Ricerca racconti

Risultati di ricerca per "atto" :

6 0 1 racconti trovati.

Come diventai un attore 11
genere: etero
Il giorno Angela parte per “gli studios” e io mi dedico ai libri. Sto leggendo e rileggendo un concetto particolarmente ostico quando arriva un sms. E’ di Giada che mi dice di collegarmi al sito per guardare un video in diretta alle 16,00, però di vedere prima l’ultimo video pubblicato. Lo faccio grato per la distrazione dai libri e mi...
scritto il 2020-06-11 | da Suve
Come diventai un attore 10
genere: etero
Riprendiamo la solita vita, quasi monotona se non per il fatto che il padrone del pub voleva sostituirci al lavoro. In effetti non era stato molto contento di vederci andare via anche solo per pochi giorni, soprattutto Angela. C’è quasi una sollevazione popolare tra le altre cameriere e la clientela e lui torna sulla propria decisione. In...
scritto il 2020-06-07 | da Suve
Come di ventai attore 9 (numero vero)
genere: etero
Mi scuso, per distrazione ho saltato il capitolo 8 che è quello precedente a questo erroneamente denominato 9. Comincia il lavoro. C’è un gazebo molto grande con alcuni tavoli di legno massiccio e panche, cominciamo da lì, io disteso sul tavolo e Filomena in piedi china sopra di me che me lo prende in bocca. Jean ordina e scatta, Giada...
scritto il 2020-06-04 | da Suve
Come diventai un attore 9
genere: etero
La settimana vola tra studio e impicci vari, il sabato rivedo Angela al pub e la trovo tesa, Tra un servizio e l’altro ho modo di chiederle e mi dice che ha litigato ancora col ragazzo. Lui non ha gradito la sua assenza né il suo ignorare le telefonate. Lei non può certo dirgli che stava facendosi sbattere in lungo e in largo. Il lavoro...
scritto il 2020-05-29 | da Suve
Come diventai un attore 7
genere: etero
Eravamo tutti nella sala, ricoperta di tappeti e con svariati divani e poltrone. Tutti e otto pronti a girare. La sceneggiatura era scarna: io e gli altri tre uomini avremmo dovuto fingere di giocare a poker mentre le donne ci guardavano da dietro le spalle. Da una battuta scherzosa doveva partire una gara a chi l’avesse più grosso, quindi ci...
scritto il 2020-05-25 | da Suve
Come diventai un attore 6
genere: etero
Dieci giorni dopo venni chiamato ancora dal solito regista. Brevemente mi informò che era una due giorni in cui avrei dovuto in parte riprendere e in parte “recitare” poiché c’erano di nuovo Giada e Mila che mi avevano voluto. Avremmo girato e dormito in una delle tante ville della bassa, neanche troppo distante. Così al mattino presto...
scritto il 2020-05-20 | da Suve
Battona
genere: gay
Era stata una giornata strana, in ufficio ero irrequieta, avevo voglia, ma il mio collega era assente, e io non ero stata soddisfatta da un paio di giorni, così, una volta arrivata a casa, mi sono fatta una bella doccia, e poi mentre mia moglie preparava la cena, io mi stavo preparando, reggiseno, slip, reggicalze, e poi in accappatoio, una...
scritto il 2020-05-17 | da TATO
Come diventai un attore 5
genere: etero
I mesi successivi ripresi la mia solita vita: studio, lavoro al pub, due-tre volte al mese al lavoro come operatore, me la passavo bene a parte gli esami che erano sporadici se pur con buoni risultati. Ero sempre indeciso se chiamare o meno Giada. Dal regista e dagli altri addetti ai lavori sapevo che viaggiava molto, girando spesso...
scritto il 2020-05-15 | da Suve
Come diventai un attore 4
genere: etero
Vengo risvegliato da una mano che mi scuote, è l’assistente di regia che mi chiama, è ora di riprendere a girare. Sempre con l’accappatoio scendo al piano terra. Questa volta devo partecipare a un’ammucchiata con l’altro gruppo, un’orgia nel salone con i protagonisti dell’altro set, dei nostri mancano Mila e Giada, lo noto subito....
