La schiava bianca nell’harem arabo: Francesca e il suo padrone si ritrovano fine

Scritto da , il 2022-10-01, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Francesca osservò come le guardie intorno alla sala cominciassero a essere sostituite una per una da guardie del suo padrone, anche se molti dei sostituti erano persone che lei non conosceva. Man mano che la cena proseguiva, sempre più guardie di Sir Jack venivano sostituite, finché alla fine della cena Francesca non riuscì a vedere nessuna. Le eccezioni erano le guardie al capotavola e quelle che stazionavano intorno a Francesca.

La cena era ufficialmente finita quando Sir Jack si alzò e si avvicinò a Francesca. Mentre si avvicinava a lei, vide i suoi occhi scrutare il suo corpo in modo talmente duro e crudele che la cosa le fece venire i brividi lungo la schiena. Non aveva idea del perché lui sembrasse disprezzarla, ma poteva leggere nei suoi occhi che voleva farle del male.

Quando la raggiunse, la sua mano si allungò e le palpò duramente le tette, poi viaggiò sul ventre teso fino a stringere ferocemente la figa. Francesca aveva giurato di non dargli la soddisfazione, di non mostrare alcun tipo di reazione, ma, nonostante la sua promessa, urlò quando lui le strinse con forza la figa in una morsa. Soddisfatto del suo grido di dolore, la lasciò andare, solo per afferrarle il capezzolo e torcerlo brutalmente. Un gemito stridulo di dolore sfuggì dalle labbra di Francesca e tutto il suo corpo cercò di sottrarsi al suo doloroso abuso.

Sir Jack si voltò per rivolgersi alla folla riunita: “Potete vedere l’ultima arrivata nel mio harem e, come molte altre, proviene dal castello di Sir Carl. Come potete vedere chiaramente, è bellissima e, come avete visto nella sua precedente esibizione, è incredibilmente passionale. Avevo cercato di acquistarla, ma sono stato superato da Sir Carl, ma nessuno mi supera e stasera l’ho portata qui dopo averla rubata”.

Ovviamente si stava vantando di quello che era successo e la folla lo capì, ma ci fu un mormorio tra la folla quando si rese conto di ciò che aveva fatto. Molte persone tra la folla erano state alla cerimonia del collare al castello di Sir Carl e sapevano che rubare uno schiavo con il collare era un atto di guerra. Diverse persone iniziarono a guardarsi freneticamente intorno pronte ad andarsene.

Sir Jack si voltò e gridò: “Dove pensate di andare?”.

Uno degli uomini si impuntò e rispose: “Non entreremo in guerra con voi per il fatto che siete stati superati nel tentativo di comprare questa, pur bellissima, creatura. Rubare una schiava con il collare è come rubare mia moglie e non voglio avere nulla a che fare con questo”.

Si girò per andarsene e molti altri si alzarono per seguirlo, quando Sir Jack ruggì: “Come osate sfidarmi! Le guardie trattengano chiunque se ne vada!”.

Nessuna delle guardie rispose e Sir Jack si rese conto che solo le quattro guardie accanto a lui e a Francesca erano sue. Riconobbe che alcune guardie lavoravano per Sir Carl, ma molte non le conosceva. Per la prima volta da quando aveva messo in atto il rapimento, un rivolo di dubbio gli colò lungo la schiena.

Sir Carl era sempre stato un piagnucolone e aveva scaricato tutto il suo harem di sgualdrine. Ora il piagnucolone era alla ricerca della schiava e dell’amore della sua vita. Quella che lo avrebbe amato incondizionatamente e non per i suoi soldi o il suo potere. Sir Jack sapeva che una donna così non esisteva. Anche se Sir Carl aveva più soldi, era più giovane, più bello e le donne lo amavano, non avrebbe mai trovato questa donna mistica. Così, lasciava che Sir Carl trovasse le donne più belle del mondo e poi se le faceva dare quando lui si stancava di loro.

Francesca era una storia diversa. Sir Jack la voleva dal momento in cui l’aveva vista all’asta e più non riusciva ad averla più diventava disperato. Dopo aver saputo della cerimonia del collare, pensò che forse Sir avesse trovato quello che stava cercando e questo lo infiammò.

Nel frattempo, il pensiero di Francesca che si scopava quel balordo di sir jack fece venire una rabbia folgorante a sir Carl che escogitò un piano per riaverla.

Sir Jack se ne reso conto e non poteva permetterlo. Si girò con rabbia e schiaffeggiò il seno destro di Francesca, lasciandole un’impronta rosso vivo sul seno, seguita da un pugno nello stomaco. I piedi di Francesca lasciarono il terreno mentre il dolore la squarciava; il suo corpo lottava contro le ondate di dolore nauseante mentre cercava di respirare. Il fiato le era stato tolto e aveva quasi perso i sensi nel tentativo di riprendere fiato per il dolore.

