La schiava bianca nell’harem arabo: la schiava con i suoi nuovi rapitori

Scritto da , il 2022-09-17, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Francesca era uscita dal ristorante con il suo amore e con la passione che aveva avuto per quanto successo nel ristorante. Stava galleggiando su una nuvola quando all’improvviso fu stata strappata via dal suo padrone e un panno maleodorante le era stato avvolto intorno alla bocca e al naso. Fece un respiro profondo per urlare, ma sentì immediatamente le vertigini con le gambe che si piegavano sotto di lei. Mentre il mondo cominciava a oscurarsi, cercò freneticamente il suo padrone e lo vide legato da due grossi energumeni.

Era stata rapita, ma da chi e per quale motivo doveva ancora essere data risposta. Rotolò su un fianco e i suoi occhi si collegarono a tre uomini seduti nel retro del furgone. I loro occhi affamati percorsero la sua figura nuda cogliendo ogni aspetto della sua figura snella. I loro occhi viaggiavano dai suoi seni pieni e succulenti, oltre la sua vita minuscola fino al suo culo muscoloso e stretto. La sua pelle strisciava mentre si contorceva per cercare di allontanarsi dai loro sguardi voraci.

Aveva appena avuto orgasmi multipli davanti a una folla al ristorante, ma era diverso perché il suo padrone era il conduttore della sua sessualità. Senza il suo padrone si sentiva in qualche modo contaminata dai loro sguardi. Apparteneva al suo padrone che era l’unico che poteva mostrare il suo corpo provocatoriamente audace. Mentre si contorceva vide gli occhi degli energumeni che l’avevano rapita ancora incollati alla sua invitante pancia.

È interessante notare che nessuno degli uomini si era mosso per toccarla o approfittare della sua figura nuda audacemente. Aveva dedotto che per chiunque lavorino deve essere un uomo spaventosamente potente. Per tutta la sua vita gli uomini l’avevano bramata e l’avevano osservata come se fosse un pasto di cinque portate. Ora voleva che un solo uomo la guardasse in quel modo.

Cercò di distogliere lo sguardo da tre uomini che la desideravano, ma i solchi della strada continuavano a spingerla in giro. Alla fine, svoltarono su una strada che sembrava un sentiero di mattoni e poi si fermarono. Le porte si spalancarono in una folla di persone raccolte attorno alla porta aperta per fissare Francesca. Un gentiluomo più distinto si fece avanti dalla folla ed esclamò: “Finalmente è qui. Quello che pensava di essere il tuo padrone credeva di farla franca tenendoti, ma nessuno mi batte. Adesso sei mia”.

Con ciò si voltò e cominciò a camminare verso il suo castello, ma poi si fermò. Aveva urlato ai tre uomini all’interno del furgone: “Per ora legatela all’ingresso”. Poi continuò a camminare verso il suo castello.

I tre uomini nel furgone si misero subito in azione seguendo le richieste del loro padrone, ma ora le loro mani potevano vagare sulla pelle della loro splendida prigioniera. Francesca si contorceva cercando di sfuggire agli sgherri, ma questo dava loro solo un motivo in più per palpare il suo corpo delizioso e per accarezzarlo liberamente. Francesca si sentiva disgustata e umiliata mentre gli sgherri la portavano all’interno del castello e con le loro mani toccavano tutte le sue zone intime.

All’ingresso del castello c’era un arazzo rosso con fiori e ghirlande, ma al centro c’era uno spazio vuoto a forma di X umana. Non appena Francesca vide le manette alle estremità di ogni arto, capì che presto avrebbe riempito la X. Di fatto i tre sgherri le legarono mani e piedi alle manette e lei era diventata parte del saluto all’ingresso del castello.

