Il sogno diventa realtà - Mia sorella 13

Scritto da , il 2022-09-15, genere incesti

Nei giorni successivi avevo un po' trascurato mia sorella, ero quasi sempre con Giorgia a fare progetti per la nuova villetta che avevamo comprato in quei giorni.
Ormai erano già 2 settimane che non facevo l'amore con Marika e ad essere sincero la cosa mi mancava.
Un pomeriggio ero rimasto a casa e stranamente non avevo impegni di nessun tipo, vidi mia sorella seduta sul divano a guardare la TV e mi andai a sedere vicino a lei. Nostro padre era al lavoro mentre mamma era fuori per compre.
" Hey cucciola, cosa guardi? "
" Heyy, un film, giusto per passare il tempo "
Mi misi con lei a guardare la TV ma notai che lei non mi staccava più gli occhi di dosso, mi girai verso di lei e gli dissi " che c'è? ", continuò a guardarmi in silenzio poi ad un tratto mi baciò molto intensamente
" Sono innamorata di te Michael, ecco cosa c'è. Non mi importa se sei mio fratello, io ti amo. "
" Tesoro lo so, anche io ti amo, però il nostro rapporto deve rimanere segreto per sempre "
" Lo so amore mio, ma quando facciamo sesso trattami come se fossi tua moglie. Sono pazza di te. "
Mi baciò e mi spinse fino a farmi sdraiare sul divano, salì sopra di me e continuò a baciarmi mentre si strusciava sui miei pantaloni.
Dopo qualche minuto passato a limonare la presi in braccio e la portai in camera mia, ci spogliammo e lei si mise seduta sul bordo del letto divaricando le gambe mentre io mi misi in ginocchio e cominciai ad assaporare la sua figa bagnata e profumata.
" Ssii leccami tutta la figa, mmmh sii ti prego continua "
Quanto mi era mancata la figa di mia sorella, con lei provavo qualcosa di davvero speciale che con nessun altra donna avevo mai provato. Continuai a gustarmi la sua splendida figa con i suoi gemiti di piacere in sottofondo.
" Facciamo un 69 cucciolo mio? "
" Non devi neanche chiederlo "
In men che non si dica ero già sul letto con lei sopra di me, mi succhiava il cazzo con amore e passione andando ad un ritmo lento per gustarselo tutto.
Nel frattempo grondavano i suoi umori che finiro tutti sulla mia faccia e nella mia bocca e vi giuro che sarei rimasto ore li sotto ad assaporare i suoi umori.
" Ora basta scopami come solo tu sai fare "
" Ok amore vieni qui "
Si sdraiò sul letto e cominciammo a scopare nella posizione del missionario.
Iniziai a penetrarla dolcemente, non volevo scoparla forte come le altre volte, ma volevo scoparla per sentire più piacere possibile. Ci guardavamo fissi negli occhi mentre entrembi stavamo ansimando, poi cominciai a baciarla e morderla ovunque, soprattutto sul collo perché le piaceva molto.
" mmmh siii ti amo, ti amo Michael, si scopami cosi "
" oohh ssii piccola, ti piace il mio cazzone eh? Oh si che ti piace.... ti amo troietta mia "
" Ohh siii che porco che sei, lo sento tutto dentro continuaa "
Continuai a scoparla dolcemente, sentivo il mio cazzo sguazzare nei suoi umori e con le mani mi stringeva forte i fianchi, con le sue unghie che graffiavano la mia pelle
" Ssii, ssii, ooohh ssiii, Baciami amore mio "
Non appena cominciai a baciarla sentii la sua lingua entrare prepotentemente nella mia bocca a cercare la mia lingua. Marika era veramente arrapata e non mi lasciava un secondo di tregua, mi baciava, mi teneva stretto a lei, mordeva le mie labbra e mi leccava ovunque e poi sentire i suoi gemiti di piacere portavano la mia eccitazione alle stelle.
La presi e la feci salire sopra di me e lei si infilò immediatamente il mio cazzo nella figa cominciando a saltellare come una pazza
" AAAHH AAHH OOOOH, lo sento fino alla pancia oddioo SIIII "
" Sii godi porca, voglio sentirti urlare di piacere, ssii oohh sii "
Mentre si faceva penetrare come una cagna si riavvicinò a me per baciarmi ancora, poi nell'orecchio continuava a dirmi
" Ti amo Michael ".
Successivamente si mise su un fianco e io le presi e alzai una gamba per poter ricominciare a scoparla, ma ero quasi arrivato al limite quindi cercai di andarci più piano.
" Perchè hai rallentato? Stai per venire? "
" Si amore, sto per venire "
" Dai resisti ancora un pochino, fai godere la tua bella sorellina "
Strinsi i denti e provai a resistere qualche minuto in più.
" Non ce la faccio più ora amore "
" E va bene toglilo, ti faccio venire "
Mi sfilai dalla sua figa e lei si mise subito davanti a me cominciando a segarmi e subito venni copiosamente. I miei schizzi volarono un po ovunque, ricadevano sulla mia pancia, un po sul letto, su Marika e anche sul pavimento. Dopo avermi svuotato completamente le palle Marika cominciò a ripulire il mio pene dai residui di sborra e a leccare quella che era ricaduta sulla mia pancia per poi ingoiarla tutta.
Dopo questa intensa scopata si sdraiò vicino a me e ricominciammo a baciarci appassionatamente
" Tu per me non sei un fratello, sei l'amore della mia vita e noi due dobbiamo fare qualcosa per sancire il nostro amore "
" Amore mio, ti amo, io non sopporto che tu sia mia sorella... ti avrei già sposata sennò. E cosa vuoi fare sancire il nostro amore? "
" Vuoi saperlo? "
" Si "
" Mettimi incinta "


CONTINUA.....

Questo racconto di è stato letto 4 8 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.