La schiava bianca nell’harem arabo: il ritorno al castello e dal suo padrone

Scritto da , il 2022-07-21, genere dominazione

chi mi vuole contattare può scrivere a padronebastardocontatti@gmail.com

Nella piccola stanza Francesca perse la cognizione del tempo, non aveva TV, radio o libri con cui occupare il suo tempo Peter veniva da lei per darle da mangiare due volte al giorno, seguita dall’olio, dal massaggio e dal trattamento multi-orgasmo. Peter non l’aveva mai penetrata o scopata in alcun modo, ma aveva usato le sue dita e le sue labbra per darle alcuni dei migliori orgasmi della sua vita.

Dopo quelli che le sono sembrati sei giorni, aveva notato guardandosi allo specchio che il suo corpo era guarito e che tutti i segni sulla sua pelle erano scomparsi. Il suo corpo sembrava un po’ più snello ei suoi muscoli avevano una definizione migliore. Inoltre, iniziò a rispondere a Peter come avrebbe fatto una cagna addestrata. Quando sentiva le chiavi della porta muoversi, il suo stomaco brontolava per la fame, ma il resto vibrava in attesa degli orgasmi che presto da li a poco le sarebbero caduti addosso. I suoi capezzoli si indurivano, mentre la sua fenditura femminile si inumidiva in attesa che le mani di Peter la stuzzicassero senza pietà e le procurassero un orgasmo dopo l’altro.

Tra un pasto e l’altro e i vari trattamenti, pensava alla sua situazione. Era stata rapita e portata chissà dove, per essere una schiava del sesso. La sua mente era in subbuglio, perché non desiderava essere posseduta da nessuno, ma d’altra parte aveva trovato il suo Nirvana sessuale. A Francesca erano state insegnate cose sessualmente che non aveva mai nemmeno sognato e, se era onesta con sé stessa, desiderava ardentemente continuare la sua nuova sottomissione carnale.

Da quando era arrivata qui, ogni giorno era stato pieno di orgasmi strabilianti e il suo corpo era vivo come non lo era mai stato prima. Il suo corpo sembrava più sensibile e richiedeva il tipo di tocchi e carezze che aveva ricevuto sin dal primo giorno. Il suo corpo non aveva mai reagito come aveva fatto durante il ballo e l’incredibile sesso successivo.

Durante i momenti in cui era da sola da sola si ritrovava ad accarezzarsi il corpo e a stuzzicarsi i capezzoli e il clitoride mentre ricordava quella prima notte, ma non era mai stata una pratica completamente soddisfacente. Il tempo in cui veniva punita per mano della gente del villaggio era stato degradante, ma gli orgasmi incessanti avevano lasciato il suo corpo fuori controllo e questo bramava ogni giorno di più. Poi c’era stato Peter e la sua incessante stimolazione carnale e i lunghissimi orgasmi che la lasciavano tremare per ore dopo che se ne andava. La schiavitù, il controllo, la sottomissione, la beatitudine, il rapimento, lei desiderava di più. Si sentiva come se fosse diventata una dipendente dal sesso.

La mattina dopo Francesca si svegliò e capì immediatamente che qualcosa era cambiato. L’aria era diversa, più fresca. Inoltre, c’era una sedia con una pila di vestiti accatastati sopra. Non indossava niente da quattro giorni e il pensiero di indossare di nuovo dei vestiti le sembrava strano. Aveva preso l’abitudine di mostrarsi a Peter nel modo più provocatorio che potesse immaginare per suscitare, si spera, più passione da parte sua.

Mentre si guardava intorno, si chiese cosa stesse succedendo. Francesca si alzò dal letto e controllò la porta, era aperta. Quando la aprì, sporse la testa fuori dalla porta e si guardò intorno. Tutto quello che vide era un corridoio aperto e tornò nella stanza. Si vestì con il vestito che era stato messo sopra la sedia. Questo era più piccolo e più trasparente degli ultimi che aveva indossato e sentì un brivido esibizionista incresparsi attraverso il suo corpo poco vestito.

Francesca andò in bagno e controllò il suo riflesso. Non sapeva se fossero gli oli, l’esercizio, il cibo o anche la mancanza di stress, ma sembrava più affascinante di quando era arrivata qui e aveva cominciato la schiavitù sessuale. Raddrizzò la schiena e guardò mentre le sue tette e i suoi capezzoli che si sollevavano, mentre i suoi addominali muscolosi e la vita sembravano rimpicciolirsi. Aveva visto e sentito i suoi capezzoli gonfiarsi, la sua pancia tremare e la sua figa inzupparsi.

Si diresse verso la porta, spalancandola audacemente con la sua superba arroganza che aveva una volta che si riaffermava. Francesca entrò sfacciatamente nel corridoio e attraverso una passeggiata piena di orgoglio esibizionista, si avviò per il corridoio alla ricerca di Peter. Il pensiero del modo in cui Peter la trattava usando il suo corpo come un violinista, da concerto le faceva tremare tutto il corpo. Sentiva le labbra della sua figa schiacciarsi insieme ai suoi capezzoli solleticati dalle carezze, mentre camminava.

Francesca non era abituata a questa fame appassionata che ora sembrava far parte di lei. Mentre camminava con arroganza per il corridoio, le venne il pensiero di cercare qualcuno che soddisfasse la fame del suo corpo.

