Marinella, diario di una novella troia -20- (continua)

Scritto da , il 2021-09-23, genere dominazione

Mi fai scopare e ti fai riempire, vedrai quanta sborra che ti do nella tua figa "

Mentre mi diceva questo, mi spingeva verso il muretto, dove mi ha fatto piegare

"tieni i soldi e lasciati riempire troietta "

Mi ha abbassato i pantalocini, e ho sentito le sue dita nella figa

"sei bagnata, ed è stretta"

L'ho sentito puntare la sua grossa cappella davanti al mio buco, e si è infilato dentro fino in fondo

"che figa calda e stretta "

E ha continuato a scoparmi.

Ho avuto un orgasmo quasi subito mentre mi scopava forte.

Ho sentito dei passi e ho cercato di rialzarmi, ma l'uomo mi ha detto

"stai giù, non preoccuparti, è un mio collega, anche lui che cerca una puttana "

Vieni Salvatore, avvicinati.

Cercavamo una puttana, vieni l'ho trovata, pensa è sposata e si fa chiavare senza preservativo.

Fra poco la riempio di sborra e magari la metto anche incinta "

A quelle parole ho goduto, mentre l'amico anche lui sulla 40ina, brutto e grasso si è avvicinato

"è una bella figa, voglio aggiungere anch'io il mio sbrodo al tuo, dentro di lei.

Quando hai finito quanto vuoi troia?"

Io in silenzio godevo ancora.


"Eccomi troia, ti riempio, alla salute di quel cornuto di tuo marito "

Ho sentito una vera pisciata di sperma schizzare in fondo nella figa.

Sono venuta anch'io.

Lui si è sfilato, e l'altro mi ha data i 100 euro pattuiti

"questo è il cazzo che ti riempirà "

Mi mostrò un bel cazzo di circa 25 cm.

Si è messo dietro, e mi ha scopata allupato.

Sono venuta altre due volte, l'ultima delle quali mentre lui mi ha schizzato dentro.

Appena sfilato il cazzo, mi ha rialzato il pantaloncino

"non ne devi perdere nemmeno una goccia, bella troietta, se torni la prossima settimana, sempre di martedì, potrai guadagnare altri soldini.

Se ti va ti portiamo sulla nave, dove siamo una ventina, fra i quali anche 5 africani con dei cazzi veramente grossi.

Per tutta la notte ti sfonderemo e ti riempiremo di sborra.

Se ti va torna qui"

Al termine sono corsa a casa, e sotto la doccia mi sono masturbata ancora, infilandomi le dita dentro per sentire il sapore della loro sborra.

Ora, con le mie mestruazioni non potrò fare molto, ma per te se vuoi sono pronta a fare ciò che mi dici per godere tanto.

3 giugno

ciao, ogni giorno sono sempre più porcella grazie a te, cominciamo da ieri sera.

Sono uscita con una mini e una maglietta attillata e scollata.

Erano le 23:00, non sapevo dove andare e così sono andata dove ci sono i trans.

Mentre cercavo la stessa dell'altra volta, ho notato illuminando con i fari, che in una via laterale c'era un trans nero che toccava il cazzo di un uomo sotto un lampione.

Allora ho svoltato, e mi sono avvicinata fermandomi con l'auto davanti a loro, nella parte opposta della strada.

Ho notato che non smettevano di toccarsi.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 3 1 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.