Jus primae noctis

Scritto da , il 2012-05-12, genere dominazione


Tutte la mattine Giovanni e Giulia alle sette in punto aprivano il bar dove lavorano da due anni, quella mattina però era un po’ diverso, il giorno dopo che era sabato si sarebbero sposati.
Giovanni aveva 28 anni ed era un bel ragazzo come hobby giocava a Rugby alto 1 e 80 per 78 kg tipo atletico e muscoloso biondo con un bel carattere sempre allegro.
Anche Giulia era una bellissima ragazza 22 anni longilinea ma con delle belle curve i capelli castano chiaro le scendevano fino alle spalle alta 1 e70 pesava 65 kg con la terza di reggiseno, erano una bella coppia moderna e affiatata.
Lavoravano insieme come dipendenti al bar “Da Giorgio” appunto da due anni, si era messi insieme quasi subito, il signor Giorgio il proprietario del bar pur essendo un uomo vecchio stampo molto autoritario e inflessibile le aveva dato la sua benedizione e le offri anche di andare in affitto nel suo appartamento sopra il bar, poi nei giorni successivi cominciò a fare spesso una battuta.
-Giovannino ti faccio la prima notte di nozze, sai una volta usava che quando una coppia si sposava il Nobile della zona aveva il diritto di passare la prima notte di nozze con la sposina.
Al primo momento Giovanni e Giulia si offesero anche un pochino, poi però parlarono a lungo tra di loro e scoprirono di eccitarsi al pensiero provavano un piacere intensissimo che partiva dalla testa e le incendiava il corpo.
Cosi qualche giorno dopo andarono dal Signor Giorgio alle sei il momento di chiudere il bar e diventando entrambi rossi paonazzi dalla vergogna le dissero.
-Signor Giorgio, noi abbiamo pensato parecchio a quella cosa che dice lei della prima notte di nozze e ci piacerebbe.
Il signor Giorgio rimase stupefatto, non se lo aspettava.
-Beh se va bene a voi a me va benissimo. Rispose
-Sei vergine? Chiese a Giulia.
-Si Signore, perché volevo arrivare vergine al matrimonio.
Il Signor Giorgio entrò in uno stato di eccitazione incredibile, non riusciva a credere alla fortuna, una giovane coppia moderna e di bella presenza come loro accettava di sottomettersi ad un antico rito medioevale e per di più la sposina era ancora vergine.
Non è che i due fossero dei fresconi che non avevano mai fatti niente, ma non erano mai arrivati alla penetrazione completa proprio per il desiderio di Giulia di avvivare vergine al matrimonio, poi quella proposta assurda surreale aveva acceso le fantasie perverse dei due giovani, ci pensavano mentre lui le succhiava i capezzoli finché non si bagnava bene e si dilatava la vagina poi le masturbava il clitoride e leccava fino a quando le schizzava i bocca il suo nettare, oppure quando era lei a farle dei giochini con la lingua, gli e lo succhiava palpandole i coglioni e quel pensiero rendeva tutto più eccitante.

Il bar era nella zona industriale e i clienti erano le persone che lavorano nelle numerose industrie della zona, stavano aperti dal Lunedì al Venerdì dalle sette di mattina alle sei di sera.
I primi ad arrivare la mattina erano i camionisti che avevano passato la notte dormendo nelle cuccette dei loro mezzi, poi arrivavano i primi operai e impiegati, verso le nove i manager.
Il brutto del lavoro era dalle 12 alle 14, Giovanni e Giulia dovevano correre come matti senza un attimo di respiro, in più il signor Giorgio continuava a darle ordini che devo eseguire rapidamente.
-Porta i panini al tavolo tre, sparecchia il due, una coca al quattro, caffè al cinque ...
Se malauguratamente rovesciavano un bicchiere o commettevano un minimo sbaglio venivano rimproverati duramente davanti a tutta la clientela, a testa bassa dovevano subire e riprendere subito più veloci di prima.
Indossavano la divisa, camicia bianca, per lei gonna nera fino sotto il ginocchio grembiule bianco piuttosto ampio che rimaneva poco sopra la gonna, scarpe ballerine nere, per lui pantaloni neri grembiule bianco più lungo fino quasi ai piedi e scarpe mocassini nere.

