Da Principessa a Puttana 12 - Daphne & Arielle

Scritto da , il 2022-07-01, genere dominazione

DA PRINCIPESSA A PUTTANA 12 – DAPHNE & ARIELLE
Mentre la Principessa, stremata dalla possanza fisica del Comandante e dalle tre monte consecutive che le aveva imposto, giaceva confusa e stordita sul materasso a gambe spalancate, senza curarsi di mostrare in bella vista la sua figa rasata con le grandi labbra gonfie e l’ostio vaginale aperto dal quale la sborra, copiosa, scendeva ad inumidirle il buco del culo e da lì a formare una pozza sul materasso, il Comandante chiamò Arielle e si fece portare delle mutandine pulite per Daphne, in poco tempo Giorgia gliele consegnò dicendo con un sogghigno “Queste vanno bene?” in realtà si trattava di un tanga velato, trasparente come una calza, che avrebbe fatto vedere chiaramente la figa di Daphne e con una sottilissima stringa fatta da un filo di perle che si sarebbe adagiata nel solco gluteo della ragazza lasciando totalmente in vista i suoi glutei perfetti. Giorgia consegnò ad Arielle il perizoma e le disse “toglile le brasiliane sono zuppe ci ha squirtato dentro e mettile questo tanga…so che sai come si fa…vero?” in effetti da alcune notti aveva “iniziato” la giovane ai “piaceri” del sesso lesbico di fatto inforcandola con il suo strap-on la prima notte ed insegnandole poi tutti i modi per poter soddisfare una donna esigente come lei.
Arielle si inginocchiò di fronte a Daphne e le sfilò le mutandine guardandole come ipnotizzata la figa che si scopriva, Arielle da sempre era bi-sessuale, e, dopo lo stupro subito dal Comandante ed i continui rapporti sessuali con gli ufficiali che spesso la prendevano in tandem per la fregola di farsela e di farla urlare a dovere, aveva iniziato ad apprezzare sempre più le carezze di Giorgia; certo anche lei la stuprava brutalmente con il suo grosso strap-on, la prima notte che l’aveva presa le grida di dolore della ragazza avevano svegliato l’intera caserma, ma poi, per esserne meglio soddisfatta, l’aveva anche trattata con dolcezza ed i giochi lesbici avevano allietato le loro notti.
Daphne sentì le dita affusolate di Arielle infilarle il microscopico tanga e guidare il cordoncino di perle ad entrare tra le labbra della sua figa e poi guidarlo verso l’ano e su per il solco gluteo, le dita di Arielle la carezzavano delicatamente e Daphne, sentendo anche la stimolazione del clitoride esercitata dal filo di perle, barcollò per la sensazione di piacere mai provata prima, tanto che appoggiò le mani sulla gran massa di capelli rossi di Arielle spingendo involontariamente le labbra ed il viso della ragazza sul suo pube.
Arielle con la lingua divaricò le labbra della figa di Daphne e le leccò delicatamente il clitoride sentendolo inturgidirsi sempre più mentre con un dito le esplorava la vagina tastandole l’imene poi finì di sistemare il tanga a Daphne e si rialzò, appoggiandole la mano destra sui lombi la tirò a sé sino a che la ragazza si trovò ad appoggiare i suoi capezzoli contro quelli di Arielle…sentendola eccitata con i capezzoli durissimi, Arielle avvicinò la bocca a quella di Daphne e senza trovare alcuna resistenza riuscì ad infilare la lingua tra le sue labbra…anzi Daphne, sentendo l’afrore delle sue stesse secrezioni vaginali emanare dalla bocca della rossa, iniziò un sensualissimo bacio alla francese mentre apriva le cosce per accogliere tra le sue gambe la coscia affusolata di Arielle che andò ad appoggiarsi sulla sua figa, un attimo dopo Arielle sentì che anche Daphne spingeva la sua coscia ad incontrare il suo pube…mugolando le due ragazze iniziarono un su e giù dapprima lento e poi sempre più veloce masturbandosi reciprocamente mentre gli umori delle loro fighe ne lustravano le cosce. Dopo diversi muti di un furioso su e giù Daphne fu la prima a venire mentre Arielle che la teneva strettamente abbracciata la seguì a ruota pompando con vigore la sua figa contro la coscia di Daphne.
“BELLO SPETTACOLO – disse il Comandante – ABBIAMO DUE ‘CERBIATTE’…VERAMENTE BELLO MI È SEMPRE PIACIUTO VEDERE DUE DONNE SCOPARE A FORBICE…GIORGIA CON QUESTE DUE AVRAI DI CHE DIVERTIRTI LA NOTTE. PRINCIPESSA…HAI VISTO E SENTITO…HAI UNA FIGLIA LESBICA DIREI…MA NON TI PREOCCUPARE ADESSO ALZATI CHE MI HANNO FATTO ARRAPARE E TI VOGLIO ANCORA…TU ARIELLE RESTA CON NOI VISTO CHE A DAPHNE PIACI COSÌ TANTO NON TORNERAI AL BORDELLO UFFICIALI…PER ORA…CONTINUATE A LESBICARE SFORBICIANDO…VOGLIO VEDERVI SCOPARE MENTRE MI OCCUPO DI LEI”

Questo racconto di è stato letto 3 3 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.