Lupi per Agnelli Cap I

Scritto da , il 2021-07-20, genere etero

Era l’estate del 1950, quando Eugenia lasciato il piccolo Paesello di Bressanone era scesa alla stazione di Fiume Secco una piccola località vicino alla Terme di Anghiari, presso una famiglia nobile della zona dove la Zia Maria (un amica della madre) aveva invitato la figlioccia a prestare servizio con lei.

Anche se poco più che diciottenne Eugenia dimostrava già di essere una donna avendo le forme al posto giusto, il carnato pallido risaltava le vene intorno alle aureole del suo seno mentre venivano strette da un anonimo reggipetto di stoffa, il vestito da viaggio lo aveva confezionato la madre, un regalo di poco sopra il ginocchio lasciava scoperte i graziosi polpacci di quelle gambe slanciate da quei sandali a zeppa di cordura, mentre sgambettava sulla banchina della ferrovia armeggiando con una piccola valigia di cuoio dove dentro aveva riposto tutti i suoi averi ed una lettera per la sua Madrina Maria.

Fu felice di vedere un viso familiare ad aspettarla fuori dalla stazione, Maria era una giunonica venere degna, lasciato il paese poco prima della guerra per inseguire sogni di gloria nei teatri di tutto il mondo, ora si ritrovava a servizio presso la Famiglia Landi di riva Secca, Seni prosperosi acconsciatura folta ben curata che una lieve brezza muove dolcemente fasciata in un vestito relativamente casto sprigionava sesso da ogni dove, Eugenia potè sentire il seno sodo della donna quando la abbraccio, e quel profumo delicato di cui odorava la sua pelle, le guance si sfiorarono e poi un bacio alla base del collo, inaspettato quanto piacevole fù ben accolto.

Dopo alcuni convenevoli le due donne salirono su di una macchina, e partirono per la Villa.

La stanza dove avrebbe trascorso il suo periodo di prova si trovava poco lontano dalla cucina, Maria stava a i piano superiore della villa pronta ad intervenire se ne fosse stato bisogno.

La camera era semplice ma pulita il letto comodo la finestra dava sul viottolo che costeggiava la tenuta, da lì poteva vedere i monti dell’Appennino ed il sole innondava sin dalle prime ore del giorno.

La Zia Maria si prestò nella stanza senza neanche bussare con in mano alcuni vestiti da provare, erano semplici ma nuovi, Eugenia non si fece ripetere due volte l’ordine di togliersi il vestito che aveva fatto sua madre ,ma rimase sorpresa quando la madrina la invito a togliersi anche la biancheria intima.

Lentamente slaccio il reggiseno e lo appoggio sulla sponda del letto poi si tolse le mutandine, Maria era in silenzio a pochi centimetri da lei, poteva sentire il suo sguardo percorrere ogni centimetro del suo corpo, per poi chiedere di girarsi su se stessa , la donna sorrise e senza mezze parole la informo che il cespuglietto che adornava il suo monte di venere sarebbe dovuto sparire perché anti igienico come i peli sotto le ascelle, poi le pose l’abito che aveva scelto per lei.

Non appena se lo mise si accorse che la fasciava molto e che non le sembrava molto pratico, Maria che la stativa aiutando nell’indossarlo la strinse a sé passando le sue mani lungo i suoi finchi le disse che il vestito era perfetto e che avrebbe imparato a muoversi ed a lavorare con quello senza problemi.

Poi presa la biancheria intima di eugenia la dolce Zietta usci di scena invitando la figlioccia a seguirla per essere presentata al Signore.

Fasciata nella sua nuova divisa e senza biancheria intima segui senza fiatare la Zia mentre si affrettava ad andare essere presentata al Nobel Uomo.

L’ufficio del Conte era adiacente alla libreria li l’uomo passava il tempo a leggere e a dirigere i suoi possedimenti in casa non cera nessuno di fisso il cuoco e l’autista erano giornalieri solo la Lia Maria e Eugenia restavano la sera.

L’uomo era un tipo alto robusto vestiva in una pesante vestaglia damascata e portava degli occhiali scuri, quasi non presto attenzione alla presentazione di eugenia era più interessato alle sue forme, strinse la mano alla ragazza la ringrazio per essere venuta a lavorare da loro e chiese a Maria di prendersi cura di lei e di insegnarle tutto sui suoi compiti e doveri.

La Donna si avvicino alla scrivania del Padrone fece un inchino di assenso e scorto fuori Eugenia, tutto si svolse molto velocemente tante che Eugenia non si accorse del regalo che la Zia aveva lasciato sul tavolo del suo nuovo padrone, la sua biancheria intima pregna del suo odore che aveva portato durante tutto il suo viaggio e che l’uomo come un estimatore di essenze pregiate stava odorando e passando le umili vesti lungo la sua verga , masturbandosi.

Stava continuando la sua sega quando nella stanza si presentò la dolce Zia Maria con una lettera, l’uomo non fece nulla per nascondere il suo smanecchiamento anzi fece cenno alla governante di avvicinarsi, la donna inginocchiata a pochi centimetri dal cazzo dell’uomo ad un cenno spalanco la bocca per ricevere il suo nettare, l’uomo poi ripulì il suo membro con le mutandine della ragazza prima di ficcarle nella bocca della Donna, lei allora le succhio poi le pose in una tasca del vestito.

Aperta la lettera la lesse al Nobel l’uomo era della madre della ragazza che informava i due di aver ricevuto il denaro prestabilito e che era certa che la figlia avrebbe ben soddisfatto i bisogni di entrambi……..

Questo racconto di è stato letto 1 2 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.