Come al solito anche quel giorno Signor Giorgio arrivò verso le nove e trenta era un uomo corpulento di 65 anni sempre in giacca e cravatta con fare arrogante e strafottente molto vanitoso
-Allora domani è il grande giorno. Disse urlando mentre entrava nel bar, in quel momento non c’erano clienti, cosi si avvicinò a Giulia e le mise la mano sul sedere dandole una bella palpata poi strinse con forza la chiappa, tutte le mattine la salutava cosi, poi andava da Giovanni e le dava una leggerissima pacca sulla faccia, un buffetto, quello era il suo saluto.
-Allora Giulietta finalmente domani sera ti svergino, sei contenta.
-Si Padrone non vedo l’ora.
-E tu Giovannino.
-Anche io Padrone.
I due fidanzati dopo averle detto che accettavano lo “Jus primae noctis” avevano cominciato a chiamarlo Padrone e al Signor Giorgio questo piaceva molto addirittura si eccitava.
-Vedrai che prima notte di nozze ti faccio passare, Schiavetta. Cosi lui chiamava Giulia.
-Grazie Padrone.
-Tu preparati le brandina nel retrobottega stasera, che dormirai li mentre io faccio la prima notte con la tua mogliettina. Disse a Giovanni
-Certo Padrone.
Come tutte le sere alle sei dopo aver tirato giù la cler del bar il Signor Giorgio si sedeva su di uno sgabello e li guardava fare le pulizie per lui era uno spettacolo impagabile meglio del Moulin Rouge.
-Schiavetta, vieni qui.
-Si Padrone eccomi.
–Domani dopo le nozze sarai a mia completa disposizione, ti userò in tutti i modi possibili per soddisfare il mio piacere, lo sai?
-Certo Padrone. Rispose lei
Lui le prese la testa tra le mani e la bacio sulla bocca, era un bacio passionale che Giulia ricambio con piacere, poi senza che il Signor Giorgio facesse alcuna richiesta Giulia le prese una mano e la baciò sul dorso,mentre a pochi metri di distanza Giovanni continuava i lavori di pulizia come se niente fosse.

Il giorno dopo, la cerimonia e il ricevimento furono normalissimi ci saranno stati una cinquantina di invitati tra parenti e amici fra di loro c’era il signor Giorgio che non stava più nella pelle.
Dopo i vari brindisi, balli e la distribuzione delle bomboniere ovviamente gli ultimi ad andare via furono gli sposi con il Signor Giorgio.
Avvivati alla macchina il lanciò le chiavi a Giovanni.
-Schiavo fai in fretta che ho il cazzo che mi scoppia.
-Si Padrone, faccio più in fretta che posso
Giovanni si mise alla guida e Giulia con il Signor Giorgio si sistemarono nel sedile posteriore, per tutto il viaggio è stato un continuo baciarsi sulla bocca abbracciarsi e toccarsi mentre Giovanni guidava, arrivati a destinazione il Signor Giorgio e Giulia salirono nel nido d’amore degli sposini e Giovanni andò a stendersi nella brandina posizionata nel retrobottega del bar, si spoglio scopri di essere eccitatissimo e piano piano comincio a masturbarsi mentre nel appartamento di sopra il Signor Giorgio con molta cura tolse l’abito bianco da sposa a Giulia, le accarezzo e palpò i seni e il pube mentre la baciava, la depose sul letto e si spogliò rapidamente, comincio a leccarle e masturbarle la passera, le infilò un dito nell’ano poi di colpo la penetrò e cominciò a possederla violentemente.
-Oh Padrone si che bello, sento male ma è bellissimo Padrone.
Non ci volle molto prima che i due arrivarono ad un orgasmo sconvolgente, dopo aver goduto Giulia lo riempì di piccoli baci su tutto il corpo, poi lui le infilò il cazzo in bocca e lei cominciò a succhiarglielo, quando le fu tornato duro ricominciò a scoparla infilandoglielo tutto fino alla radice in un primo momento lentamente poi sempre più veloce e con più vigore, spingendoglielo dentro con forza, lui ansimava lei mugugnava muovendo freneticamente il bacino spingendolo in avanti e si inarcava per accoglierlo ancora di più fino in fondo, fu un amplesso furibondo finché l’orgasmo espose violento e la inondò del suo caldo seme mentre lei gemeva di passione.

La mattina dopo Giovanni verso le nove le porto il vassoio con una ricca colazione a letto, i due erano sfiniti ma Giulia era radiosa con un sorriso illuminate che fece eccitare Giovanni.
Ignorando il marito Giulia disse.
-Padrone grazie, possiamo rifarlo vero.
-Certo schiavetta. Rispose il Signor Giorgio.

P.S. I miei racconti erotici sono pubblicati sul mio blog http://kyrracconta.blogspot.com/

Questo racconto di è stato letto 1 1 3 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.