Malandrino fui massaggio 2

Scritto da , il 2016-05-11, genere prime esperienze

- MALANDRINO FU IL MASSAGGIO - 2

Lui non stava nella pelle, appena entrammo ci disse che mia moglie era proprio una gran bella gnocca, meglio ancora di quella vista nel filmino e Carla gli rispose che quando l’avesse vista nuda gli sarebbero schizzati gli occhi dalle orbite.
A Mauro gli si illuminò il viso, ma la moglie lo fece subito sbollire dicendogli che quella sera sarebbe stata lei a farle i massaggi, non voleva essendo la prima volta che l’impatto risultasse troppo cruento, calcare la mano da subito non avrebbe portato a niente di buono e aggiunse che si sarebbe sentita più a suo agio tra donne e che comunque noi non avremmo perso nulla di quello che sarebbe successo in quanto avremmo potuto vedere tutto quello che sarebbe successo dallo specchio spia, poi alzò e uscì dall’ufficio.
« Specchio spia???? » Chiesi a Mauro cosa intendesse la moglie a proposito dello specchio spia e lui per tutta risposta mi disse di seguirlo.
Mi fece entrare in una piccola stanzetta in fondo a un corridoio, era semibuia e prendeva luce dalla stanza attigua attraverso un vetro che mi spiegò essere uno specchio del tipo di quelli che si vedono nei film quando fanno gli interrogatori, dall’altra parte ci si specchiava mentre dalla nostra si poteva guardare senza essere visti. Rimasi basito.
Poco dopo vedemmo entrare Carla e Lorena e lui mi fece cenno di non parlare. Carla fece sdraiare mia moglie sul lettino, le tolse l’asciugamani che le copriva i fianchi e cominciò a ungere d’olio il corpo nudo.
Sia Mauro che io restammo incantati a vedere quanto bello fosse il corpo di Lorena nella sua nudità, ogni volta era per me un piacere poterla ammirare e soprattutto ora che sapevo della tresca ero eccitato come non mai.
Lo sguardo di Mauro si calamitò su di lei e avvicinandosi mi sussurrò che era una
femmina magnifica e non vedeva l’ora di pareggiare il conto con me che gli avevo trombato la moglie.
Gli sorrisi, era il mio sogno che si avverava e non avevo dubbi sull’effetto che aveva avuto vedendola.
Carla risaliva con le mani sulle cosce e con esasperata lentezza si soffermava al loro interno lambendone l’inguine sfiorandone le parti intime.
Lorena si lasciava fare serena ma quei tocchi evidentemente la eccitavano perché quando queste si avvicinavano all’inguine lei inarcava impercettibilmente la schiena, quasi a invitarla.
Carla si voltò guardando nello specchio e pur non vedendoci ci fece l’occhiolino.
Poi la fece girare a pancia in su e vedemmo i capezzoli duri e scuri svettare ritti.
Da qualche minuto Mauro si strusciava da sopra i pantaloni, poi aprì la lampo e come se fosse da solo lo tirò fuori e si mise a toccarselo.
In un certo qual modo ero contento di vedere quanto lo eccitasse mia moglie, ma al tempo stesso rimasi stupito nel vedere le dimensioni del suo pene, mi sembrò esageratamente grosso e ci rimasi non poco male.
Pensai alle fantasie che mi ero fatto immaginandomi lui e Lorena che trombavano, ma ora che avevo visto quant’era grosso il suo cazzo pensai che tutto questo non
sarebbe più potuto accadere perché quando Lorena avesse visto la bestia che portava tra le gambe non avrebbe mai acconsentito a dar seguito neanche per scherzo.
Poi l’eccitazione prese di nuovo il sopravvento e la immaginai alle prese con quel grosso cazzo e questo mi fece salire ancora la libido,
L’avevo duro anch’io, così lo tirai fuori e cominciai a giocarci senza vergogna.
Anche a Carla doveva piacere non poco quello che stava facendo, le sue mani scorrevano lente sul corpo di Lorena carezzandola e che a Lorena le piacesse lo si vedeva dai leggeri contorcimenti che il corpo aveva e assecondavano i movimenti di Carla .
Quest’ultima percependo il piacere di mia moglie quando con le dita indugiava nelle sue parti intime, ruppe i freni e senza indugio iniziò a massaggiarle la figa.
Lorena ebbe un sobbalzo ed emise un gemito, poi guardò Carla negli occhi e lentamente adagiò la testa sul lettino e restando a occhi chiusi si abbandonò a lei.
Ora Lorena era alla sua mercé e mentre con le dita le dava piacere li tra le gambe poggiò le labbra su quelle di Lorena che si schiusero per assaporare la sua lingua.