Sir Jack urlò alle guardie che aveva lasciato: “Carl è qui. Trovatelo, portate lui e i suoi scagnozzi fuori di qui, così potrò giocare con la sua puttana”.

Le sue guardie si guardarono l’un l’altra e saltarono fuori tra la folla ormai in fermento. Sir Jack si voltò con gli occhi ancora pieni di cattiveria, ma prima di poter punire di nuovo Francesca, una voce urlò dal fondo della stanza: “Toccala di nuovo e dovrò ucciderti”.

Sir Jack si gira e vede Sir Carl in fondo alla stanza, inoltre le sue guardie sono circondate e ammanettate tra loro. Si rende conto di non avere rinforzi, tuttavia ha ancora Francesca, ma per quanto tempo?

Si volta di nuovo verso Francesca e con gli occhi la violenta con sguardi indecenti. Sa di avere poche opzioni e quella che potrebbe farlo uccidere è scoparsela qui e ora, ma è l’opzione che desidera davvero. Avanza verso Francesca, slacciandosi i pantaloni e aprendo la cerniera.

Il cuore di Francesca fece un balzo di gioia quando sentì la voce del suo Maestro e il suo volto si spaccò in un sorriso bellissimo che illuminava il mondo. Lui stava venendo a salvarla e a reclamarla come sua. Vide però Sir Jack con il suo cazzo duro che spuntava dai pantaloni, che correva verso di lei. La sua postura e l’espressione del suo viso le dissero che avrebbe cercato di conquistarla. Sapeva che non poteva domarla, ma poteva farle del male, così urlò: “Padrone, Padrone vieni a salvarmi, non lasciare che violenti la tua schiava”.

Lui l’aveva appena raggiunta e le aveva messo le mani sui fianchi quando fu allontanato e messo da parte dal suo Padrone. Sir Carl guardò Sir Jack scivolare sul pavimento per poi essere catturato dal suo staff e dai suoi amici. Guardò con rimprovero il pervertito intitolato che strisciava sul pavimento e mormorò: “Legatelo finché non sapremo cosa fare di lui e toglietelo dalla mia vista”.

Sir Carl si voltò verso Francesca e i suoi occhi erano pieni di amore, gratitudine e forse un po’ di adorazione dell’eroe. Era incantevole e lui non poteva fare altro che non prenderla qui e ora, ma invece accarezzò delicatamente la sua pelle tesa fino a baciarla famelicamente. Francesca rispose al bacio con tutto l’amore che le scorreva dentro e lui poté sentirla ronzare nel profondo.

Si fermò per un minuto, meravigliandosi di questa donna straordinariamente bella che lo amava per quello che era.

Quando il suo padrone la liberò, le gambe di Francesca vacillarono e lei sprofondò a terra incapace di reggersi in piedi, ma prima di cadere a terra il suo padrone l’aveva presa in braccio. Questo castello era molto simile al suo e lui sapeva che c’era una camera da letto dietro le tende in fondo alla stanza e vi portò Francesca.

La pose sul letto e si tolse la giacca, la cravatta e la camicia, avvolgendo Francesca nella sua camicia bianca. Era di nuovo sua e per il momento non voleva che nessun altro guardasse le sue forme sontuose e si abbottonò i due bottoni centrali. Ci sarebbero stati altri spettacoli esibizionistici che lui e Francesca avrebbero messo in scena, ma sarebbero stati più tardi. In questo momento la voleva tutta per sé.

Francesca fece le fusa, avvolgendo le braccia intorno a lui e accoccolandosi contro il petto pieno di peli mentre sussurrava amorevolmente: “Grazie per avermi salvato! Odiavo essere strappata via da te e non avevo idea di cosa sarebbe successo. Grazie per avermi amato abbastanza da rischiare tutto per salvarmi”.

Il bacio che seguì durò per minuti ed entrambi sentirono formicolare le dita dei piedi e il cuoio capelluto. Sir Carl sapeva che doveva occuparsi di alcune faccende prima di potersi perdere nel suo corpo delizioso e scintillante, e lo avrebbe fatto molto presto. Staccò Francesca dalle sue braccia e le sussurrò all’orecchio: “Devo andare a disfarmi di Sir Jack, ma poi sarai mia per sempre”.

