Nonni 2

Scritto da , il 2022-08-19, genere incesti

“noooo basta mi fai morire togli la mano che devo correre in bagno altrimenti lavo tua nipote”
La signora nuda corre in bagno e io mi rialzo
“ma nonna da quando conosci quella??ma davvero è così maiala!!vuole solo donne o cerca anche uomini??”
“amore la conosco dalle elementari ma non credere che voglia solo donne,gradisce e molto anche gli uomini,si è fatta il nonno con quasi tutti quelli della città con non solo uno ma una volta l’ho vista con quattro addosso e pensa si è fatta anche il fratello”
La signora ritorna sempre nuda,si avvicina alla nonna e la bacia in bocca
“ma dai esagerata e tu cosa facevi?non mi dire che collaboravi”
“certo cara tua nonna era la mia compagna preferita dalle elementari adesso se Olga vuole ti racconto la nostra amicizia”
“certo raccontale tutto deve capire che maiala è sua nonna e devo ammettere che erano anni che la volevamo sfondare da tutte le parti,pensa che il nonno si è fatto tante di quelle seghe pensandoti mentre mi faceva bere tutto”
“allora io e tua nonna ci conosciamo dalle elementari ma lo scoprire che eravamo delle porcelle è stato mio fratello quando avevamo i primi calori nelle fighette e le tette che spuntavano”
“ma nonna!!!davvero ti sei fatta suo fratello???che maiale credo che mi farete venire senza toccarmi dai avanti con il racconto e aprite le gambe che credo non mi basteranno le tette da strizzare per godere allora sono pronta”
E la nonna inizia a raccontarmi le loro avventure di anni prima,era tempo che loro due si controllavano a vicenda la figa e si leccavano le tettine accarezzandosi tutte,erano inesperte ma godevano a palparsi da tutte le parti e avevano anche imparato a baciarsi in bocca sempre con le mani sulle tette o sulle fighe.
“Anna non resisto fammi baciare tutta mia nipote e vai avanti tu che ho la figa che cola”
“ahhhhh godi solo al pensiero di quei tempi!!!! Va bene vado avanti io”
Un pomeriggio andiamo a fare una passeggiata con mio fratello,dopo circa un ora Franco si ferma e ci dice che deve pisciare,si gira tira fuori il cazzo e inizia,io sono curiosa e lo vado a vedere e per la prima volta vedo un cazzo ma floscio,chiamo anche Olga e vediamo insieme il cazzo che piscia,siamo eccitate tutte e due,mio fratello lo capisce che siamo a digiuno e ci dice di prenderlo in mano e accarezzarlo.
Con le nostre mani sul cazzo questo diventa duro e grosso e mio fratello ci chiede di menarlo per farlo godere ma ci dice che per godere meglio vuole vedere le nostre fighe e le tettine,noi già calde alla vista del cazzo ci leviamo le mutandine e solleviamo le magliette e ci facciamo fare di tutto,dita dentro,lingua sulle tette e nel mentre meniamo il cazzo che con quel trattamento sborra nelle nostre mani,non avevamo mai visto la sborra ma la cosa ci piace e ci lecchiamo le dita
“cazzo bastaaaaa voglio un cazzo voglio che mi scavi il culo non resisto ai vostri racconti fatemi venire in tutti i modi,siiiii dita nella figa e nel culo uhhhhh fatemi leccare tette e fighe voglio sbrodolare dal piacere”
“Olga tua nipote è in calore se avesse quattro cazzi li massacrerebbe da sola dai facciamola sborrare che anch’io al ricordo delle nostre maialate da giovani ho voglia di godere”
Il racconto si ferma e siamo tutte aggrovigliate con le mani da tutte le parti e le lingue quasi si consumano a furia di leccare.
Sfiancate e ancora tutte abbracciate ci fermiamo e Anna prosegue il racconto.
“dopo quella sega ritorniamo a casa ma mio fratello ci vuole senza mutandine e con le magliette alzate e appena c’è un posto un po appartato siamo noi che gli chiediamo di farci vedere il cazzo e lo meniano con piacere e ovviamente mio fratello palpa e lecca.
Vicino a casa ci rivestiamo e vado a casa.
Tutte quelle palpate mi hanno eccitata e devo correre in bagno ma mentre mi levo le mutande per pisciare entra mio fratello
“Non credere di sederti a pisciare!!!!voglio vedere come pisci,hai visto me e ti è piaciuto???bene adesso fammi vedere,alzati,apri le gambe apriti la figa e piscia”
Io da scema gli faccio vedere come piscio e lui tira fuori il cazzo e lo mena e addirittura lo mette sotto il getto di piscia
“brava pisci benissimo ma adesso io ti pulisco la figa e tu mi pulisci il cazzo,certo cara lo pigli in bocca e lo lecchi come io faccio adesso con la tua figa uhhhh vedo che ti piace vero??! E allora eccoti il cazzo,in bocca e leccalo!!!!”
“ma davvero hai leccato il cazzo pisciato?????e ti è piaciuto???”
“all’inizio no ma poi quel cazzo che mi solleticava la gola mi è piaciuto e così ho leccato e pulito mentre mi fratello mi strizzava le tette e mi solleticava il culo”
