La schiava bianca nell’harem arabo: spettacolo esibizionista e nuovo rapimento

Scritto da , il 2022-08-27, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Nel corso delle ultime settimane, Francesca si era resa conto di tre cose e ha cercato di spiegarle al suo padrone
In primo luogo, si era finalmente accorta di essere una donna bellissima e molto sensuale. Amava fare sesso, ma aveva bisogno di essere spinta, presa e dominata per provare veramente l'estasi di cui ha bisogno. Nell'ambito di questa sua scoperta sensuale si era resa conto di essere:

- Esibizionista - Quando si veste in modo scandaloso e si vede allo specchio, era affascinata da ciò che vedeva. Aveva bisogno di sentire gli occhi della folla che accarezzavano e strisciavano sulla sua pelle nuda, confermando la sua passione. Sentiva che la lussuria nei loro occhi amplificava la sua e più occhi sentiva puntati su di lei, più impazziva di desiderio e godimento.

- Sottomessa - aveva bisogno di essere dominata e controllata per sperimentare davvero l'amore e la passione. Aveva bisogno di essere conquistata e di essere privata dei suoi modi viziati e petulanti per poter liberare la puttana che era in lei. Tuttavia, doveva essere qualcuno di cui si fidava e che la amava, e questo poteva essere solo il suo padrone..

- di sentirsi veramente una puttana facendo bondage - Il suo corpo prendeva vita quando era legata e sotto il controllo del suo Padrone. I legami le toglievano la capacità di resistere e questo la eccitava più che mai. Era costretta ad accettare tutto ciò che il suo Padrone faceva e questo la eccitava a dismisura. Tutto il suo corpo era sensibile e implorante e quando c'era una folla che guarda il suo corpo si elettrizzava.

- era follemente innamorata del suo Padrone. Non avrebbe potuto fare nulla di tutto ciò senza il suo amore, le sue cure e la sua protezione. Si sentiva al sicuro solo con lui ed era l'unica ragione per cui può poteva lasciarsi andare abbastanza da provare qualsiasi tipo di desiderio intenso.


Mostrarsi in pubblico e farsi scattare foto erotiche o glamour durante la cerimonia del Collare l’aveva eccitata e fatta godere in modo incredibile. Tutto ciò che il suo padrone faceva per e con lei la faceva impazzire, facendole desiderare che osasse ancora di più. Il massimo della stimolazione era essere legata, presentata al pubblico e mostrare a tutti che appartiene al suo padrone. .

La cosa più importante per lei era il suo padrone, lui era tutto il suo mondo e non solo non poteva fare a meno di lui, ma non voleva farlo. Non aveva mai conosciuto il tipo di amore totalizzante e autosacrificante che provava per il suo padrone. Aveva bisogno di sentirlo sempre accanto a sé, non solo fisicamente, anche spiritualmente.

Niente significa di più per lei della dolcezza, dell'amore e del completo dominio del suo padrone su di lei e vuole che lui la guidi e la controlli. Era innamorata del suo padrone, ma nel momento in cui le aveva dato tutta se stessa, tutto era passato a un livello completamente nuovo. Lui l'aveva amata e curata con pazienza e poi l'aveva dominata quando ne aveva bisogno. Lei non sarebbe nulla senza il suo padrone che la abbracciava e le ci è voluto moltissimo tempo per capirlo.

Con l'avvicinarsi della sera il padrone decise che si sarebbero concessi il primo incontro all’esterno dopo la cerimonia di collarizzazione. Sarebbero andati al ristorante dove Francesca era stata punita per la prima volta in città e lui l'avrebbe aiutata a scegliere un altro vestito per scioccare gli avventori e il personale. Questa volta li chiamò per assicurarsi che fossero d'accordo e pronti per lo spettacolo speciale che aveva programmato.

Quando Francesca venne a conoscenza del piano del suo padrone, iniziò a bagnarsi pensando a tutti quegli occhi che la guardavano di nuovo. Alla fine scelsero un vestito molto bello e sexy. Era grigio con una profonda scollatura. Il miniabito aveva le classiche spalline senza maniche, semplici ma stupende. La gonna aderente con cuciture a coste aveva un lusinghiero orlo dritto con una linea centrale che abbracciava i fianchi e il sedere, coprendoli appena.

L'abito aveva una scollatura a cappuccio che lasciava scoperta la maggior parte delle tette e gran parte della schiena e della pancia, con i capezzoli appena coperti. Il corpetto svolazzante era perfetto per mettere in mostra le tette spettacolari di Francesca, ma il padrone aveva un'aggiunta spettacolare.

Francesca uscì dal bagno, vestita e truccata alla perfezione. Ancora una volta il volto del suo padrone si spalancò per lo stupore, mentre fissava la splendida visione che gli stava davanti. Si meravigliava di come un semplice vestito potesse trasformarsi in una spettacolare esibizione di eccitazione quando Francesca lo indossava. Ancora una volta, era di una bellezza devastante mentre camminava seducente verso il padrone sorridendo splendidamente.


