Il registratore - il temporale

Scritto da , il 2012-09-16, genere etero

Finita la breve parentesi in trasferta, tornai alla solita vita, per qualche giorno non successe nulla, ascoltavo i soliti discorsi al registratore, con piacere notai che Giada non fece cenno della scopata. Poi un pomeriggio rientro a casa che erano circa le 18,45, pioveva a dirotto, nel salotto c'erano solo Lisa e Francesca, "babbo" mi chiamò Lisa, "c'è il temporale, accompagneresti Francesca?", al che risposi "sicura che magari non ci pensano i suoi?", "no babbo ha telefonato poco fa, ma il padre è al lavoro e la madre almeno per ora non può" mi disse, "non preoccupatevi, basta che mi prestiate un ombrello in seguito ve lo rendo" frignò Francesca, "con questo diluvio non se ne parla nemmeno" aggiunsi. "Dammi il numero di tua madre" dissi, feci il numero ed attesi una risposta "buona sera, signora" sbottai "sono il padre di Lisa" dissi quando rispose "ci penso io signora ad accompagnare sua figlia se permette" poi riattaccando dissi "Quando vuoi Francesca" "ok se insiste" mi rispose Francesca. Si sedette con la gonna quasi complettamente sollevata, lasciando in bella mostra due cosce meravigliose, mi resi conto che voleva offrirsi ma forse non trovava il modo, decisi di agevolare le sue (o forse le mie) aspettative, appoggiai una mano a metà coscia poi dissi "cosi ne diresti, se mi fermassi un pochino in qualche posticino isolato per scambiare quattro chiacchiere, magari chiamo tua madre e le dico che ho bucato e cambierò la gomma appena il tempo lo permette?", "oh si si, mi piacerebbe tanto signor Carlo" mi rispose con entusiasmo, "almeno quando siamo soli puoi darmi del tu" dissi svoltando in una stradina laterale, mi fermai in un posto isolato, il temporale non accennava a smettere, presi il telefonino e "pronto signora sono ancora io, volevo avvisarla che tarderemo un pò, ho bucato ed appena il tempo lo permetterà la sostituirò", poso il telafonino e ribalto il sedile, "che fai tu non ti sdrai?" dico, e lei "come si fà? Mi allungo vero il suo sedile ma prima di abbassarmi allungo la mano sui suoi seni, la vedo sorridere felicein segno di assenso, ribalto anche il suo sedile poi ci abbandonammo ad un lungo bacio, "promettimi che tutto resterà fra noi" dissi, "promesso" mi rispose. Aveva le tettine più sviluppate sia di Lisa sia di Giada, belle sode, dure, perfettamente sferiche, sembravano di porcellana, favolose, la denudai nella parte superiore del corpo, poi cominciai a giocare coi seni, accarezzavo, baciavo, leccavo quelle leccornie, poi la mia mano si impossesso delle sue coscie, dure, muscolose, toniche, lisce bellissime, raggiunsi le mutandine e saggiai la topina, la sentivo piccolissima, forse mi sbagliavo, non volevo accendere le luci e decisi di continuare al buio, comincio a tirare giù le mutandine, lei mi agevola, la mia mano avida si rimpossessa del cespuglio a difesa dell'antro, cazzo, continuo ad avere l'impressione che la fighetta sia più piccola del normale, mi assale la paura di spaccarle irreparabilmente la fighetta, comincio a sditalinare, la sento inumidirsi, poi allagarsi in un sensuale orgasmo, cerco di intuire con le dita l'elasticità dei muscoli vaginali, oh, cazzo che faccio se devo chiavare, il momento è arrivato, mi faccio coraggio e libero il randello, le allargo delicatamente le gambe ed inizio la perforazione, con fatica insinuo il glande, è strettissima, anche se pare molto elastica (speravo), è bagnatissima, di umori e sudore, spingo ancora ma con delicatezza, pur sentendola strettissima l'impressione che ho è quella che la figa sia pronta a ricevere il cazzo senza conseguenze. Un senso di tranquillità mi pervade mentre il cazzo scivola beato in quell'anfratto, devo fermarmi, è arrivato il momento di assestare il colpetto, stavo per farla diventare donna, ricomincio con le carezze per farla rilassare, quando mi sembrò un pò più tranquilla cercai la sua bocca, incollai la mia bocca alle sue labbra, le mani importunavano le tettine mmmh, oooh, mmmh, L'AFFONDO, le sue mani mi strinsero forte, accarezzai il viso percepii le lacrime, capii di averle fatto male, ma ormai il peggio stava passando, cominciai un lentissimo amplesso, dopo attimi eterni mi resi conto che il suo corpo cominciava ad assecondare i movimenti del mio, la sua fighetta sia pure con fatica diventò la naturale custodia del mio cazzo, la mia mano destra si insinua fra noi tocca il clitoride, è gonfio da far paura dopo due secondi di sfregamenti, mugolii e tremolii, sento che il cazzo galleggia in mezzo ad una marea di umori vaginali, il dolore era sparito, ora aveva goduto ma io dovevo continuare l'amplesso, ora i movimenti sono lenti ma ritmci e continui, un brivido mi percorre la spina dorsale quando percepisco che il suo corpo comincia da assecondare il mio, il suo corpo ha abbandonato il dolore ed ora gode della penetrazione, il ritmo aumenta all'unisono e più aumenta più godiamo l'uno dell'altra, vorrei poter stare in eterno col mio cazzo in quella stretta, calda, accogliente fighetta, ma sento che ormai il il tempo stà per scadere, sento che le palle per scaricare il loro prodotto, i colpi ora sono più veloci, un calore mi avvolge, sento lo sperma che attraversa veloce l'uretere schizzando all'interno di quella figa, ed unendosi a quegli umori che la patatina secerne in contemporanea. Qualche attimo stiamo fermi, felici ma stanchi e svuotati, poi cerco le salviette ci asciughiamo, ci diamo una rassettata, sollevo i sedili, metto in moto e parto verso la casa di Francesca, mi fermo cerco l'ombrello diluvia, esco dalla macchina faccio il giro, aspetto che Francesca esca, cerco di coprirla con l'ombrello, ma piove così tanto che ci inzuppiamo comunque, suoniamo, ci apre la madre, una bella signora che si presenta come Angela, bella ma abbastanza in carne, capisco subito che mi piace, sento che anche io non le sono indifferente, ma saluto e me ne vado; chissà se la rivedrò. Continua.

Questo racconto di è stato letto 5 9 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.