Io, corrotta da mio marito. - 20

Scritto da , il 2021-07-01, genere trio

Quel sogno inquieto` il mio risveglio. Non sapevo se respingere qualche presagio che, in realtà, non aveva alcuna attinenza con quel che stavo vivendo. Mi consolai notando che il dolore ed il bruciore erano molto più lievi. Avrei potuto anche alzarmi dal letto ma rinviai a quando sarebbe venuto Luigi a prendermi per portarmi a fare la medicazione. Mi piaceva crogiolarmi sulle recentissime emozioni che avevo provato nei giorni precedenti. La "J" che mi era stata marchiata sulla natica mi procurava ondate di sensazioni piacevoli e rabbrividii al pensiero che ciò strideva col dolore patito. Per un attimo mi venne in mente che ero stata marchiata come una vacca e trovai congruo il paragone, date le esperienze accumulate e vissute in breve tempo. Ma subito mi venne in soccorso la riflessione che a voler quell'estremo, bestiale, contrassegno era stato Jeff. E gioii, intimamente, riascoltando le sue parole "Ludovica, amore, ti amo". Lo volevo subito in quel momento: mi mancava come l'aria; ed erano trascorse, appena, una ventina d'ore che mi aveva fatta andare! Mi sarei dovuta svegliare fra le sue braccia e non sul letto in cui mi trovavo. E Luigi non c'era!
Fui allontanata da questo tormento allorché squillo` il telefono sul comodino. Pensai fosse mio marito invece sentii la voce di Giuseppe: "tesoro, cosa è accaduto? Non può continuare così! Sei andata via venerdi e non ho saputo più niente di te ed ora, solo ora, apprendo che stai male. Desidero prendermi cura di te. Dovremmo parlare con tuo marito e dirgli tutto di noi e metterlo di fronte al fatto compiuto". Era um fiume in piena e quella sua risoluzione a mettere le cose a posto mi confuse. Gli dissi di aspettare che mi riprendessi perché ne avremmo parlato ed, a tal proposito, gli dovevo chiarire alcune cose. Penso avesse tratto significati positivi per la sua causa perché chiuse la telefonata raccomandandomi di riprendermi e di fargli sapere. Quella telefonata mi mise di cattivo umore. Ma il telefono squillo` nuovamente: era mio marito che mi chiedeva come stavo, che aveva portato i ragazzi a scuola, che mi aveva preparato la colazione e che aveva un impegno urgente e che aveva pregato Jeff di venirmi a prendere per portarmi alla mrdicazione. Mi chiese se ero in grado di alzarmi dal letto per aprirgli la porta. Lo rassicurai e chiuse velocemente la telefonata. Avrei voluto gridargli di andare al diavolo ma sapere che Jeff stava per arrivare mi rimise di buon umore. Mi alzai, feci colazione. In piedi ed aspettai il mio amato Padrone. Arrivò dopo mezz'ora. Sali` a casa. Lo aspettavo davanti l'uscio, in vestaglia. Appena la porta dell'ascensore si apri` corsi tra le sue braccia e piansi. Non avevo neanche timore di sostare abbracciati sul pianerottolo tanto era la mia urgenza di far sapere a Jeff che la sua schiava marchiata lo amava. Entrammo a casa; lo portai nella stanza da letto e gli dissi di prendermi sul talamo di un matrimonio ormai al capolinea. Era un po` perplesso per via che non potevo adagiarmi sul letto a causa della ferita. Ma lo implorai di prendermi in piedi. Non se lo fece ripetere, ero pronta: senza mutandine lo ero già e la mia fica era già pronta per il suo cazzo. Mi fece piegare leggermente, appoggiata all'anta dell'armadio e mi penetro` con un colpo deciso. Simultaneamente mi tirò gli anelli delle grandi labbra, con una mano, e quelli di un capezzolo, con l'altra. Mi portò in paradiso trascinandomi, prima, all'inferno. Per la prima volta, dolore e piacere vennero fusi dall'amore che provavamo. Mi sbatte` come il batacchio sbatte una campana : con preciso ritmo, puntale precisione e rimbombante suono! Che era il suono cupo del mio capo che cozzava contro l'anta dell'armadio. La campana suonò come a Pasqua e per me fu resurrezione. Avevo deciso: avrei chiesto la separazione, chiudere la relazione con Giuseppe ed andare a vivere con il mio Padrone. Mentre deliravo sulla fermezza della mia decisione fui squassata da un orgasmo speciale, dedicato: liberarmi per essere schiava. Jeff sborro` felice dentro il mio ventre, tirando al limite gli anelli che mi aveva fatto infiggere. Venni ancora : capii che la mia sessualità raggiungeva la vetta col dolore che sublimava nel piacere. E di questo dovevo essere riconoscente a mio marito: il mio mentore.
