Ma come e' porca mia suocera

Scritto da , il 2022-12-01, genere incesti

Ma come e' porca mia suocera
Mi chiamo Luca, 40 anni sposato con Maura mia coetanea, abbiamo due figli di 15 e 14 anni, siamo una coppia felice, i miei genitori vivono in meridione, mentre i miei suoceri abitano vicino a noi, ci hanno aiutato molto con i bambini e siamo molto affiatati, mio suocero ha 70 anni e mia suocera 60, una donna piacevole, un pò in carne ma molto seria, sempre vestita in maniera sobria, mai una parola fuori posto.
Un pomeriggio esco prima dal lavoro, mia moglie compie gli anni e io mi reco in un grosso supermercato a dieci minuti di auto da dove abitiamo, vado a comprare dei profumi per la moglie, nel parcheggio vedo l'auto dei miei suoceri, forse saranno a fare la spesa, compro i profumi esco e vedo mia suocera al bar seduta con un ragazzo di colore, non mi faccio vedere ed ecco che escono, li seguo, salgono in auto, vedo che vanno in una strada fuorimano con molte siepi, insomma una zona molto isolata, metto i profumi nel cofano e li seguo, passo dietro le siepi e vedo che si baciano, sconvolgente, poi si spogliano, wow che tette che ha mia suocera, si mette nuda a pecora tra i due sedili e il ragazzo da dietro la scopa, vedo il suo volto sfigurato dal piacere, il ragazzo la pompa bene, come le ballano le tette, poi me ne vado ma non dopo aver fatto delle foto di mia suocera nuda scopata dal ragazzo.
Sconvolgente e fa tanto la donna seria e fedele, alla faccia, poi si fa scopare in auto, con me e' sempre stata seria, ma adesso vedremo, torno a casa e mi faccio i fatti miei, la domenica con i figli siamo a pranzo dai suoceri, lei sempre irreprensibile, fa tanto la gran signora perchè il marito e' un dirigente in pensione, mi ha sempre fatto pesare il loro tenore di vita, ora mi vien da ridere a pensarla a pecora in auto, la porcona.
Parlando del più e del meno mio suocero mi racconta che il mercoledì andrà in montagna con amici a fare una castagnata, drizzo le orecchie, la porcona sarà sola in casa, bene bene, la giornata passa tranquilla, torniamo a casa, la settimana inizia, il martedì prendo ferie per il giorno dopo, il mercoledì esco come se dovessi andare la lavoro, poi vado al bar, faccio colazione e verso le dieci mi presento da mia suocera, lei e' sorpresa, le dico che passavo di lì e volevo chiederle se stava bene, mi offre un caffè, le parlo di suo nipote che vuole il motorino e le chiedo cosa ne pensa, poi mentre e' girata a versare il caffè nelle tazze mi avvicino e la abbraccio da dietro, come sei bella Luisa, le palpo le tette, lei si gira come una furia, ma sei matto Luca, lo dirò a mia figlia, io rido, scusa guarda qui e le faccio vedere dal cellulare le foto di lei con il ragazzo, lei arrossisce, bene Luisa se vuoi ne parlo con Adolfo tuo marito, vediamo se sarà felice.
Lei sorride, ma no non mi pare il caso, in fondo sei un bell'uomo, se ti piaccio possiamo fare tutto in amicizia, poi mi palpa il cazzo, wow come sei eccitato, dai andiamo in camera, la seguo, si spoglia, wow figa depilata, secondo me e' più porca di quel che penso, mi spoglio, il cazzo bello duro, la metto a pecora e le alzo bene il culo, la palpo, che figa calda e bagnata, gioco un pò con il suo clitoride e la faccio mugolare e poi le infilo il cazzo nella figa bagnata, ahhh che grosso sospira, la prendo per i fianchi e inizio a pomparla con forza, ahh come mi piace, sei bravissimo, ahhh mi fai venire e inizia a venire, come è bagnata, la scopo per bene, poi la giro, la metto alla missionaria, le tiro su le gambe, la faccio venire ancora e poi le sborro dentro.
Wow sei fantastico mi dice, meglio io o il ragazzo le chiedo, meglio tu, ma ora ficcamelo in culo, inizia a farmi un pompino, wow come succhia, mi fa eccitare subito, poi si gira, le lecco il buchino, ahh che bravo, la mia lingua allarga il suo ano, lo lecco benen e poi la prendo per i fianchi e la inculo, il cazzo entra con non molta fatica, inizio a sbatterla con forza, ahh che bravo ah le palle che sbattono ahhh ma come e' porca mia suocera, dopo un pò se ne viene di culo, ah come mi piace sentire le palle che sbattono, mi fai venire, sei bravissimo, mio marito non e' mai riuscito a farmi venire con il culo, continuo a stantuffarla, se ne sta venendo ancora, poi mi dice dai sborrami in culo e io le sborro nel culo.
Poi ci laviamo e dopo pranziamo, già che sei qui pomeriggio mi devi scopare ancora mi dice, e poi sarà il nostro segreto, ho bisogno di un vero amante, non mi fido a portare sconosciuti in casa e in auto non mi basta, hai capito la signora, poi indossa delle scarpe con il tacco bello alto, mi piace stare nuda con le scarpe, poi cucina e mangiamo, una bella bistecca con insalata, dopo caffè e poi ci sediamo sul divano, due bei bicchieri di whisky, poi si inginocchia, che succhiata, il cazzo e' duro e lei si mette a cavalcare, ohh come mi piace, così ti sento tutto mio, ti sento tutto dentro, cavalca piano gustandosi tutto il cazzo, l'asta e la cappella, lo fa uscire, rientare e poi bam con forza tutto dentro, ahh come godo, me ne sto venendo proprio bene, infatti la sento che mi cola il suo piacere sulle palle, dopo quasi un'ora, ahh sono venuta davvero tanto, ora ti voglio bere e si inginocchia, io resisto ma quella bocca vogliosa mi aspira e dopo poco sborro e le mi beve e succhia tutto, lo pulisce proprio bene, ahh che bevuta.
Senti mio marito ogni mercoledì va in montagna, possiamo fare quello che vogliamo, ci stai mi chiede, io che ho scopato tanto e bene, sono venuto tre volte, ed ho goduto davvero tanto non posso che accettare, e la nostra storia continua, lei e' una amante fantastica e non crea problemi, posso sborrare in figa senza problemi, viva mia suocera.

Questo racconto di è stato letto 2 0 3 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.