Mentre si baciavano Carla si sbottonò il camice lasciandolo cadere per terra restando nuda e quando smisero di baciarsi Lorena poté ammirare il bel corpo maturo e ben fatto di Carla nella sua nudità, le accarezzò i fianchi e la schiena, l’altra si sporse verso lei e le diede un seno da baciare poi ripresero a baciarsi con trasporto.
Era vera passione, mia moglie le teneva la nuca con la mano e l’orgasmo non tardò a raggiungerla.
Nonostante l’età non più giovane di entrambe avevano un corpo talmente ben modellato e proporzionato da fare invidia a delle ventenni. Neanche nelle mie fantasie più recondite avrei sperato tanto, vederle baciarsi e scambiarsi carezze reciproche fu una cosa che mi tolse il fiato, i loro gesti erano talmente naturali ed erotici che sia io che Mauro avevamo riempito le nostre salviette di sborra.
Il massaggio era arrivato a termine, ci ripulimmo e tornammo in ufficio.
Quando loro ci raggiunsero sembrava che nulla fosse accaduto, Mauro sembrava avvicendato nelle sue scartoffie mentre io facevo finta di sfogliare una rivista.
Ci scambiammo i saluti e ci accordammo per la data del prossimo incontro.
Durante il ritorno a casa chiesi a mia moglie com’era andata, mi rispose che Carla era bravissima e non vedeva l’ora di rifarlo.
Il giorno dopo Carla mi chiamò, voleva sapere se ne avevamo parlato e cosa ne pensava Lorena.
Le dissi che era rimasta entusiasta dell’esperienza, che si era profusa in un sacco di complimenti nei suoi confronti senza mai fare cenno a quello che era accaduto tra loro e non vedeva l’ora che arrivasse il giorno prestabilito per ripetere.
Lei rise e disse che era certa che avrebbe reagito così aggiungendo che dovevo ritenermi fortunato ad avere una moglie così.
La volta successiva iniziò esattamente come la prima, Lorena uscì dalla sauna e si sdraiò a pancia in giù sul lettino mentre io e Mauro appostati nello stanzino eravamo pronti ad un’altra nuova serata di eventi. Chi mai avrebbe immaginato quello che sarebbe accaduto quella sera.
Mentre Carla si accingeva a iniziare il massaggio il suo cellulare squillò.
La sentimmo scusarsi con l’interlocutore dicendogli che le era passato dalla mente ma che avrebbe rimediato partendo immediatamente.
Guardai Mauro sconsolato, la serata tanto attesa stava andando in fumo.
Lui mi guardò sorridendo e mi sussurrò all’orecchio che era tutta una farsa, che era stato lui a far squillare il telefono della moglie per darle la scusa di allontanarsi in modo che lui prendesse il suo posto.
“??? non capivo!”….
Lorena che aveva assistito alla telefonata si apprestava a scendere dal lettino quando Carla la fermò, le disse di restare tranquilla che per lei non era cambiato niente e il massaggio avrebbe iniziato a farlo suo marito finché lei a breve non fosse tornata.
Senza darle tempo di rispondere chiamò Mauro a gran voce, lo mise al corrente dell’accaduto e gli disse di cominciare lui il massaggio che da li a quindici minuti sarebbe stata di ritorno, poi accarezzando Lorena e la rassicurò dicendogli che Mauro era stato il suo maestro e quindi anche più bravo di lei, le disse di restare tranquilla e di godersi il massaggio.
Allora capii.
Carla finse di uscire e mi raggiunse nella stanza buia.
Mauro prese un po’ di tempo per andare a vedere se trovava qualcosa da mettersi addosso, e quando tornò era a torso nudo con solo una salvietta intorno alla vita con i lembi attorcigliati tra loro.
Si scusò con lei dicendole che non aveva trovato altro perché non facendo più massaggi non aveva più il camice e quelli della moglie e delle altre ragazze erano troppo piccoli per lui.
Lorena si accorse di quanto fosse precario il modo in cui era tenuta la salvietta e disse: « Da come la vedo io tra un po’ vedrai che te la trovi per terra. »
« Eh va bè » disse lui, « se dovesse succedere non credo ti scandalizzeresti no? Tanto noi maschietti siamo tutti uguali li sotto quindi non tanto diverso da tuo marito. » E risero insieme.
A differenza della prima volta, il lettino era stato avvicinato e messo leggermente di sbieco allo specchio e distava poco meno di un metro da noi, in quel modo eravamo in pole position, oltre a essere vicinissimi non avremmo perso neanche un loro sussurro.
