Quel viaggio in treno

Scritto da , il 2015-05-07, genere trio

Sono passati orma 15 anni ma quel viaggio in treno me lo ricordo ancora benissimo. Era il maggio del 2000, avevo allora quasi 22 anni e volendo approfittare di un breve periodo di vacanza, decisi di visitare la Sicilia. I voli low-cost non erano ancora in auge in quegli anni e così optai per il treno, prenotando un posto con cuccetta di seconda classe sul Milano-Messina che partiva alle ore 20.00 dalla stazione Centrale con arrivo previsto a Messina l’indomani alle 11.00.
Data la stagione, il treno non era pienissimo e nello scompartimento in cui c’era anche il mio posto, trovai seduti un paio di uomini: un signore sui 55 non tanto alto e cicciottello, dal viso simpatico e con la barba grigia come i suoi capelli; l’altro era un tipo normale, sui 45, capelli castano chiari e lisci, viso pulito e con un paio di occhiali che rendevano molto sobrio il suo aspetto.
Mi sorrisero quando entrai e mi aiutarono a sistemare la mia valigia ed il mio zainetto sul porta oggetti, poi lasciarono che mi sedessi al mio posto vicino al finestrino, davanti a me c’era cicciottello, mentre l’altro era seduto sulla mia fila vicino alla porta dello scomparto, lasciando vuoto il posto che c’era fra noi.
Il treno partì puntuale e dopo un paio di fermate ed una mezz’oretta di viaggio, arrivò il controllore. Vidimati i biglietti mi chiese con gentilezza se volevo cambiare scompartimento, perché dormire lì con due uomini non era la cosa migliore per una bella e giovane ragazza come me. Mi disse che più avanti c’era una famiglia con due bambini e che se volevo potevo andare lì. Pensai al casino che potevano fare due bimbi ed alla fine decisi di rimanere dov’ero, in fondo i miei due compagni di viaggio non mi incutevano nessuna preoccupazione. “Non c’è problema” dissi, e rimasi al mio posto.
Subito dopo ci presentammo ed iniziammo a fare un po’ di conversazione. Io spiegai i motivi del mio viaggio e loro fecero lo stesso: Angelo, così si chiamava il più anziano, era un camionista che aveva avuto un incidente in Germania, aveva dovuto lasciare là il camion per le riparazioni, e stava rientrando in Calabria dove aveva sede la ditta per cui lavorava; Carlo invece era un operaio in una azienda svizzera e stava anche lui andando in Calabria per far una vacanza di 15 giorni e far visita ai parenti e all’anziana mamma.
Chiacchierammo un po’ e verso le 22.30 ci furono portate le coperte ed i cuscini, così di comune accordo decidemmo di prepararci le cuccette e stenderci per rimanere più comodi e magari provare a dormire. Gli uomini scelsero di rimanere a dormire sotto e spostarono in avanti i sedili per potersi stendere, io invece mi preparai la cuccetta in mezzo, quella sopra a dove si sarebbe steso Carlo. Quando mi spogliai i due uscirono dallo scompartimento per non infastidirmi, così tolsi Jeans e maglioncino e mi distesi al mio posto con indosso solo gli slip e una maglietta. Quando fui a posto li chiamai, loro spensero le luci e si spogliarono dei pantaloni e delle camicie per distendersi a loro volta. Tirammo tutte le tendine e fu il buio quasi totale, rischiarato solo dai brevi bagliori che di tanto in tanto entravano dal finestrino lasciato leggermente aperto e con le tendine scostate.
Io non riuscivo a prendere sonno ed in più ebbi la necessità di andare in bagno. Non volendo disturbare cercai di trattenermi, ma alle fine dovetti scendere e piano piano provare ad indossare di nuovo i Jeans. Lo spazio in mezzo ai due sedili era angusto, ma ci riuscii facendo tutto con calma, senza sapere se quei due erano svegli e mi guardavano, oppure già dormivano sonni profondi. Quando tornai dal bagno dovevo ripetere l’operazione al contrario, ma sballottata un po’ dl treno finii per cadere e sedermi sui piedi di Angelo. Lui subito mi disse di non preoccuparmi e così capii che era ben sveglio. “Questo treno si muove troppo” disse Carlo dall’altra parte, anche lui ovviamente ben sveglio.