Si avvicinò, gli avvolse le braccia intorno al collo e respirò: "Sai quanto mi piace quando mi guardi così". Poi lei si strinse tra le sue braccia e appoggiò la testa al suo petto dicendo: "padrone, ti amo così tanto".

Il padrone le avvolse le braccia intorno baciandole la sommità del capo e, mentre lei inclinava il viso verso l'alto, le sue labbra scesero verso le sue. Si baciarono dolcemente e intimamente, esprimendo il loro amore eterno l'uno per l'altra. Guardandola negli occhi scintillanti, le disse: "Sei pronta per alcune modifiche al tuo abbigliamento?".

Gli occhi di lei cominciarono a scintillare di malizia ed eccitazione e disse: "Oh sì, padrone".

Il padrone si chinò sul drappeggio del vestito, spostandolo da un lato e scoprendo il capezzolo sinistro, che prontamente succhiò in bocca. Lo lavorò fino a che il capezzolo non si protese fiero e duro nella sua bocca. Quando staccò la bocca dal capezzolo, le bloccò una piccola clip.

Francesca gemeva dolcemente, mentre lui le succhiava il capezzolo, ma quando lui le bloccò il fermaglio, i suoi gemiti si trasformarono in rantoli. Gorgogliando, spinse le tette tra le mani del suo padrone per l'improvviso morso del fermaglio. L'aspra durezza del fermaglio le mandò una scarica di desiderio direttamente nella figa già bagnata. Mentre il desiderio cominciava a scorrere nel suo corpo, il padrone iniziò a lavorare l'altro capezzolo con la bocca.

Quando il capezzolo destro fu duro e orgoglioso in attesa del morso della pinza, il padrone la guardò dolcemente mentre le serrava il capezzolo destro. Francesca sapeva cosa stava per arrivare, ma il morso della pinza le fece vibrare una pulsazione di desiderio bruciante dal capezzolo alle sue pieghe bagnate di rugiada. Francesca fremette e sussultò quando sentì il dolore squisito delle pinze sui capezzoli. Abbassando lo sguardo, poté vedere i suoi capezzoli torturati nascosti sotto le pieghe del vestito, ma la catena che collegava i due morsetti era visibile a tutti.


A Francesca mancò il fiato quando si rese conto che tutti avrebbero saputo che indossava i morsetti per i capezzoli. Lui stava ancora una volta affermando il suo dominio sul suo corpo. Questo era solo l'inizio e rabbrividì pensando a quanto esplosivo sarebbe stato il suo orgasmo entro la fine della serata. Abbassò lo sguardo sulla catena che le collegava i capezzoli e vide il terzo morsetto. Si rese conto che questi erano i morsetti che lui aveva usato su di lei quando era diventata la sua prima schiava d'amore.

Il padrone fece scivolare l'ultimo morsetto sotto il vestito. Si inginocchiò davanti a lei, le fece salire il vestito fino alla vita e le fece scivolare lentamente il perizoma fino alle ginocchia. Afferrò con le mani entrambe le muscolose chiappe di lei e cominciò a leccarle il clitoride. La testa di Francesca rotolò all'indietro sulle spalle mentre sentiva il desiderio scorrere nel suo corpo e la voglia di farsi riempire la figa dal suo cazzo. Poi lui le strinse l'ultimo morsetto sul clitoride e la voglia di godere troppa, mentre il corpo di lei oscillava avanti e indietro con sensazioni martellanti. Le sue ginocchia minacciavano di cedere, ma il suo padrone la tenne stretta e non la lasciò cadere.

Il padrone le fece risalire il perizoma che copriva la sua fessura femminile, ma questo fece sì che la morsa tirasse sul suo clitoride e le sue cosce fremessero violentemente. Lei mugolò per la forte trazione e quando lui vide la reazione disse: "Il vestito sta meglio senza il perizoma". Le fece scivolare il perizoma lungo le gambe e glielo fece togliere. Poi le tirò di nuovo giù la gonna, che copriva a malapena il suo culo molto sexy. Mentre lui era in piedi di fronte a lei e lei gli cingeva le braccia, si rese conto di un'altra cosa. Le catene erano più corte di quanto ricordasse, perché ogni movimento le strattonava i capezzoli e il clitoride.

Lei lo guardò con aria interrogativa e lui rispose: "Sì, ho accorciato le catene in modo che ogni passo, ogni movimento ti tirerà e strattonerà tenendoti sull'orlo dell'orgasmo per tutta la notte. Come ti senti, piccola schiava?".

Francesca sentì la sua appassionata attesa attanagliarla alla gola mentre respirava sommessamente: "Oh padrone, tutti sapranno che ho le pinze per i capezzoli. Tutti sapranno che razza di puttana sono. Oh Dio, padrone, solo il pensiero mi fa eccitare così tanto che le mie ginocchia stanno per cedere. Solo tu sei in grado di capire cosa mi eccita di più, Dio, ti amo così tanto".