Quando le loro mani tardarono a lasciare la sua splendida figura legata, Francesca urlò e imprecò contro di loro. Questo fece sì che le venisse infilato un bavaglio a sfera in bocca e che le venisse allacciato dietro la testa. Fu allora che uno dei malviventi rimosse il collare del suo padrone. Per Francesca quello fu il massimo degli insulti e la degradazione finale. Cominciò a contorcersi lottando contro le corde con cui era legata, imprecando attraverso il bavaglio e diventando rossa di rabbia.

I tre sgherri e tutta la folla risero delle buffonate di Francesca e cominciarono ad allontanarsi. Per circa un’ora la gente arrivò al castello e la prima cosa che fece fu fissare la splendida donna legata all’ingresso. Alcuni si limitavano a guardare, mentre altri accarezzavano, o palpavano in altro modo le parti sessualmente esposte di Francesca. Ogni volta che qualcuno la toccava, Francesca si dimenava per cercare di farsi togliere le mani di dosso.

Qualunque fosse questo posto, odiava essere stata strappata al suo padrone e trovarsi qui. Il collare era stato il suo bene più prezioso, qualcosa che le dava un senso e uno scopo. Ora non c’era più e detestava tutte quelle persone che l’avevano strappata alla sua nuova vita con il suo amato padrone. La sua furia e il suo disprezzo trasparivano dal suo volto ed era determinata a combattere queste persone con tutto sé stessa.

Dopo circa un’ora di permanenza all’ingresso per “salutare gli ospiti”, due sgherri apparvero e la liberarono dalle manette e dal bavaglio. La scortarono in una bella zona termale e la lasciarono nelle mani di una donna alta e muscolosa, dalla pelle scura, vestita con un minuscolo bikini. Rimasero comunque di guardia appena dentro la porta. L’elegante signora era alta aveva un fisico muscoloso che le donava moltissimo.

Si presentò con un’accorata cadenza irlandese: “Ciao, mi chiamo Susan e tu devi essere Francesca”.

Francesca era più che mai convinta di trovarsi da qualche parte in Irlanda e non nei paesi arabi come aveva creduto, mentre annuiva con la testa e chiedeva: “Dove siamo e cosa sta succedendo?”.

Susan la guidò verso una grande vasca idromassaggio gorgogliante e la fece entrare nella vasca. Monique la seguì nella vasca e con una serie di spugne e detergenti iniziò a lavare Francesca. Il bagno fu rilassante, molto accurato ed estremamente sensuale. Una volta iniziato il bagno, Susan iniziò a parlare a voce molto bassa per non farsi sentire dalle guardie: “Siete nel castello di Sir Jack. Questa sera si terrà una specie di festa in cui tu sarai la bomboniera”.

Francesca sentì la sua rabbia salire di nuovo e a bassa voce esclamò: “Non può essere, perché sono una sottomessa con il collare in possesso di del mio padrone!”.

Le mani di Susan si fermarono per un attimo, fissarono Francesca e poi continuarono a lavare delicatamente il suo corpo. Lentamente ricominciò a parlare: “Per quanto ne so, sei la prima schiava ad essere messa al collare, se è per questo. La maggior parte delle schiave dell’harem qui presenti provengono dall’harem del tuo ex padrone. Devi essere molto speciale se ti aveva messo al collare”.

Francesca ricordò tutte le stanze vuote del castello del suo padrone e capì che un tempo erano state riempite da un harem di belle donne. Lanciò un’occhiata laterale a Susan e chiese: “Perché il mio padrone si è sbarazzato del suo harem?”.

Susan ridacchiò e disse: “Oh, è facile. Circa 10 anni fa Sir Carl (così scoprì si chiamava il suo amato padrone) si rese conto di non essere tagliato per avere un harem. Poteva dedicarsi a una sola donna alla volta e cominciò a vendere tutte le schiave del suo harem, tranne una, e la maggior parte di loro venne qui. Io ero una di quelle che vendette a Sir jack e avrei tanto voluto essere speciale come te”.