Io però dovevo togliermi i pantaloni e saperli svegli mi imbarazzava un poco. Feci per salire in cuccetta e subito Carlo mi interrogò: “che fai, vai a stenderti con quei jeans stretti addosso?” “Puoi toglierli, tanto è buio e non vediamo…purtroppo” disse Angelo. E quel –purtroppo- mi strappò un sorriso.
“Ce la fate a non sbirciare?” chiesi io, mentre il treno però si era fermato in una stazione e le luci dei lampioni rischiaravano non poco lo scompartimento. Non so perché ma volli stuzzicarli, così mi girai con il sedere verso i loro visi, ovvero verso il lato del finestrino, e mi calai lentamente e sensualmente i miei pantaloni che lasciai scendere fino alle caviglie. Poi mi abbassai per raccoglierli esponendo ancor di più il mio culetto ai loro sguardi. Sentii i loro sospiri di ammirazione e sorridendo chiesi ad entrambi se lo spettacolino era piaciuto. Ovviamente ricevetti le loro risposte affermative.
Mi girai per guardarli in faccia e vidi i loro sorrisi compiacenti. Fu allora che decisi di proseguire il mio improvvisato show, togliendomi davanti a loro anche la maglietta e rimanendo solo con addosso l’intimo nero che indossavo. “Cacchio!!!” disse Carlo. “Ragazza fila a letto se no qui son guai!” Disse l’altro.
La cosa mi divertiva e adducendo che il reggiseno mi infastidiva non poco, me lo tolsi e rimasi in topless. “Ora sto meglio.” Dissi quasi ridendo e sempre guardando i loro volti che adesso si erano fatti seri e con gli sguardi stupefatti. Il treno ripartì e puntai un piede per provare a salire sul lettino. Fu allora che Angelo mi bloccò tenendomi un a caviglia e impedendomi di salire: “E gli slip. Non ti danno fastidio?” Mi chiese con voce tenue e fortemente lasciva. “No, quelli no” dissi io. Ma ad intervenire allora fu Carlo, che si sollevò seduto e accarezzandomi una coscia mi spronò a togliere anche quelli. “Dai. Ormai hai fatto trenta!”
Sentirmi così desiderata mi eccitò non poco e la libidine superò la ratio, cosicché senza dire più nulla, chiusi gli occhi e mi calai anche gli slip, facendoli scendere fino alle caviglie per poi filarmeli completamente aiutandomi con i piedi. Adesso ero lì, completamente nuda, in quel piccolo spazio nello scompartimento, avvolta dagli sguardi arrapati dei miei due praticamente sconosciuti compagni di viaggio.
Con gli occhi chiusi feci un piccolo passo in avanti non aspettando altro che iniziassero a toccarmi e ad accarezzarmi. E dopo qualche attimo fu così. Sentii le loro mani sulle mie gambe, che lentamente risalivano sino ad arrivare ai miei glutei. Divaricai le gambe leggermente e le loro dita lambirono il mio sesso e il mio ano. La mano di Angelo indugiò fra le mie cosce e sfiorando le piccole labbra sentì ovviamente l’umido ed il calore che la mia topina già emanava. La mano di Carlo intanto m i toccava una chiappa, mentre lui messosi seduto, iniziava a baciarmi un fianco, indugiando con la lingua sulla mia pelle morbida e profumata.
Ero eccitatissima, e volevo ovviamente spingermi oltre, così mi inginocchia fra i due lettini, spostai le coperte e allungai le mie mani sui loro cazzi. Loro si sdraiarono e si lasciarono palpeggiare, aiutandomi anche ad abbassare e sfilare le loro mutande. Presi i loro cazzi ormai duri fra le mani e iniziai a segarli lentamente, molto lentamente.
