La Dama del castello

Scritto da , il 2021-07-19, genere dominazione

Fù durante il primo giorno di Autunno, che vidi per la prima volta Donna Cecilia. Io avevo preso servizio presso la villa quella estate e sin dal mio arrivo, potei approfittare dei dolci frutti che orbitavano intorno alla tenuta dei Volpi. La Matriarca della famiglia come sua abitudine aveva passato l'estate presso amici, in svizzera ed ora, era difronte a me.
Fisico giunonico pelle olivastra un leggero trucco, ne valorizzavano i lineamenti, il seno era una quarta abbondante, ben riposto in una giacca di montone, slanciata un sedere a mandolino.
Sprizzava, sensualità da tutti i pori, e lei lo sapeva e godeva nel farlo, tutto questo mi eccitava, moltissimo e non facevo nulla per nascondere la mia voglia di farmela.
Il marito era un uomo tutto di un pezzo amante dei cavalli da corsa e delle vacche da cortile come le figlie del fattore Rosa e Margherita, di 18 e 20 anni, svezzate i tenera età e ben addestrate dal factotum della villa e da sua moglie due libertini di primo piano, gli stessi che mi proposero questo lavoro.
La prima notte alla villa, fui chiamato nelle stanze della signora, poco prima che mi coricassi, il tempo che agognavo era arrivato, almeno cosi credevo, fino a quando entrai nel salottino delle stanze della signora, dove mi trovai davanti una spettacolo al quanto interessante.
Nude in un 69 sul divanetto cerano le sorelline intente a darsi un piacere saffico, mentre il factotum in alta livrea con il cazzo fuori dai pantaloni si alternava nei buchi delle ragazze, ora nella figa di margherita, ora la bocca di rosa , poi il buco del culetto di margherita e così via, nell'angolo opposto ecco la signora seduta a meno di un metro da quello spettacolo, avvolta in una vestaglia nera scalza, teneva nella sua mano le mutandine delle giovinastre, e di tanto in tanto le annusava e se le passava sul petto, per poi bagnarle mentre le leccava con la punta della lingua.
Io ero rimasto rapito da quei gesti, tanto che Roberto il factotum dovette ripetermi due volte di spogliarmi e di spostarmi al centro della stanza, guardai la dolce matrona e nudo con la nerchia dura e pulsante in bella vista, andai dove ordinatomi.
Lei si alzo dal suo trono, venne vicino prese le mutandine se me le passo sotto il naso, poi si mise dietro di me. Potei sentire le sue dita toccarmi i glutei poi passarmi nello spacco delle chiappe per fermarsi sul mio buco di culo, senti il dito profanare il mio ano in maniera cosi delicata, e professionale che potevo sentire il glande pulsare. Con la coda dell'occhio potevo vedere formarsi un sorriso sulle sue labbra.
Poi con l'altra mano inizio a scappellarmi masturbandomi con colpi ritmati e profondi, in sincrono con la profanazione del mio ano, il tutto mi costringeva a stare ritto immobile, con lo sguardo fisso su di una tela di Ingres appesa al muro.
Margherita su comando della signora si porto a carponi dietro di me, dove inizio prima a lubrificare il mio buco e poi a leccare il sacco dei miei coglioni, mentre con le mani teneva aperte le mie chiappe favorendo il gioco della Signora. Stavo per venire. Sul glande si era già formata la fatidica goccia, non appena fu notata dalla mia sadica signora, ecco che la sua mano iniziò a strizzare la mia verga per rallentare la venuta. Almeno fino a quando Rosa posizionata difronte alla mia cappella la prendeva tutto in bocca leccando e succhiandola con gusto, ora mai la mia cappella è viola e grossa come una melanzana, il gioco era fatto stavo impazzendo, tanto che quando potei finalmente venire feci un urlo di vera goduria, rilasciando in quella bocca abbastanza seme da quasi strozzarla.
Con le guance piene di amore, si diresse verso la signora e con la bocca aperta lasciava che la donna bagnasse le sue dita del mio seme e se lo portasse alle labbra, poi la sorella dopo avermi lasciato il mio sedere, si diresse alla bocca della sorella, lasciandosi ad un bacio saffico.
Donna Cecilia, si rimise seduta nella sua poltrona, fece segno di rivestirmi, e mi fece accompagnare fuori dal Roberto.
-Bravo Caro, ti sei comportato bene , vedrai la signora apprezza la tua sottomissione. Ora Vai – disse chiudendo la porta alle mie spalle.
Avevo ancora la verga dura, una voglia animale, rimasi nudo e mi diressi nella stanza della mia dolce puttanella, nonché figliastra del Padrone.....

Questo racconto di è stato letto 3 0 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.