Confessione di un money slave

Scritto da , il 2022-10-08, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Sto scrivendo questo testo dopo la seduta mattutina, accarezzando il mio piccolo pisello, mentre guardo la foto del mio padrone, anche se è tutto tranne che bello. Penso al suo culo in cui vorrei seppellire la mia faccia, ai suoi piedi da cui vorrei essere calpestato.

ogni mattina mi masturbo guardando le sue foto, ma non mi è permesso di sborrare se non ho pagato la mia tassa sulla sborra. Sento il piacere crescere e carico il suo PayPal, poi invio i miei 50 euro e aspetto la risposta. Alcuni giorni la risposta è immediata e io posso sborrare in quel momento. Altri giorni mi fa aspettare, con la pressione che sale e i secondi che scorrono con una lentezza agonizzante.

Ma risponde sempre e, finché ho pagato la mia quota, mi permette di sborrare. È così corretto.

Una volta non ero così. Una volta ero un uomo normale, un uomo vero, che viveva una vita normale. Avevo una moglie. Spendevo i miei soldi per quello che volevo. Cene fuori, mobili nuovi, videogiochi, tutto quello che volevo.

Ora mi rendo conto che pensavo solo di essere un vero uomo, ma mi sbagliavo. Nel corso degli anni ho avuto una serie di relazioni con donne, ma non sembravano mai durare. Uscivamo, compravo loro cose belle, facevamo sesso… a volte. Mi piaceva scopare con le donne, credo proprio di sì, ma non sembrava che a loro piacesse. Un paio di mie ex mi hanno detto che lo avevo troppo piccolo per loro, ero troppo debole, non abbastanza virile. La maggior parte ha finito per tradirmi.

Quando ho conosciuto mia moglie, Monica, la maggior parte della mia famiglia mi ha detto che mi stava usando per i miei soldi, ma a me non importava. Era bella, intelligente e l’amavo. Ma con il passare del tempo la nostra vita sessuale è cambiata. Mi diceva che il mio cazzo era troppo piccolo e che dovevo usare dei giocattoli per farla eccitare. Alla fine, non si preoccupava nemmeno di aiutarmi a sborrare. Mi diceva che voleva che le leccassi la figa e poi, una volta finito, mi buttava fuori dal letto e andava a dormire.

Lo scoprii solo più tardi, ma anche lei mi tradiva.

La cosa triste è che anche dopo aver scoperto che andava con altri uomini, non l’ho lasciata. Ero così debole che avrei fatto qualsiasi cosa per sistemare le cose. Ma si scoprì che uno dei suoi nuovi fidanzati aveva ancora più soldi di me, e che il suo cazzo le aveva toccato punti che io non ero mai riuscito a toccare, così finì tutto. Prese metà della mia roba e se ne andò.

È lì che è iniziata la mia trasformazione.

Ero triste, solo e alla ricerca disperata di attenzioni. Iniziai a guardare un sacco di porno online, masturbandomi con il mio minuscolo uccello davanti a video di donne bellissime che si facevano scopare da uomini molto più imponenti di me. Ma il porno mi ha soddisfatto solo fino a un certo punto, ero ancora così solo e mi sentivo ancora così inutile.

Iniziai a trovare online donne che vendevano contenuti personalizzati, e le pagavo per scattare foto o fare video, qualcosa solo per me. In uno di questi video, una bionda sexy ha fatto un accenno alla cifra che avevo pagato per il video e mi ha detto che non vedeva l’ora di averne altri da me la prossima volta che avrei voluto un video.

Per lei era una dimostrazione di fiducia nelle proprie capacità, una promessa che il video mi sarebbe piaciuto così tanto che sapeva che sarei tornato a comprarne un altro. Ma per me? Era un risveglio.

Ho iniziato a seguire online donne specializzate nell’accettare denaro dagli uomini. Presto ho imparato molto sulla dominazione finanziaria e mi è piaciuto, ma non mi sembrava del tutto giusto. Queste donne erano proprio come mia moglie, come le mie ex fidanzate, donne che in teoria avrei potuto conquistare, proprio come avevo fatto con le mie precedenti amanti. Forse non ero in grado di soddisfarle, ma in passato avevo avuto un discreto successo con le donne. Era proprio così, solo che non ricevevo nulla in cambio.

Poi ho incontrato LUI.