La fece mettere a pancia in giù e iniziò a massaggiarle la schiena con le sue enormi mani, chiedendole se facesse dello sport- « Si » gli rispose, « Facciamo un gran camminare io e mio marito: perché? »
« Perché si vede che hai la pelle molto elastica e tonificata e anche dalla muscolatura, tra l’altro hai delle gambe toniche e ben modellate , complimenti. » Era stata la moglie a dirgli che a Lorena piacciono un sacco i complimenti.
Gli diede due buffetti sulle chiappe e le disse di rilassarsi e di non contrarre i muscoli altrimenti il massaggio non avrebbe dato i suoi frutti.
Mauro riprese a farle i complimenti dicendo: « E’ un piacere massaggiare un corpo così, non è cosa di tutti i giorni trovare un culetto sodo come il tuo, la maggior parte delle clienti ce l’hanno molliccio, questo qui invece sembra quello di un atleta, è un piacere massaggiarlo. »
« Grazie. » Rispose lei contenta.
Le mani scorrevano dai glutei alla schiena con fare professionale, per poi scendere e dedicarsi alle cosce fino al loro interno massaggiandola e sfiorandole l’intimità senza mai arrivarci. (Carla mi disse che così facendo le faceva desiderare di essere toccata e quando lo avesse fatto lei l’avrebbe accettato come fosse un premio).
Non le dava tregua, si muoveva sapientemente facendole venire i brividi e lo si vedeva benissimo, risaliva sui glutei e li apriva e chiudeva a nostro beneficio, poi si dedicò esclusivamente alle cosce, glie le fece allargare a suo e nostro beneficio e coi polpastrelli iniziò a toccarle la figa.
Lorena era in evidente stato di eccitazione, sentiva le dita che la scrutavano dandole una piacevole sensazione e man mano lui continuava lei iniziò a inarcare i reni mettendo la figa bene in vista.
A quel punto la salvietta di Mauro cominciò a prendere vita, lui si spostò verso il viso di lei e riprese a massaggiarle le spalle e la schiena fino a scendere sui reni
continuando a farle i complimenti per la sua pelle vellutata.
Lei con la testa appoggiata sulle braccia ricurve non potè fare a meno di vedere il modo in cui si era gonfiata la salvietta perché l’aveva proprio di fronte al naso e mentre lui si allungava per massaggiarle i reni la salvietta si slacciò e cadde a terra.
Nel momento in cui la salvietta si slacciò, lui fece un movimento come per trattenerla senza riuscirci e il cazzo urtò sul viso di lei.
« Oh scusa » disse lui, facendo finta di coprirsi, « avevi ragione tu, mi è caduta in terra e ti ho urtato il viso, ti ho fatto male? »
« No » rispose lei, « Ma mi hai detto una bugia quando hai detto che voi maschietti li sotto siete tutti uguali, io non ne ho mai visti neanche nei film porno uno così grande. »
« Esagerata » rispose lui, « Vuoi farmi passare per un fenomeno da baraccone? » « Ma no » rispose lei, « E’ che cosi grandi non ne ho mai visti, non le fa male a tua moglie quando lo fate? »
« Ecco lo sapevo si è impaurita solo a guardarlo » dissi a Carla
«Male? » rispose lui, « Perché dovrebbe sentire male,non è mica di legno, pensa poi a quanto si dilata nel momento, no credimi sbagli a pensare questo, chiedi pure a Carla. »
Poi la fece scendere e la mise in piedi sul tappetino davanti alla testa del lettino, la fece appoggiare con il busto in avanti a novanta gradi.
Le spiegò che quella posizione serviva perché dopo il massaggio bisognava rilassare le gambe e permettere ai muscoli di rilasciarsi. Quindi si abbassò e iniziò a frizionarle dalle caviglie.
Quando arrivò su le mise dell’altro olio versandone anche sulle chiappe facendolo gocciolare anche tra le chiappe, lo spalmò e standole dietro si mise a massaggiarle la schiena.
Quando si allungava per arrivare sulle spalle il suo cazzo gommoso si appoggiava sul culo di Lorena che restava ferma godendosi quella nuova sensazione.
Durante il massaggio Mauro le disse: « Sai che in Giappone è venuto di moda un nuovo tipo di massaggio? Alcuni mariti pagano perché le mogli lo facciano. »
« In cosa consiste » chiese lei,
« fanno mettere la donna nella posizione in cui sei tu adesso e usando dei falli praticano un massaggio a fondo dell’interno della vagina. Dicono che serva per tonificare i muscoli interni perché i Giapponesi essendo poco dotati non raggiungono quella zona della vagina e i muscoli rischiano di diventare insensibili attenuando notevolmente il piacere della penetrazione. Ho letto su una rivista specializzata che anche da noi questa pratica inizia a prendere piede. »
« Bè, » disse lei « Se venisse chiesto a te non avresti bisogno di usare un fallo sintetico. » E rise della propria battuta.
