Erotici Racconti

Incesto

Scritto da , il 2018-01-11, genere incesti

E’ sabato sera… anzi notte! Rientro a casa dopo essere stata fuori a cena con gli amici. La casa è buia e silenziosa. Entro nella mia stanza e mi spoglio nuda. Dormo sempre nuda. Sono passati almeno 15 minuti e non riesco a prendere sonno. Mi alzo e vado in bagno e poi in cucina a bere un sorso d’acqua. Mentre sto passando davanti alla stanza dei miei la porta si apre. Davanti a me c’è mia madre completamente nuda. Non posso non notare i sui capezzoli ritti ed eccitati. Dietro di lei mio padre steso sul letto, anche lui nudo. Io e mia madre ci guardiamo. Allungo una mano verso il suo seno e le prendo tra le dita un capezzolo. Lo stringo tra indice e pollice e lei chiude gli occhi. Mi avvicino a lei. I nostri seni si sfiorano. Unisco le mie labbra a alle sue che si aprono e lasciano che la mia lingua raggiunga la sua. Dopo quel bacio lei mi prende per le mani e mi accompagna sul letto. Papà ci sta aspettando. Il suo cazzo è appoggiato sulla sua pancia ma dopo averci viste mentre ci baciavamo ha iniziato a gonfiarsi leggermente. Mamma lo prende delicatamente in mano ed inizia a segarlo piano. La guardo estasiata. Quanto ho desiderato quel cazzo. Mi fa cenno di prendere in mano quell’asta che sta diventando enorme. Mi avvicino quasi timorosa e finalmente ho tra le dita quel magnifico cazzo. Lo stringo per sentirne la consistenza. Lo sento pulsare mentre diventa sempre più duro. Non resisto e mi avvicino con la bocca. Li do un bacio sulla cappella e ne inspiro il profumo.. la fragranza. Poi lo faccio scivolare tra le mie labbra. Non posso credere che ho il cazzo di papà in bocca. Da quanto tempo desideravo fargli un pompino? Da quanto tempo bramavo di essere scopata da loro? Mamma si avvicina e le lascio succhiare il “suo” cazzo. Sento le mani di papà che mi stanno accarezzando il culetto. Le sue dita cercano la mia figa ed io mi sposto verso di lui per facilitarlo. Mi penetra con due dita mentre io continuo a succhiarli il cazzo insieme mamma. Con lei ci scambiamo anche baci e lingua. “Fatti leccare da figa da papà” mi dice. Scavalco la testa di papà con una gamba e gli metto la figa in faccia. Le sue mani mi aprono le natiche e un attimo dopo la sua lingua affonda dentro di me. Mi sento invadere da calore e gioia. Mamma mi sta baciano e mi strizza i capezzoli mentre tengo stretto in mano il cazzo di papà. Inizio ad ansimare. Voglio venire e regalare a papà il mio orgasmo. La sua lingua affonda sempre di più nella mia figa mentre con le dita mi accarezza anche il buchino del culetto. Sento che sto per venire e finalmente riesco a squirtargli in faccia mentre mugolo di piacere. Mamma mi fa spostare e inizia a leccare il viso di papà pieno del mio orgasmo. Continuo a tenere stretto in mano quel cazzo dritto e lungo. Ho voglia di sentirlo dentro e mamma lo capisce. Mi fa stendere su papà e mentre lo bacio in bocca lei mi infila quel fantastico pezzo di carne nella figa. Sussurro parole sconnesse… Lo sento infilarsi dentro di me. Mentre mi riempi mi sento più puttana che mai. Guardo mio padre negli occhi mentre inizio a ballare sul suo cazzo. “Fottimi papà… fotti la tua bambina… scopami”. Le sue mani sono sul mio culo ed accompagnano i movimenti mentre mamma mi sta penetrando il culo con un dito. Gli occhi di papà sono nei miei… il cazzo di papà è nella mia figa. Sono la ragazza più felice del mondo. Poi lui mi guarda e mi dice “Voglio il tuo culo piccola troietta”. Sul mio viso si allarga un sorriso enorme. “Speravo tanto che volessi incularmi papà. Voglio essere la tua dolce puttana”. Mi alzo e mi giro. Adesso sto dando le spalle a papà. Mi abbasso su di lui mentre mamma sta preparando il suo cazzo succhiandoglielo un po’. Mi siedo su di lui a cosce larghe. Mamma tiene ben saldo il mano il suo cazzo davvero enorme e lo indirizza nel mio culetto. Per quanto grosso scivola nel mio culo con facilità. Mamma mi bacia mentre con le dita mi masturba la figa. “Speravamo di avere una figlia così troia” mi dice. Il cazzo di papà mi sta spaccando in due. Le dita di mamma mi stanno facendo godere. “E’ tanto tempo che volevo essere scopata da voi mamma. Vi amo tanto e siete i migliori genitori del mondo. Voglio essere la vostra puttana per sempre”. In quel momento squirto come una fontana. Mamma avvicina la bocca alla mia figa e raccoglie mio il orgasmo mentre il cazzo di papà continua a fottermi il culo senza sosta. “Sto per venire”. La voce arriva da dietro. Mi alzo liberando il cazzo di papà dalla morsa del mio culetto. Per un attimo mi sento svuotata. Mamma si è già avventata sul quel cazzo teso prendendolo in bocca e segandolo velocemente. Papà viene nella bocca di mamma. Lei dopo qualche secondo si toglie quel bel cazzo di bocca e un millisecondo dopo è nella mia. Sento un paio di schizzi caldi riempirmi la bocca. Non ci posso credere che papà mi sta sborrando in bocca. Quanto l’ho desiderato. Quando gli ho succhiato tutto alzo lo sguardo verso mamma. Ha la bocca ancora piene di sborra. Ci baciamo scambiandoci l’orgasmo di papà mentre ci rotoliamo nel letto. “Che magnifica troia che sei bambina mia”. Stringo forte mamma grata per quel bellissimo complimento. Papà si avvicina a noi e ci abbraccia mentre io sono stesa sul corpo di mamma. La sua mano si posa sul mi culetto e sento che si insinua tra le mie cosce. Mentre ci baciamo tutti e tre le sue dita entrano nella mia figa ed iniziano a masturbarmi ancora. Chiudo gli occhi per godermi quell’abbraccio e quell’orgasmo che non tarderà a sopraggiungere. Spalanco gli occhi nel momento che vengo. Davanti ai miei occhi il soffitto della mia stanza. Sono nella mia stanza, sudata ed affannata. Dalla finestra entrano le prima luci dell’alba. Mi accorgo di avere le mani tra le cosce. Ho davvero avuto un orgasmo mentre sognavo… Un bellissimo sogno che non so se mai si realizzerà!

jyrove@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.