Francesca lo lasciò a malincuore in piedi, ma entrambi si fissarono negli occhi per diversi istanti prima che lui si voltasse e lasciasse Francesca seduta da sola nella stanza. Guardò la sua schiena nuda e muscolosa dirigersi verso la porta e non c’era niente che desiderasse di più che abbracciarlo, baciarlo e far scorrere le mani sulla sua pelle. Mentre lui stava per chiudere la porta, lei urlò: “Torna presto, ho bisogno che il mio cavaliere reclami la sua damigella”.

Lui le sorrise da sopra la spalla e chiuse la porta. Rimase dall’altra parte della porta chiedendosi se dovesse voltarsi e mandare la sua donna al nirvana ancora e ancora. Dio, lei era la donna più bella, più sexy, più passionale e desiderabile che avesse mai incontrato e lui era follemente innamorato di lei. Il momento peggiore della sua vita era stato quando lei era stata rapita e lui era quasi impazzito.

E ora cosa fare di Sir Jack? Chiamare le autorità e arrestarlo per rapimento e traffico di esseri umani o consegnarlo alla mafia russa o a qualche altro gruppo? Rifletté sul da farsi mentre attraversava la sala grande e si dirigeva verso il corridoio dove tutti tenevano il rapitore Sir Jack.

Quando entrò nella stanza, Sir Jack era legato a una sedia circondato da quattro delle sue guardie e le sue guardie erano legate dietro di lui. Carl si avvicinò a Jack, la cui rabbia cresceva a ogni passo, e quando lo raggiunse gli sferrò un colpo secco alla mascella. Il pugno gli fece un male cane, ma vedere la testa di Jack che si muoveva all’indietro e sentire il suo gemito di dolore fu una soddisfazione immensa.

Carl guardò la sua nemesi e fu sincero con sé stesso: avrebbe voluto soffocare la sua vita. Aveva rapito e cercato di abusare della donna che amava. Più guardava quel pezzo di merda davanti a sé e più si infuriava. Per non perdere la furia, voltò le spalle a Jack e si rivolse alle sue guardie: “Allora, che ne facciamo di questo pezzo di merda?”.

Tutti cominciarono a parlare contemporaneamente e Carl alzò le mani per mettere ordine nel discorso. Tutti i suoi amici della mafia russa erano sempre assetati di sangue e il loro voto era di farlo a pezzi, ma tutte le sue guardie erano ex militari o poliziotti e volevano che fosse arrestato.

Carl soppesa le sue opzioni e, per quanto gli piacerebbe vedere Sir Jack ucciso, sa che l’opzione giusta è quella di farlo arrestare. Lo disse alle sue guardie, che chiamarono immediatamente la polizia. Sir Carl guardò ancora una volta William, scosse la testa disgustato e si voltò lasciando la stanza in direzione della cosa migliore che gli fosse mai capitata.

Quando aprì la porta, Francesca indossava ancora la sua camicia bianca, solo che era completamente sbottonata e provocatoriamente o forse seducentemente aperta. Era seduta su una sedia con le gambe piegate sotto di sé e per qualche istante Carl rimase incantato, perché aveva un aspetto incantevole. Doveva essere andata in bagno a lavarsi i capelli e a pulirsi. Non vedeva l’ora di mettere le mani su tutte le sue magnifiche curve.

Per quanto il suo corpo apparisse delizioso appena avvolto nella camicia bianca, fu il suo viso a catturare il suo cuore. Aveva un’aria così pudica e sottomessa, con lo sguardo rivolto verso il basso. Le sue labbra erano aperte in modo seducente e con i capelli tirati indietro dal viso lui poteva vedere tutta la sua splendida perfezione. Si avvicinò a lei e si mise accanto a lei mentre la osservava tutta. Le sue dita giocherellavano con i bordi della camicia e stuzzicavano l’interno dei suoi seni. Lei gemette dolcemente e il suo respiro cominciò ad accelerare mentre lui continuava a stuzzicarla proprio come lei amava stuzzicare lui.

Le scostò la maglietta, esponendole le tette, poi le risucchiò aggressivamente uno dei capezzoli in bocca e cominciò a raschiarlo con i denti e la lingua. Carl spogliò Francesca della camicia e poi si tolse i pantaloni, la biancheria intima e le scarpe.

Gli occhi di Francesca si chiusero nella sua testa, rotolarono all’indietro e lei cominciò a mugolare e a gemere. Il suo corpo febbricitante di lussuria tremava di desiderio e tutta la sua pelle era un organo sessuale sensibile. La sua bocca si aprì e durante i suoi mugolii pronunciò alcune parole che gli fecero raddoppiare gli sforzi.

“Oh Dio, Carl, oh, oh Dio, oh Carl, ti prego Dio Carl, fammi tua, amami, oh Dio Carl, ti prego amami adesso”.