“Sir Carl è un padrone gentile e garbato, a differenza di Sir Jack. Nel corso degli anni acquistava una nuova sottomessa e dopo molti mesi la vendeva. Pensavamo tutti che stesse cercando una persona speciale, una persona con cui passare la sua vita, ma sembrava non trovarla mai. Il fatto che ti abbia messo ai ferri corti significa che tu devi essere quella ragazza speciale”.

Poi, riflettendo tra sé e sé, mormorò: “Ma se sei quella schiava speciale, perché ti ha venduta?”.

Francesca rispose ai suoi pensieri e lei sputò amaramente: “Non mi ha mai venduto, sono stata rapita e quando sono arrivata qui mi hanno tagliato il collare”.



Ancora una volta le mani di Susan si fermarono e lei sussurrò: “Oh mio, potrebbero esserci problemi. Rapire un’altra schiava con il collare del padrone è molto contrario alle regole”.

Fu allora che una delle guardie gridò dall’altra parte della stanza: “Susan hai 30 minuti”.

Susan aiutò Francesca ad alzarsi e a uscire dalla vasca. Asciugò Francesca con un asciugamano molto soffice, poi le asciugò e le acconciò i capelli prima di applicare un trucco minimo sul viso e sul corpo. Durante l’intero processo Susan era molto pensierosa e continuava a guardare Francesca con un misto di tristezza e orgoglio.

Francesca capì che il suo tempo era scaduto quando le guardie si avvicinarono a lei e le misero delle manette di cuoio rivestite di raso intorno a entrambi i polsi e a entrambe le caviglie. Ancora una volta, la rabbia le salì dentro, mentre pensava di combattere, ma dedusse che non era il momento.

Francesca sentì un’affinità con Susan e la salutò mentre le guardie la scortavano fuori dalla spa. Attraversarono diversi corridoi finché non uscirono in un’enorme sala piena di gente. Francesca raddrizzò la schiena, sollevò le tette e rimboccò la pancia, mentre attraversavano la stanza.

Tutte le conversazioni cominciarono a spegnersi, mentre tutti guardavano Francesca attraversare regalmente la stanza. Tutti gli occhi della sala la seguirono fino a una grande ruota posta sul davanti della stanza. Vedendo le manette sulla ruota, sapeva cosa l’aspettava, ma non avrebbe permesso che la vedessero strisciare o implorare. Era decisa a mantenere la sua dignità regale, qualunque cosa le avessero fatto.

Le guardie la condussero alla ruota facendole appoggiare la schiena contro la ruota e, mentre lei si sdraiava sulla ruota, le guardie le allacciarono le manette ai polsi alla ruota. Fecero rotolare la ruota all’indietro fino a quando Francesca si trovò in cima e poi le legarono le caviglie all’esterno della ruota. Era tesa in uno stretto arco all’indietro che metteva a dura prova il suo corpo.

Le sue gambe erano tese, ma presentavano le sue gambe in modo spettacolare. Le sue belle gambe tese mettevano in mostra la sua figa depilata e succulenta. Le sue ossa dei fianchi erano tese in modo evidente contro la sua pelle e la sua pancia era ridotta quasi a zero dalla tensione. Sembrava quasi un pezzo unico, con il busto e i fianchi separati a malapena da una striscia di addominali ben tesa.

Dall’altra parte del ventre teso e appiattito c’era la gabbia toracica ben visibile contro la pelle. Come la sua figa, anche le sue tette piene e fluttuanti erano presentate nel modo più eccitante e artisticamente seducente, con i capezzoli che invitavano alla sottomissione. La testa di Francesca pendeva in basso sulla ruota, con i lunghi capelli che spazzavano il terreno.

Si dimenava cercando di trovare una posizione comoda, ma allungata com’era non era facile da individuare. Non poteva vedere cosa stesse succedendo, ma sentì Sir Jack dare il benvenuto a tutti allo spettacolo. Francesca si sforzò di sentire tutto ciò che diceva, ma la maggior parte si perdeva nel vociare della folla nelle sue orecchie.