"Ho un'altra cosa per te, piccola, ed è dimostrare a tutti che mi appartieni". Il padrone tirò fuori un bellissimo collare di cuoio e glielo allacciò al collo. Alzando lo sguardo, il padrone poté vedere che quel gesto la rendeva più felice di qualsiasi altra cosa avesse mai visto. Mentre gli occhi di lei si riempivano di lacrime di gioia, lui si chinò e la baciò dolcemente. Con le labbra ancora appena sfiorate, decretò. "Ora sei mia, tutta mia e non ti lascerò mai andare".

Con questo le lacrime le caddero dagli occhi e le scesero sul viso, mentre la gioia di appartenere al suo padrone era sotto gli occhi di tutti. Il padrone le mise una mano dietro la testa e le guidò le labbra verso le sue, baciandola dolcemente ma con ferocia. Poi, con voce dominante, ringhiò: "Ora, mia bellissima schiava d'amore, a chi appartieni?".

Con il cuore pieno di felicità e gli occhi pieni d'amore, lei sussurrò: "Oh tu, mio padrone, solo tu. Il mio cuore e il mio corpo sono tuoi e puoi farne ciò che vuoi. Sono completamente tua, basta che tu mi ordini e io farò tutto quello che vuoi. Ti prego padrone baciami ancora, ti amo così tanto".

Il padrone le allacciò le manette ai polsi, la baciò e le attaccò il guinzaglio al collare. Mentre la guidava verso l'auto, non l'aveva mai vista così bella e. Sembrava che in quel momento fosse l'incarnazione femminile del desiderio sessuale. Mentre si sedeva in macchina, gemeva mentre tutte le catene le tiravano i capezzoli e il clitoride. Guardò il padrone e lo fissò con amore, ma anche con il desiderio feroce che lui la violentasse.

Quando arrivarono al ristorante, il parcheggiatore aprì la portiera di Francesca, ma lei rimase seduta finché non arrivò il suo padrone, poi gli passò il guinzaglio e scese dall'auto. Il parcheggiatore rimase a bocca aperta, congelato sul posto, mentre la donna più sexy che avesse mai visto gli stava davanti. Il padrone prese le mani di Francesca e le tirò dietro di sé, allacciando le manette in modo che, quando camminava, le spalle venissero tirate indietro e le sue tette venissero spinte orgogliosamente in avanti. La catena tra i morsetti dei capezzoli sarebbe stata sotto gli occhi di tutti, strattonando i capezzoli, mentre le sue tette ondeggiavano allettanti sul suo petto.

Quando entrò nel ristorante tutti i rumori si spensero, mentre tutti la guardavano passare. Questa volta il silenzio fu rotto da diversi sussulti e commenti increduli quando la schiava più sexy del mondo attraversò il ristorante. Francesca aveva la testa alta e lui poteva vedere e sentire le sue tette che tiravano e strattonavano le catene mentre camminava. A circa metà strada il padrone vide che le ginocchia di Francesca cominciavano a vacillare un po' e il suo Padrone le mise amorevolmente le braccia intorno. Il suo braccio la sostenne per l'ultima parte della camminata. Per tutto il tempo Francesca rimase orgogliosa di essere la schiava del suo padrone.

Quando si sedette, il padrone le tolse le manette per permetterle di mangiare e notò che il suo respiro era affannoso. Quando il padrone le chiese cosa c'era che non andava, Francesca gli disse che, vedendo le sue gambe vacillare, stava avendo un orgasmo mentre camminava per il ristorante. Sarebbe caduta a terra se non fosse stato per le sue braccia e il suo sostegno.

Francesca abbassò la testa guardando a terra e disse con vergogna: "Mi dispiace padrone, sono venuta senza il suo permesso. Mi sottometto alla sua punizione". Mentre lo diceva, i suoi occhi si sollevarono un po' e il padrone poté vedere il luccichio nei suoi occhi.

Il padrone fece un sorrisetto e poi, in tono di comando, disse: "Penserò a una punizione adeguata più tardi, mia petulante schiava". Le fece un occhiolino sornione e lei lo seguì con un sorriso di pieno di aspettativa per la punizione che sicuramente avrebbe subito.

Si chinò a baciarlo e disse: "Sei il miglior Padrone che una schiava possa desiderare e sono così orgogliosa di appartenerti. Sono così orgogliosa che tu sia il mio Maestro. padrone, ti amo così tanto che non riesco nemmeno a dirti la profondità del mio amore per te".

Francesca si alzò e scivolò in grembo al suo padrone allungando le braccia intorno al suo collo e accoccolandosi nell'incavo della sua spalla. Le braccia del suo padrone si avvolsero intorno al suo corpo morbido e flessuoso, tirandola strettamente contro di sé, desiderando bloccare il mondo intero e tenere Francesca al sicuro tra le sue braccia. Ahimè, il mondo non poteva essere messo da parte e la bellezza rara come Francesca non poteva essere tenuta in una bottiglia, per quanto lui volesse fare esattamente questo.