Carl iniziò ad accarezzarle amorevolmente il ventre, poi si spostò verso le sue tette, dove lei, quasi per istinto le spinse nelle sue mani. Lui le afferrò un capezzolo e lei sussultò e gemette: “Sì, oh Dio, sì, oh padrone, sì”.

Francesca urlò il nome del suo Padrone fino a rimanere senza fiato, poi la sua bocca si aprì e si chiuse silenziosamente, rendendo omaggio all’uomo che giocava con il suo corpo come una marionetta. Francesca non poteva credere alla beata euforia che stava provando. Quando una forte orgasmo la colpiva, il suo corpo aveva spasmi e si stringeva in risposta, ma nel frattempo galleggiava su una nuvola beata dell’amore di Carl che la avvolgeva e la proteggeva.

Francesca aveva perso il conto del numero di orgasmi quando Sir James estrasse finalmente le palline vaginali dalla sua figa sensibile, gonfia e infiammata. Mentre teneva in mano gli strumenti della sua tortura erotica e guardava la donna che amava, vide che il suo corpo era bagnato di sudore. Ogni muscolo del suo corpo sembrava gonfio e disteso a causa di tutti gli orgasmi che si erano susseguiti senza sosta. Le sue tette tremavano per i respiri affannosi e gli orgasmi, e i capezzoli erano più distesi di quanto ricordasse di aver mai visto. I capelli erano spettinati, bagnati di sudore e appiccicati al collo e alle spalle.

Carl la baciò lungo il corpo e, quando le sue labbra sfiorarono le sue, sussurrò con voce dura e ringhiosa. “Sei mia ora, sarai sempre mia e mi prenderò ciò che è mio”. Mentre lo diceva, gli occhi di Francesca si illuminarono di amore, orgoglio e desiderio che lui la dominasse ancora una volta.

Carl iniziò a strofinare la testa del suo cazzo tra le labbra della sua figa fradicia, lubrificandola in previsione di affondare il suo cazzo nella sua figa setosa e fuori controllo. Francesca gettò la testa all’indietro mentre lui le strofinava il clitoride con l’uccello e i tremori ricominciarono mentre sentiva l’euforia impadronirsi di lei. Carl appoggiò la testa del suo cazzo sulle labbra della sua figa e cominciò ad affondare nel suo unico e solo amore. Quando lo sentì iniziare a penetrarla, Francesca urlò di prenderla, di possederla, di farla sua e che aveva bisogno di lui dentro di lei.

Mentre Carl entrava in Francesca, entrambi si resero conto di cosa avrebbe fatto il butt plug. La donna era incredibilmente stretta e, nonostante la lubrificazione che colava, Carl dovette spingere con forza per far entrare il suo cazzo dentro di lei. Francesca provò un momento di dolore quando finalmente Carl spinse dentro di lei, poi sentì la più forte scarica di euforia che avesse mai provato. Francesca urlò di gioia, mentre Carl allungava e riempiva la sua fica già ipersensibilizzata.

“CARL, OH DIO, OH DIO CARL, COSÌ GRANDE, OH DIO COSÌ GRANDE, COSÌ BUONO, COSÌ MERAVIGLIOSO, OH MIO DIO, DI PIÙ…. OH DIO MO DI PIÙ, DAMMI DI PIÙ!!!”.

Mentre Francesca sentiva il suo cazzo raschiare il suo punto G e allargarlo, sentì il godimento precipitarsi dentro di lei come uno tsunami che si abbatte su una riva. Era inghiottita in un mare di beatitudine, con le braccia e le gambe che si agitavano nella nebbia dell’euforia spastica. Carl aveva imparato che scendendo lentamente, stirando e stuzzicando tutti i recettori del piacere nel punto G, nel clitoride e nel canale vaginale, l’avrebbe fatta andare alla deriva nel suo mare di estasi senza provocarle alcun dolore.

Francesca non aveva mai provato nulla di simile. Con il culo e la figa entrambi pieni, stava perdendo la testa per il piacere che scuoteva il suo corpo fino al midollo. Poi Carl le colpì la cervice con il suo ventre che si schiantava contro il suo clitoride, la combinazione la fece volare verso il cielo, avvolta in una palla di fuoco di estasi. Il suo corpo si contorceva in trionfo, spinto dagli spasmi dei muscoli dello stomaco che ora erano bloccati in una dura confezione da sei per festeggiare.