Trovò un piccolo soggiorno minuscolo e una cucina ancora più piccola. La sua camera da letto sembrava essere l’unica camera da letto e l’intero cottage sembrava essere costruito apposta per lei. Quasi si aspettava che la porta d’ingresso fosse chiusa a chiave, ma non lo era e spalancò la porta ansiosa di scoprire dove fosse. L’aria fredda del mattino inghiottì il suo corpo che le sembrava come una carezza sensuale che le mandava tremori erotici attraverso i capezzoli e la figa. Tutto nel suo mondo ora sembrava erotico e sensuale.

Francesca aveva cercato di focalizzare la sua mente su cosa stava succedendo e cosa avrebbe dovuto fare dopo. Tuttavia, dopo sei giorni di sensuale dissolutezza e più orgasmi di quanti ne potesse contare, il suo corpo desiderava più erotismo e tutto, anche l’aria intorno a lei sembrava erotica.

Quando Francesca usciì dal cottage, sapeva di essere nella foresta e attraverso gli alberi in lontananza poteva vedere la periferia del villaggio. Si guardò intorno e tutto ciò che vide erano alberi tranne il villaggio e sapeva che non voleva andarci. A piedi nudi iniziò a costeggiare con cautela il villaggio cercando di evitare le ghiande ei minuscoli rami che sembrano spargere il suolo della foresta.

Quando raggiunse la strada sapeva che non poteva scappare in modo pulito nel suo stato attuale. Non voleva andare al villaggio, quindi l’unico altro posto dove andare era il castello. Il pensiero di rivedere il suo padrone le fece venire audaci e sensuali pensieri. Ricordò il suo grosso cazzo che entrava, la dominava e sembrava che raggiungesse i posti in cui voleva essere riempita di nuovo.

Si diresse su per la collina verso il castello con i suoi piedi teneri voleva disperatamente sentire il suo padrone prenderla e dominarla come la schiava che voleva essere. Quando raggiunse il cancello del castello, zoppicava sui suoi piedi molto ammaccati.

Le guardie l’avevano vista entrare nel cancello e avevano notato che zoppicava. Si affrettarono ad avvicinarsi e una delle robuste guardie la prese in braccio e la portò nel castello. La guardia la portò in un soggiorno attiguo alla camera da letto del suo padrone e poi le fissò ai polsi delle manette di morbida pelle. Francesca rimase sul divanetto per quasi mezz’ora prima dell’arrivo del padrone del castello.

Egli congedò subito le guardie e si sedette sul tavolino di fronte a lei. La guardò per la terza volta dalla testa ai piedi alla ricerca e le chiese sottovoce: “Dove sei stata? Nessuno ti ha più vista da sei giorni”

Mentre Francesca lo guardava, iniziò a rendersi conto che quello era l’uomo che voleva. Era incredibilmente bello e sapeva come fare l’amore con lei essendo forte e dominante. Quest’ultima era qualcosa che fino a quel momento non sapeva di volere. Aveva bisogno di qualcuno che non le permettesse di farla franca con il suo comportamento viziato e petulante, ma sessualmente aveva bisogno di un amante forte e dominante.

Raddrizzò la schiena spingendo le sue tette e i suoi capezzoli verso il suo padrone e istintivamente allargò le gambe. I suoi occhi guardarono in basso e incrociò le braccia dietro la schiena. Gli occhi del suo padrone la stavano spogliando nuda, senza lasciare nessuna parte del suo corpo trascurata e la fame nei suoi occhi la lasciava tremare di desiderio. Voleva che cedesse ai suoi desideri primordiali e la prendesse come la schiava del sesso che desiderava essere.

Si schiarì la voce e con voce addolorata disse: “Padrone, per prima cosa devo scusarmi per essere scappata il primo giorno e spero che tu non trovi mai più il bisogno di punirmi così. Non ricordo di aver lasciato il villaggio, ma mi sono svegliata accudito da un uomo di nome Peter. Mi aveva nutrito e si era preso cura del mio corpo danneggiato, lasciandomi nello stato in cui sono ora. Questa mattina se n’era andato e la mia prigione è stata aperta. Sono tornato al castello, sperando che tu mi perdoni per la mia fuga e mi addestri a diventare una tua schiava appassionata.

Il padrone annuì in silenzio, perché lo sapeva già. Peter era un suo sottoposto e la sua ispezione visiva confermò che si era preso cura della sua splendida e sensuale schiava. Se possibile sembrava ancora più affascinante di prima e questo stava dicendo qualcosa. Guardare la sua splendida figura nella sua postura sottomessa aveva reso il suo cazzo duro come una sbarra d’acciaio.

Peter aveva fatto bene il suo lavoro. Era un esperto nel trasformare belle donne altezzose in splendide schiave sessuali che bramavano ispirazione sessuale e orgasmi infiniti.

La figura impeccabile di Francesca era la più perfetta che avesse mai visto e il pensiero di vederla contorcersi in uno splendore orgasmico gli riportò alla mente i ricordi di quella prima notte che gli fece venire fame sessuale ancora di più. Si chinò in avanti e le accarezzò le tette prima di pizzicarle il capezzolo. Sentì le sue tette tremare, la schiena inarcarsi nella sua mano e il respiro di lei accelerare, ma rimase nella sua posizione sottomessa. Sorrise in attesa, ma continuò ad accarezzare e solleticare le tette e la figa fino a quando il suo respiro si trasformò in gemiti ansimante e la sua pelle setosa nascose tremori muscolari erotici.

