La defiance EP 11

Scritto da , il 2012-07-16, genere etero

Siamo alla seconda occasione stagionale, per andare a sciare, le vacanze di Natale Capodanno. Decidiamo di partire, l’antivigilia, il 23, per la nostra casetta in montagna. Siamo sempre Io Federico, Simona, la mia sorellina e Marco, il suo ragazzo. Questa volta, è giusto, lasciamo la camera matrimoniale, alla mia sorellina, e con Federico, ci sistemiamo, nella cameretta, dove ci sono i due letti separati. Passammo una stupenda serata della vigilia di Natale, siamo andati insieme alla messa di mezzanotte, con la neve e un romantico scenario natalizio. Quando siamo tornati, avevo ovviamente voglia, di stare con Federico, dato che la sera precedente, avevamo dormito separati, in quanto particolarmente stanchi. Quindi, ci siamo imbustati, nel mio letto, insieme, con tanta voglia di coccole, nonché di buon sesso. Abbasso la luce, in modo che rimanga soffusa, e ci lanciamo in dolcissime effusioni: “Federico, ti voglio bene, sei e molto importante….”. Federico non risponde. “Dai Federico, almeno a Natale, lasciati andare, sei teso, cosa succede?”, Notavo essere particolarmente teso, quindi nel tentativo di stemperare il clima, inizio a provocarlo un po’. Allungo le mani sotto il suo pigiama, massaggiandogli il busto, gli tolgo la giacchetta e inizio a baciargli il petto. Apro anche la mia giacchetta, strofinando il seno sul suo torso nudo. Ero già eccitata, i miei capezzoli erano ritti, tumidi, i seni turgidi e gonfi. Il contatto con il petto di Federico, mi eccitavano ancora di più. Mi sfilavo i pantaloncini del pigiama, la mia fighetta bagnata, reclamava attenzione. Prendo la mano di Federico, portandola sul mio sesso. Entravo con la mia mano nei suoi boxer alla ricerca del suo pene, aspettandomi come al solito di trovarlo già eccitato. Con mia sorpresa, questa volta, non lo era per nulla. Senza problemi, decido di darmi da fare, sfilo pantaloncini e boxer, a Federico, poi scendo sotto le coperte e inizio a baciarlo, succhiandogli i testicoli, e prendendo nella mia bocca, riscaldandolo, il suo cazzo moscio. Insomma cerco di eccitarlo, era la prima volta che dovevo intervenire in questi termini con Federico, era sempre super eccitato. Malgrado la mia eccitazione, e i numerosi tentativi di rianimare il suo pisello, non ci fu nulla da fare. “Federico, cosa succede, hai qualche problema, con me puoi parlare, ti voglio bene!”. In ogni modo, cerco di non fagli pesare quella defiance, cerco di coccolarlo, “Non preoccuparti, ai maschietti succede, non sei il primo e non sarai certo l’ultimo, ci rifaremo in un altro momento, tranquillo”. Lui mi ringrazia, anche se lo vedo decisamente mortificato. Dopo poco si alza per recarsi in bagno, si rimette il pigiamino e si allontana, chiudendo la porta. Io ormai alle tre del mattino, mi assopivo, ad un tratto sento bussare, è mia sorella assonnata, “Manuela, scusami, guarda che c’è Federico singhiozzante in bagno, cosa è successo, avete litigato? Prova a vedere cosa succede, che dovrei fare pipì, grazie”. “Non è successo nulla, ora vengo”, mi rimetto anch’io il pigiamino, e vado a bussare alla porta del bagno: “Federico, cosa succede, apri, dai, ne possiamo parlare”. Dopo poco, mi apre la porta, mi abbraccia piangendo. Lo riporto a letto, faceva anche discretamente freddo, dopo un po’ di coccole, ci siamo addormentati abbracciati. Il mattino, si sveglia prima di me, aveva il regolare “alza bandiera”, dei maschietti al mattino. Mi sono svegliata, fra le sue braccia, immediatamente, realizzo l’eccitazione di Federico, e anche se ancora assonnata: “Buongiorno, wow, vedo che stamattina ci siamo ripresi”. Mi sono subito aperta la giacchetta del pigiama, Federico, si sfilava la sua, l’ho abbracciato forte, premendo il mio seno sul suo petto, baciandolo sul collo, con un succhiotto esagerato. Gli ho sfilato i boxer, sentivo il suo pene duro e pronto. Gli chiesi se non gli andava di mettersi la cremina ritardante, procedevo io all’operazione di applicazione, girandomi le spalle, su il financo destro, da dietro, frizionavo con cura il glande. Nell’attesa, del tempo convenzionale , mi toglievo i pantaloncini strofinando il seno sulla sua schiena e massaggiando i testicoli di Federico. La sua