Sir Carl non sapeva quanto avrebbe potuto sopportare ancora, il suo cazzo era intrappolato in una stretta morsa di raso increspato. Quando si tirò indietro verso le labbra della figa, iniziò ad accarezzarle anche il clitoride per tenerla nel suo mare di estasi. A Francesca sembrò che le stesse rivoltando la figa come un calzino quando si tirò indietro, ma questo non fece altro che aumentare la profondità del suo godimento. Mentre Carl cominciava ad aumentare il ritmo, Francesca continuava a sentire ondate di piacere che la spingevano sempre più nel suo mare di estasi. Poi il butt plug si spostò e Carl iniziò un nuovo ritmo, spingendo dentro con il suo cazzo mentre tirava il plug. La combinazione mandò a Francesca un’altra scarica di godimento che bloccò il suo corpo come in una statua rigida.

Lui la baciò aggressivamente fino alla sua figa, dove le diede lunghe leccate dal buco del culo stretto fino alla cima del clitoride. I suoi fianchi cominciarono a dondolare su e giù, dimostrando il suo disperato bisogno e Carl colse l’indizio facendo scivolare due dita nella sua fica stretta. Fu sorpreso di trovare le palline vaginali nella sua figa e un butt plug rosso gioiello nel suo culo. Cominciò a giocare con le palline che vibravano ancora dentro di lei e continuò a sfregare il suo punto G, mentre i fianchi e le gambe di lei si agitavano in risposta. Quando Carl le reclamò il clitoride con la bocca, Francesca si inarcò dal letto e solo la testa e i piedi toccarono le coperte.

Continuò a stantuffare lentamente la sua figa come fosse una morsa. Quando sentì che i suoi muscoli cominciavano a rilassarsi e l’orgasmo si attenuava, estrasse completamente il butt plug dal suo culo. Sentì tutto il corpo di lei tremare, poi contrarsi e afflosciarsi mentre sveniva. Carl rimase profondamente sepolto contro la sua cervice e le accarezzò e baciò il viso per farla tornare in sé. Quando gli occhi di lei si aprirono, vide l’amore di lei che lo ricambiava, allora estrasse il cazzo dalla sua figa e cominciò a farlo scivolare nel suo culo.

Carl si chinò, iniziò a baciare amorevolmente e accuratamente la bocca tentatrice di Francesca. Poi, affamato, sussurrò con passione: “Dio, ti amo così tanto, piccola, e ora tutto quello che hai, tutto di te, appartiene a me”.

Gli occhi di Francesca, pieni di lussuria, continuavano a riversare il suo amore nell’anima di Carl e quando sentì il suo bastone d’amore farsi strada nel suo culo, la sua bocca si aprì in un respiro affannoso. Nonostante il butt plug le allargasse il buchetto, Carl si sentiva in enorme difficoltà mentre iniziava a stantuffare nel suo buco del culo vergine e Francesca affondò le unghie nelle braccia di James. Emise un respiro sibilante carico di dolore, di piacere e di un bisogno appassionato.

“Oh, Maestro, è così grande. Vai piano, per favore… Oh Dio, ti voglio, ho bisogno di te dentro di me, ma fai piano”.

Carl spinse due dita a testa in giù nella figa di Francesca, ancora stretta, in modo che le dita potessero sfregare il punto G e il pollice il clitoride. Allo stesso tempo, iniziò a mordicchiarle il collo proprio mentre la testa del suo uccello spuntava attraverso lo sfintere di lei nel suo culo. Immediatamente il dolore di Francesca cessò, ma l’enorme dilatazione e la sensazione di pienezza nel suo culo continuarono. Con tutta la stimolazione, ogni dolore fu dimenticato, mentre il piacere travolgente prese il suo posto.

I rantoli e i sibili di Francesca si trasformarono in boccate d’aria e in gemiti di piacere sempre più intensi e i suoi fianchi iniziarono la loro danza erotica cercando di ottenere di più da tutto ciò che Carl le stava dando. Carl spostò le labbra sulle sue tette, dove iniziò a mordicchiare, succhiare e stuzzicare i capezzoli già inturgiditi e sensibili. Mentre Francesca iniziava a contorcersi e a tremare di desiderio sotto di lui, Carl raddoppiò gli sforzi per portarla a un ultimo orgasmo prima di bagnarle il sedere con il suo sperma.

Francesca lo guardava con i suoi amorevoli occhi verdi, smaltati da un’intera giornata di appagamento passionale, ma desiderando ancora di più. Cominciò a sussurrare. “Maestro, oh Carl, oh Dio, ti amo. Sono tua per sempre. Oh Dio ti amo, Oh Maestro, Oh Baby ti amo”. Anche con i loro ruoli di padrone/schiava, erano follemente innamorati l’uno dell’altra; riversavano tutto il loro amore nell’unica persona a cui tenevano. Erano entrambi all’apice dell’espressione fisica del loro amore reciproco.