Come se potesse percepire i suoi pensieri, Francesca gli baciò il collo e gli mordicchiò l'orecchio. Poi gli sussurrò all'orecchio: "padrone, di tutte le cose che ho scoperto su di me negli ultimi mesi, tu sei l'unica cosa che mi interessa davvero. Non voglio essere condivisa o condividerti e niente ha importanza senza di te, ma anch'io ho il mio lato esibizionista e se in qualche modo tu potessi controllare tutto questo potrebbe essere la risposta a tutti i nostri bisogni e desideri. Che non ci siano dubbi nella tua mente, rinuncerò a tutto se posso stare solo con te. Sei il mio amante, il mio protettore, il mio padrone e l'unica persona che si preoccupa veramente di me. Soprattutto mi sono data a te e tu sei il mio unico vero padrone, ti amo e so che farai ciò che è meglio per entrambi".

Francesca iniziò a strofinare i capezzoli serrati contro il suo petto e tremò ansimando mentre diceva: "La tua sottomessa ha bisogno che tu giochi con il suo corpo, Maestro. Ho bisogno che tu mostri a tutti i presenti a chi appartengo e cosa puoi farmi". Francesca lo baciò, si chinò verso il suo viso e guardandolo negli occhi disse: "Ti prego, amami padrone, fammi impazzire. Ho bisogno che tu mi stuzzichi fino alla follia e che mi faccia esplodere tra le tue braccia mentre tutti guardano. Ti prego padrone, ho bisogno di te".

Il padrone fece ruotare Francesca su di sè fino a metterla a cavalcioni sulle sue gambe, rivolta verso di lui. Francesca guardava il suo padrone con occhi pieni di passione e di attesa. Lui notò che il respiro di lei cominciava a farsi più affannoso, mentre lui afferrava dolcemente la catena tra le sue tette. La strinse delicatamente, prima spingendola verso il basso in modo che entrambi i capezzoli sentissero la trazione, poi tirandola verso l'alto per stuzzicarle il clitoride. Mentre il suo respiro si affannava tra mugolii e gemiti, i suoi occhi rimanevano fissi su quelli di lui. Allo stesso modo, gli occhi del suo padrone sondavano il suo cuore attraverso gli occhi di lei e lui vedeva crescere l'amore, ma anche la lussuria, il desiderio e il bisogno.

"Vuoi che ti tolga il top e mostri a tutti i presenti le tue tette con i capezzoli serrati?". Il padrone le disse con dolcezza e amore.

Il padrone vide gli occhi di lei velarsi per l'incredibile passione che stava provando e il sapere che l'avrebbe spogliata in pubblico fece schizzare la sua eccitazione alle stelle. Ora le stava facendo dire di spogliarla, mostrarla al pubblico e violentarla davanti a loro. Con la bocca aperta in un prolungato mugolio lussurioso, lei annuì lentamente con la testa su e giù.

Mentre l'esposizione al ristorante le trasmetteva scosse di bisogno erotico. Il padrone poteva vedere l'erotismo del momento crescere nei suoi occhi, mentre allungava la mano e le liberava il morsetto dal capezzolo.

Francesca emise un gemito erotico, e tutto il suo corpo ebbe un sussulto mentre il sangue tornava a scorrere nel capezzolo, inviando pulsazioni infuocate attraverso il ventre fino alle pieghe della donna, già fradice. Gli occhi di Francesca si spensero mentre cercava di controllare le sensazioni che le attraversavano il corpo. Il padrone le afferrò leggermente il capezzolo pulsante e le disse con voce autoritaria: "Non chiudere gli occhi, tienili su di me, voglio vedere tutto attraverso i tuoi occhi".

Gli occhi di Francesca si aprirono di scatto e si aggrapparono a quelli del suo padrone, riversando nei suoi occhi il proprio amore, il proprio bisogno e la propria passione. Con la coda dell'occhio vide la folla che si radunava intorno a loro e sapere che l'intero ristorante li stava guardando rendeva il tutto ancora più voglioso e delizioso.

Il padrone capì che lei voleva di più, voleva tutto stasera. Il padrone le massaggiò dolcemente il capezzolo esposto e martoriato con il pollice e l'indice, accarezzandolo fino a quando non fu di nuovo duro e spinto con orgoglio verso il pubblico. Le sue tette ondeggiavano allettanti, mentre il suo respiro si faceva affannoso e, attraverso la sua visione periferica, il padrone notò che la folla cresceva e si avvicinava per guardare.

Vedendo la lussuria che ardeva nei suoi occhi, il padrone conosceva la risposta. Tuttavia, avrebbe fatto in modo che Francesca gli dicesse tutto ciò che voleva: "Vuoi che tutti qui mi guardino mentre espongo l'altra tetta e gioco con il tuo capezzolo?".

Il pensiero di ciò che stava facendo stava facendo impazzire Francesca di desiderio. Ancora una volta, si rese conto che lui sa di cosa aveva bisogno più di lei e che è l'uomo perfetto per lei. Gemeva eroticamente, prendeva un respiro tremante, agitata dall'attesa e affascinata dal controllo totale che lui aveva su di lei. Non poteva negargli nulla e, a dire il vero, lo desiderava ancor più di lui. I suoi occhi si fissarono su quelli di lui, ipnotizzati dal suo potere, e poi ipnoticamente fece un cenno con la testa su e giù.