Si chinò in avanti e sussurrò: “Puoi muoverti ora e presto sarai di nuovo mia. Francesca, mia schiava, sei una bellissima donna e la tua sottomissione ti rende ancora più bella e sexy”.

Nonostante il suo padrone le desse la possibilità di muoversi, Francesca rimase nella sua posizione, mentre le mani del suo padrone la toccavano e la accarezzavano a piacimento. Per Francesca questo era quasi come essere legato. Rimase immobile con i tremori sotto la pelle e la pelle d’oca ovunque le sue mani la toccassero. Le palpebre dei suoi occhi si chiusero leggermente e il suo respiro si fermò mentre le sue mani si muovevano verso l’anima della sua sessualità. Solo quando le sue dita le accarezzarono il clitoride, i fianchi di Francesca barcollarono in avanti chiedendo di più.

Francesca si chinò in avanti, lo baciò dolcemente sulle labbra e sussurrò: “Portami a letto e rendimi una donna completa. Rendimi la tua donna e mostrami il potere del tuo dominio”.

Il padrone fece scivolare le braccia sotto le gambe di Francesca e tornò in piedi con lei tra le braccia, la riportò nella camera da letto. La fece alzare in piedi. Lo guardò in attesa, mentre lui si slacciava i pantaloni, osservandoli mentre scivolavano a terra. Mentre se ne stava lì nuda, i suoi occhi lo imploravano di domarla, violentarla e farla sua.

Il padrone la prese tra le braccia e la sdraiò in mezzo al letto, i loro occhi non si lasciavano mai l’uno dall’altro. Il padrone si chinò delicatamente baciandole dolcemente le labbra, e quando si ritrasse dal bacio, vide fiamme di passione nei suoi occhi mentre sussurrava. “Legami al letto, legami, prendimi e fammi sentire la potenza del tuo desiderio, proprio come nei miei sogni.”

Il padrone si avvicinò al suo armadio tornando con diversi anelli di corda e fece scorrere le corde tra le mani. Quando si avvicinò al letto, si fermò, sbalordito, senza parole, in soggezione per la visione che gli si presentava. Francesca aveva le braccia tese sopra la testa, e con i capelli sciolti sotto, era così bella che gli toglieva il respiro. Il suo viso aveva un bagliore angelico mentre lo guardava con lussuriosa aspettativa. Era perfettamente distesa sul letto, definendo ogni parte del suo corpo peccaminosamente delizioso.

Con le braccia sopra la testa, il suo petto era tirato indietro, servendo e presentando le sue tette perfette con i loro capezzoli sporgenti e gonfi. Il suo ventre teso e muscoloso si era rimpicciolito, lasciando una grande valle tra i fianchi, che portava all’offerta della sua figa da leccarsi i baffi. Le sue gambe muscolose sembravano solo attirare l’attenzione sulle labbra della figa gonfie, tenere e succose che sembravano avere un broncio permanente.
Il padrone si avvicinò lentamente al letto e si sedette attentamente guardandola negli occhi. “Mio Dio, ti rendi anche conto di quanto sei incredibilmente sbalorditiva e bella?” Francesca rabbrividì quando il padrone fece scorrere leggermente la mano sulla sua pancia e sulle sue tette. Alla fine, prendendole il viso a coppa, si chinò e le diede una piccola leccata al capezzolo prima di sussurrare appassionatamente: “Dovrò passare molto tempo ad assaporare questo incredibile dono che mi stai offrendo. Schiava mia, tu mi appartieni e non dimenticarlo mai”.

Mentre il padrone guardava Francesca, poteva vedere le lacrime nei suoi occhi. Tuttavia, erano lacrime di felicità e gioia. Quando si tolse le mani da sopra la testa e gliele tese e disse: “Per favore? Ho aspettato per tutta la vita per questo. Per favore? Voglio essere tua, per favore addomesticami e mostrami il potere del tuo dominio.”

Il padrone iniziò a infilare la corda attraverso gli isolotti su uno dei polsini, avvolse la corda attorno a un paio di stecche sulla sua testiera e l’infilò attraverso l’isolotto sull’altro polsino. Tirò, allungandole le braccia sopra la testa prima di legare finalmente la corda.

Il padrone si chinò, mordicchiò il labbro inferiore di Francesca e disse. “Sei mia e sarai sempre mia.”

Quando il padrone iniziò a tirarsi indietro dalle sue labbra, Francesca gettò la testa in avanti e catturò le sue labbra, continuando a divorarle in un bacio bruciante. Mentre entrambi riversavano il loro amore nelle bocche dell’altro, il padrone fece scivolare la mano lungo il suo corpo teso e setoso con il dito attraverso le labbra della sua figa gonfia. L’intero corpo di Francesca tremava con la schiena che si inarcava dal letto. Mentre interrompeva il bacio e gettava indietro la testa, gemette vigorosamente: “Oh Dio, Oh Dio padrone”

Il padrone si avvicinò al suo capezzolo e glielo succhiò in bocca. Quando il suo dito iniziò a scivolare dentro e fuori dalla sua figa gonfia, continuò a succhiare e mordicchiare il suo capezzolo. L’intero corpo di Francesca tremava per il duplice assalto, ansimava mentre sentiva la passione di prendere il controllo del suo corpo. Poi all’improvviso se n’era andato! Francesca rivolse i suoi occhi velati alla lussuria verso il suo padrone per vedere cosa fosse successo e lo vide spogliarsi follemente dei suoi vestiti.

