Mia figlia si masturba con un cazzo enorme

Scritto da , il 2022-11-18, genere incesti

Mia figlia si masturba con un cazzo enorme
Mi chiamo Paola, 50 anni divorziata, mia figlia di 24 vive con me e frequenta l'università, studia molto ed esce poco, anche io esco poco e dopo il tradimento di mio marito, la separazione e il divorzio con gli uomini ho chiuso.
Una notte ho sete e vado in cucina a bere un bicchiere di latte, poi mi sembra di sentire dei sospiri in camera di mia figlia, strano, mi avvicino e sento ahhh che bello ahh come godo, spalanco la porta e accendo la luce pensando ci fosse un uomo e invece
la vedo nuda, con un enorme cazzo finto che si sta masturbando con foga, ahhh mamma via via lasciami godere mi dice, io mi avvicino invece, quel cazzo mi attira, e' enorme, poi la carezzo, come sei bella, io sono 160 cm un pò tanto in carne, lei 170 cm, molto bella, capezzoli enormi e seni sodi, poi inizio a giocare con il suo clitoride, ahhh mammma che fai, ma tra il cazzo enorme e la mia mano se ne sta venendo con forza, il seno si solleva nel respiro.
E' venuta tantissimo, l'interno delle cosce e' bagnato, non so cosa mi prende ma le tolgo il cazzo e inizio a leccare e succhiare la sua figa copiosamente bagnata, il suo sapore mi piace, lecco e succhio e lei ohh mamma che bello e dopo poco mi prende la testa tra le mani e la spinge sul suo sesso, io gioco con il clitoride e la sento venire ancora, poi si rilassa e io mi stendo a fianco a lei.
Dopo poco si addormenta, io prendo il cazzone e inizio a giocare con la mia figa, sono bagnata, non sono venuta ma leccarla mi ha eccitato, lentamente la figa si allarga e il cazzo inizia a entrare, godo e sospiro, d'un tratto mia figlia si sveglia, mi guarda e poi spinge con forza il cazzone nella mia figa ahhhh mi hai fatto male, ma lei comincia a muoverlo avanti e indietro nella mia figa, mi ha fatto male ma ora un grande calore mi invade, ho la figa oscenamente spalancata, tiro su le gambe per sentire il cazzo dentro di me, ahhh come godo, mi sento piena, colma, come mai, mi sento venire, schizzi che colano a stento dalla figa spalancata, poi lei toglie il cazzone e succhia e lecca la mia figa, ahh che buona che sei mammina.
Ci addormentiamo abbracciate e la mattina ci svegliamo, meno male che e' sabato e non lavoro, ci baciamo e poi iniziamo una sessantanove, dopo poco veniamo una nella bocca dell'altra, che bello e che piacere, dopo facciamo colazione, e' estate e che bello stare nude per casa, poi lei esce per incontrare degli amici, io resto a casa, poi prendo il cazzone, ha una ventosa, lo fisso al pavimento e poi a fatica mi siedo e lo faccio entrare nella figa, ahhh come mi entra bene dentro, mi ci siedo sopra, saranno almeno trenta centimetri che spariscono nella mia figa famelica, lentamente salgo e scendo, quel cazzone mi fa impazzire, vengo e mi siedo, vengo con quel cazzone tutto dentro, insomma passo due ore a godere con quel cazzone e con il clitoride gonfio e rosso, alla fine riesco a sfilarmi e ad alzarmi, wow come sono venuta, il pavimento e' tutto bagnato, devo stare attenta a non scivolare e ora un bel bagno rilassante.


Questo racconto di è stato letto 1 2 8 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.