Fistare il mio giovane amico -2-

Scritto da , il 2021-10-13, genere fisting

Spalmando un po' di lubrificante sul suo buco, metto la punta del mio dito indice sul bordo del culo stretto.

Invece di lavorarlo lentamente, come faccio di solito, all'improvviso lo inserisco fino in fondo.

Si irrigidisce e geme, quando sento il suo culo stringere forte il mio dito, quasi succhiandolo per la tensione.

Gli dico che sa fare di meglio che diventare tutto teso mentre affondo il mio dito medio accanto al primo.

Li tiro fuori circa a metà, e li rimetto di nuovo velocemente.

Guardo i muscoli della sua schiena rilassarsi, lo sento sistemarsi e il suo culo comincia ad aprirsi per me.

Aggiungo un terzo dito, e inizio un lento movimento ritmico nel suo buco.

Ora sta gemendo dolcemente, mentre si muove attraverso le fasi in cui prima lo tollera, poi ci si abitua, si eccita e infine lo ama.

I suoi fianchi si alzano leggermente per incontrare le mie dita, e il suo grosso cazzo è duro come una roccia.

Tiro fuori le dita e le asciugo su un asciugamano, mentre guardo il suo culo richiudersi.

Senza dargli un secondo per irrigidirsi, prendo un vibratore grosso e lo infilo a metà dentro.

La sua circonferenza lo sconvolge, e guardo il suo buco allungarsi.

Lo tengo fermo un momento, e comincio ad applicare con fermezza più pressione, spingendolo più a fondo.

Il suo gemito ora ha lasciato il posto all’ansimare.

Come un riflesso automatico, si allunga dietro di sé, agitando una mano, cercando di spingere via le mie.

Gli do un forte schiaffo sulla natica e gli chiedo di stare fermo.

Devo digli che è il mio culo da sgualdrina, il suo. Ha bisogno dell'umiliazione di essere legato?

Pensavo che avessimo superato quel punto, mentre stava imparando a farsi usare il culo.

Ritrae le braccia davanti a sé, in una posizione più distesa.

Si scusa, chiede perdono alla sua padrona, e giura di voler essere usato.

Mi dice che ama la sensazione di essere completamente riempito.

Giro l'interruttore, e ascolto il ronzio attutito che suona dentro di lui.

Mentre lui geme piano, gli occhi chiusi e il culo che gonfia leggermente l'aria, gli chiedo come si sentirebbe se qualcuno potesse vederlo così.

Giovane, ma già un uomo adulto.

Non credo un gay, anche se ama essere riempito in culo.

Orgoglioso proprietario di un bel cazzo duro.

Ama essere usato come una puttana anale da me, seguendo ordini umilianti, dati da una donna più anziana.

Quanto sarebbe imbarazzato se qualcuno lo vedesse con un dildo che gli ronza nel profondo dell'intestino, le impronte delle mie mani che brillano rosse sulla sua pelle per aver preso una sculacciata.

Lui geme, e dice alla sua amante che sarebbe terribile.

Mi chino vicino a lui.

Tocco leggermente la sua schiena.

Gli sussurro dolcemente all'orecchio per fargli aprire gli occhi e alzare lo sguardo.

In piedi, accanto a me, con in mano una videocamera, c'è la madre della sua ragazza.

Viviamo tutti nello stesso quartiere.

È così che è nata tutta questa storia tra me e lui.

Ovviamente non può dire di noi ai suoi amici.

Non possiamo uscire insieme.

Non può portarmi in bar pieni di persone in età da università.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.