scritto il 2020-05-14 | da Suve
Come diventai un attore 3
genere: etero
Passato l’entusiasmo del momento ripresi il mio solito tran-tran fatto di studio e noia. Un mese dopo mi chiamarono ancora, e fu solo come operatore per alcune riprese che richiesero mezza giornata in un appartamento di periferia. Avevo rimesso a posto la macchina da presa e aspettavo che mi consegnassero il mio compenso. Anche questa volta...
scritto il 2020-05-13 | da Suve
Come diventai un attore 2
genere: etero
Arrivò il momento del ciack: vestito in abiti sfarzosi che ero riuscito a farmi entrare spalancai la porta che dava su una camera ampia con un letto a baldacchino. Su di questo, coprendosi con le lenzuola ma non tanto da non far vedere il seno, c’era Giada con la bocca spalancata e l’aria impaurita. Di fianco, sotto le coperte, s’intuiva...
scritto il 2020-05-09 | da Suve
Come diventai un attore
genere: etero
Un altro racconto a puntate che scrissi anni fa. Mi dispiace ma con i vari sviluppi è troppo lungo. I casi della vita: da studente universitario, regolarmente fuori corso, mi mantenevo agli studi lavorando il fine settimana in un pub e, ma questo non lo dicevo in giro, facendo il video-operatore. Non lo dicevo perché era un lavoro clandestino....
scritto il 2020-05-05 | da Suve
Senza gioia è ciò che ho fatto
genere: poesie
Senza gioia è ciò che ho fatto: ho ferito colei che amavo E' stata una pazzia non far ciò che voleva non foss'altro che per timore del Cielo Vantaggioso per noi era l'incontro sperato: oltrepassare la pena fino al Paradiso Per un'inezia si adirava con me grande per lei la tenerezza mia Io sono Cagliostro e ho amato Saretta è vero ciò che...
scritto il 2020-04-15 | da cagliostrus
Il pipistrello. Atto I, scena IV
genere: trio
Il pranzo era appena terminato in casa Von Eisenstein. Adele aveva già annunciato la sua richiesta alla signora Rosalinde. Ma questa voleva che la decisione finale fosse presa anche dal signor Conte. Gabriel era piuttosto di buon umore dato lo svolgersi della mattina. Aggiungete che la pillola datagli dal notaio Falke non aveva ancora terminato...
scritto il 2020-04-13 | da Beinhorn
Ritratto di signora con tosa - Spiaggia
genere: saffico
A fine marzo sul litorale di Grado si stava d’incanto. Sull’arenile, senza stivali ad affondare i piedi nella sabbia, a masticare nicotina e tanti saluti a Loredana Bertè. Avrebbe dovuto essere la festa di primavera, finestre spalancate e gerani a far ridere i davanzali. Una ricorrenza, la nostra –mesiversario usano i miei studenti- un...
scritto il 2020-04-10 | da mare_di_beaufort
Ritratto di signora con tosa - Giovedì pomeriggio
genere: saffico
Precipitata, come accade agli aerei male in arnese, affondata, come una grossa portaerei a battaglia navale. Crollata, come Giuliana in mezzo alla neve di gennaio. Ci passavo pomeriggi interi a camminare per le campagne in mezzo ad una distesa senza forma e confini. C’ero solo io in giro a piedi ad allungare una fila di orme che l’occhio...
scritto il 2020-04-09 | da mare_di_beaufort
Ritratto di signora tosa - Fluttuazioni
genere: saffico
La prima mesata era trascorsa e, non si sa come, s’era riuscite a dare un minimo di regolarità alla nostra frequentazione. Era da ridere pensare a come Giuliana Zorzolo figlia-madre-moglie-professionista stimata fosse riuscita a mettere in piedi una doppia vita scavando tra le pieghe di un’esistenza scandita da rigidità quasi militare. Un...