eccitazione, provocava la mia, quindi, girandosi verso di me, mi faceva un meraviglioso succhiotto sul seno destro, mentre mi stimolava il clitoride, iniziavo veramente a eccitarmi, insomma, non vedevo l’ora di essere scopata. Si posizionava sopra di me, onestamente, la posizione classica, è quella che preferisco, penetrandomi. Ero già abbondantemente bagnata, eccitata, ma questa volta, ero io a non avere fretta di raggiungere l’orgasmo, mi stavo godendo il suo sesso dentro la mia fighetta, sta cambiando il mio modo di fare l’amore, sono molto più riflessiva. Questa volta, lo devo ammettere, sebbene eccitata, non ho raggiunto l’orgasmo, mi vergogno di averlo quasi simulato, quando Federico, mi ha schizzato dentro, rantolando di piacere, più precisamente, posso affermare, che ho provato un intenso piacere, nel condividere il suo. Insomma non ho simulato ma quasi. Federico si era ripreso, quando ci siamo alzati, abbiamo raggiunto gli altri, Simona ci domanda cosa fosse successo nella notte, perché, era evidente che qualcosa che non andava. Con Federico, ci siamo guardati, lui mi fece un cenno d’approvazione, ormai c’è complicità fra noi, mi sentivo quindi autorizzata a dare chiarimenti in merito. Simona con una battuta: “Ora funziona, tutto a posto quindi? Dai Federico, capita ai maschietti, anche Marco ogni tanto fa cilecca!”. Chiamo di lato la mia sorellina, e gli dico se fosse disposta a collaborare, per depilarmi la fighetta. “Ma sei fuori?”, No assolutamente, voglio provare a depilarmi, mi dai una mano?”, “Va bene, contenta tu”. Dopo pranzo, ci siamo chiuse in bagno, io mi sono denudata, e ho fatto una doccia, mentre la mia sorellina preparava l’occorrente. Uscita dalla doccia, Simona aveva preparato il bidè, “prima siediti sul Wc, che tagliamo il più”. Detto fatto, mi posiziono a gambe divaricate, Simona con la forbice in mano: “Sicura, procedo?”, “Cosa aspetti, dai”. Io mi appoggiavo indietro con la schiena, mentre la mia sorellina, iniziava a tagliare il mio boschetto. Cominciava a intravedersi nitidamente il taglio del mio sesso, e stranamente la situazione mi eccitava anche, cosa che non sfuggiva a Simona, che notava, l’inumidirsi della mia fighetta, e il torpore del mio seno. “Ei sorellona, cosa fai ti ecciti?”, io negai spudoratamente, chiedendole di procedere. Prese dunque il mio epilatore, per togliere ancora il più, la vibrazione dell’apparecchio, intorno alla fighetta, mi eccitava ulteriormente, oltre a bagnarmi, avevo i capezzoli ritti e duri. Simona, mi fece posizionare sul bidè, sempre con gambe ben divaricate, mi bagnava con l’acqua tiepida la fighetta, che era già bagnata di suo, ma quei movimenti di Simona, mi stavano facendo impazzire, mi vergogno, ammetterlo, ma è così. M’insaponava, con il sapone depilatore, frizionando delicatamente tutto intorno, sfiorandomi il clitoride, che si stava gonfiando, evidenziando inevitabilmente, il mio stato d’eccitazione. “Manuela, sei proprio una maialina”, “E tu sei maliziosa, anche troppo”. Simona inizia a radermi, la parte delicatamente, con un rasoio per le gambe, tirando con le dita la pelle per distenderla, intorno alle grandi labbra. Quando ebbe finito: “Va bene, sei contenta? Adesso, puoi sciacquarti e finire di masturbarti”. Ridendo, si lavava le mani, e io non me lo feci ripetere, iniziavo a infilarmi un dito, ormai ero davvero eccitata, poi proseguivo strofinandomi il clitoride, Simona si gira: “Cazzo, ma fai sul serio”. Io non risposi presa com’ero, lei rimase appoggiata al lavandino ad osservarmi divertita, la cosa non mi turbava affatto. Continuavo a masturbarmi, sempre più intensamente, fino a raggiungere l’orgasmo, il quale violento stimolo provocava alcuni schizzetti, nell’acqua, evidenziati dalla mia nuova situazione depilata. La mia sorellina divertita, faceva cenno di applauso: “Brava Manuela, orgasmo con tanto di squirting”. “Dove hai imparato quelle parole, sorellina?”, fece una risatina senza rispondere, io finivo di lavarmi, lei usciva dal bagno. Quando mi sono rimessa le mutandine, fui pervasa da un fremito, sentendo il fresco delle stesse direttamente sul clitoride, non ero abituata, e mi diede un po’ noia, per tutto il giorno. La sera andai in bagno, a mettere il pigiamino, quindi m’imbusto sotto le