Esilio a Tangeri Cap. 1

Scritto da , il 2021-07-22, genere etero

Avevo scelto Il Continental Hotel di Tangeri per il mio esilio; lontano dalla mia dolce metà le giornate le passavo sul terrazzo della Suite o bighellonando nella città, mentre le notti erano ricche di emozioni.
Stavo per mettermi a scrivere una lettera, quando sentii bussare alla porta.
Era Gerard con delle novità.
Alto e tonico passaporto francese, anche se i suoi lineamenti, quegli occhi di ghiaccio ed un lieve accento alsaziano mi dicevano altro, dopo il '45 molti come Gerard avevano scelto la Bandera della legione.
Era il perfetto collaboratore, sotto un buon compenso, riusciva a soddisfare voglie e passioni, ed in certe occasioni a superare le mie aspettative.
Quella sera, partimmo per un tè nel deserto, poco fuori la città vecchia, nel oasi di Faisah, un eden circondato da un oceano di sabbia, Fati-mah questo era il nome che diedi a quella fanciulla con una pelle color del miele, idratata da olio di oliva e mirra, i seni erano gonfi le aureole dilatate ed i capezzoli grossi, scuri e turgidi. I capelli colorati di rosso con l'enne, prima raccolti ora erano sciolti lungo i suoi fianchi larghi e quel monte di venere spoglio di peli.
La sua farfalla era timida e solo dopo aver divaricato le gambe potei ammirarne l'incarnato, lei si porto avvicino a me, quel tanto da concedermi, il privilegio di leccarle con la punta della lingua il suo clitoride, potei sentire il brivido del piacere che gli stavo dando sulla punta della mia lingua; non ci volle tanto che dopo il mio indugiare, passassi ad esplorare le labbra e la cavità vaginale per assaporare i suoi umori, dovetti usare le mie mani per stringere il suo sedere alla mia bocca, quando al mio dolce frutto, gli cedettero le gambe dal godimento.
Ero particolarmente fiero delle mie abilità, e ogni volta che ne assaporavo i frutti, il pensiero viaggiava a ritroso nella fattoria di famiglia dove Erminia, la sguattera mi aveva introdotto a questa pratica cosi intima, fù anche quando scoprii il forte legame tra sesso e denaro ed opportunità, …..Erminia mi letteralmente affittava a tutte le sue amiche che conosceva per un mezzo soldo ed alle signore ospiti della mia famiglia per 3 soldi....
La tenda in cui stavamo godendo, era aperta su i tre lati, questo mi dava la possibilità di ammirare la bellezza del creato,e di essere ammirato da Gerad e da alcuni Bedù che si erano appostati intorno a noi, mentre la mia dolce fanciulla era intenta a succhiarmi la verga, il suo lavoro di bocca era accurato, la lingua era un muscolo ben sviluppato e il suo succhiarmi la cappella aveva un che di animalesco come un vitello intento a succhiare dalle mammelle il latte dalla Vacca, le labbra rilasciavano l'eccesso di saliva colare a fiotti sul suo viso fino al seno, lubrificando il mio arnese e procurandomi ancora più piacere.
Stavo stringendo i seni, preso da un amplesso, quando vidi colare dai capezzoli del latte materno, qualcosa di sublime, uscii dalla bocca di lei per poter portare le mie labbra a leccare e succhiare quel latte, mentre con tre dita di una mano e tre dita dell'altra rispettivamente stavano fottendola, lei teneva la mia faccia appiccicata alla sua tetta destra mentre con la mano libera la stringeva, per facilitare la fuoriuscita di quel nettare caldo nella mia bocca, Lei si stava perdendo in amplessi sempre più, forti. Io, dopo l'ultimo, che sfocio in uno squirt da manuale, presi posto dietro di lei, il buchetto del sedere dilatato e palpitante era davanti a me, usai i suoi umori per lubrificare il mio cazzo, poi dopo aver appoggiata la mia fiera violacea cappella sul bordo del suo sfintere, diedi un affondo forte e profondo, da smorzarle il fiato in gola. La sua pelle come la mia era unta e bisunta che rendeva difficile mantenere un appiglio forte, cosi dovetti far intervenire il mio caro compagno di avventura, Gerard, che spogliatosi mise il suo cazzo equino in bocca alla giovane, mentre io mi aggrappai ai capelli di lei tirandola a me e cavalcandola. La ragazza godeva e singhiozzava, con quel arnese in gola, che l'exlegionario, si divertiva a togliere e mettere, alternando la fottuta con sadici schiaffetti in faccia e strizzate ai capezzoli, un gioco che si rifletteva sullo sfintere che ora stringeva ed ora si rilassava, massagiandomi l'arnese. Avevo ritardato il coito il più possibile stringendo un anello di argento alla radice dello scroto, cosi non appena lo rimossi scaricai il mio seme nelle sue viscere, Gerard, come a comando fece lo stesso nella bocca della giovane. Un fiume bianco che inondo, la faccia i capelli di lei fino a schizzare anche il mio petto, che la giovane dovette leccare via, dopo essersi curata di pulire me e Gerard.
Il tè fu servito da un vecchio Bedù, accompagnato da un vassoio di Makrout :dolci da tè all'Hashish di cui vado pazzo.

Questo racconto di è stato letto 1 5 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.