Carl ora le stava stantuffando il culo e a ogni spinta le infilava le dita nella figa e il pollice nel clitoride. Ogni spinta spingeva Francesca sempre più in alto, facendo scattare la sua molla in preparazione del rilascio. Carl sentì il ribollire delle palle e capì che non poteva più trattenersi. Con due spinte forti e veloci, le piantò il cazzo in profondità nelle viscere e iniziò a sparare lunghe corde del suo sperma denso dentro di lei, reclamando il suo culo vergine come suo.

Nello stesso momento, il corpo eroticamente teso di Francesca si infranse in un orgasmo infuocato che le illuminò il cervello e il cuore in una supernova di incredibile estasi. Tutte le funzioni corporee di Francesca si fermarono, tranne il cuore che batteva per il suo padrone. Mentre il suo corpo si stringeva, si contorceva e si dimenava sotto Carl, tutto ciò che Francesca sentiva era l’amore travolgente per Carl e l’euforia che ne derivava. Quando l’orgasmo iniziò a liberarsi, Francesca provò qualcosa che non sentiva da tempo: soddisfazione, appagamento e contentezza. Carl aveva placato la fame e il bisogno. Con il corpo ancora tremante, Francesca avvolse le braccia intorno a Carl e lo strinse a sé, desiderosa di sentire il suo calore, il suo amore e le sue braccia che la circondavano.

Francesca dormì esausta e senza sogni per quindici ore, svegliandosi solo quando sentì le mani di Carl che la accarezzavano dolcemente e amorevolmente. Francesca trascorse la notte felicemente tra le braccia di James. Il quale si svegliò con la luce del sole che illuminava la finestra, con il viso coperto di morbidi capelli e di baci affettuosi. Avvolse le braccia intorno al suo corpo morbido e stretto e catturò le sue labbra vaganti in un morbido bacio d’amore. Anche quando si svegliò, lei tenne gli occhi chiusi, godendo delle sue carezze amorevoli e facendo le fusa felicemente. Quando Carl ascoltò le sue fusa, capì che era sveglia e che stava fingendo di dormire; così la baciò mentre un sorriso le attraversava le labbra.

Francesca si adattò comodamente alla sua stretta, posò la testa sul suo petto e lo guardò dolcemente negli occhi chiedendogli innocentemente. “Perché mi ami così tanto e perché sei così buono con me?”.

Carl la guardò, non sapendo cosa glielo avesse fatto pensare, ma suppose che fosse a causa del rapimento di Sir Jack e di tutto quello che aveva fatto per riaverla. La guardò, accarezzandole il viso e disse.

“Sono così buono con te perché ti amo e quando ti vedo agitata o sofferente, farò del mio meglio per alleviare qualsiasi dolore o problema nella tua vita. Mi piace vederti felice e sacrificherei qualsiasi cosa pur di vedere la gioia e il piacere sul tuo viso. Piccola, hai un viso molto espressivo e ogni volta che ti vedo felice il mio cuore canta. Quando ti senti felice, bella o sexy, io sono il destinatario dei tuoi sentimenti e tutti i miei problemi spariscono, ci sei solo tu e il nostro amore”.

“Per quanto riguarda il motivo per cui ti amo, probabilmente ci sono mille ragioni, ma soprattutto perché riempi il mio cuore e la mia vita di incanto. Amo il tuo cuore innocente e generoso, il modo in cui la stanza si illumina quando sorridi, quando il mio cuore batte più forte ogni volta che ti vedo. Ti amo perché sei parte di me, mi rendi completa e senza di te mi sento vuota e inutile”.

“Non è perché pensi che io sia bella?”, chiese ingenuamente.

“Piccola sei incredibilmente bella, in modo sbalorditivo, ma non è per questo che ti amo, è solo un piccolo incredibile bonus. Il mio amore per te è spirituale; ti sento nel profondo del mio cuore e ho a cuore ogni momento in cui stiamo insieme. Mi ispiri a essere un uomo migliore,, un amante migliore e un amico migliore. Quando ti guardo negli occhi, so di essere a casa, nel posto a cui appartengo. Nelle ultime settimane sento che il nostro amore è cresciuto e la maggior parte di questo è dovuto a te. Sei finalmente libera di ricambiare il mio amore e di accettare tutto l’amore che ho voluto dimostrarti. Sei entrata nel mio cuore e ci resterai per sempre”. Rispose.

Francesca guardò Carl con gli occhi pieni di lacrime e sussurrò amorevolmente. “Non ho mai saputo quanto profondamente mi amassi, ma soprattutto non ho mai saputo quanto profondamente ti amassi io. Ora anch’io credo in noi. Credo che battiamo con un unico cuore, che respiriamo la stessa aria; che i nostri cuori e le nostre anime sono uniti per l’eternità e che solo la morte spezzerà il nostro legame”.