Questo è stato il primo vero sguardo che aveva da cui voleva essere dominata e controllata. Con la camicia che si stava staccando, le venne l’acquolina in bocca per l’ampio petto cesellato e gli addominali ben definiti che erano stati rivelati. Il suo petto era ammorbidito dal rivestimento di peli che lo rendevano ancora più sexy. Le sue braccia muscolose gli spogliarono rapidamente i pantaloni e la biancheria intima, mentre lei boccheggiava ad alta voce per le dimensioni e la bellezza del suo cazzo. Aveva già visto cazzi veri prima, ma il suo era duro, dritto e ai suoi occhi sembrava molto grande. Allo stesso tempo era meravigliosamente dritto, duro e muscoloso con le grandi vene blu che ne rafforzavano la bellezza.

Il padrone si sdraiò accanto a lei, iniziò a baciare amorevolmente il viso di Francesca, ma poi la sua fame prese il sopravvento. Le sue labbra si spostarono sul suo collo e le sue orecchie cominciarono a baciarla, leccarla, mordicchiarla e succhiarla lasciandole piccoli morsi e succhiandole lividi sul collo. Poi quelle labbra voraci si spostarono sulle sue tette dove la sua fame aumentò diventando più aggressiva. Francesca iniziò a tremare e tremare mentre sentiva la sua fame per lei intensificarsi, guidando la sua passione davanti a sé, lasciando piccoli segni di morso e succhiare su tutte le tette. I suoi capezzoli erano gonfi e dilatati, implorando di più e la sua schiena era arcuata, implorando che la sua fame sessuale la spazzasse via.

Francesca lo sentì riversare la sua passione in lei, mentre il suo padrone devastava avidamente il suo corpo teso che implorava sempre di più. Quando il padrone le morse il capezzolo, Francesca iniziò a tremare e sentì il suo primo orgasmo reclamarla. Tutto ciò che aveva fatto era stato alimentare la sua fame, mentre il padrone si era spostato in modo aggressivo sull’altra tetta e aveva iniziato a far salire il suo sperma più in alto, mentre Francesca ha iniziato a urlare il suo godimento.

OH, MIO DIO PADRONE, OH MIO DIO… PRENDIMI, PRENDIMI.”

Quando le labbra del padrone iniziarono a lasciare segni d’amore su tutta la parte inferiore delle tette e sul suo ventre teso, una delle sue mani rimase indietro per continuare a seminare il caos sui suoi capezzoli imploranti. Mentre l’altra mano le fece scivolare due dita dentro e cominciava a devastarle la figa, il punto G e il clitoride. Il suo desiderio per questa donna incredibile lo stava facendo impazzire e il padrone si sentiva come se dovesse mostrarle la profondità del suo appetito.

Francesca non si sarebbe mai aspettata di vedere questa passione fuori controllo e, mentre l’adorazione del suo padrone per lei ribolliva, lui sentiva di dover dimostrare il suo profondo desiderio e il suo impegno nel farla godere. Il suo padrone divenne ossessionato dal desiderio di prendere e reclamare la sua donna con tutta la passione che aveva dentro.

L’intero corpo di Francesca era inondato degli umori del suo godimento. Quando il suo padrone si spostò più in basso e lui le reclamò il clitoride, il corpo di Francesca cercò di saltare verso le stelle, mentre tutto il suo corpo esplodeva in un godimento sconvolgente. Ogni muscolo del suo corpo si strinse in un’estasi orgasmica e, mentre il padrone continuava ad assalirla sul clitoride e sulla figa, sentì tutti i suoi muscoli strettamente annodati iniziare a fremere e a stringersi ancora di più. I suoi orgasmi continuavano a sommergerla in un mare di beatitudine.

era ciò di cui Francesca aveva bisogno e desiderava. Il suo padrone stava reclamando ogni centimetro del suo corpo, spingendo la sua passione per lui e creando uno tsunami orgasmico che saliva ad altezze mostruose. L’ondata aveva spinto il suo corpo in un’estasi profonda, lasciando tutto il suo corpo in preda agli spasmi della sua lussuriosa eccitazione. Non riusciva a pensare o a respirare, mentre tutto il suo corpo annegava nella lussuria dominante di lui. Francesca era esattamente ciò che lui desiderava. Mentre continuava a devastarla con le dita e con le labbra, la sua incredibile figura si contorceva e si annodava in contrazioni, formando un magnifico spettacolo della sua abilità dominante. Tuttavia, la sua splendida esibizione aveva sopraffatto anche lui e si era perso nell’estasi orgasmica di lei.