In un gruppo in cui mi ero iscritto aveva postato un lungo messaggio che sembrava parlare direttamente a me. Diceva:

Ciao voglio che tu rifletta bene su ciò che sei e su ciò che vuoi dalla vita.

Ti senti debole? È perché lo sei. Pensi di essere inutile rispetto a un uomo forte e vero? Ancora una volta è così. Sei una nullità, uno zero, una perdita di tempo per tutti. Uno spreco di spazio.

Non servi a nessuno.

Probabilmente hai un cazzo minuscolo e che si potrebbe definire un clitoride appena accennato. Nessuna donna ti vorrebbe. Diavolo, a nessun uomo serviresti se non come buco per scaricare un carico quando è disperato.

Ma va bene così, perché non sei fatto per provare piacere in quel modo. Quello è per altri uomini. Uomini migliori. Uomini superiori. Loro possono usare i loro grossi cazzi duri per eccitarsi. Tu meriti di avere il tuo rinchiuso, in modo che il tuo unico modo di provare piacere sia attraverso il servizio agli altri.

Vuoi servire uno scopo, vero? Sentirti utile? Come se stessi contribuendo a qualcosa per il mondo?

Lo scopo della tua esistenza è la sottomissione. Il tuo scopo è provvedere agli altri. Questo è ciò che sei.

Le mie ginocchia si sono indebolite e il mio stomaco ha tremato quando ho letto ciò che aveva postato. Era come se stesse parlando direttamente a me, di me. C’era un uomo forte, potente, etero, qualcuno che non aveva assolutamente bisogno di me se non come bancomat umano, e questo mi eccitò moltissimo.

Lo raggiunsi, gli spiegai la mia storia e gli dissi che ero molto interessato a cercare di servirlo, ma che era difficile perché anch’io ero etero. Non trovavo affatto attraenti sessualmente gli uomini come lui. Ma aveva un modo di fare. Dovevo provare.

Così mi diede dei compiti quotidiani. Mi mandò delle foto del suo corpo, compreso il suo cazzo, e mi disse che d’ora in poi avrei smesso con il porno femminile. Mi era permesso masturbarmi solo se guardavo le sue foto. Anche se non ero eccitata, anche se non ne avevo voglia, mi erano stati assegnati orari e tempi precisi per giocare con me stessa guardando esclusivamente lui.

Non cercava di farmi diventare gay, non gliene fregava niente se avessi mai fatto sesso con un altro uomo, ma mi addestrava a adorarlo.

lì inviavo denaro ogni giorno, all’inizio solo piccole somme, ma presto mi accorsi che ogni volta che gliele inviavo il mio pisellino diventava duro. Dopo un paio di settimane il mio cazzo reagiva alle sue foto ancora prima di iniziare a toccarmi. Mi ritrovai a fantasticare su di lui per tutto il giorno. A volte gli inviavo quantità extra solo perché mi eccitava.

A volte facevamo un gioco d’azzardo. Facevo girare una ruota online o tiravo dei dadi e lo pagavo in base al risultato. A volte c’era una sfida da portare a termine, e i pagamenti dipendevano da quanto ero bravo o da quanto tempo ci mettevo a finire.



Poi arrivò la tassa sulla sborrata. Un giorno dissi al padrone che non solo cominciava a piacermi guardare il suo corpo e il suo cazzo, ma che avevo cominciato a sborrare più forte che mai pensando a lui. Capii che questo gli faceva piacere, ma gli diede anche un’idea. Da quel giorno in poi, se avessi voluto sborrare, avrei dovuto prima pagare cinquanta euro di permesso.

Naturalmente il solo pensiero mi fece diventare duro e eccitato, e in breve tempo inviai il pagamento e aspettai il permesso.

Ecco come sono arrivato qui e come sono diventato un fedele e felice money slave di un padrone. Il mese scorso ho ricevuto un grosso bonus al lavoro e ho immediatamente inviato il tutto al mio padrone. Sono una patetica puttanella come me non si merita tutti quei soldi, ma il mio padrone sì.

Subito dopo aver inviato il mio bonus, il padrone mi ha affidato un incarico speciale: scrivere del mio viaggio nella dominazione finanziaria e di come sono diventato il suo fedele servitore, in modo da poterlo pubblicare su questo sito. Mi ha detto che se avessi fatto un buon lavoro mi avrebbe fatto uno sconto sul mia prossima sborrata, ma onestamente? Spero che mi faccia pagare il doppio.

Il padrone se lo merita.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 1 6 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.