E.R. Vol.2

Scritto da , il 2021-09-14, genere esibizionismo

È da poco sorto il sole e mi trovo in autostrada. A farmi compagnia c’è solo Google Maps che mi avverte dell’imminente coda, ed eccola puntualmente apparire. Ho smesso di incazzarmi, non voglio che il sistema mi succhi l’energia che mi ha appena trasmesso l’alba, sorrido a me stesso e mi sposto sulla corsia di destra che mi ha dato tante soddisfazioni negli ingorghi; penso sia anche quella da usare in caso di coda nei viaggi con l’amante, se dovesse chiamare la moglie si può imboccare subito quella di emergenza per raggiungere la prima piazzola, scendere, scavalcare il guardrail e rispondere in solitudine, cercando di celare il fiatone. La medesima scappatoia vale anche per un eventuale problema intestinale.
Sono un quarantenne di nome Christopher, sembra che io sia un luminare dell’elettromagnetismo, un campo ancora poco in mano alla scienza. Sono, quindi, spesso in viaggio, in Italia o all’estero, per raggiungere clienti che sono in difficoltà con macchinari medicali che si basano sullo stesso principio dei microonde.

Come accennavo, sono incolonnato, sbircio nell’auto alla mia sinistra, chissà, potrei trovarvi una femmina affascinante e cercare una micro dose di empatia basata sul mal comune mezzo gaudio. Nulla di fatto, trovo un signore elegante ed imperturbabile che guarda davanti a sé come un automa.

Prendo lo smartphone e, scorrendo fra i miei siti preferiti, clicco su quello di racconti erotici. Si aggiorna quotidianamente ed io adoro rovistare fra le pubblicazioni nella speranza che qualcuna di esse riesca a risucchiarmi, coinvolgermi emotivamente, trasportarmi per qualche minuto in un ordito di fantasie, in una trama che incalzi la mia lucidità, accompagnandomi mentalmente in un luogo magico, dove tante sfere di cristallo impattano e schizzano via per poi ritrovarsi; nella trasparenza di ogni pallina, posso intravedere immagini e addirittura udire i suoni, respiri e battiti che si sprigionano in quel microcosmo.

Oggi il mio sguardo viene richiamato da un titolo: ER, è l’acronimo del nome del sito, ma sento che possa nascondere un significato più profondo di quello scontato. Inizio la lettura, è di quelle in cui ogni parola tira l’altra, già dopo poche righe non posso e non voglio più oppormi al piacevole rapimento di questa creazione.

Il prolungato suono di un clacson molesta l’estasiante sequestro che stavo subendo, distogliendomi dall’incanto. La coda è svanita, a malincuore devo ripartire, non sono più quello di qualche minuto prima; quell’autrice mi ha raggiunto e innestato il “famelico tarlo”, oggi la definisco così, quella smania curiosa che non ti lascia scampo, ti perseguita, vuol essere sfamata e comincia a sabotarti la mente, fertilizzarti l’inconscio, al punto di convincerti che non sia una casualità il fatto che la targa dell’auto davanti a me inizi con ER.

Non sono più in grado di guidare degnamente, l’attenzione è compromessa, intravedo un autogrill, di quelli che sovrastano a ponte l’autostrada, i miei preferiti, metto la freccia, devo appartarmi e riprendERe quel viaggio.

Sono al tavolo, nella parte della struttura sospesa sopra la carreggiata, vetrata alla mia destra, vetrata anche alla mia sinistra, posso vedere da entrambe le direzioni la scia di vite umane inscatolate che scorre sotto me, appoggio il telefono, chino lievemente il capo e proseguo l’immERsione.

Per privacy non vi racconto il mio personale viaggio. Ok, lo ammetto, non ve lo confido perché è così intenso che non sono all’altezza di farlo. Posso solo dire che ho vagato nel breve tempo, frugato in un appartamento, sbirciato seni su un balcone, sognato una striscia di peluria scura, ho visto una pallina di vetro in cui pulsava la scritta push, ho vissuto l’inusuale ed improvvisa sfrontatezza di Enrica e la frenesia di Roberto, ho rincorso ogni parola attendendo che la penetrasse come se lo stessi facendo io stesso in simbiosi con lui, ho avuto la mancanza d’aria nel finale, ho avuto una eccelsa dose di ERotismo, esattamente il picco, quello oltre il quale non è poi davvero necessario andare per forza oltre, non qui. Ho sentito anche come, colei che ha scritto, ha riportato sano equilibrio a questo prezioso mondo che si stava un po’ ammalando.

Ancora non sono rientrato nel mondo reale quando, alzando il viso, mi accorgo che una persona è seduta al mio tavolo, una femmina, più o meno mia coetanea, sta leggendo qualcosa sul cellulare.

Quando si sarà seduta? Mi avrà gentilmente chiesto il permesso di accomodarsi? Non faccio in tempo a pormi ulteriori domande poiché prende l’iniziativa: "Sembrava interessante quello che stava leggendo, si è estraniato totalmente dal contesto in cui lei si trova".