“spero che vi siete fermati a quello oppure ti ha anche sverginata???? E la nonna cosa ha fatto???”
“nipote è successo tutto il giorno dopo,Anna mi telefona e mi racconta tutto e mi dice anche che suo fratello vuole vedere anche me perché non mi ha vista bene sia nella figa e ne sulle tette e così vado a trovarla e sono già senza mutande”
“ma scusa cosa volevi fare???”
“non lo sapevo ma avevo tanta voglia di rivedere quel cazzo e divertirmi con lui e con la mia amica”
“allora piccola tua nonna entra e io subito le infilo la lingua in gola e inizio a palparla e mio fratello da dietro inizia a levarle tutto,ha già il cazzo fuori e le chiede di menarlo mentre lui si attacca alle tette,siamo già calde e quasi senza volerlo la nonna è la prima a beccarsi il cazzo dentro,quasi non si accorge ma subito inizia a godere e vuole la mia figa in bocca.
Mio fratello sul punto di sborrare sfila il cazzo ,due colpi e riempie la pancia e le tette di tua nonna che io lecco e pulisco insieme al cazzo”
“bastaaaa non resisto voglio un cazzo che mi spacca figa e culo mi avete scaldato che quasi piscio umori dalla figa allora dove sono i vostri amanti!!!!!????? Il nonno chiamalo e tu dove cazzo è tuo fratello!!!!ha ancora il cazzo o ormai ha raggiunto la pace dei sensi alloraaaa”
“stai calma ti capisco anche noi siamo eccitate a ricordare i primi incontri con il cazzo e vorremmo essere con cazzi duri in mano se ti calmi vedo di organizzare un incontro,non so con chi ma vedrai che ti piacerà”
“sbrigati altrimenti esco in strada nuda e mi faccio sbattere da tutti e da tutte”
Dopo poco Anna ritorna e ci dice che arriveranno amici di suo fratello e nell’attesa ci rivestiamo per non sembrare affamate di cazzo e ci raccomanda di non iniziare subito a mettere le mani sulle patte,insomma facciamo finta di essere brave ragazze.
Ci mettiamo il minimo indispensabile per non mostrare tutta la mercanzia e con una voglia repressa aspettiamo l’arrivo degli agognati cazzi.
Passano minuti e sono sempre più eccitata ma alla fine la porta si apre e entra il fratello che caccia subito la lingua in bocca a Anna e lo seguono due ragazzi a prima vista ben piazzati.
“uhhh sorellina vedo che c’è anche la tua amica del cuore maiala come te ma chi è quello schianto di ragazza???”
“Franco è mia nipote che è venuta a provarsi dei vestiti ma la cosa è degenerata e allora Olga ti ha chiamato non certo per salutarci e basta”
“ma certo cara vengo vicino a te così mi racconti cosa hanno fatto queste due maiale,come minimo ti hanno leccata tutta e si sono fatte palpare da tutte le parti e dimmi ti è piaciuto???”
“caro il mio maschione certo che mi è piaciuto farmi leccare e leccare ma di sicuro mi piace anche quello che hai sotto i pantaloni se merita la mia figa e il mio culo,posso vedere??”
Non faccio in tempo a mettere la mano sulla patta che ho le tette fuori e una mano mi rovista la figa,ma non solo la sola anche nonna e Anna hanno le tette impastate e i cazzi sono già fuori.
“cosa aspetti!!!!!sono ore che mi raccontano le loro porcate con te e non mi hai schiantato la figa cosa vuoi???la richiesta in carta bollata!!!!!non ho tempo nemmeno di spompinarti dammelo subito nella figa che lo voglio annegare di umori”
Sono io che piglio il cazzo in mano e lo affondo nella figa mentre mi levo gli ultimi vestiti
“siiiiii adesso và bene dai squassami riempimi di sborra anziiii nooooo hai il cazzo fradicio dei miei umori dammelo nel culo aprimi in due siiiiii godoooooo”
“cazzo che troia ma aspetta adesso chiamo i due amici che stanno spaccando le due e ti facciamo provare l’ammucchiata dimmelo troia hai mai preso tre cazzi???”
“uhhhhh farebbe terribile cosa aspetti dai voglio provare siiiiii”
Non aspettava altro e così in un attimo ho la figa e la bocca piene di cazzi con il culo già divaricato da Franco,nonna e Anna aiutano a farmi sbrodolare leccandomi le tette.
Non so quante volte sono venuta ma credo di essere arrivata al godimento continuo e mentre mi uscivano umori anche dal culo venivo riempita di sborra da tutte le parti,non so dopo quanto tempo anche i maschi hanno i coglioni svuotati e così quasi con il fiatone ci risistemiamo e con ultimi baci in bocca ritorno a casa con la nonna completamente sfiancata.
“ahhhh ecco le svuota portafogli allora vi siete riempite di vestiti??”
“a dire il vero nonno mi sono riempita di sborra e la nonna ha preso i suoi cazzi”

Questo racconto di è stato letto 6 1 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.