Il padroneprese la spallina destra e cominciò a tirarla giù dalle braccia, facendo crescere lentamente l'eccitazione anticipata di Francesca. Quando finalmente il vestito scivolò via dal capezzolo, la parte superiore del vestito le si depositò in grembo. Francesca rabbrividì con le tette che fremevano eccitate. Ora era completamente in topless davanti al pubblico riunito e incantata dal suo padrone che controllava ogni sua mossa. Sapeva che obbedire al suo padrone era l'unico modo per sedare il tumulto euforico che teneva in ostaggio il suo corpo.

Sentiva tutti gli occhi che le accarezzavano i capezzoli, mentre sentiva i sussulti e i mormorii eccitati del pubblico. Sentire tutta la loro lussuria combinata riversarsi sul suo corpo esposto le fece attraversare il ventre fremente da un lampo di desiderio appassionato e rovente.

Con gli occhi ancora fissi su quelli di lui, il suo padrone le tolse delicatamente il morsetto del capezzolo rimasto. Lei mugolò forte mentre il sangue affluiva alla punta del capezzolo, con la testa che rotolava sulle spalle per cercare di arginare le sensazioni che le attraversavano il corpo. Cercò di mantenere il contatto visivo con il suo padrone, ma il suo corpo tremante lo rendeva difficile. Quando il padrone iniziò a massaggiarle il capezzolo destro, lei sentì che ogni strattone e ogni torsione mandavano carezze corrispondenti direttamente al suo clitoride.

A questo punto Francesca sapeva che il pubblico era ancora lì a guardare, ma stava impiegando tutta la sua concentrazione per non lasciarsi consumare dall'orgasmo. Sapeva che il padrone voleva che trattenesse l'orgasmo e aspettasse finché non le avesse dato il permesso di godere. Il suo Padrone si stava impegnando per farla impazzire e lei voleva accontentarlo. La sua molla orgasmica si strinse e lei lottò per tenerla a freno.

Il padrone vedeva gli occhi di lei velati dalla lussuria che si stava formando nel suo corpo, pronta a esplodere, ma aveva ancora molto da fare. Per prima cosa doveva attirare la sua attenzione, quindi le diede una leggera leccata sul capezzolo. Quando gli occhi di lei si concentrarono nuovamente su di lui, chiese: "Vuoi che tolga l'ultimo morsetto?". Lei emise un rantolo udibile, mentre annuiva rapidamente con la testa su e giù, con gli occhi che lo imploravano di porre fine a quel tormento e di devastarla.

Lui strattonò la catena che usciva dalla parte superiore del vestito e le fece tremare il corpo: "Vuoi che ti spogli? Vuoi essere gloriosamente nuda davanti a tutti nel ristorante prima che ti tolga il morsetto?".

Per Francesca la tortura erotica continuava a crescere e non era sicura di quanto potesse ancora sopportare con il corpo che tremava e si agitava. La sua voce fremeva di un bisogno appassionato, mentre prendeva un respiro profondo e tremante e sussurrava: "Oh, oh Dio sì, oh ti prego padrone mostra a tutti che ti appartengo".

Francesca sentiva i mormorii della folla e sapeva che stavano guardando il suo Padrone giocare con le sue tette esposte. Sentì i brividi percorrere il suo corpo e i capezzoli si strinsero ancora di più quando i commenti lussuriosi della folla le giunsero alle orecchie. Vuole essere il suo giocattolo stasera, che lui mostri a tutti come possiede e doma il suo corpo selvaggio e lussurioso.

Il padrone sapeva che a questo punto le gambe di lei tremavano troppo per sostenerla. Così, le avvolse le braccia e si mise in piedi con lei in braccio, poi la fece sdraiare sul tavolo. Ora Francesca poteva davvero vedere che l'intero ristorante si era riunito per guardarla. Sentiva tutti i loro occhi che le accarezzavano le tette; sentiva quasi le loro lingue guizzanti che le leccavano i capezzoli. Quando il padrone le tolse finalmente il vestito, sentì tutti i loro sguardi lussuriosi rivolgersi alla sua figa gonfia e scintillante. Era quasi troppo, sentiva che la lussuria la stava travolgendo e stava titubando per il suo orgasmo.

Mentre sentiva tutti gli sguardi accarezzarle le tette, il ventre e scendere fino alla sua figa succulenta, Francesca non riusciva a fermare il desiderio appassionato che si riversava in lei. Vide persone che si leccavano le labbra e uomini e donne che si strofinavano l'inguine e sapeva che avrebbe disobbedito al suo padrone, mentre l'orgasmo minacciava di sopraffarla. Improvvisamente un colpo deciso sul sedere la riportò al suo padrone che le disse con fermezza: "Occhi su di me, non costringermi a punirti davanti a questa gente".

Francesca tremò e disse con gratitudine: "Grazie padrone per avermi salvato dal disobbedire".

Il padrone le afferrò le braccia e unì le manette. Poi si tolse la cintura e l'avvolse intorno alla maglia che teneva unite le manette. Le tirò le braccia sopra la testa e poi di nuovo sul lato inferiore del tavolo, costringendola a inarcare la schiena. Poi attaccò la cintura a qualcosa sotto il tavolo.