Caricato dal testo di pink_, convinto che si possa comunque premere il tasto push, le propongo sfacciatamente uno scambio di smartphone, per invertire le letture. Non la osservo bene ma il mio braccio ruota come un tergicristallo e le serve ER, lei ricambia.

Capisco in un istante che il baratto è impari, sullo schermo trovo una ricetta per preparare code di rospo nel famoso sito Giallo Zafferano. Ciò mi permette di poterla scrutare mentre è intenta ad assorbire il racconto che le ho proposto. È una donna dal fare spigliato, i capelli castano scuri, dritti le arrivano alle spalle, ha un maglioncino beige che veste comodo, non mi è ancora possibile scoprire cosa indossi sotto, riesco solo a scorgere gambe nude e sandali in pelle marrone, dal tacco largo, che avvolgono piedi in grado di compromettere il mio riposo notturno del prossimo mese.

Ora sta sicuramente leggendo i déjà-vu perché le sue dita scorrono alternatamente in alto e in basso, lievemente spaesate, per verificare l’effettiva presenza di un doppio testo. Non alza lo sguardo, una parte di me vorrebbe un sorriso, un occhiolino, un piccolo segnale di complicità, ma lei prosegue. Si sta iniettando la mia stessa dose, quale ulteriore prova di fiducia dovrei pretendere da una sconosciuta?

Non riesco a toglierle gli occhi di dosso, sarebbe una violenza la mia se lei non fosse focalizzata sul display; improvvisamente avverto che qualcosa sta cambiando, il suo polpastrello scorre più malizioso, il suo respiro gonfia maggiormente il petto sotto al maglioncino, il piede destro si sfila dal sandalo, le dita della mano liberano il mio cellulare dalla cover in gomma per poi rinfilarlo, ripetono più volte il gesto, nello stesso modo in cui ogni glande sogna di venir scoperchiato.

Ancora non mi guarda, forse non vuole distrarmi dalla sua esibizione, forse la potenza del racconto porta ora lei a isolarsi anche da chi ha di fronte.

Libera dalla calzatura anche il piede sinistro, porta due dita della mano alla bocca, le inserisce, lascia intuire che sta girandoci attorno con la lingua, lo fa con una finezza estrema che, legata al suo portamento delicato, rendono la cosa non volgare.

Raggiunge un piede e ne umidifica l’arco plantare; esegue la stessa manovra per l’altro, sempre continuando imperturbabile a leggere. Perdo coscienza di essere in un luogo pubblico, quando unisce, là sotto, le piante dei piedi, allungandoli verso il mio pube.

Alla vista di quelle due grandi labbra plantari, disdico ogni mio contratto col pudore, sbottono il pantalone, abbasso l’intimo e scopro il controllo addominale che deve avere per riuscire a gestire questo exploit: non le sfugge nemmeno un tremolio delle gambe ma solo un fluido, avvolgente, scorrermi attorno. Una sua estremità mi sta sconvolgendo il sesso, l’altra mi sta apparentemente ignorando. Non riesco più a mettere a fuoco ma percepisco che sta per terminare la lettura, ipotizzo di trascinarla nella toilette quando, lentamente, lei decide di guardarmi; lo fa senza parlare, senza smettere di mungermi l’anima, fino a prendersi il mio orgasmo, lo preleva con lo sguardo nel mio; ho la sensazione che, là fuori, l’intera autostrada si sia fermata per qualche istante, si contorce un po’, alza un piede verso la mia bocca, cosparso del seme del nostro denso gioco, accarezza le mie labbra, le sporca, lo riabbassa, si avvicina per baciarmi e.. mi mostra lo smartphone, quel tasto push batte e il suo dito sta per premerlo
"No! Aspetta! Non conosco nemmeno il tuo nome.. ti pr.."































Mi risveglio. Non so dove mi trovo, luci al neon, riesco solo a scorgere in lontananza un’insegna luminosa “E.R.”. Volto il mio capo a destra e trovo lei. "Ma cosa succede? com’è possibile?" le chiedo.
"siamo nell’Emergency Room, i pronto soccorso iniziano a usare sigle inglesi. Non avrà creduto che quel push funzionasse davvero? Quando ci stavamo per baciare, il gestore le ha spaccato una sedia sulla nuca, se l’è presa per atti osceni nel suo locale, è comprensibile. Ora si riposi, starò qui al suo fianco e, se vorrà, mi piacerebbe passare le giornate con lei a cercare ER ovunque"







Questo pezzo è il mio misero tentativo di onorare un racconto di pink_ (ER) che, per me, trasmette la chiave di volta, il segreto e l’emblema di quella porta dimensionale erotica che è questo sito.
A colei che, giocandoci, conferma che le parole sono una delle più potenti armi erotiche.
Ps. Genialità assoluta che il tuo titolo sia anche l’acronimo della colonna sonora attinente. Erase/Rewind

Questo racconto di è stato letto 1 2 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.