Il padrone non riusciva a fermarsi. Era in preda a una frenesia alimentare e Francesca era sul punto di ricevere, esplodendo immediatamente in un orgasmo di livello ancora più elevato. Il padrone continuò a riversare tutta la sua implacabile passione nella figa di Francesca, costringendola a sborrare, mentre il corpo di lei era tormentato da tremori e spasmi. Alla fine, le urla di passione di Francesca si infransero contro la sua implacabile lussuria e lui guardò la sua splendida Francesca e la devastazione che aveva provocato lo fece rinsavire.

Francesca sembrava esausta e tutti i suoi muscoli erano spastici per l’intensità degli orgasmi e per la fatica. Il suo corpo sembrava aver partecipato a una gara di body building, con ogni muscolo pompato con spasmi e che scricchiolava contro la pelle. I muscoli del ventre erano tesi e contratti a causa degli orgasmi intensi e incessanti, la pelle era segnata dai suoi morsi e dal sudore.



Il padrone guardò la donna che aveva scelto, lo scempio che aveva fatto di lei e gridò: “Oh mio Dio, cosa ho fatto?”. Il padrone scese rapidamente da lei e cominciò a slegarla dal letto mentre lei gridava tremando, con i denti che battevano.



“NO… NON FERMARTI… ENTRA IN ME… PRENDIMI… DENTRO DI ME… NON FERMARTI MAI!”.



Il padrone guardò quegli occhi pieni di lussuria che lo supplicavano di volerlo; no, di averne bisogno tanto quanto lui. Con gli occhi ancora chiusi in uno sguardo d’amore, il padrone scivolò di nuovo tra le sue gambe e iniziò a introdurre il suo cazzo nella sua figa ancora in preda agli spasmi. Lei era incredibilmente stretta mentre lui iniziava a introdurre il suo cazzo dentro di lei.

Il padrone continuava a dondolare dentro e fuori lentamente, introducendo sempre più il suo cazzo nella sua figa stretta. Mentre il suo uccello sfiorava la cervice, sentì il corpo di Francesca tremare, con lo stomaco che si annodava e le gambe che iniziavano a tremare, mentre un piccolo orgasmo la attraversava.

Il padrone rimase fermo, mentre lei si abituava a questo grosso cazzo conficcato dentro di lei. Anche lui rimase fermo per cercare di controllare il suo orgasmo. Si sentiva come se il suo cazzo fosse stretto da una morsa di raso e, con la figa spasmodica di lei che si muoveva su e giù per il suo cazzo, stringeva i denti per evitare di venire dentro di lei. Le guardò gli occhi e poté vedere le lacrime che scorrevano. Si preoccupò di averle fatto male, così le chiese. “Stai bene, mia sottomessa, ti ho fatto male?”.

Lei sussurrò con voce tremante. “Non ho mai provato nulla di così squisitamente meraviglioso prima d’ora. Sei dentro di me e mi hai allungato e riempito e mi hai reso la tua donna. Non ho mai provato nulla di così straziantemente perfetto e sento più bellezza e più amore di quanto abbia mai provato. Oh Dio. padrone, continua a fare l’amore con me e non fermarti mai”.

Lui iniziò a tirare lentamente verso le labbra della figa e poi di nuovo dentro, urtando la cervice. Francesca iniziò a gemere, a mugolare il suo nome e a cercare di esprimere la beatitudine che stava provando. Quando lui accelerò e sbatté contro la sua cervice, il corpo di Francesca si sollevò dal letto e lei cedette all’ennesimo orgasmo che la stordì. Il padrone le sfiorò il clitoride con un dito, mentre il suo corpo rispondeva con spasmi; si chinò a mordicchiarle il collo rosso ciliegia. Sentiva le pulsazioni di tutte le sue vene distese tamburellare contro le sue labbra, mentre continuava a sbattere il suo cazzo dentro e fuori dalla sua figa avvinghiata.

Francesca gemeva forte tra i denti, mentre il suo corpo fremente si sollevava dal letto, cercando di prendere ancora di più il suo cazzo. Il padrone guardò quegli occhi amorevoli che lo imploravano di prenderla e sentì il suo cuore traboccare di nuovo di amore. Mentre continuava a stantuffare Francesca, il suo corpo tremante si avvolse intorno a quello di lei e le sue gambe si piegarono intorno alla sua vita, tirandolo più a fondo.

Il padrone desiderava quella donna con tutto sé stesso e quando fu completamente appoggiato alla sua cervice, la follia prese il sopravvento. Lui iniziò a stantuffare dentro Francesca e ad ogni spinta mostrava il suo desiderio e la reclamava come sua. Francesca urlò mentre i suoi orgasmi tornavano a controllare il suo corpo.

“DIO PADRONE, OH DIO, OH DIO… TI AMO COSÌ TANTO… PRENDIMI, SONO TUA… OH DIO… SONO IN PARADISO”.

Francesca perse completamente il controllo del suo corpo, poiché ogni muscolo aveva modi diversi di interpretare la beatitudine appassionata che viaggiava nel suo corpo come uno tsunami inarrestabile. Tutto il suo corpo tremava in preda a convulsioni, mentre l’estasi erotica prendeva il controllo totale. Mentre il padrone continuava a reclamare la sua appassionata schiava d’amore a ogni spinta, si chinò e cominciò a baciarle il viso tremante e scosso. Lui sussurrò a lei.

“Ti voglio Francesca, Dio, come ho bisogno che tu sia mia. Hai riempito il mio cuore di desiderio e passione. Oh Dio, non ti lascerò mai andare!”.