“So che lo senti profondamente come lo sento io; ogni volta che facciamo l’amore, ogni volta che sento i nostri cuori toccarsi e le nostre anime avvicinarsi di nuovo l’una all’altra. Carl, non ho mai pensato che potesse essere così. Tuttavia, ti sbagli, non sono io. Tu ci sei sempre stato per me, anche quando pensavo di non volerti più. Il tuo amore mi ha salvato, mi ha fatto uscire dalle tenebre e mi ha aiutato a diventare l’amore che meriti”.

Francesca si girò in modo da guardare il suo cazzo fiero e grosso. Lo sollevò amorevolmente con una mano morbida e iniziò a baciargli l’intera asta. Carl sentì ogni suo bacio morbido, sensuale e amorevole mentre le sue labbra facevano l’amore con il suo cazzo. Quando ebbe coperto ogni centimetro del suo cazzo almeno due volte, gli mise in bocca la testa, succhiandola delicatamente con la lingua. Mentre la sua lingua e le sue labbra facevano l’amore con il suo cazzo duro ed eretto, lei cominciò ad andare su e giù, prendendo più del suo cazzo in bocca e in gola.

Carl sentì il suo riflesso di vomito un paio di volte, ma lei continuò finché il suo naso non fu sepolto nel suo inguine e il suo cazzo nella sua gola. Si staccò dal suo cazzo, riprese fiato e lo riportò in gola,. Le mani di Carl accarezzavano il culetto stretto di Francesca, ma ora fece scivolare la mano tra le sue cosce e fece scivolare lentamente il dito anteriore nel suo buco del culo. Per completare la sua dominazione, infilò le due dita centrali nella sua figa. Mentre iniziava a far scivolare lentamente le dita dentro e fuori dai suoi due buchi, sentiva le vibrazioni dei suoi gemiti intorno al suo cazzo.

Nessuno dei due aveva fretta e questa era una lenta e lussuriosa affermazione del loro amore. L’erotica scopata di gola di Francesca mandava brividi su e giù per la spina dorsale di Carl. Era una rara occasione in cui Francesca era l’istigatrice e quando faceva l’amore con Carl, questo lo rendeva ancora più speciale. Francesca si sentiva allo stesso modo, perché amava la spiritualità di sentire l’uomo che amava sepolto dentro di lei. Il solo pensiero di averlo dentro di sé la faceva fremere dalle dita dei piedi al cuoio capelluto e il cuore le si gonfiava nel petto. Non importava dove fosse, in gola o nella figa, continuava a formicolare dalla cima del cuoio capelluto alla punta dei piedi.

Il lento e lussuoso lavoro d’amore aveva raggiunto il suo limite e Francesca lo voleva nella sua figa. Si girò, gettò una gamba sopra di lui e fece scivolare la punta del suo cazzo nella sua fica vaporosa. Francesca stuzzicò se stessa e Carl mentre affondava lentamente sulla sua asta, sentendo ogni protuberanza, cresta e vena mentre lui scivolava dentro di lei. Quando la testa del suo cazzo toccò la cervice, tutto il corpo di Francesca tremò. Niente nella sua vita era mai stato così straziantemente meraviglioso come avere Carl dentro di lei, ed era lo zenit spirituale e fisico dell’unione dei loro cuori.

Francesca si sollevò in modo che il suo cazzo fosse appena dentro le labbra della sua figa e poi si lasciò andare, sbattendo il suo cazzo dentro di lei e schiacciando il suo clitoride tra di loro. Sentì tutto il suo corpo tremare mentre il fuoco dentro di lei diventava più caldo e più esigente. Si sollevò e si lasciò cadere sul suo cazzo, schiacciando il clitoride contro di lui finché non esplose intorno a lui. Francesca rimase congelata per diversi secondi, mentre tremori di beatitudine straziante le avvolgevano il corpo.

La sua testa era gettata all’indietro con la bocca aperta in respiri affannosi punteggiati da profondi gemiti estasiati. Le sue tette tremavano e traballavano mentre inarcava la schiena, spingendo i capezzoli inturgiditi verso l’uomo che amava. Il suo ventre era affondato, con i muscoli dello stomaco tesi, nel tentativo di controllare le sue anche tremanti e dondolanti. Questi pochi secondi di squisita estasi furono impressi nella mente e nel cuore di Francesca come la manifestazione fisica del suo amore per l’uomo che la amava, la salvava e si prendeva cura di lei.

