Marinella, diario di una novella troia -6- (continua)

Scritto da , il 2021-09-03, genere dominazione

14 maggio

Ciao Giorgio, eccomi qua a scriverti, cominciamo da ieri sera.

Sono arrivata sul viale oltre le 23:00.

C’era un po’ di gente, ed ho incominciato a correre sulla parte interna del viale, quella meno illuminata, dirigendomi verso la zona dove l'altra volta trovai quell'uomo con il cazzo fuori.

Avvicinandomi ho visto che c'erano due persone nell'oscurità.

Credevo fossero una coppia di fidanzati, perché vedevo un braccio muoversi all'altezza del pube, e ogni tanto la testa abbassarsi.

Ma poi, avvicinandomi, ho notato che erano due uomini.

Uno teneva il cazzo in mano dell'altro.

Ho fatto ancora qualche passo in avanti, poi sono tornata indietro rallentando.

M mi sono avvicinata, questa volta l'uomo si era inginocchiato e aveva il cazzo dell’altro in bocca.

Quando sono passata accanto, l'uomo in piedi mi ha fatto cenno di fermarmi e andare da lui.

Mi sono avvicinata, mentre l'altro continuava a prenderlo in bocca.

"Vieni qui, a me piace sia l'uomo che la donna, purché mi facciano godere" mi ha detto in un italiano un po' stentato

"ma vedo che anche a te piace il cazzo da come guardi " e lo ha sfilato di bocca.

Era bello grosso, specialmente la cappella.

Lo ha di nuovo infilato in bocca all'uomo, e mi ha toccato il seno, entrando sotto la canottiera.

Poi mi ha infilato la mano dietro, nei pantaloncini, e mi ha toccato il sedere.
"Mi piace il culo sia maschile che femminile”

Poi mi ha toccato il buchetto, e ha infilato un dito un poco dentro.

Ti giuro, avevo la figa bagnatissima.

Ha portato l'altra mano davanti alla figa, e ha cominciato a toccarmi il clitoride.

Ho goduto mentre lui si svuotava nella bocca dell'uomo.

Mentre il dito era dentro il mio culo, l'uomo si è rialzato col suo cazzo in mano, e ha schizzato sulle mie cosce nude.

Poi si è sistemato e se ne è andato.

Io sono rimasta lì con lo straniero che continuava a toccarmi il culo e la figa, con il suo cazzone gocciolante che ho preso in mano strusciando la cappella.

"Spero che tornerai qui, io ci sarò giovedì sera, a questa ora, e ci saranno con me due miei colleghi marittimi. Un è mio connazionale, l'altro turco. Hanno cazzi grossi. Uno lo ha più del mio, se vuoi divertirti vieni”.

“Se tu ci dai la figa, e magari culo, possiamo anche pagarti. Se tu hai bisogno di soldi, e mi dai il culo a completa disposizione, puoi chiedermi ciò che vuoi "

Ha accompagnato questo discorso infilandomi ancora il dito nel culo.

Ho risposto che non lo sapevo se sarei andata, e mi sono allontanata dirigendomi verso la mia macchina.

Sono poi passata dalla via delle puttane, e non ti dico con che tremore mi sono avvicinata ad una di loro.

Era un po’ grassottella, e le ho chiesto quanto volesse.

Lei mi ha risposto che se volevo godere sotto la sua lingua, voleva 50 euro.

Ne chiedeva 80 se volessi essere io a leccarle la figa e il culo.

Ha poi aggiunto che a lei piacciono le ragazze e che avrebbe goduto veramente e che per 100 euro potevamo andare a casa sua a fare un bel 69 e mi avrebbe anche chiavata o inculato con il suo stap on di 30 cm.
Eccitata le ho detto che sarei tornata una prossima sera lei, mi ha detto che mi aspetta e ha infilato una mano sotto la sua gonna corta e poi me l'ha passata sulle labbra il suo forte odore e sapore mi ha quasi sconvolta e credimi è stata dura fuggire ma ora decidi tu.
Oggi è stata fino ad ora una giornata stupenda ma ora intanto ti devo salutare perché sta arrivando mio suocero ti scrivo domani.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 2 5 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.