Immaginama: Puoi

Scritto da , il 2022-11-24, genere masturbazione

Insostenibile leggerezza di Essere


Caro lettore... sì, è per voi maschietti, ma anche le donne possono leggerlo e magari riconoscersi...

Ti sei mai fermato a guardare la tua donna mentre stira, lava i piatti, spolvera o altro, i soliti lavori noiosi e faticosi, densi di monotonia?
Quella sua spallina del reggiseno o top o vestitino, copricostume o altro?

Non stanno mai su, ci vorrebbe un'inchiodatura.

Ma ci sono dei momenti in cui noi la facciamo scendere e risalire, sfilare e rinfilare con un gioco seducente di polso, di proposito.
Quel pizzico, quel solletico a volte, passa da fastidio, a puro piacere, una sottile perversa lussuria.
Quando vedrete quel pezzetto di stoffa, che resta lì, fermo a metà spalla, in quel momento è diventata mero strumento di seduzione e possiamo immaginare che lei immagina una lingua che, al posto della spallina, lascia una scia di saliva calda, eccitante e poi insieme alle dita accarezza e comincia a scendere giù, lungo le perle della schiena, fino in fondo al corollario, sull'altare pagano del piacere più lussurioso,più nascosto.
Potreste avvicinarvi e sentire quanto è bagnata, in estasi.
Non avete mai pensato, che mentre fa questi lavori noiosi e a volte faticosi, potrebbe essere presa da una voglia,
leggera, sì,
ma insostenibile,
di essere
scopata?

—-------------------------------------------------
AVVICINATI,ACCAREZZA,AMA,
è COSI’ BELLO e SEMPLICE

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.