Kaori un ricordo dolce amaro

Scritto da , il 2021-08-04, genere dominazione

Kaori era una Afro giapponese di circa 19 anni alta 1.70 con una boccuccia tira pompini e una 4° di seno naturale (regalo del padre sergente dei Marines in servizio a Okinawa) e un sedere piccolo burroso (regalo della mamma cameriera alla mensa della base).
Fin da quando aveva capito cosa era, è stata ghettizzata, per i coetanei giapponesi era impura, per gli americani era una nera con gli occhi a mandorla.
Quando il padre finita la ferma partì per non farsi più rivedere, alle due: Madre e Figlia gli è toccato iniziare una lenta discesa nell'abisso del sesso a pagamento, la madre di Kaori, proveniva da una famiglia nobile ed antica del Giappone prebellico che vide la sua fortuna andare distrutta con la guerra, ancora vergine fu venduta per un appartamento ed un lavoro da fattorino presso l'ambasciata Americana dal padre, ad un generale che l'ha uso per i suoi scopi di carriera, facendola partecipare ad orge con militari e politici di passaggio, anche la moglie del ufficiale che in un primo momento sembrava voler aiutare la giovane, abusò di lei, iniziandola al piacere saffico ed alla dominazione.
Quando, oramai il piccolo fiore di loto stava perdendo attrattiva, fù congedata con un lavoro presso la mensa della base di Okinawa.
Oramai smaliziata si fece ingravidare dal sergente della mensa il padre di Kaori, che non perse occasione di fotterla e farla fottere fino all'ultimo prima della nascita della Figlia.
Otome, questo era il suo nome divenne dipendente dal sesso, una dipendenza che seppe trasmettere alla figlia, che presto divenne un ottima escort per chi voleva gustare una gaijin.
Quando arrivai ad okinawa per lavoro, fui invitato ad una festa di benvenuto e mi fù gentilmente chiesto che tipo di accompagnatrice preferissi, poi mi fù dato un catalogo fotografico, lo sfogliai e Kaori era l'unica che mi fece indurire l'arnese, la mia predilezione per le tette aiutò molto.
La serata stava andando alla grande e la mia gaijin era perfetta, in quel abito da sera oro che ne risaltava il seno ed i fianchi, portava i capelli nero corvino tirati su e il trucco appena accento faceva risaltare le sue labbra carnose e lucide.
Non amavo bere o perdere la testa così passammo gran parte della serata a parlare e a raccontarci storie, era un ottima ascoltatrice si vede che era stata addestrata a dovere.
La serata era giunta al termine, quando lei in maniera cortese mi fece capire che la compagnia aveva pagato anche gli extra.
Nudi nel letto della camera d'albergo potevo godermi tutto il suo ben di dio, colsi un attimo di stupore quando mi gettai per primo in mezzo alle sue cosce, lei abituata come era a dover dare piacere invece che riceverlo, la sua fica era dolce come il miele e il suo clitoride finemente adornato da un anellino era qualcosa di raro da ammirare in una orientale, la feci venire succhiandogli il clitoride come un cazzetto mentre con le mani ero impegnato a fotterla si davanti che dietro, lei dal canto suo mentre con una mano teneva premuto la mia bocca alla sua fica con l'altra si strizzava ora uno ora l'altro dei suoi capezzoli turgidi color caffe, la sua broda calda mi inondo la bocca, non potei fare altro riempirmene le guance per poi riversarne parte dentro la sua, mentre avidamente ci scambiavamo un lungo bacio alla francese, il tutto rigorosamente a luci accese con la telecamera del mio Iphone a riprendere la scena, un vezzo che piaceva ad entrambi.