Per due volte il padrone credette di vedere gli occhi di Francesca rovesciarsi sulla nuca per l’intensità dell’orgasmo. Tuttavia, fu solo per pochi secondi, perché lei tornò subito a fissarlo con gli occhi lucidi di passione. Mentre il padrone le sussurrava nelle orecchie, poteva vedere la bocca di Francesca che cercava di rispondere, ma non aveva il fiato per farlo. I suoi umori massiccio la faceva tremare troppo per formulare parole, ma i suoi occhi gli stavano dicendo quanto lo amava.

Il padrone sentì il suo sperma ribollire in superficie e inarcò la schiena, seppellendo il suo cazzo il più profondamente possibile contro la cervice. Cominciò a sparare lo sperma contro il collo dell’utero di lei, percuotendolo, cercando di penetrare nel suo grembo. Quando il padrone iniziò a cercare di uscire da lei, sentì la sua figa che lo afferrava, cercando di tirarlo di nuovo dentro. Continuò a tirarlo fuori da lei prima di slegarla e tirarla tra le braccia con le sue forme tremanti e spasimanti.

Il padrone la strinse forte tra le braccia e le baciò dolcemente il viso. Per la prima volta gli sembrò di innamorarsi di lei e questi sentimenti lo travolsero. Mentre lei giaceva floscia come una bambola di pezza tra le sue braccia, ancora tremante per quello che il padrone le aveva fatto, per la prima volta in vita sua il padrone sentì le lacrime agli occhi. Questa piccola e bellissima donna gli aveva dato tutto senza mai chiedere nulla in cambio e lui non aveva modo di descrivere la profondità dei suoi sentimenti per lei. Mentre il padrone le accarezzava il viso, le lacrime le schizzarono sulla guancia. Si chinò a baciarle via e altre lacrime caddero e rotolarono nella sua bocca. Il padrone seguì le lacrime nella bocca di lei e cominciò a baciarle le labbra sensuali e imbronciate.

Mentre la baciava, il padrone sentì le braccia di lei avvolgergli il collo e tirarlo in un bacio più profondo. Sfortunatamente, i suoi denti stavano ancora tintinnando e lei gli morse la lingua, così lui si accontentò di baciarle il viso. Quando i suoi tremori si ridussero a semplici fremiti, lei sussurrò. “Stringimi forte e non lasciarmi andare”.

Il padrone tirò il piumone sopra di loro e tirò la schiena di Francesca contro il suo petto e si misero a cucchiaio. Tuttavia, date le grandi dimensioni del suo padrone e il corpo minuto di Francesca, è più corretto dire che il padrone aveva avvolto Francesca nel suo corpo. Quando la sentì accoccolarsi nel suo abbraccio, il padrone si sentì completo, pieno d’amore per Francesca e si sentì soddisfatto e in pace.

Quando il padrone si svegliò, si sentiva soddisfatto e pigro, ma aveva un peso non abituale sul petto. Dopo essere riuscito ad aprire gli occhi, si trovò di fronte a un angelo dagli occhi azzurri che gli sorrideva. Francesca aveva le braccia chiuse insieme, creando un cuscino sul petto per il suo viso che lo fissava. Il suo viso aveva la luce radiosa che solo una donna innamorata può avere e il suo sorriso superava quello del sole. Sentì il cuore balzare nel petto mentre guardava quella dea che gli sorrideva.

Con voce stupita, il padrone disse. “Mio Dio Francesca, sei incredibilmente bella al mattino. Vieni qui e fatti baciare”.

Francesca strisciò sul suo petto finché le sue labbra non furono quasi a contatto con le sue ed esclamò: “Sì, mio unico e solo padrone”.

Le loro labbra si unirono in un bacio morbido e affettuoso che durò fino a quando il padrone ebbe bisogno di respirare e quando le loro labbra si separarono, Francesca posò la testa sul petto del padrone e lo fissò amorevolmente. Infine, disse. “Ho un’immaginazione vivida e selvaggia. Ho sognato come sarebbe stato per te fare l’amore con me, ma niente mi aveva preparato per la notte scorsa. Mi hai riempito completamente e quando sono stata riempita dal tuo cazzo, mi sono sentita completa. Ieri sera sono diventata la tua donna e non voglio più separarmi da te. So qual è il mio posto, dov’è la mia casa ed è tra le tue braccia”.

Padrone, sono così innamorata di te che questo sorriso potrebbe non lasciare mai il mio viso. L’amore, l’estasi, l’euforia e la beatitudine di ieri sera mi hanno trasportato in paradiso e non avevo idea che esistessero paradisi del genere. Qui tra le tue braccia mi sento al sicuro, appagata, amata e sono a casa, nel posto a cui appartengo”. Sussurrò amorevolmente.

“In tutta la mia vita niente è stato così perfetto come quando ho capito quanto ho bisogno di te”. Si strinse di più tra le sue braccia e sussurrò con passione. “Ho bisogno di te, ti desidero, ti amo mio padrone. In questo momento sono così bagnata pensando a te e voglio che tu mi prenda e faccia di nuovo l’amore con me, ma sono così dolorante che riesco a malapena a muovermi”. Concludeva.

