Erotici Racconti

Ancora Luna

Scritto da , il 2016-03-18, genere pulp

Accompagnavo per la prima volta mia figlia a scuola. All'ingresso, un nugolo festante di bimbi con i loro genitori, e fra essi notai una bellissima donna dai tratti troppo familiari. Non potevo sbagliarmi, era Luna, o quantomeno la sua gemella.
Luna è un sogno, un ricordo intrigante e per alcuni un'ossessione. Il suo aspetto ha determinato il suo destino. Nel suo sguardo ogni maschio intuisce la stessa cosa. Per lei, come per altre come lei, è naturale proporsi come preda, come oggetto da possedere.
Da anni non la vedevo, ma lei viveva nei miei ricordi e nei miei desideri. L’ultimo nostro contatto fu per lei abbastanza sgradevole e segnò anche la fine della nostra complicità.
Da allora, ogni volta che scopo mia moglie, è lei che penetro, è lei che vedo ansimare.
Conservavo il suo numero da quando l'avevo trovato su un sito in cui si proponeva, e con una certa trepidazione una domenica mattina mi decisi a comporlo. La sua voce calda mi rispose ed io riattaccai immediatamente; era ancora sul mercato e io la volevo. Sapevo che non avrebbe mai accettato di uscire con me, dovevo quindi inventarmi qualcosa.
Ricordavo bene dove abitasse e ora sapevo anche che ogni mattina avrei potuto incontrarla "casualmente" alla scuola dei nostri figli. Pensai di ricattarla minacciando di svelare a tutte le altre mamme quale fosse la sua professione segreta, costringendola così a riprendere i nostri vecchi rapporti. Decisi invece diversamente. Parlai di lei con Giorgio, un mio caro e facoltoso amico che sapevo essere un frequentatore di professioniste e con lui concordai di ingaggiarla per una piacevole serata a tre. L'idea era che una volta costretta a svelarsi, non avrebbe più avuto modo di respingermi, per evitare appunto che “possibili” indiscrezioni producessero scandali in un ambiente dove non le avrebbero certo perdonato niente.
Giorgio si occupò di tutto: contrattò, e stabilì le prestazioni e il luogo. Passò a prenderla in piazza Volta e la portò in un motel appena fuori Como dove li attendevo straeccitato. Recitai la parte dello stupito e lei lo fu veramente, ma oramai coinvolta, si comportò da vera professionista. Per due ore l’abbiamo scopata in tutti i modi possibili; docile ed ubbidiente assecondava ogni richiesta vietandoci solo di riprenderla mentre si faceva chiavare…… finalmente era di nuovo mia.
Giorni dopo, la incontrai con il marito a scuola e imponendomi sfacciatamente li invitai al vicino bar per un caffè. Lui è un simpatico e cortese commerciante di vini. Era divertente vedere Luna districarsi nella conversazione nel tentativo di dissimulare, di fronte al marito, la nostra precedente conoscenza. Osservavo le sue labbra mentre sorseggiava il caffè e non potevo non ricordare la recente immagine del mio cazzo avidamente succhiato da quella stessa bocca, mentre Giorgio la teneva per le chiappe e se la sbatteva furiosamente.
Stabilii un cameratesco rapporto con il marito, facendomi passare per un estimatore di vini e d’altri passatempi comuni. Ottenni così un invito a cena in cui conobbero anche mia moglie e mentre i bambini giocavano beati e mia moglie intratteneva il marito, mi divertii a stuzzicare Luna chiedendole quanti cazzi avesse visto nella settimana e se fosse disponibile per il giorno dopo.
Era evidente che mal sopportasse la situazione, ma nessuna è più vulnerabile di una puttana che non vuole farsi conoscere per quella che è.
Ora potrei trarre vantaggi da questa nuova situazione, ma non voglio abusare della mia fortuna. I tempi in cui potevo gestirla a mio piacimento non torneranno. Per ora mi limito a stuzzicarla ogni tanto e ad imporle qualche uscita a tre col fidato Giorgio che peraltro è diventato un suo assiduo frequentatore ed estimatore.

Questo racconto di è stato letto 3 5 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.