Il padrone si mise di fronte a lei guardandola negli occhi mentre le accarezzava dolcemente la guancia. Con amore mormorò: "Ora, mia bellissima schiava, sei legata e vulnerabile a chiunque io decida di darti. Vuoi che ti dia queste persone, lasciando che ti lecchino e succhino i capezzoli, che ti lecchino e succhino la figa o che ti scopino?".

Francesca guardò il suo padrone con il panico negli occhi mentre iniziava a scuotere la testa; no, capì che non era la risposta giusta. Il pensiero che tutti le leccassero i capezzoli e la figa le faceva salire il desiderio alle stelle, ma che qualcun altro la scopasse la mandava nel panico. Sapeva che il suo adorante Padrone non avrebbe mai permesso a nessun altro di toccarla, così sussurrò: "Io appartengo a te, mio Padrone, e il mio corpo è per il tuo piacere. Se è tuo piacere darmi a qualcun altro, allora sì, padrone, farò tutto ciò che desideri da me".

Il cuore del suo padrone si riempì dell'amore che provava per lei e si chinò a reclamare amorevolmente la sua bocca, mentre la sua mano cominciò a rotolare sulle sue tette e a titillare i suoi capezzoli. Quando la sua mano si imbatté nella catenella attaccata al clitoride, diede qualche strattone anche a quella. La bocca di Francesca si spalancò in una boccata d'aria mentre la passione, leggermente diminuita, tornava a scuotere il suo corpo. Il padrone approfittò appieno della sua bocca spalancata, saccheggiando la sua bocca sensuale con la lingua.

Quando il padrone staccò la bocca dalla sua, l'intero corpo di Francesca si contorceva e si contorceva sul tavolo con una passione a malapena controllata. Mentre lui la guardava negli occhi appassionati, lei sussurrò: "Ti prego, padrone, ti prego, fammi godere".

Il padrone si chinò, afferrò uno dei capezzoli duri tra i denti e lo tirò. Dopo aver finalmente lasciato la presa, guardò Francesca negli occhi e disse: "Non ancora, mia bellissima compagna di giochi, non ancora. Abbiamo ancora un morsetto di cui occuparci".

Il padrone baciò e accarezzò la sua pancia affondata e definita, e attraverso la valle tra i suoi fianchi fino alle sue pieghe piangenti e gonfie di desiderio. Il padrone si avvicinò e prese due tovaglioli dal tavolo, le allargò le gambe e legò ogni caviglia alla gamba del tavolo. Francesca era ora spalancata in bella mostra per tutti e con ciò tutti gli elementi erano in gioco per uno degli orgasmi più esplosivi di Francesca. Era legata a un tavolo, esposta agli sguardi del pubblico e il padrone stava facendo l'amore con lei. Questo era il suo esplosivo mix orgasmico.

Mentre le baciava l'interno cosce, vide i muscoli delle gambe e del ventre fremere mentre lei cercava di trattenere l'inevitabile orgasmo. Quando raggiunse le labbra della figa e cominciò a tracciarle le labbra con la lingua, i rantoli e i gemiti di Francesca divennero affannosi e senza respiro. Sapeva che da un momento all'altro l'orgasmo sarebbe scivolato oltre la sua capacità di tenerlo a bada.

Il padrone trascinò la lingua sulla punta torturata del clitoride e Francesca urlò implorando e supplicando di lasciarla venire. Il padrone si avvicinò e le tolse la pinza dal clitoride dopo aver detto a Francesca: "Vieni per me, tesoro, vieni forte e a lungo". Immediatamente le succhiò il clitoride in bocca, dedicandole le attenzioni amorevoli di cui aveva bisogno.

Nel momento in cui Francesca sentì la parola "vieni", il suo corpo esplose in un arco muscolare che provocò il rantolo del pubblico, ma Francesca non sentì nulla di tutto ciò. Il suo cuore e la sua mente esplosero in un mare di colori, luci e fuochi d'artificio degni di qualsiasi festa di Capodanno. Il corpo di Francesca si contorceva, si contorceva e si sforzava entro i limiti della sua schiavitù, con tutte le corde e i muscoli del suo corpo che si tendevano in rilievo contro la sua pelle.

L'orgasmo continuò e Francesca sentì il suo mondo frantumarsi intorno a lei. In fondo alla sua mente poteva vedere e sentire il pubblico che sussultava per quello che stava vedendo. Questo non fece altro che spingerla ad aumentare il suo orgasmo e a renderlo più profondo. Era in un'euforia che poche persone possono sperimentare e voleva che ciò continuasse per sempre. Alla fine il suo corpo poté resistere solo fino a un certo punto nel suo stato orgasmico e, quando finì, urlò il nome del suo padrone.

Mentre cadeva sul tavolo e il suo padrone le risucchiava il clitoride in bocca, Francesca esplose in un'altra scarica di godimento. Non era potente come il primo, ma era comunque uno spettacolo impressionante. Ricadde sul tavolo con il ventre che cercava di rannicchiarsi in posizione fetale, ma legata com'era poté solo fremere violentemente mentre gli umori la consumavano.