Improvvisamente sentì un tocco morbido e delicato sul seno, poi sulla pancia e infine sulla figa. Sollevò la testa il più possibile e vide diverse schiave nude che la circondavano. Non le erano mai piaciute le ragazze, anche se aveva avuto rapporti lesbici. Trovava molto più attraente il dominio di un amante maschio.

Tuttavia, le labbra morbide e dolci, ma insistenti, che le inghiottivano i capezzoli e il clitoride erano ammalianti e sentiva il suo corpo rispondere al sontuoso assalto. Le schiave sembravano ben allenate, perché le loro labbra e le loro dita sembravano conoscere esattamente i punti che avrebbero suscitato il massimo piacere nel corpo di Francesca. Nonostante la volontà di Francesca di opporsi, il suo corpo cominciò a rispondere all’incessante delirio carnale.

I suoi capezzoli erano ingrossati e dolenti, mentre le labbra succhiavano e i denti raschiavano la carne sensibile delle sue tette. Il fuoco passionale dentro di lei si fece più caldo quando due dita si immersero nella sua figa e l’espiazione continuò con morbide e rapide leccate contro il suo clitoride. Contro la sua volontà, Francesca sentiva i muscoli del suo corpo che cercavano di sollevare le tette e i capezzoli verso le labbra succhianti, eroticamente inarrestabili. Allo stesso modo, i muscoli dello stomaco, dei fianchi e delle gambe cercavano di spingere la figa fradicia verso le labbra e le dita implacabili.

Francesca sentì un gemito disperatamente erotico e capì che era le che stava godendo.. Si era ripromessa di non lasciare che avessero la meglio su di lei, ma il suo corpo era stato sensualmente sintonizzato per dare e ricevere il piacere quando le veniva presentato. La frenesia bruciante dentro di lei raggiunse proporzioni epiche e un paio di labbra risucchiarono il suo clitoride nella loro bocca. In quel momento Francesca esplose in una palla di fuoco di appagamento passionale.

Tutti i muscoli del suo corpo si strinsero contro le corde i, con i tendini e le vene che si stringevano contro la pelle tesa. La sua testa cadde all’indietro emettendo un urlo di completamento carnale simile a quello di una banshee. Tuttavia, non avevano finito e continuarono a tormentare il suo clitoride sensibile e i suoi capezzoli inturgiditi fino a quando il secondo, il terzo, il quarto e il quinto orgasmo non reclamarono il corpo sovraffaticato di Francesca. Non avevano mai smesso, fino a quando l’intero corpo di Francesca, strettamente teso, non era stato avvolto da spasmi erotici e fremiti passionali.

La sua mente era persa in una nebbia erotica, mentre sborrate massicce e incessanti attraversavano il suo corpo lasciandola senza fiato e spossata. Tutti i muscoli del suo corpo fremevano per la tensione della ruota e per gli orgasmi massicci che non volevano smettere. Sentiva vagamente la ruota muoversi e le braccia e le gambe liberarsi, ma era ormai esausta e cercava di scappare.

Quando uscì dalla sua nebbia erotica, notò che era stata legata a una colonna dietro il tavolo. Le braccia sono legate sopra la testa, ma dietro la colonna, mentre le dita dei piedi toccano appena il suolo.

Francesca iniziò a guardare tutte le persone del pubblico e all’improvviso vide il capo della sicurezza del suo padrone, tra la folla. Guardandosi intorno, vide altri membri del suo staff e nessuno di loro sembrava contento. Vide una delle guardie che conosceva bene portarsi il dito alle labbra in segno di silenzio.

Sapeva che il suo padrone non avrebbe lasciato che questo rapimento passasse inosservato e, a quanto pare, si stavano preparando per un attacco. Il cuore le si gonfiò nel petto quando capì che il suo padrone stava venendo a prenderla.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 4 3 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.