Sesso a casa 1/4

Scritto da , il 2021-08-28, genere incesti

La mia era una famiglia normale: una mamma, un papà, un figlio, una figlia e una immigrata ucraina tutto fare.

La vita si svolgeva proprio bene.

Papà andava tutte le mattine in ufficio e tornava la sera per la cena.

La mamma aiutava un po’ l’ucraina in casa, e poi usciva a fare la spesa.

Io e mia sorella (18 anni io e 19 lei) andavamo a scuola, facevamo i compiti in casa e poi uscivamo con i nostri amici.

Una mattina che ero rimasto a letto, invece di andare a scuola, attesi che la mia mamma e la ragazza ucraina si mettessero a fare insieme le faccende di casa e, quindi, ad ascoltare cosa si sarebbero dette stando da sole.

Ancora in pigiama mi misi a origliare dietro la porta della camera dei miei genitori, dove le due donne dovevano rifare il lettone e spolverare.

Sapete che cosa sentii? Sicuramente no!!

Infatti da dietro la porta sentivo degli strani rumori: il lettone che cigolava e voci soffocate.

Evidentemente quei rumori non mi chiarivano che cosa stesse succedendo là dentro.

Così aprii silenziosamente un poco la porta e, indovinate, che cosa vidi!

Sul lettone mia madre, tutta nuda, sdraiata con le cosce ben aperte in mezzo alle quali si era inserita la testa della ragazza ucraina.

Dall’altra parte, la ragazza si era inginocchiata a gambe larghe sopra la faccia di mia madre, per offrirle la sua fica, per farsela leccare.

Già che c’era stava a ciucciargli bene il clitoride per farla godere fino ad impazzire.

A quella vista mi calai i calzoni del pigiama per smanacciare il mio uccellino, che a quella vista era già diventato un uccellone ben duro.

Nello spogliarmi e tirandomi una sega feci un po’ di rumore, che fu subito udito nonostante stessero facendo un bel 69 lesbico.

Evidentemente capirono subito che ero io dietro la porta e così mi strillarono:

“Vieni avanti e fatti vedere. Anzi, vieni avanti fino al lettone e ti faremo noi un bel servizietto”.

Mi feci avanti tutto nudo, con in mano il mio uccello che era già diventato tanto duro e stava per venire.

Mi fecero sdraiare sul lettone e una, non so quale, si prese in bocca il mio il mio cazzo e l’altra, non so quale, s’era accovacciata sulla mia faccia per offrirmi la sua fica, ben bagnata, sulla mia bocca per farsela leccare profondamente.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 1 3 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.