Mia figlia e la sua amica

Scritto da , il 2022-12-05, genere incesti

Mia figlia e la sua amica
Mi chiamo Luca, 50 anni, una moglie due figli, ho uno studio dentistico, mia moglie e' molto gelosa e ho un assistente uomo, mio figlio ha 16 anni mentre mia figlia Luisa ne ha da poco compiuti 18, da alcuni mesi la sera tardi vado a prendere mia figlia all'uscita della discoteca, e' arrivata l'estate e lei e' sempre più bella, gonna corta, camicetta attillata, poi ultimamente ha fatto amicizia con una ragazza sui venti anni, anche lei molto bella, di solito la accompagnamo a casa e poi torniamo a casa, una sera mia figlia mi dice che non si sente bene e mi dice di accompagnarla prima a casa, dopo accompagno la sua amica, arrivati a casa mia figlia scende e la sua amica Monica si siede davanti, la minigonna sale ancora di più, si accorge che le guardo le gambe e sorride,
poi mi dice che vive sola e se voglio bere qualcosa dieci minuti da lei, arriviamo la strada e' deserta, io le dico che preferisco andare a casa, lei mi guarda negli occhi, davvero vuoi andare via, poi mi bacia e dopo le sue mani tastano il cazzo, sa come eccitarmi, parcheggio e saliamo, entriamo, ci fiondiamo sul divano, la passione ci prende, ci spogliamo velocemente, la metto a pecora sul divano e le sono dentro, come e' bagnata, il cazzo e' durissimo, la prendo per i fianchi e la pompo con forza, dai dai che mi fai venire, ahhh anche tu mi fai venire, no non venire prima di me dai dai dai ahhhhhhe viene con forza, dopo poco le sborro dentro, wow che scopata.
Poi torno a casa, vado a letto e dormo come un sasso, il giovedì pomeriggio torno a casa prima, non ho appuntamenti, entro a casa e mi bevo un whisky sul divano, a un certo punto arriva mia figlia, camicetta aperta e mutandine quasi trasparenti, ciao papi e si siede sul divano, io la guardo, poi mi chiede cosa ne penso di Monica, io arrossisco, carina e simpatica rispondo, lei ride, papi mi regali l'auto mi chiede, ma non so devo parlarne con la mamma, lei si avvicina, mi strizza l'occhio e poi mi tocca il cazzo, Monica dice che sei ben dotato, io sono rosso, non so che dire, poi le si abbassa, apre la cerniera, wow che grosso e inizia a farmi un pompino, wow che pompino, non resisto, dopo poco le sborro in bocca, poi sento la porta che si sta aprendo, mia figlia si alza e con la bocca piena si rifugia in cameretta, io mi sono appena richiuso la cerniera che entra mia moglie, la saluto e poi le accenno che Luisa nostra figlia vorrebbe fare la patente e un'auto, lei si dice contraria, poi arriva anche nostro figlio e ceniamo.
Un giorno Monica mi chiama e dice che vuole vedermi, un pomeriggio vado a casa sua, la passione ci prende e finiamo a letto, la scopo alla missionaria e poi a pecora, questa volta resisto e la faccio godere davvero tanto, poi le sborro dentro, ci rilassiamo sdraiati ed ecco che entra Luisa, con il cellulare ci fa delle foto, poi si spoglia, inizia a baciarsi con Monica, dopo iniziano una sessantanove, mia figlia ride, che buon sapore la tua sborra nella figa di Monica, la prossima volta ti voglio spompinare con calma, anzi vedendo che il cazzo e' bello duro mi fanno sdraiare e lei e Monica iniziano a spompinarmi, poi mia figlia mi mette la figa in faccia e io succhio, la sento bella bagnata, lei mi spompina con grande voglia, ahhh mi fai venire, si dai che ti bevo con gusto, le sborro in bocca e lei ingoia e mi pulisce bene il cazzo, ahh che buona, adesso papino l'auto me la devi comprare dice.
Torno a casa, la sera davanti ai figli io ribadisco che Luisa desidera un'auto e io non sono contrario, ma mia moglie si incazza tantissimo, litighiamo e volano parole grosse, poi lei va a dormire nello studio, io sono in camera, la notte entra mia figlia nuda, papino ti voglio bene, inizia a spompinarmi e poi si mette a pecora, dai inculami, io sono come ipnotizzato da quel culetto da sogno, entro in lei, e' stretta, mi avviluppa, mi fa godere, dopo poco le sborro dentro.
Lei torna in camera sua e io dormo come un sasso, la mattina mia moglie e' ancora incazzata, poi mi dice che va bene ma un'auto usata, al pomeriggio io e mia figlia andiamo a vedere in una concessionaria diverse auto, ne scegliamo una, dopo una settimana potrà ritirarla, siamo in auto e mentre torniamo lai mi dice di entrare in una via laterale, papino sono felice, ora ti voglio bere e inizia un pompino, io resisto ma dopo un quarto d'ora le sborro e lei beve e pulisce tutto, se tu fai il bravo con me io ti farò godere quando vorrai, adesso andiamo alla scuola guida e mi iscriverai per la patente, io obbedisco, ma le dico un giorno a casa di Monica ti voglio scopare, lei sorride, vedremo se farai il bravo.

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.