La mia amica Irene

Scritto da , il 2021-10-11, genere sentimentali

Da circa 3 anni vivo da solo a Parma. Ho vissuto per anni in un piccolo paese in provincia di Frosinone e li ho lasciato tutti gli affetti e gli amici. Con l’emergenza Covid inoltre sono rimasto molto tempo da solo e non ho visto le persone che amo per circa un anno. Tra esse c’è Irene, una ragazza della mia età (ho 28 anni), con la quale ho condiviso tutto: le gioie, i dolori, i momenti di calma piatta. Premetto che tra di noi non c’è mai stato niente, siamo sempre stati grandi amici (e la conosco da una decina di anni). Non esagero quando dico che probabilmente è la persona alla quale voglio più bene al mondo. Ha tutto quello che si può desiderare in una amicizia, e in generale in una persona. È attenta, affettuosa, sa ascoltare, non va mai in difficoltà e non “sbrocca” mai. È nettamente meglio di me. Ha avuto una storia molto importante che è finita proprio durante la pandemia, dopo aver riflettuto a lungo. Io d’altro canto non ho una relazione stabile da circa 6 anni; quindi, non faccio proprio testo.
Di recente mi ha chiesto se poteva venirmi a trovare, dato che non ci vedevamo da un anno circa, e io con grande gioia ho accettato. Così in una Domenica di fine settembre la sono andata a prendere alla stazione e l’ho riabbracciata dopo tanto tempo. Irene fisicamente è una ragazza molto magra, alta 1.60 circa, con i capelli castani e degli occhi color nocciola. Tette piccole ma proporzionate al suo fisico, un bel culetto e delle bellissime gambe. Sarà stata l’emozione di rivederla, o in generale la sensazione di riabbracciare una ragazza dopo tanto tempo, che mentre la stringevo tra le mie braccia ho avvertito un erezione. E anche lei. Mi sono subito scusato con lei, e lei mi ha tranquillizzato dicendomi che era normalissimo.
Nei giorni seguenti siamo stati insieme, abbiamo cercato di passare delle giornate visitando i paesi più belli dell’Emilia e mangiando veramente un sacco in trattorie e ristoranti della zona. Da subito ho avvertito che in lei era ancora molto forte il dolore per la relazione conclusa dopo 8 anni, così ho passato tanto tempo a cercare di tirarla su. Una sera, mentre pioveva veramente forte, abbiamo deciso di rimanere a casa, alla fine in quei giorni avevamo camminato veramente tanto e forse avevamo bisogno di un po’ di riposo, così dopo aver cenato ci siamo messi sul divano a vedere un film.
Sin dalle prime battute del film Irene ha cercato un contatto fisico, un abbraccio, una coccola, così mentre lei si disperava per le sorti di questa ragazza (per la cronaca il film era One Day), io la cingevo con le mie braccia. È stato veramente strano. Sia chiaro, tra di noi non sono mai mancate le manifestazioni di affetto, ma in quel momento, in quel contesto, le cose sembravano differenti dalla normalità.
Finito il film, siamo rimasti in silenzio, abbracciati, era chiaro che qualcuno avrebbe dovuto dire o fare qualcosa per spezzare quel momento, ma nessuno di noi se la sentiva. Dopo un po’ lei si è girata verso di me, e con gli occhi lucidi mi ha detto che era tempo che qualcuno non la teneva così, e che questo la faceva sentire al sicuro. Ci siamo guardati negli occhi per un paio di secondi, e poi lei ha preso l’iniziativa, e mi ha baciato. Io sono rimasto impietrito, non dico che non abbia mai pensato nella vita che questa cosa potesse accadere, però in quel momento avevo paura che lei non fosse nelle condizioni emotive adatte per fare quello che stava facendo. Ma l’ho lasciata fare, e devo dire che il bacio è stato bellissimo, ho goduto di ogni singolo momento in cui le nostre lingue si esploravano.
Dopo un po’ ci siamo staccati ed è salito un po’ di imbarazzo tra noi. Le ho spiegato come mi sentivo, e le paure che avevo in quel momento, essendo il nostro legame molto forte non volevo rovinarlo in nessun modo per degli istinti primordiali che tutti noi abbiamo. Lei mi ha risposto sorridendo, dicendomi che in quel momento si sentiva di fare così, e che sentiva qualcosa dentro di lei che spingeva ad andare oltre. Piano piano le mie paure si sono dissolte e mi sono avvicinato di nuovo a lei per baciarla, e mentre lo facevo abbiamo iniziato a spogliarci a vicenda. Così, le ho tolto la t-shirt che indossava e i pantaloncini, e lei ha fatto lo stesso con me.
Eravamo rimasti entrambi in mutande, e ci baciavamo dolcemente, e ogni tanto ci guardavamo quasi con curiosità, pensando a quello che fino a quel momento ci eravamo persi. Dopo un po’ Irene mi ha sfilato le mutande, e ha preso il mio pisello in mano. È stato veramente strano vedere la mia amica segare e leccare il mio cazzo, e sinceramente per un po’ di minuti sono rimasto un po’ bloccato. Dopo un po’ ho fatto lo stesso con lei, e percepivo che lei stesse provando le identiche sensazioni che avevo provato fino a qualche istante prima.
Eravamo nudi, stavamo per farlo, ma c’era qualcosa che ci bloccava. L’ho presa per mano e le ho detto “da qui non si torna più indietro, se vuoi ci fermiamo”. Lei mi ha preso l’altra mano e mi ha baciato con forza. Li è cambiato tutto. Innanzitutto è salita sopra di me, l’ho ammirata in tutta la sua grazia mentre infilava il mio cazzo nella sua figa stretta, e ho goduto nel vedere le sue labbra che si mordevano e la sua espressione in estasi. Abbiamo iniziato a farlo, e questa volta il trasporto fisico ed emotivo era molto forte.
L’ho girata dolcemente, mi sono messo sopra di lei, e ho iniziato a succhiare i suoi capezzoli turgidi. Esplorare il suo corpo è stato un’esperienza incredibile, ne assaporavo i sapori, sentivo la sua pelle d’oca e mi godevo il momento. Dopo ho deciso di penetrarla, prima con le dita, poi con il mio sesso. Ho iniziato piano, poi ho velocizzato, e nel mentre mi godevo la vista della mia amica che godeva davanti a me. È veramente difficile spiegare quanto forte fosse il trasporto, la sentivo gemere, la vedevo sorridere, e rendendomi conto che stavo per eiaculare ho cercato di tirarmi fuori, ma lei ancora in estasi mi ha guardato e mi ha detto “no, continua, voglio che mi vieni dentro”. Ero troppo trasportato in quel momento così ho continuato, e mentre avvertivo l’esplosione imminente ho stretto forte il suo culo con le mie mani, e ho iniziato a baciarla con passione. La sborrata è stata incredibile, l’ho riempita e ho sentito il suo orgasmo ad un volume veramente inimmaginabile.
Stremati, siamo rimasti nudi sul divano a guardarci, a baciarci, e dopo 1 ora di baci e silenzi, lei si è girata verso di me dicendomi “io ora non ti lascio più”.

Questo racconto di è stato letto 1 9 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.