Intanto Mauro continuava imperterrito a massaggiarle i glutei e sfiorandole le parti intime e il massaggio si era trasformato in carezze voluttuose.
La voglia era palpabile in tutti noi e col cazzo che le sbatteva sul culo, conoscendola pensai che presto sarebbe arrivata al culmine e mi eccitai all’idea di cosa potesse succedere.
Ormai era diventato padrone del suo corpo e guardandola capii che Lorena si sarebbe lasciata fare qualunque cosa visto gli umori che fuoriuscivano dalla sia figa.
Il cazzo di mauro da gommoso si era fatto duro e massaggiandola faceva in modo che la cappella scivolasse nel solco delle chiappe lambendone la figa.
Lorena era giunta al punto di non ritorno e quando sentiva il cazzo sulle chiappe lei col bacino gli andava incontro.
Lo capì anche Mauro che era giunta l’ora, si abbassò e allargandogli le chiappe iniziò a leccarla.
Quando sentì la sua lingua che le scavava la figa sollevò la testa ed emise un gemito, poi Mauro si sollevò e prendendo in mano il cazzo lo appoggiò sulle caldi labbra bramose iniziando a muoverlo su e giù fin che la grossa cappella ne fu parzialmente avvolta.
Vedere mia moglie a pecorina con quel mostro che le allargava la figa mi fece provare un senso di colpa mista a eccitazione pensando di aver sbagliato tutto.
Lo dissi a Carla che forse avevo sbagliato a fare questo a mia moglie.
« Non è così » disse lei, « è lei che lo vuole, se non fosse successo ora prima o poi sarebbe comunque accaduto, ce l’ha nel DNA non vedi come le piace sentirlo, non hai visto come sbrodola dalla figa e poi se non le andava ti pare che se ne starebbe li a pecora con un cazzo che le struscia la figa? Questa non vede l’ora che Mauro glielo sbatta dentro. Vedrai se non ho ragione. » Rispose.
Come se lui l’avesse sentita si piegò su mia moglie e baciandola sulla schiena si avvicinò all’orecchio e le chiese se voleva provare il massaggio Giapponese.
Lorena si voltò e con un piccolo cenno assentì.
« Vuoi davvero?» chiese lui e Lorena questa volta gli rispose di si.
Con una mano Mauro le tenne giù la schiena e con l’altra prese il cazzo già in posizione sulle grandi labbra aperte e iniziò a spingere.
Nel sentirlo entrare lei mise una mano sul basso ventre di lui e con voce roca gli disse di far piano.
Lui la carezzò e lentamente lo vedemmo scomparire in lei.
« Visto? » disse Carla, «Che ti avevo detto? Non vedeva l’ora ed era così bagnata che le entrato dentro come il burro e guarda lei come gli va incontro col culo. »
Effettivamente era incredibile, non pensavo che lo prendesse così facilmente, l’aveva penetrata fino a farlo sparire tutto e ora era fermo per farla abituare.
In un silenzio quasi religioso cominciai a toccarmi, Carla se ne accorse e lo prese in mano lei.
Quando Mauro cominciò lentamente a pomparla dalla bocca di lei uscirono dei suoni gutturali e quando lui la prese per i fianchi e iniziò a montarla lei iniziò a dire:
« SIIIII, Dio che bello, come lo sento, mi riempi tutta SI SI SI lo voglio lo voglio. »
Lui eccitato come una bestia a sentirla gridare aumentò rinvigorì i colpi quasi volesse sfondarla.
Subito dopo Lorena cominciò a tremare e come una marea l’orgasmo arrivò.
Lui continuò a stantuffarla, sembrava perso in un delirio, aveva il cazzo completamente ricoperto dagli umori vaginali di lei, non avevo mai visto tanta foga nel chiavare qualcuna nemmeno nei film porno.
Entrava e usciva con un tempismo da pistone idraulico alternando i movimenti con delle soste dove lui le piantava dentro tutto il cazzo e rimaneva fermo per qualche istante, poi riprendeva a martellarla facendola gridare di goduria.
« Guarda che roba! » disse Carla, « Te l’avevo detto che non vedeva l’ora di farsi scopare e d’ora in poi potrai finalmente mettere in pratica le tue fantasie insieme alla tua bella mogliettina. »
Intanto Lorena sembrava una bambola di pezza sotto i colpi di lui e mentre quel maglio la sfondava con veemenza lei gli andava incontro incitandolo a continuare.
