Echeggiante Fecondazione Mentale

Scritto da , il 2021-07-02, genere etero

Non ti conosco, Mia, affezionata, Lettrice.
Più precisamente, a me è sconosciuta la sconfinata vagonata di dettagli della tua vita.
E non li voglio sapere. Non ora.
Se, istintivamente, cercassi di aprir bocca per raccontarmi di te, la mia mano te la tapperebbe immediatamente; stai ammettendo a te stessa che è proprio quello che il tuo inconscio sperava vero? Venir zittita con decisione.
So solo che, di te, voglio scoprire, stanotte, come si contorcono le dita dei tuoi piedi quando vieni, come una cagna, in balia di uno sconosciuto. Perché quello sconosciuto sono io.
Tra qualche istante, per la prima volta, la mia riprovevole bocca ti bacerà, ed io voglio che il nostro primo bacio avvenga nel più condannabile lembo del tuo corpo. Non fingere di non capire, ti lascio qualche secondo per prendere coscienza, mentre il mio respiro si avvicina al tuo coccige.

Non adagiarti, non lasciare che i tuoi occhi si chiudano per ricevere la più peccaminosa carezza che il tuo corpo abbia ricevuto.
Come sempre, scegli: o chiudi l’applicazione, oppure spalanchi quelle tue gambe, in preda al più immorale desiderio che ha solleticato la tua recondita fantasia.

Quindi hai deciso di servirmi, così svergognata, il tuo deretano? Mi credi se ti dico che non avevo dubbi?
Ti chiedo di più. Non vorrai che le mie dita debbano far la fatica di aprire le tue scandalose chiappe? Anche perché, nel caso, la prima cosa che toccherei di te, sarebbero loro, e ciò non deve accadere.
Brava, vedo che la tua mente esegue e le tue mani scendono, rispondendo, ubbidienti, alla mia porca richiesta: distanzi le tue natiche anche più del necessario.
Guarda verso il basso, osserva il mio viso, incrocia il mio sguardo, perché lui parla più di qualsiasi racconto che potrò scriverti. Lo vedi cosa ti comunica l’intensità del mio iride, cioè che, se non chiudi rapidamente le gambe, supererai, con me, il confine tra il lecito ed il profano, tra il dimenticabile e l’irrimediabile.
Sei così moralmente disdicevole che ti adoro e ti desidero da impazzire.
Mi sollevo appena, i secondi necessari per mostrarti l’erezione più ingestibile che io ricordi di aver avuto nell’ultimo ventennio.
Sai che è tutta merito tuo, ti sfugge un mugolio.
Non credo sia nemmeno stato contemplato da Dante un girone per punire una tale lussuria, quella alla quale la tua mente sta cedendo ingorda.
L’unico che può parlare sono io, non riesco e non voglio pormi limiti; in questo momento le pagine di “il piacere” di d’annunzio volerebbero via sconvolte.(perdonate il delirio) Lui non ha potuto permettersi quello che mi sto concedendo io ora, Te.
Ancora devo sfiorarti e stai gocciolando da quella tua magnifica vulva. I tuoi occhi mi supplicano, è per me dura resistere al fuoriprogramma di berti.
Smettila di muoverti, torna padrona del tuo torturato sistema nervoso, manca davvero poco al Nostro primo contatto. Hai presente il movimento incontrollato della lingua di una capretta che lecca il sale? Anche se non le hai mai viste, puoi immaginare.
Mi vedi osservare il tuo clitoride, ti rendi conto che hai perso ogni pudicizia, addirittura fiera di quanto sia gonfio quel tuo piccolo iceberg bollente.
Mi aspetto che tu inorridisca lanciando disgustata il telefono ora che ti confesso che nessuna troia potrebbe eccitarmi quanto te. Nessuna meretrice sarebbe in grado di portarmi a donarti tutti i miei più inconfessabili e intimi istinti.
Non ti resisto più.
Reggi ancora qualche attimo lo sguardo, mentre il mio labbro inferiore inizia ad amare il tuo buco del culo, seguito dalla mia lingua che ne venera la circonferenza, e dal labbro superiore che, aggiungendosi, mi permette di baciartelo come fosse la tua bocca.
Il mio viso si muove inclinandosi, come nei baci lenti e passionali dei migliori film, con la sola differenza che non siamo in un film, ed è il tuo ano a riceverlo, contraccambiando, schiudendosi e contraendosi, assecondando ogni mia voglia di comunicarti quanto bramo sciogliermi con te.
Fingo di non notare che, molto vicino alla mia sete, le tue dita stanno masturbando la tua sensibile e scalpitante voglia, fino a che... quelle dita dei piedi, quelle tue gambe, la tua spina dorsale, il tuo succo, mi confidano e palesano che stai per appartenermi senza ritorno. Non smetto di violarti, con la lingua, il foro eticamente vietato.
La senti entrare, c’è tutto me in quella leccata che risale internamente nel budello del tuo cervello. Un attimo prima che tu concluda, mi sollevo, mi spingo senza chiedere permesso nel tuo ventre e, in un unico, profondo, stravolgente affondo raggiungo la rottura delle acque della mia esistenza. Come una diga che cede scabrosa. Ti inondo. Più di quanto tu possa essere riempita.