Tra il pubblico c'erano due uomini enormi con le magliette strette sui muscoli sporgenti. Erano entrati nel ristorante in cerca di occasioni di rapimento, ma ora erano ipnotizzati dalla scena che avevano davanti e avevano dimenticato il motivo per cui erano lì. Nessuno dei due aveva mai visto una donna così incredibilmente bella; tuttavia, l'esibizione di atletismo erotico di Francesca li aveva fatti sbavare.

Entrambi gli uomini avevano un grosso rigonfiamento nei pantaloni e ora capivano perché erano stati pagati così tanto. Non riuscivano a distogliere lo sguardo da Francesca, mentre il suo corpo teso e lussurioso si contorceva nel suo secondo orgasmo. Il suo piccolo ventre si increspava nel fervore dell'orgasmo e i suoi fianchi si tendevano contro i suoi legami. Le spettacolari gambe di francesca si agitavano e fremevano in un'incredibile dimostrazione di esultanza orgasmica. I suoi capezzoli duri imploravano, come le sue tette tremanti ed entrambi gli uomini erano sbalorditi dallo spettacolo.

Mentre guardavano il padrone che la spingeva verso un'altra enorme sborrata, si chiedevano se potessero assaggiare un po' di lei prima della consegna. Entrambi sapevano che sarebbe stato difficile tenere le mani lontane dalla merce una volta che l'avessero avuta e ora più che mai sapevano di doverla avere.

Sapevano che con l'enorme folla che li osservava questa non era la serata giusta. Dovevano continuare a sorvegliarla e trovarla in una situazione isolata. Il suo padrone era un uomo forte e muscoloso, ma loro erano in quattro e sapevano di poterlo battere se si fosse arrivati a questo punto. Come squadra avevano attraversato l'inferno e ritorno. Questa era una passeggiata e sapevano con arroganza che lei sarebbe stata presto nelle loro mani.

Francesca era sdraiata sul tavolo e tremava dopo il suo terzo orgasmo massiccio. Poi il padrone si avvicinò alla testa del tavolo per poterla guardare negli occhi, passando le mani sul suo corpo artisticamente esposto. Mentre una mano continuava a stuzzicarle la figa e i capezzoli, l'altra le copriva amorevolmente il viso e i due amanti riversavano il loro amore l'uno nell'altro attraverso gli occhi. Il padrone la baciò amorevolmente e dolcemente, poi fissandola negli occhi le disse: "Mia bellissima schiava sexy, ti piacerebbe essere scopata davanti a tutte queste persone?".

Con voce sommessa e tremante, ma appassionatamente bisognosa, Francesca disse: "Oh sì, padrone, ti prego, sì, e se piace al mio padrone, ti prego, fa' che sia tu".

Il padrone si chinò a baciarle il viso e poi le labbra. Con voce morbida e amorevole, sussurrò dolcemente: "Sai che non potrò mai condividerti, sei mia, tutta mia e sarai sempre mia. Ti amo più di quanto possa esprimere a parole e ti amerò sempre".


Francesco lo guardò con le lacrime di gioia e di amore che le brillavano negli occhi e con le labbra tremanti disse: "Ti prego, amami padrone, fai l'amore con me e rivendicami come tua ancora una volta".

Il padrone la baciò ancora una volta con un lungo e lussurioso bacio. Poi tornò tra le gambe di lei, si abbassò i pantaloni e iniziò a introdurre il suo cazzo ingrossato nella sua figa, gloriosamente morbida e setosa, dell'unica donna che abbia mai amato.

All'inizio il pubblico era affascinato dall'erotismo atletico e dagli orgasmi incredibilmente esplosivi di Francesca. Ora la situazione era cambiata e stavano assistendo a un rapporto d'amore al suo apice più straziante. Pur essendo ancora incredibilmente erotico, era la cosa più bella che ognuno di loro avesse mai visto. Nessuno si mosse, si sentirono quasi in imbarazzo, come se si stessero intromettendo nell'intimo momento di puro amore di una coppia.

Il padrone sapeva che con una notte intera di stuzzicamenti non avrebbe potuto durare a lungo, ma voleva che Francesca venisse con lui mentre la guardava negli occhi. Pertanto, mentre il suo cazzo viaggiava lentamente, ma con forza dalle labbra gonfie della figa fino alla cervice, una mano stuzzicava alternativamente i capezzoli. L'altra mano le accarezzava il clitoride in un modo che sapeva l'avrebbe portata rapidamente all'orgasmo. Gli occhi dei due amanti si bloccarono in un'unione d'amore mentre il padrone iniziò ad accelerare le spinte dentro di lei. Francesca sentiva l'amore e la tensione erotica crescere dentro di lei, mentre gemeva amorevolmente il nome di del suo padrone.

