mi prese per la mano e raggiungemmo Mauro in ufficio.
-CONTINUA-

Questo racconto di è stato letto 6 5 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.