coperte, invitando Federico, a seguirmi. Una volta sotto le coperte, avevo una voglia pazzesca, sia di fare la sorpresa a Federico, sia di avere la mia scopata quotidiana. Inizio a stuzzicare il ragazzo, così ridendo e scherzando, io iniziavo già ad essere bagnata, e non portando la biancheria, stavo bagnando il pigiamino, di cotone leggero. Finalmente Federico, si volta e mi slaccia la giacca, infilando la testa fra le mie tette, con baci e succhiotti, che esaltarono subito la mia voglia, quindi allungavo le mani fra le sue gambe, cercando il pene di Federico, regolarmente eccitato. “Tutto a posto, tranquillo, come vedi l’incidente di ieri sera, non conta nulla”, “Manuela, ti voglio bene, non sai quanto”. Federico, finalmente, allunga la mano fra le mie gambe a cercare la mia fighetta bagnata, trovandola completamente depilata: “Mah, cosa hai fatto, Manuela”. “Sorpresa! Non ti piace?”, “Aspetta, fammi vedere bene”, Scosta le coperte, quindi mi sfila i pantaloncini del pigiama, per ammirare, la mia passerina. “Wow Manuela, stupendo, sei grande!”, “Lo so, ho quattro anni e ½ più di te!”, “Non intendevo in quel senso, hai capito……Adesso fammi dare una bella leccata, per vedere se è tanto buona quanto bella”. Si metteva fra le mie gambe, divaricandomi la passera, offrendomi poderose leccate, introducendo due dita, che in contemporanea alla stimolazione del clitoride, con la lingua, mi procuravano un rapido soddisfacente orgasmo, inarcavo la schiena, sentivo il mio seno pesante e rigonfio, i capezzoli ritti e turgidi, un forte stimolo di fare pipì, che sfociava, in una serie di favolosi schizzetti dalla mia fighetta. Federico soddisfatto, al culmine del mio orgasmo, estraeva le dita, proponendole alla mia bocca, che questa volta le accoglieva, con relativa facilità, avevo realizzato, che questa cosa, eccitava parecchio Federico, quindi, sebbene, questo gesto m’infastidisse, il sapore agrodolce del mio sesso, mi da sufficientemente fastidio, accetto la cosa, a dimostrazione del mio affetto, nei suoi confronti, in passato ad altri ragazzi avrei sicuramente opposto resistenza. Quindi succhiavo avidamente le sue dita, a sua volta ripeteva dopo di me, per poi reintrodurle nuovamente nel mio sesso, per farmele succhiare nuovamente. Sentivo il suo pene e i testicoli, sulla mia coscia destra, “Prendimi Federico, voglio che mi scopi subito”. Senza dire nulla, si posiziona fra le mie gambe, ci ricopre con il piumino, effettivamente iniziavo ad avere freddo. Federico, fra le mie gambe, ben divaricate, si sostiene sulle braccia, baciandomi dolcemente, il labbro inferiore, estrae la lingua a bocca aperta, strofinandola con la mia, sono stati momenti topici, la dolcezza, scambiata in quegli attimi meravigliosi, mi faceva provare un calore, oltre all’atto fisico, in quei momenti, sento veramente di non poter restare senza di lui. Distende il suo petto sul mio, e strofina il pene sulla mia fighetta bagnata, ero ancora molto eccitata e desiderosa di sentirlo dentro di me, il suo petto premeva il mio seno e i miei capezzoli eccitati, venivano stimolati dal deciso contatto. All’introduzione del suo cazzo dentro di me, riprendeva, quel bellissimo, dolce scambio delle nostre bocche, mi baciava le labbra, la lingua, sostenendosi con le braccia, il movimento simultaneo del bacino, mi esaltava, sentivo uno stimolo pazzesco alla mia figa in fiamme, il mio pancino sfarfallava dall’emozione, “Federico, sta veramente imparando a fare l’amore”, pensai, era dolce e delicato, con movimenti lenti e cadenzati. Sfiorava con le labbra e la lingua, i miei capezzoli, stavo veramente godendo. Poche volte, avevo provato questo piacere fisico e mentale durante l’amplesso, il mio corpo era completamente eccitato, stavo fremendo di piacere, le giuste, regolari cadenze dei nostri corpi, mi stavano portando ad un nuovo meraviglioso orgasmo, sentivo lo stimolo avvicinarsi, cercavo di concentrarmi su Federico, volevo fosse simultaneo, lo desideravo tanto che cercavo di rallentare il più possibile la mia esplosione di piacere che sentivo inesorabilmente scendere fra le mie gambe. Federico torna a posare il suo petto sul mio, ansimando sul mio collo, mentre mi regalava un graditissimo succhiotto. “Ti amo Manuela, cazzo se ti voglio