Sentì che il suo padrone cominciava a perdere il ritmo, mentre lo sentiva gonfiarsi dentro di lei e sapeva che stava per sborrare. Iniziò a cercare di raggiungere il suo orgasmo, per cercare di venire insieme, ma era troppo lontano, poi il padrone le pizzicò il clitoride e disse. "vieni ora per me, piccola".

La sua bocca si aprì e i suoi occhi si spalancarono mentre la sua mente e il suo corpo rispondevano al suo comando con un orgasmo accecante che si impossessava del suo corpo. I loro occhi rimasero chiusi insieme, trasmettendo appassionatamente il loro amore reciproco e nella nebbia dell'orgasmo. Francesca sentì il padrone pulsare dentro di lei mentre la riempiva con il suo seme. In quel momento si rese conto che lui era davvero il suo Padrone e che il suo cuore, la sua mente e il suo corpo rispondevano ai suoi comandi più forte che se fossero stati i suoi.
Mentre era ancora dentro di lei, il padrone si abbassò, le slegò le gambe e usò uno dei tovaglioli per raccogliere i loro succhi combinati. Si tirò su i pantaloni e si avvicinò rapidamente alla testa di lei slacciandole le braccia e la sollevò dal tavolo cullando il suo corpo. Il pubblico, incerto su cosa fare, iniziò ad applaudire timidamente, altri si unirono e presto fu una standing ovation. Francesca stese le braccia ancora legate sulla testa del suo padrone e si strinse nel suo abbraccio.

Per quanto Francesca desiderasse il pubblico, in quel momento voleva solo sentire l'amore del suo padrone che la circondava. Il padrone si sedette sulla sedia con Francesca ancora nuda in grembo e questo fu il segnale per la dispersione della folla. Francesca si accoccolò strettamente tra le sue braccia, baciandogli il collo e miagolando con amorevole soddisfazione.

Poi all'improvviso è apparso un cameriere che ha detto. "Posso illustrarle le nostre specialità per la serata?".

L'assurdità del momento colpì il padrone e Francesca che iniziarono a ridere. Con Francesca ancora completamente nuda in grembo, il cameriere iniziò a scorrere il menu. Dopo che ebbero ordinato la cena, il padrone ordinò a Francesca di stare ferma mentre lui la rivestiva amorevolmente lasciandole baci affettuosi ovunque sulla pelle prima di coprirla con il vestito. Mentre lo faceva, Francesca non si era mai sentita così amata, o curata come in quel momento.

Il cuore le batteva all'impazzata nel petto per l'amore che provava per il suo padrone, mentre si rendeva conto di un'altra cosa. Tutte le belle fantasie amorose ed erotiche che aveva avuto e tutti i romanzi romantici che aveva letto, ora li aveva superati tutti. Tutto questo grazie al suo amorevole marito; grazie alla profondità del suo nuovo amore e del suo impegno nei suoi confronti.

Tornando a sedersi, il padrone guardò Francesca negli occhi e la profondità dell'amore puro e disinteressato che vi era contenuta gli tolse il fiato. Non aveva mai visto la profondità del suo amore in questo modo ed era disinteressato e senza limiti, arrivando direttamente alla sua anima.

Il loro viaggio di scoperta erotica li aveva portati a scoprire la profondità dell'amore che due persone possono provare l'una per l'altra. Hanno scoperto talenti che nessuno dei due sapeva di avere, ma hanno anche scoperto che insieme il loro amore profondo li rende molto potenti. Sono in perfetta sintonia e armonia l'uno con l'altra, con il padrone che guida e Francesca che segue. Come due ballerini che mostrano la loro arte sincronizzata, mostrano il potere di due persone che diventano una sola.

Quando due persone si amano abbastanza da sacrificarsi per la persona che amano, diventano potenti. Quando il loro amore si combina con il ruolo di ciascuno, l'armonia che ne deriva li rende inarrestabili. Anche come dominanti e sottomessi sono uguali e condividono il loro potere. Il padrone non ha alcun potere che Francesca non gli abbia dato e Francesca sta solo dirigendo il loro potere combinato in una danza amorevole e armoniosa.



La cena è stata servita dal ristorante e quando hanno iniziato ad andarsene tutti li hanno ringraziati per lo spettacolo. Quando uscirono dalla porta, il parcheggiatore non c'era più. Al suo posto c'è un uomo enorme e massiccio che faceva la parte del valletto. Il padrone conosceva tutti gli abitanti della città e questo signore non era di qui. I suoi sospetti vennero immediatamente destati, ma prima che potesse dire qualcosa due grossi signori lo afferrarono, lo imbavagliarono e lo legarono alla testa e ai piedi. Il valletto afferrò Francesca e la spinse urlando in un vicino furgone in attesa.

Il padrone li guardò allontanarsi urlando nel bavaglio. La sua splendida schiava era stata rapita e, in cuor suo, sapeva chi era stato. Si contorse e urlò finché finalmente qualcuno uscì dal ristorante e lo aiutò. Iniziò subito a fare telefonate e riunì un gruppo di ex teppisti dell'IRA e di amici della mafia irlandese. Insieme, l'avrebbero riportata indietro e l'avrebbero fatta pagare ai rapitori.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.