Francesca lasciò che il suo corpo si accasciasse in avanti fino a sdraiarsi sul petto di Carl e la sua bocca si fermò proprio quando le loro labbra si toccarono. Francesca tirò fuori la lingua e cominciò a tracciare le labbra di Carl con la punta della lingua, per poi stuzzicarla e immergerla tra le sue labbra. Carl si affrettava verso la sua bocca, cercando di catturare la lingua stuzzicante, ma Francesca si scansava per poi tornare con piccoli baci affettuosi sul suo viso e altri stuzzicanti colpi di lingua. Nel frattempo, i suoi fianchi dondolavano avanti e indietro, facendo scivolare lentamente il cazzo di lui dentro e fuori di lei e i suoi capezzoli duri scavavano eroticamente nel suo petto. Francesca stava impazzendo con questi stuzzicamenti, ma sapeva che stava facendo impazzire anche il suo Padrone.

Alla fine Carl ne ebbe abbastanza e con un ruggito avvolse le braccia intorno a lei e la fece rotolare in modo che fosse sotto di lui. Quando Francesca lo sentì spingere in profondità dentro di lei, inarcò la schiena e con la testa all’indietro gemette ardentemente. “Oh sì, Oh mio Dio sì, Oh Baby… Ora… Prendimi adesso”.

Le labbra di Carl si spostarono dall’orecchio di lei fino al suo collo e mentre riportava il suo cazzo alle labbra della sua figa, pensò: “Ora è il mio momento di stuzzicare”. Fece dondolare la punta del suo cazzo dentro e fuori le labbra della sua figa mentre le sue labbra stuzzicavano e mordicchiavano il suo collo arcuato. Le braccia e le gambe di Francesca lo avvolsero freneticamente cercando di tirarlo dentro di sé. Carl resisteva con il suo cazzo che stuzzicava le labbra della sua figa e, di tanto in tanto, si spingeva con forza e in profondità. Tutte gli stuzzicamenti e le spinte profonde la facevano gemere, ansimare e tremare tra le sue braccia.

I suoi stuzzicamenti avevano preso il sopravvento e Francesca fremeva, si contorceva e lo implorava di prenderla. Gli artigliava freneticamente la schiena e lo tirava con le gambe. Anche Carl aveva raggiunto il suo limite e le afferrò le gambe tra le braccia, piegandola a metà. Cominciò a spingere forte, profondamente e veloce nella sua figa succulenta, con la brama di sua moglie che lo faceva impazzire. Tutti gli stuzzicamenti avevano fatto pendere Francesca sull’orlo di un altro orgasmo. Nel giro di pochi colpi duri e profondi, ogni muscolo del corpo di Francesca si strinse in crampi muscolari tremanti, mentre lei esplodeva in una palla di fuoco orgasmica.

Francesca capì dai suoi fremiti che era vicino anche lui e quando lo sentì seppellirsi con forza contro la cervice, capì che era lì. Ora venne la parte che fece rabbrividire Francesca, quando sentì il calore del suo seme che la riempiva e il pulsare del suo cazzo sepolto dentro di lei. Per lei questo era il momento più intimo della terra, mentre sentiva il suo uomo dentro di lei che pulsava; il suo cuore e la sua mente si impennavano per l’estasi della loro unione e per l’euforia del loro amore.

Quando l’orgasmo iniziò a placarsi, entrambi si fissarono intensamente negli occhi, portando la loro anima e il loro amore l’uno all’altro. Non c’era bisogno di dire parole, perché i loro sguardi dicevano tutto: i loro cuori erano uniti proprio come lo erano ora i loro corpi. I loro occhi continuavano a bagnarsi l’un l’altro nel loro amore completo, incondizionato e impegnato. La bocca di Carl scese delicatamente sulle labbra imbronciate di Francesca con un bacio affettuoso che concludeva la loro esibizione fisica d’amore.

Carl staccò delicatamente le braccia dalle gambe di lei, mentre la distendeva sotto di sé e la tirava tra le braccia mentre la cullava amorevolmente contro il suo petto. Allo stesso modo, Francesca si accoccolò più profondamente nella sua presa e strinse le braccia intorno a lui. Gli accoccolò il viso sul collo e lo baciò fino all’orecchio, sussurrando con voce profonda di emozione. “Niente al mondo può essere paragonato al modo in cui il tuo amore mi riempie. Tu sei parte di me e io sono parte di te. Ora siamo parte l’uno dell’altra e c’è solo una vita davanti a noi”.

Rimasero accoccolati l’uno nell’altro finché James non le sussurrò all’orecchio. “Probabilmente dobbiamo iniziare a prepararci, tesoro”.

“Potremmo restare qui a fare l’amore tutto il giorno”. Disse lei mentre si stringeva tra le sue braccia.

“Ottima idea, ma andiamo a casa e facciamo proprio questo… per il resto della nostra vita”.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 1 8 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.