In breve raggiunse diversi orgasmi e quando Mauro tirò fuori il cazzo e si mise a sbatterlo sul culo di lei la sua cappella mi sembrò ancora più grossa di quando gliel’aveva messo dentro.
Carla guardando il marito disse che quando faceva cos’ì era segno che stava per venire e per durare di più lo tirava fuori.
Intanto Lorena si era girata, si sedette sul lettino di fronte a lui e aprì le gambe invitandolo, lui continuò picchiettare la grossa cappella sulla figa e sul grilletto provocandole un altro orgasmo e questa volta le uscì dalla figa un getto che sembrava quasi stesse pisciando. « Caaaspita!» Disse Carla, « guarda che roba, stà squirtando come una fontana, non posso crederci! »
Mauro non ce la fece più, eccitatissimo glielo rimise dentro prepotentemente scopandola a mitraglia, poi inarcò la schiena e con un rantolo cominciò a sborrare.
Lorena lo teneva per i fianchi tirandolo a se e dai suoi mugolii mi parve che stesse nuovamente godendo.
Mi sentivo un coglione, credevo di essere un grande nel fare sesso mentre ora scoprivo che con me non aveva mai goduto così.
Mauro si accasciò sopra di lei riempiendola di bacini, poi si sollevò e uscì da lei. Era ancora grosso e gonfio e la figa di lei pareva la tana di un animale tanto era aperta e dalla tana grondante di umori fuoriusciva insieme una marea di sborra.
Poco prima mentre accadeva tutto questo, Carla che continuava ad avere il mio cazzo in mano si accorse che stavo per venire, così si abbassò e mi permise di riempirle la bocca di sborra. Dentro di me la ringraziai per questo perché fu una sborrata liberatoria dando finalmente pace alle mie palle.
Non ci fu bisogno che mi ripulissi, me l’aveva succhiato tutto fino all’ultima goccia. Cos’ì quando mi rassettai rimettendomi mutandine e i pantaloni mi disse di fare piano, di raggiungere l’ufficio e far finta di are qualcosa mentre lei sarebbe rimasta li fin che non saremmo andati via.
Ripuliti e vestiti di tutto punto Mauro e Lorena entrarono in ufficio, sembrava non fosse accaduto nulla a parte le guance di mia moglie che erano a dir poco rosse.
Scambiammo due parole a proposito del fatto che Carla non fosse ancora tornata e prima di salutarci prendemmo appuntamento per il prossimo massaggio.
Anche questa volta quando salimmo in macchina le chiesi: « stasera com’è andata, è bravo come Carla? »
« altroché! » rispose, « a parte che mi sembra mi sia passato sopra uno schiacciasassi, se dovessi fare un paragone direi che è addirittura meglio di lei.»
« Lo credo!! » dissi io, « Ha due mani che sembrano due badili. »
« A proposito » dissi, « sai cosa dicono di quelli che hanno le mani grandi ? Dicono che hanno il cazzo della stesse proporzioni e se è vero Mauro dovrebbe avere un cazzo da fare paura. Glie l’hai fatto tirare? »
Le dissi questo perché sapendo che mi piace spere che un altro si eccita per lei, se non glie l’avrei chiesto magari poteva mettersi a sospettare.
« Oh! Ma va che sei tremendo!! » rispose, « Ma è possibile che pensi sempre a queste cose, è la prima volta che mi faccio massaggiare da un uomo e mi sentivo in soggezione, la prossima volta se mi massaggia ancora lui sarò meno tesa e magari cercherò di provocarlo così poi ti dico... »
« A proposito delle sue grosse mani, sai cosa dicono di quelli che hanno grandi? Dicono che chi ha le mani grandi ha pure il cazzo così. La prossima volta vedi se ti riesce di scoprire se è vero.»
« E già » rispose lei « Stà attento che vado li e gli chiedo di farmelo vedere. »
« Amore » le dissi, « Sono sicuro che non c’è bisogno che ti dica come devi fare, se solo fosse vero che ce l’ha grosso impazzirei al pensiero che ti scopasse. Sai bene che è sempre stata la nostra fantasia. »
« Uffa con stè fantasie. » Rispose « Ma possibile che pensi solo a quello. ».
Eccitatissimo e consapevolmente cornuto le misi la mano tra le cosce, ma lei l’allontanò dicendomi di lasciarla stare, che per quella sera non se ne parlava proprio perché si sentiva sfinita.
(E ci creeeeedo!!!!)

Cp58mi@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 5 0 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.