bene”, mi sussurra nell’orecchio, era la prima volta che usava con me quell’espressione: “Ti amo”, e probabilmente era proprio la prima in assoluto. Mi stringe forte, capisco che stava per venire, contraccambio il suo abbraccio, anche se non aumentava il ritmo, eravamo un corpo e un’anima, il suo cazzo sfilava ben lubrificato nella mia vagina, solo nella parte più interna, sentivo ripetutamente i testicoli di Federico, battere fra le mie gambe, con un leggero movimento del bacino, segno che entrava il più possibile dentro di me. All’improvviso sento i suoi schizzi, in profondità, mi lascio andare, raggiungo anch’io l’orgasmo, sento un calore tremendo, non avevo il controllo del mio corpo, chiudo gli occhi, perché la vista, si era appannata. Ho il capo riverso, inconsciamente ho la forza d’inarcare la schiena, emetto un gemito, un altro, che non riesco a trattenere, mentre Federico, mi succhia il collo come un vampiro, sento distintamente i suoi schizzi di sperma nella mia vagina, che a sua volta con uno stimolo ormai incontrollato emette anch’essa violentemente, schizzi di umori incontrollati da quell’insolito stimolo a fare pipì, che mi sconvolge durante l’orgasmo. “Vengo, adesso non mi devo trattenere”, pensai in un attimo. Furono attimi che parvero un eternità, stavo godendo veramente. Purtroppo tutte le cose belle finiscono, e forse sono fantastiche, proprio per la loro breve durata. Quando i nostri sensi, si rilassarono, restammo abbracciati un po’, scambiandoci effusioni e frasi dolcissime. “Manuela, cucciola, sono sconvolto, mi è venuto tremendamente sonno”, “Anche a me, Buona notte Federico”, si riversa sul fianco, pur tenendo una mano sul mio seno, abbiamo dormito nudi e avvolti da quello che rimaneva del nostro amplesso. Mentre mi assopivo, sentivo con immenso piacere, il suo sperma dentro il mio sesso, mi sentivo piena di quei bellissimi schizzi di sperma, donati da Federico al mio corpo. Ci risvegliammo al mattino, ancora abbracciati, malgrado tutto, l’odore del nostro sesso, le lenzuola ancora vischiose, come i nostri corpi appiccicosi, stavo bene, avevo riposato alla grande. Scambiammo qualche bacetto, Federico aveva ancora il classico “Alza bandiera” mattutino, tipico dei maschi. Però non mi andava di scopare, lo invitai a farsi una sega. Lui non era molto convinto, lo esortavo, mi piaceva, occasionalmente, vederlo masturbarsi. Alla fine cedette, e si segava dopo aver rivoltato il piumino. Io gli tenevo una mano sul petto, ero rivolta sul fianco destro verso di lui, notai che ammirava la mia fighetta depilata, mi faceva piacere, e lo dissi. Prese un ritmo veramente deciso e violento, “Cazzo Manuela aiutami ti prego”, aveva le gambe vistosamente tese, mi bagnavo la mano sinistra con tanta saliva e andavo a massaggiargli i testicoli, divaricandogli leggermente le gambe. Inoltre gli succhiavo il petto, i capezzoli, mordicchiandoli. Seguivo con la coda dell’occhio i movimenti veloci sul suo cazzo, facevano sobbalzare il letto. Aumentai leggermente la pressione sui suoi testicoli, quasi a strizzarli. Senza rendermene conto gli stavo facendo un poderoso succhiotto sul petto, (gli resterà il segno per due giorni). “Manuela, sto venendo, si così”, poco dopo sento sue schizzi caldi uno sul mio seno, uno più in basso, aveva rivolto il pene verso di me durante l’orgasmo. Gli ripulivo bene il pene con la lingua, per poi raccogliere gli schizzi, dal mio corpo con il medio destro e succhiarmi poi il dito. Intanto il pisello di Federico si ammosciava. Io mi alzavo per andare a farmi una doccia. Nel corridoio incontro Simona, “Ei, ieri sera avete fatto il Mundialito, abbiamo sentito tutto”, mi diceva con un sorriso malizioso, “E avete seguito il nostro esempio spero?”, non disse nulla sempre sorridente saliva le scale raggiungendo Marco, io entravo in bagno per lavarmi. Una volta fatta una bella doccia, torno in camera e mi rivesto, mentre Federico si lava, io riassetto il letto, cambiando ovviamente le lenzuola, non prima di aver fatto prendere aria al locale e quindi al materasso (poverino). Passammo la giornata su gli sci, anche se ormai salivamo in quota a tarda ora. SEGUE EPISODIO 12

Questo racconto di è stato letto 3 8 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.