Il mio cazzo era duro, e pronto ad esplodere, ma io volevo ancora divertirmi, così la girai ed inizia a fotterla con la lingua e tre dita nel culetto, lei in risposta si masturbava la fica bagna dei suoi umori, con la testa ficcata nel cuscino per smorzare i suoni del godimento, ai giapponesi le sue grida risultavano volgari, ma io invece le apprezzavo mi faceva godere e mi stimolavano nel mio fotterla. Così con la mano libera la presi per i lunghi capelli corvino e la tirai all'indietro obbligandola a stare in una posizione tale in cui potesse vedermi fotterle il culo e io potessi sentirla urlare di godimento, così venne per la seconda volta. Ora ero pronto per gustarmi la sua bocca, presi la mia saliva e gli umori dalla sua vagina li passai sulla mia staffa e poi passali la mano sulla sua bocca, a lubrificarla per bene, poi gli ordinai di aprire la bocca di tirare fuori la lingua, lei rimase seduta sul letto mentre io in piedi gli misi la chiopella violacea in bocca, passandola sulla lingua e l'interno delle guance, facendo in modo da andare a raschiare il palato cosi da provocarle un mezzo conato, cosi da farla sobbalzare prima di infilarle in gola tutto l'attrezzo stando attento ad immobilizzare la mascella per evitare spiacevoli danni.
Rimase senza fiato con le mani avidamente aggrappate alle mie gambe , gli occhi rossi in lacrime, portai indietro il mio uccello quel tanto da darle la possibilità di respirare poi affondai di nuovo, ed ancora fino a quando, non decisi che era giunto il momento di fottere la mia Gaijin nel culo.
Si stava ancora riprendendo dal lavoretto di bocca, quando accarezzandola le dissi che quella notte l'avrei fottuta solo nel culo, ma che le prossime volte avrebbe assaggiato la mia nerchia anche nella fica, se le andava, oppure mi sarei fermato qui con lei congedandola per la splendida serata ringraziando La compagnia chiedendo che gli venisse pagato un extra.
Lei alzo il capo ci guardammo, poi si mise a pecora, io la girai e poi la impalai da davanti nel culo, volevo mantenere il contatto visivo, non volevo perdere nulla di quello che provava e non volevo che lei perdesse nulla del mio godimento, i colpi erano profondi e ben ritmati , stavo esplorando il suo sfintere in ogni angolo, l'anello del suo buchetto si contraeva intorno al mio arnese, lo apprezzavo e così glielo feci capire, infilandole la lingua in bocca e tre dita nella figa, usando il pollice per stuzzicare il clitoride.
Lei, inizio a contrarre ancora di più il culetto e io a fotterla ancora più in fretta.
Stavo per venire, e decisi di scaricare nelle sue viscere tutto il mio seme cosi tirai fuori il cazzo un ultima volta dal culo prima di venire, con entrambe le mani mi aggrappai ai suoi seni, facendo in modi di poter strizzarle i capezzoli. e le ordinai di mettere lei la cappella nello sfintere, mentre gli stringevo, il suo sguardo era senza pari, sapeva come far godere un uomo.
dopo una rapida stantuffata, scaricai 3 settimane di astinenza nel suo culo, la riempii alla grande tanto che non riusciva a contenerlo tutto dentro che le colava, così le tirai su il sedere in modo che tutto lo sperma eruttasse fuori come la lava di un vulcano sulle labbra della fica, dentro all'ombelico fino al seno, io intanto mi ero rigirato andando a mettermi con il cazzo fradicio di seme e umori rettali da vanti alle sue labbra cosi da renderle semplice ripulirmelo, questa posizione alquanto comoda mi dava la possibilità di inzuppare le dita nel suo culo ripieno e di spalmare l'elisir d'amore di nuovo sul mio pene cosi da farle ripulire il tutto ancora ed ancora, solo quando tutto il nettare era fuoriuscito, lasciai la posizione, senza prima infilare il mio cazzo moscio nella sua bocca, per una pulizia finale.
Prima che Kaori lasciasse l'appartamento, ci scambiammo i numeri di telefono, per la prossima serata......

Questo racconto di è stato letto 2 0 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.