Il padrone afferrò Francesca e si rotolò sopra di lei, mentre lei guardava il suo padrone. Rabbrividì sentendo il suo corpo possente e il suo amore e la sua passione che si riversavano su di lei. Poteva anche sentire il suo cazzo duro che le sfiorava le labbra doloranti della figa. Lui la baciò possessivamente e cominciò a mordicchiarle le orecchie in un gesto d’amore, di fiducia e di completo abbandono. Lei inclinò la testa all’indietro e presentò il collo. Questo gesto non sfuggì al suo padrone. Nella sua forma più primordiale, presentare il collo è il più incredibile atto di fiducia e di supplica. Il padrone accettò la sua offerta e le sue labbra presero possesso della sua gola.

Quando il padrone iniziò a leccarle e mordicchiarle il collo, Francesca rabbrividì e sentì tutto il corpo formicolare e la pelle d’oca spuntare dappertutto. Niente nella sua vita le era sembrato così perfetto e così giusto come quando si era concessa a lui. Mentre il padrone prendeva possesso di lei, il suo cuore si riempiva di amore e di estasi; sapeva che quello era il suo posto.

Quando Francesca gli presentò il suo bellissimo collo delicato, lui sentì il suo cuore volare e quando le sue labbra sentirono il cuore di lei pulsare sotto la pelle, capì che era sua per amarla, custodirla e proteggerla. Mentre le sue labbra percorrevano il collo di lei, sentendo il suo battito, niente era mai stato così intimo come quel momento e lui sapeva che lei lo completava. Senza di lei, era solo una metà. Lei era il suo posto. Era la sua casa. Si conoscevano solo da poco più di una settimana, ma i loro cuori si erano uniti per sempre e lui sapeva cosa si prova ad amare qualcuno con tutto se stessi.

Il padrone si staccò dal suo collo e la guardò negli occhi pieni di lacrime e così pieni d’amore da togliergli il fiato. Sussurrò appassionatamente.

“Ti ho desiderata fin dalla prima volta che ti ho vista e ogni giorno che stiamo insieme il mio amore per te diventa sempre più profondo. Con te provo cose che non ho mai provato, amore e passione sì, ma mi sento anche completo, come se fossi mezzo e ora fossi intero. Doverti consegnare agli abitanti del villaggio per punizione ha fatto più male a me che a te. Il pensiero di non averti tra le braccia mi fa impazzire e so che sarò una persona a metà. Voglio che tu sia sempre con me, sei mia e mi appartieni. D’ora in poi sarai sempre mia”.

Mentre le lacrime cominciavano a scendere dai suoi occhi, il suo viso lo guardò raggiante e sussurrò. “Sì, oh mio padrone, sì, non posso sopportare di separarmi da te”. Lei inclinò la testa implorando un bacio e le loro labbra si unirono suggellando il loro patto d’amore.

Il padrone si staccò dal bacio e disse scherzosamente. “Se la tua figa è così dolorante, forse dovrei baciarla per farla stare meglio”.

Francesca ridacchiò, poi improvvisamente divenne seria e ansimò: “padrone, ti sto dando tutta me stessa. Non ti negherò mai nulla. Se mi vuoi, sono tua, non voglio che tu smetta di amarmi o di fare l’amore con me. La scorsa notte è stata indescrivibilmente perfetta e averti sepolto in profondità dentro di me mi fa sentire parte di te e non ho mai saputo che qualcosa potesse essere così incredibilmente meraviglioso”.

Con tutti questi discorsi d’amore e con il cazzo del suo padrone che le accarezzava la figa, Francesca si stava eccitando. La sua figa perdeva il suo nettare sulla testa del cazzo del suo padrone. Il dolore non aveva più importanza e lei lo voleva dentro di sé.

“Oh Dio, padrone, non mi interessa, ho bisogno di te dentro di me… ti prego, riempimi con il tuo cazzo. Oh, padrone ho bisogno di te, ho bisogno di te sepolto in profondità dentro di me”. Gemeva.

Il cazzo del padrone si era infilato tra le labbra della sua figa da quando era rotolato sopra di lei e ora cominciava a muoversi dentro di lei, allargando le labbra intorno alla circonferenza del suo cazzo. Francesca sentiva l’indolenzimento e lo stiramento, ma la bellissima sensazione di lui che si muoveva dentro di lei superava ogni altra sensazione. Quando la testa del suo cazzo fece capolino tra le sue labbra interne, tutto il suo corpo arrossì e formicolò. Espirò un respiro affannoso e gemette.

“Oh Dio padrone, adoro questo, oh, oh, sentirti dentro di me, come parte di me. Oh Dio padrone di più … più in profondità, Oh padrone, ti amo, fammi tua … prendimi … possiedimi. Oh Dio, come ti amo!”.

La testa di Francesca si muoveva da una parte all’altra con la schiena inarcata sul petto del padrone, mentre le sue mani gli artigliavano la schiena in preda a una passione insensata. Il padrone continuava ad affondare nella sua fessura e più andava a fondo, più Francesca impazziva sotto di lui. Respirava a pieni polmoni mentre gemeva e fremeva e le sue grida di estasi continuavano a spronarlo. Quando sentì il suo cazzo accoccolarsi contro la cervice, l’intero corpo di Francesca cominciò a tremare, il suo ventre iniziò a rannodarsi e le sue gambe fremettero, mentre un orgasmo la invadeva.

