Tabù

Scritto da , il 2021-07-01, genere feticismo

Mio nonno nacque a Francoforte. Odiava la ragione, la vedeva come la causa del declino dell'uomo, incapace di affrontare l'incomprensibile e l'indefinito. Mio nonno sposò un'aborigena australiana perfettamente integrata nella società. Scopò, ebbe mia madre, poi, insoddisfatto dalla sua vita rimasta troppo occidentale anche in Australia, si infilò nella foresta neozelandese e lì rimase per oltre duemila giorni, alternati a lunghi viaggi nelle isole della Polinesia. Tornò senza due dita e tre denti ma con cinque quaderni riempiti di appunti sulla vita e la lingua dei popoli indigeni.

"Ho finalmente trovato un'isola perfettamente incontaminata e finalmente domani la visiterò. Spero che le lingue austronesiane che conosco mi consentano di stabilire un contatto con gli indigeni.

Sono passati due giorni dal mio arrivo. I contatti iniziali non sono stati semplici, ma per fortuna i doni che ho portato sono risultati graditi. Nel pomeriggio mi hanno consentito di accedere al nucleo abitato. Sono capanne solide, sembrano avere una certa dimestichezza con l'arte del costruire. La tribù non è troppo ampia, sono circa trecento persone tra maschi e femmine, ma mi sembra di aver capito che ci sono avamposti lungo la costa, suppongo ci possa essere un altro centinaio di individui.

Gli indigeni uomini si dipingono la fronte di colori diversi in base al rango. Vivono pressoché nudi, ho notato che in confronto ad altre tribù prestano una particolare attenzione alla cura dei genitali. Le donne si coprono la metà inferiore del corpo, le mammelle sono scoperte ma ben curate, per nulla cadenti come accade invece in altre tribù polinesiane.

Questa tribù è estremamente legata alle tematiche sessuali. Vige la regola di non avere rapporti con membri del proprio clan. In pubblico sembrano estremamente pudici, mentre nelle capanne, come ho potuto osservare di nascosto, il sesso è una sorta di rituale. Va prima infranto il tabù del contatto fra le nudità attraverso un rito di preghiera verso un piccolo totem. Successivamente avviene l'atto in sé, alla presenza di altri piccoli totem che sappiano espiare la colpa e giustificarne l'atto, purché in privato. I rapporti sono sia omosessuali sia eterosessuali fino al momento del matrimonio, rigorosamente eterosessuale, che preclude rapporti con altre persone. Curiosamente i padri possono avere rapporti con le figlie, sempre se non sposate.

Le righe che ho scritto sulla sessualità sono decisamente incomplete. Ho potuto osservare meglio l'atto in queste settimane. Dopo la preghiera iniziale i due amanti urinano in un boccale. Il liquido viene cosparso a cerchio intorno al luogo stabilito per l'amplesso. A questo punto la persona che ha il ruolo attivo nell'atto si dedica a pratiche orali: la prima è l'adorazione dell'ano del partner. Il partner si stende prono, sollevando il bacino. L'orifizio viene prima cosparso di oli, poi massaggiato, dunque leccato. Il più delle volte il partner prono tenta di defecare, non sempre riesce. Qualora riuscisse, è piacere dell'altro proseguire la pulizia ingoiando. Dunque si passa all'adorazione dei genitali, prima attraverso un massaggio con oli profumati (la donna verrà penetrata con le dita, l'uomo portato all'erezione) poi con il lavoro dell'organo orale dell'attivo. All'orgasmo seguirà il tentativo di urinare. Il partner attivo potrà quindi bere del suo compagno o della sua compagna. A questo segue un massaggio completo del corpo con gli oli e uno scambio di saliva. A questo punto i ruoli si invertono. Per questo credo non ci sia distinzione fra rapporti omosessuali ed eterosessuali. Concluso lo scambio, avviene l'atto penetrativo. In caso di rapporto lesbico, quelli che avevo scambiato per piccoli totem vendono usati in luogo dei peni. Curiosamente, anche nel rapporto eterosessuale ed omosessuale si tende ad occupare ogni orifizio possibile attraverso quegli strumenti.
Al termine dell'atto penetrativo, non gestito da alcuna regola specifica, in contemporanea (non più divisi in attivo/passivo) i due partner procedono a succhiarsi a vicenda le dita delle mani, a leccare le braccia e poi, stesi, con le teste che puntano in direzioni opposte, l'ombelico, nuovamente i genitali, le ginocchia ed i piedi.
Nelle varianti dell'atto penetrativo oltre all'utilizzo dei piccoli totem i partner possono utilizzare altre parti del loro corpo: le mani, il naso ma soprattutto le dita dei piedi. Talvolta l'intero piede o l'intera mano viene infilata nel corpo del partner con l'aiuto degli oli, mentre l'altro arto viene accuratamente leccato e succhiato.

Sono stato onorato da una bellissima indigena affascinata
dalle misure del mio membro con la partecipazione al rito dell'amplesso. Ho per la prima volta in vita mia leccato un ano sporco, bevuto urina, pulito piedi con la mia lingua. Tutto ciò mi disgusta profondamente ma allo stesso tempo so di averlo disprezzato e sognato a lungo, non solo durante le mie osservazioni notturne su quest'isola ma anche nella mia vita in occidente. Ed è meraviglioso che questo popolo, nel suo grande pudore diurno, quando evita perfino di pronunciare parole che ricordino gli organi sessuali, abbia riconosciuto in questo disgusto un desiderio profondo, e gli abbia dato la possibilità di sprigionarsi.
Mi sottoporrò nuovamente a questo rituale, anche dal punto di vista omosessuale.
Spero, una volta tornato in occidente, di non dover più accettare la repressione imposta dalla nostra cultura."

Questo racconto di è stato letto 1 8 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.