Non mi sfilo, non ne ho ancora abbastanza, non ne avrò mai di Te, continuo a parlarti, hai mai avuto un rapporto carnale con un uomo che, mentre si impossessa di te, all’orecchio ti comunica, in diverse lingue straniere, la sua ingestibile voglia di possederti? Con voce bassa ed ansimante, parole anche incomprensibili, ma dai contenuti inequivocabili, mentre quel grosso membro insisterà la sua ininterrotta, profonda, lenta, invasione senza mai sfilarsi, nemmeno per errore.
Ora sono ancora relativamente innocuo, sto solo tentando di fotterti la mente, ma un giorno ti preleverò da questo schermo e concluderò l’opera, continuando a pioverti addosso parole dal vivo e, nello stesso tempo, riempiendoti di me, fino all’ultimo millimetro del tuo ventre.
Non capirai se l’orgasmo partirà dalla tua mente, dal tuo sesso o da entrambi per esplodere trovandosi a metà strada, nel tuo petto; se un po’ conosci te stessa, sai che verrai senza pudore, senza precedenti, senza scampo. Verso la fine di quel tuo momento, con la mia forza, ti solleverò appena dal letto, dal tavolo, da ovunque sarai.. e ti lascerò vivere gli ultimi spasmi, sorreggendoti, con un braccio dietro la schiena e con la mia erezione profondamente innestata nel tuo inguine.

Stai ipotizzando la scena? Le tue braccia e gambe abbandonate a penzoloni mentre sferro le ultime penetrazioni, sempre meno ravvicinante, per prelevarti l’anima.
E con la mia mano libera? A te la scelta, portala dove preferisci. Un’avvolgente carezza al seno sinistro? La porto a scendere leggera sul tuo fianco fino ad arrivare, lambendo il gluteo, giù sulla caviglia? Oppure la faccio risalire fino a raccogliere, con le dita, un po’ di quel rigagnolo di seme caldo che inevitabilmente sta fuoriuscendo dalla tua fonte?
Tutte e tre le ipotesi?
Così le mie dita inzuppate di Noi, si inerpicano verso le Nostre bocche.
Usiamo l’ultimo filo di energia che ci è rimasto per pulirle con le Nostre lingue, insieme, dividendoci anche l’ultima goccia del Nostro bacio;
la mia impetuosità si sta lentamente placando, ti riappoggio.
Nemmeno il diavolo avrebbe potuto arrivare a tanto.
Ti assicuro che sto faticando a scrivere, mi tremano le mani per l’appagamento e l’emozione che mi hai donando leggendo.
Perché qui, Io e Te, abbiamo stravolto una regola universale di sempre: non è il lettore che assorbe unilateralmente lo scrittore, ma dandomi consapevolezza del tuo addentrarti famelicamente, irrori la mia ispirazione e il mio piacere.
Se puoi, salvaci, non continuare a lasciarti pervadere dalla mia pulsazione .
Ora ho voglia di dormirti addosso, esausto, prosciugato, perché ho profuso in te tutto me stesso in questa scrittura.
Domani mattina, quando ti sveglierai, non sarò accanto a te.
Ma se, morbosa, cercherai sul lenzuolo, troverai l’alone del Nostro Appartenerci.

Questo racconto di è stato letto 1 5 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.