scritto il 2020-04-08 | da mare_di_beaufort
Ritratto di signora con tosa - Interno
genere: saffico
Era iniziata un po’ così, come canta qualcuno con la voce roca ed adesso sei diventata come la biada per le bestie da soma perché questo mi fai sentire, una giumenta che sospira la sua mula. Era stato un gioco di parole neanche dei più fini, tra il mio nome Giuliana e le Polo alla Menta che a decine semino dappertutto: giumenta, sempre...
scritto il 2020-04-07 | da mare_di_beaufort
Patto con il Tempo
genere: interviste
Il Tempo si è fermato... Chi sono? Chi ero? E, tra queste domande, il Tempo. Come un ponte per unire me stessa, per farmi trovare nel mio spazio nuovo. Fermarmi... Invece traballo insicura, trascinata dalle onde della vita. Non sono dolci le mie onde, Mai stato tranquillo il mio mare. Molte volte mi sono trovata nel cuore di una tempesta. Vedo...
scritto il 2020-03-17 | da Alba17
Oggi ne ho presi quattordici
genere: gay
È quasi l’una, sono nel letto, sveglio, sto facendo un po’ di conti. Maurizio, Livio, Romoletto, Mauro, Gabriele, Dean, Teo, Riky, Jonny, i due Marco, Adelmo, Samuelone, Ughetto. Quattordici, sono quelli che mi hanno inculato oggi. Non è il mio record, ce ne sono stati di più, sicuramente, però tutti in gruppo, uno dietro l’altro, non...
scritto il 2020-03-08 | da Pisellino
Voi che avreste fatto?
genere: etero
Voi che cazzo avreste fatto al mio posto? Sono Mauro e lavoro… beh, meglio non dirlo, comunque sono un “colletto bianco” e nel casermone stile Fantozzi dove lavoro siamo tanti, veramente tanti, impossibile conoscerci tutti. Ovvio che le persone con cui sei più a contatto le conosci, di altre ne senti parlare spesso pur non incontrandole,...
scritto il 2020-02-28 | da Suve
Ho fatto tardi
genere: masturbazione
Ore 9.00 dovrei già essere al lavoro e invece.
Invece mi trovo ancora a casa, a guardare le chiavi dell'auto, bloccato, svuotato, annullato.
Ogni giorno la stessa routine: colazione, cacatone, doccia, auto, lavoro, lavoro, lavoro, cena, nanna.
Se va bene ci scappa una scopata, altrimenti una fugace sega. Una allettante sega se mi gira di...
scritto il 2020-02-10 | da simonehappysun
Il gatto con gli stivali
genere: tradimenti
Gli anni ‘90 volgevano al termine,oh,si,certo che volgevano al termine,inesorabili come in un crepuscolo, che ci avrebbe proiettato in questo mondo post neo tecnologico, così impalpabile e liquido,da non riuscire mai però’ a toccarlo realmente nell’anima ..... Già’, gli anni ‘90, la fine del secolo, ultima decade del ‘900, figli...
scritto il 2020-01-31 | da Stripper
Ricatto hard
genere: gay
Assumo un cameriere, si presentò con un ricco curriculum,aveva lavorato in prestigiosi locali,dopo pochi giorni già avevo capito che il ragazzo era molto professionale. Si chiama Fausto,bella presenza alto e occhi chiari,30 anni tre lingue parlate benissimo! Peccato per le molte donne che ci avevano fatto un pensierino,lui era gay...........
scritto il 2020-01-31 | da Lo prendo tutto
Gae, la prima sega che ti ho fatto
genere: masturbazione
Ricordo, seduti nella cabina di un camion della sua azienda, lui, Gae stava montando lo stereo nel camion e io ero seduta li accanto a lui e mi faceva strani discorsi sul, ....hai mai visto il cazzo di un'altro ragazzo? e io finta ingenua ho detto, no, ma in realtà avevo ben goduto quello di Calox, e lui senza dirmi niente lo tira fuori, 25cm...
scritto il 2020-01-16 | da Tony20
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.