Il padrone rimase sepolto in profondità nella sua Francesca, premendo con forza contro la sua cervice, finché l’orgasmo non cominciò a scemare. Mentre lei tornava da lui, le sue labbra scesero a baciarle le labbra, il viso, il collo e a rivendicare la sua bocca. Francesca stava ancora fremendo quando lui terminò il bacio, la guardò e vide la sua estasi scritta sul suo viso e i suoi occhi che gli dicevano di prenderla ancora e ancora. Voleva che lui la domasse e la facesse impazzire per lui. Voleva che la dominasse. Voleva che la scopasse con forza e che la facesse implorare pietà. Il padrone riportò il suo cazzo sulle labbra della sua figa e la spinse lentamente sul letto.

“Oh, padrone…, così profondamente dentro di me … Oh Dio, così meraviglioso … Sono così piena di te. Oh Dio… Ti prego, non fermarti mai… Oh Dio… Oh Dio… Beatitudine … Oh Ancora … non posso fermarmi … Oh di nuovo”.

Francesca si infranse in un orgasmo più grande quasi subito, ma il padrone non rallentò e anzi cominciò ad accarezzarle il clitoride mentre iniziava ad accelerare. Francesca iniziò a scatenarsi, a dimenarsi e a gemere in un’estasi senza pensieri e cominciò a scavare con le unghie nelle braccia e nella schiena de. Le gambe e lo stomaco le tremavano mentre le ondate di orgasmo la investivano, scatenando una nuova serie di fuochi d’artificio dietro gli occhi e nella fica.

Il padrone la stava penetrando con forza e velocità e Francesca era alla deriva in un mare di estasi. La sua mente stava esplodendo per il piacere incredibilmente meraviglioso che il padrone le stava infondendo e il suo corpo si agitava e tremava per la forza dei suoi orgasmi multipli. Proprio quando Francesca pensava di non poter più sopportare il piacere, il padrone piantò il suo cazzo contro la cervice e cominciò a dipingerle la figa con il suo sperma. Questa volta Francesca sentì il suo cazzo pulsare dentro di lei e sentire l’uomo che amava pulsare dentro di lei era incredibilmente erotico. Sentì una profonda ondata di emozioni amorose attraversarla.

Francesca lo tirò tra le braccia, schiacciandola sul letto con il suo peso, ma sentire il suo peso sopra di lei era così giusto, meraviglioso. La aiutava anche a controllare il suo corpo ancora tremante. Con le labbra e i denti ancora tremanti, si accoccolò con il viso sul suo collo e lo baciò amorevolmente. Fece scorrere le mani sulla sua schiena accarezzandola amorevolmente. Quando guardò oltre la sua spalla, vide del sangue sulle sue mani. Urlò. “Oh mio Dio, padrone, stai sanguinando, cosa è successo?”.

Lui si sollevò sui gomiti, guardò il volto inorridito di Francesca e disse. “È successo di fare l’amore con la donna più bella del mondo, la stessa donna che mi appartiene e che non si allontana mai da me”. Lui la guardò negli occhi e vide confusione, così chiarì. “Mia Francesca, quando stavi impazzendo e ti sei scatenata, mi hai fatto dei buchi sulla schiena e sulle braccia con le tue unghie”.

Francesca sembrava assolutamente inorridita per aver fatto questo al suo padrone. Cominciò a scusarsi, ma lui la placò con un bacio profondo e appassionato. Quando sentì che lei si rilassava e cominciava a entrare nel bacio, le spiegò.

“Tesoro, è un sogno che si avvera per ogni uomo avere la donna che ama che impazzisce graffiando e artigliando mentre la fa impazzire di passione. Porterò queste cicatrici con orgoglio. Sono una testimonianza della profondità del tuo amore e della tua passione per me. L’espressione del tuo viso mentre godi tra le mie braccia è la più bella che abbia mai visto. Non ho mai visto nulla di così stupefacente come te durante un orgasmo. Vorrei fare l’amore con te tutto il tempo, solo per poter vedere il tuo bellissimo viso con il tuo sguardo sereno di beatitudine. Quando esplodi mentre facciamo l’amore, mi fai sentire come un Dio tra gli uomini, con il potere di far impazzire la donna che amo e di darle un piacere senza paragoni”.

Francesca guardò il padrone, capendo tutto ciò che aveva detto, ma voleva comunque medicare le sue ferite. Il padrone ebbe un’idea migliore, suggerendo di fare una doccia insieme e poi di andare a fare colazione. La doccia fu bella e affettuosa: entrambi ne approfittarono per lavare e accarezzare il loro partner. Francesca era ancora inorridita dagli squarci sulla schiena del suo padrone e, poiché lui non le permetteva di medicarli, diede a ciascuno un piccolo bacio per migliorare la situazione.

Francesca si sentiva euforica perché oggi era il suo primo giorno da donna completa di proprietà del suo padrone, il Signore del Castello. Niente era mai stato così perfetto e giusto come quando il suo padrone l’aveva presa e aveva fatto l’amore con lei per tutta la notte. Entrambi avevano scoperto di non essere completi l’uno senza l’altro. Entrambi avevano professato il loro amore l’uno per l’altra.

http://www.padronebastardo.org

Questo racconto di è stato letto 1 2 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.