Carlo aveva un cazzo abbastanza lungo e di circonferenza normale, Angelo invece era durissimo ma poco dotato, corto e non grosso, tanto che per masturbarlo dovevo usare solo due dita. Tuttavia ormai li desideravo entrambi, li volevo ed ero tremendamente pronta a riceverli. Decisi di succhiarli e comincia da quello di Carlo, mentre maneggiavo con cura e passione il cazzo di Angelo. Poi cambiai e mi presi tutto in bocca quel cazzettino, ingoiandolo tutto e arrivando con la lingua a lambirgli e leccargli i testicoli grossi e duri.
Carlo intanto era sceso dal lettino, si era messo dietro di me e dopo avermi palpeggiato un po’ il seno, si era abbassato per leccarmi da dietro il buchino e la mia gattina ormai straripante di saporiti umori.
“Scopami.” Gli dissi. E subito lui si sollevò e prendendomi a pecora mi infilò il suo cazzo tutto dentro. Io mi spostai un po’ avanti per rendergli più facili le operazioni, sollevai la maglietta di Angelo e dopo avergli leccato un capezzolo e baciato il suo petto peloso, avvicinai la mia bocca alla sua e le nostre lingue si intrecciarono subito, mentre la mia mano scendeva di nuovo sul suo cazzo e lo masturbava con sempre maggiore velocità.
“Anch’io ti voglio!” Mi disse Angelo. E subito lo accontentai: mi sfilai da Carlo e salii sopra ad Angelo, infilandomi il suo piccolo ma potente cazzo in figa. Carlo, ormai in piedi, trovò subito i favori della mia bocca, e così con un cazzo in bocca e l’altro in figa iniziai una splendida cavalcata.
Dopo poco Carlo si staccò, si masturbò un poco ed esplose tutto il suo piacere nella mia bocca e sul mio viso angelico, mentre Angelo da sotto si muoveva come un ossesso facendomelo ben sentire anche se le dimensioni non erano notevoli.
Volevo far venire anche lui, così mi staccai, scesi con il viso all’altezza del suo pube e dopo un paio di minuti di un pompino fantastico lo feci venire nella mia bocca bevendomela tutta.
Ora toccava a me però, volevo venire anch’io. Mi sedetti sul tavolino e spalancai le gambe, invitando Carlo a leccarmi e farmi godere. E non ci volle molto: mi toccavo il clitoride mentre lui mi leccava e succhiava e dopo poco godetti, facendo ben fatica a trattenere i mie spasmi e le grida di godimento. Chiusi le labbra e trattenendo la testa di Carlo sul mio sesso godetti e mi dimenai non poco.
Dopo esserci ripresi tirammo ancora un po’ i sedili, formando un unico letto. Ci sdraiammo stanchi e soddisfatti, coprendoci alla meglio con un paio di coperte. Io poggiai la testa sul petto morbido e peloso di Angelo, mentre Carlo mi abbracciò da dietro e posò il suo sesso contro il mio.
Alle prime luci dell’alba mi svegliai, Angelo russava beato girato verso il finestrino. La mia testa era sul cuscino ma ero sempre abbracciata Carlo. Lo sentii muoversi dietro di me, poi percepii il contatto del suo sesso duro contro il mio. Mi voltai e vidi che era sveglio e sorridente, chiusi gli occhi e divaricai un poco le gambe, permettendogli di penetrarmi ancora. Io venni toccandomi il clitoride mentre lui era dentro di me. Si tolse dopo qualche altro colpo più profondo e veloce e sentii il caldo del suo seme sulle mie natiche.
Restammo un po’ lì, fino a che il treno si fermò a Napoli. Erano le 6.30 del mattino e nel corridoio si percepivano i primi movimenti. Era ora di alzarsi e porre fine al nostro piacere.
Salutai Angelo e Carlo quando più tardi scesero entrambi a Cosenza. Ci scambiammo i numeri, ma da allora non li ho più né visti né sentiti…oggi mi son ricordata di loro…un buon ricordo.

Scrivetemi pure commenti e critiche a iziasfizia@yahoo.it vi risponderò volentieri…contattatemi.

Questo racconto di è stato letto 1 4 4 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.