La prova orale 2/2

Scritto da , il 2021-10-14, genere comici

Jean-Luc di ragazze e di donne ne aveva già avute parecchie. Eppure una milf, no, non l’aveva mai chiavata e nemmeno leccata nella figa. È comprensibile, dunque, che quella mattina, prima dell’esame orale di Comunicazione profonda, fosse così eccitato. Adesso pregustava già il momento in cui avrebbe mostrato a Claude la sua competenza, se non proprio nella materia di esame, senza dubbio nell’arte bella del cunnilingus, da lui appresa già diversi anni addietro e lungamente coltivata. “Altro che diciotto!” pensava ridacchiando tra sé e sé “questa, quando sentirà sulla fica la mia lingua, mi darà pure la lode”. Fu con questa aspettativa, provando il piacere sottile dell’anticipazione, che Luc Trouduc si preparò per quella mattina di delizie. Claude era proprio come appariva in video, ieratica e misteriosa, affiancata dietro la cattedra dal colosso che le faceva da assistente ed era almeno altrettanto glaciale di lei. Si tolse la maschera da Guerre Stellari, rivelando così il suo sesso e la sua matura bellezza, e Luc finse un ammirato stupore. La sua reazione non doveva poi sembrarle troppo sospetta, riflettè, da un lato perché, pur non essendo sorpreso, ammirato lo era davvero e dall’altro perché poteva facilmente essere scambiata per la volontà di darsi un contegno, di non apparire troppo emotivo e sensibile alla bellezza femminile. Sospettasse qualcosa o meno, naturalmente la docente non lo diede a vedere: tolta la maschera da cosplay, indossò quella, non meno indecifrabile, della donna algida e imperturbabile, dal cui volto non traspariva alcuna passione. L’unico aspetto di quella bizzarra commedia che, almeno fino a quel momento, non combaciava con la descrizione resa da quella troietta di Valentina - la sua compagna di corso che era stata costretta a rivelargli il segreto fino ad allora ben custodito dell’esame della Deguy-Bréton - era la mise della docente, che non indossava un kimono di satin bensì un completo di pelle nera tanto attillato quanto ermeticamente chiuso, dagli stivali col tacco da domina fino al mento. Fu quindi senza alcuna sorpresa che Luc apprese dalla professoressa il destino che lo attendeva: “Siamo ancora lontani dalla sufficienza”, sentenziò l’accademica, “ma, se lo desidera, può sottoporsi liberamente ad un’ulteriore prova orale, più impegnativa ed approfondita”. “Accetto”, rispose Luc, cercando di dissimulare il suo entusiasmo per una promozione che riteneva di poter ottenere a buon mercato. “In tal caso”, riprese Claude, “devo ricordarle l’obbligo rigoroso e inderogabile di mantenere un assoluto riserbo su questa prova orale, che è un’opportunità che offro soltanto a pochissimi studenti selezionati”. Mentre ascoltava queste parole, Luc sentì distintamente il suono di una chiusura lampo che si abbassava rapida. E fu con divertita sorpresa che si accorse che la zip abbassata non era quella della tuta di Claude ma quella dei pantaloni del suo erculeo assistente. “Hai capito il buon Armand”, pensò, “Valentina non mi aveva detto che gli piacesse guardare e farsi una sega”. Ma fu con sorpresa nient’affatto divertita che Luc - mentre sentiva qualcosa di lungo e pesante srotolarsi dall’apertura della zip come un tratto d’intestino da un ventre squarciato - udì Claude pronunciare queste parole, spietate come una sentenza capitale: “io”, disse con la consueta, imperscrutabile flemma, “sono un’esperta in psicologia della comunicazione, e ho subito compreso che lei è un maschio eterosessuale. Pertanto, lei sosterrà la prova orale con il dottor Bélier. Mi raccomando di ingoiare tutto, ficcando in bocca tutto il solido prima e deglutendo tutto il liquido poi, altrimenti dovrò invalidare la prova, che la terrà impegnata per almeno 45 minuti. Io adesso la lascio, devo andare. Buona fortuna, signor Defoncé. Forse adesso capirà che cos’è veramente la comunicazione profonda.

Questo racconto di è stato letto 9 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.