L'iniziazione 3/3

Scritto da , il 2021-07-04, genere incesti

Danzava come il dio Pan nelle rappresentazioni pagane che avevo visto a scuola, ma forse era solo un parto della mia mente.
Danzava e mi guardava ballare la mia danza.

Io, legata al palo, muovevo il corpo come potevo al ritmo del canto.

Non ero più la ragazza di tutti i giorni, non so cos'ero, ballavo e basta.

E guardavo quel caprone che saltando veniva verso di me, ne ero ossessionata.

Quando saltò sulla pietra dov'ero, cercai di saltargli addosso ma lui era sfuggente.

Gli guardai il sesso mostruosamente eretto e gridai tutta la mia voglia di lui con un grugnito gutturale.

Non parlavo più, il mio cervello era obnubilato da ciò che volevo e dovevo fare.

Lui mi sfuggiva, salva giù e poi mi risaliva sul sasso ma non riuscivo mai a toccarlo, nemmeno a sfiorarlo.

Allora gli sputavo addosso sperando di sentire col mio sputo il contatto che questo aveva con la sua pelle e gridavo frasi oscene e grida gutturali senza senso.

Sentivo il mio corpo che cercava lui, lo sentivo gridare tutta la sua voglia.

Urlava verso il mio corpo più di quanto urlassi io stessa, e lui il caprone giocava con me.

Il tutto durò sì e no una mezz'ora, in cui io persi davvero il lume della ragione e raggiunsi l'apice dell'animalità.

Poi il caprone si sdraiò sul sasso sotto i miei piedi.

Mia nonna, che era salita anch'ella dietro di me, con un coltello tagliò i legacci che mi tenevano bloccata al palo e io urlando come una furia mi avventai con il mio sesso su quel grosso cazzo che mi aspettava pulsante, diritto e caldo.

Immenso, il caprone aveva il cazzo più grande che avessi mai visto, mai provato prima.

Precedentemente avevo fatto pratica di fisting, ed in effetti mi entrò, non dico facilmente, ma entrò.

Era la sua lunghezza spropositata a crearmi difficoltà.

In un attimo fu alla cervice dell'utero, e io gridai come una belva ferita, ma non smisi di cavalcare quel palo di carne, ero un'ossessa, ero un'animale.

Mi impalavo e gridavo.

Urla gutturali uscivano dalla mia bocca e altre se ne formavano nella mia mente.

Io continuavo a gridare e a muovermi.

La monta, perché dopotutto di questo si trattava, durò per un'ora almeno.

Poi finalmente venimmo all'unisono.

Io squarciai l'aria con un alto grido, che fu di trionfo e allo stesso tempo di liberazione.

Lui, il caprone mi inondò del suo sperma.

Ero stata iniziata, ero stata ingravidata.

Ma soprattutto, una volta finiti i fumi allucinogeni, mi accorsi che il caprone, altro non era che l'uomo nudo che era entrato in scena all'inizio del rito orgiastico e che il suo grosso "palo" era di misure, come dire, più normali.

Questo racconto di è stato letto 4 3 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.