Restai quella notte a casa di Jeff che lo comunicò a Luigi, chiarendo che io non volevo mettermi in auto e stare seduta per tutto il tempo del trasferimento. In realtà rimasi tutta la settimana dal mio Padrone e fu luna di miele. Giuseppe, che telefonò più volte, fu messo al corrente che ero dovuta essere ricoverata per un necessario supplemento di cure e che il lunedi successivo sarei tornata al lavoro.
Jeff fu un amante impagabile ed inesauribile. Mi curò anche con dedizione e il venerdi il piercer mi fece vedere che l'ustione era quasi guarita e che bastava una crema da applicare tre volte al giorno per portarmi alla guarigione completa. La convivenza col mio Padrone mi riempiva di felicità ed era piena la condizione di schiava e compagna. In seguito, avrei appreso che quello era denonominato rapporto 24/7: appartenenza in sottomissione 24 ore su 24, sette giorni su sette. Ebbi modo di rivelare a Jeff che avrei chiesto la separazione a Luigi per essere la sua donna, amante, femmina, schiava. Esulto` e cominciò a pianificare la nostra nuova vita. Gli chiesi di far in modo che la nostra unione non scadesse nella routine di tutte le convivenze e matrimoni; che avevamo bisogno di elevare il dolore, dato e ricevuto, a puro piacere. Che sarei dovuta essere amante e puttana; compagna e sottomessa; gioiello da custodire, sperperare e ricomporre in tutto lo splendore di bene prezioso. Facemmo l'amore come meglio non avremmo potuto fare, dopo quella dichiarazione. Dopo, mentre mi applicava la crema nella ferita, gli dissi: " Lascia venire Luisa, oggi e domani: desidero essere presa in doppia". Mi sorrise e mi baciò. Ma mi riferi` che la sera, prima che fosse arrivata Luisa, avrei avuto la visita di mio marito. Fui sorpresa e non era esattamente quel che desideravo. Ma Luigi arrivò presto nel pomeriggio. Si sincero` della mia guarigione e mi abbracciò e baciò. Chiesi dei ragazzi e mi assicurò che erano ben seguiti e che chiedevano di me senza essere preoccupati. Gli dissi che li avrei chiamati quella sera; che il lunedi sarei tornata al lavoro regolarmente. Lui obbietto` che era venuto per riportarmi a casa ma gli dissi che volevo e dovevo restare dal mio Padrone. Non fece una piega ma mi infilò la mano tra le cosce e, sapeva che da Jeff non portavo le mutandine, mi trovò con la vulva e la vagina colme di sperma e secreti vaginali. Non fu sorpreso e mi volle. Chiesi a Jeff di lasciarci soli e di poter essere scopata da mio marito nel letto rotondo del dungeon. Lasciai il letto dove avevo dormito e fatto l'amore col mio Padrone e condussi Luigi nell'altro. Sapevo che era eccitatissimo per il fatto di potermi scopare con la fica piena di seme di un altro. Mi prese con ansia e mi sborro` velocemente. Lo conoscevo bene : quando non era in sintonia con me faceva sempre in fretta. La sua punizione. Non si accascio` su di me e si ritrasse subito senza dire una sillaba. Colsi il momento e gli dissi che lo avrei lasciato. Si ricompose ed uscì rapidamente. Chiamai Jeff e gli riferii di aver avvisato mio marito che l'avrei lasciato. Mi portò nel nostro letto e mi prese con la passione che la notizia meritava. Subito dopo mi avviso` che Luisa era in viaggio per raggiungere casa nostra.

Questo racconto di è stato letto 1 6 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.