Io, corrotta da mio marito. - 24

Scritto da , il 2021-07-07, genere trio

Il pomeriggio successivo, Giuseppe mi chiamò nella sua stanza. Immaginavo di cosa mi avrebbe parlato. Appena entrata, disse alla centralinista che non voleva essere disturbato per nessun motivo e che vigilasse a che nessuno potesse bussare alla porta della sua stanza. Immaginai che la mia collega, al corrente che io ero da lui, si esprimesse in sorrisini e, certamente, stava facendo un giro di telefonate interne alle altre due che, come lei e me, erano transitate sotto le "forche caudine" dello strapotere del nostro capo. Mi comunicò subito che mio marito gli aveva telefonato e riferito che delle mie risoluzioni non tenesse conto. Che Ludovica sarebbe stata la sua amante e che non avrebbe portato a termine la gravidanza e che presto avrebbe abortito. A capo chino, sconfitta ed umiliata, ascoltai fino in fondo la sua soddisfazione nel poter ancora essere il mio amante. Si alzò e mi venne vicino, accarezzandomi la pancia con una ipocrita e maldestra testimonianza di tenerezza che mi lasciò, più che nauseata, del tutto indifferente. Poi, per la prima volta da quando gli avevo ceduto, mi trascinò nella sua alcova privata che io non volli mai varcare per giacervi sessualmente. Lì, incurante che io non opponessi resistenza alcuna così come non partecipavo alle sue avances, mi spoglio`completamente, lasciandomi solo le autoreggenti e le scarpe.
Mi baciò, mi toccò ovunque pensando che avrei reagito e che mi sarei eccitata. Non si angustio`per il fatto che rimanessi fredda, glaciale, senza corrispondere alle sue ossessionanti esigenze di possedermi. Mi scopo` come una bambola e, inevitabilmente, dopo poche spinte nel mio sesso asciutto, venne nella vagina. Mostro` tutta la sua frustrazione, dicendomi che se avevo bisogno di un padrone l'avevo in lui. Fui tentata di ridere ma mi astenni. Anche perché, agguunse: "rivestiti ad eccezione delle mutandine; così, uscendo, può darsi che le tue colleghe si accorgano che sei piena di me. Sicuramente, tuo marito apprezzerà perché mi ha pregato di rimandarti sempre da lui, così conciata". Rivestiti entrambi, mi accompagnò fuori e passammo davanti alla centralinista che osservava con indiscutibile piacere. Fu così che, prima di abortire, andai con lui a fare quel breve viaggetto e nella notte trascorsa insieme mi umilio` per vendicarsi della mia freddezza ed assenza emotiva quando mi scopava. 10 giorni dopo quel viaggio fui fatta abortire. Neanche una lacrima lasciai cadere dai miei occhi. Tornai in ufficio dopo una breve licenza dal lavoro e capii che le mie colleghe avevano saputo della mia interruzione di gravidanza. Continuo` il mio calvario ed, a mala pena, evitai di apparire infelice, dolente, coi miei figli e con i mei genitori. Ero più presente a casa e la vita si normalizzo`. Dovevo fare la concubina di Giuseppe che, dopo le mutate condizioni tra di noi, cominciò ad irretire tutte e tre le mie colleghe che, a turno, entravano nell'alcova. Lo capii perché spesso, quando era il mio turno, rinvenivo o per terra o sul letto le loro mutandine lasciate lì negligentemente o per sue esplicite richieste. L'unica variante fu che non mi scopava più in auto. Ovviamente, al mio ritorno, il "cornuto" mi prendeva,puntualmente, piena del mio capo. Ciò, per le nuove alternaze con le mie colleghe, avveniva solo una volta la settimana.
Luigi, successivamente, mi fece diventare la donna di una sua amante giovanissima con la quale ebbi una storia che durò quasi tre anni e che fini`, al solito, quando lui presentò alla ragazza un'altra sua matura amante, sottraendomi a lei. Ciò causò, sia alla ragazza che a me, una crisi ulteriore e lei lo lasciò in malo modo, col sostegno della donna che lui stesso aveva buttato tra le sue braccia. La ragazza, di tanto in tanto, mi chiamava a casa e sfogavamo la nostra delusione: anche noi fummo vittime perché, in tre anni, avevamo costruito un bel rapporto tra donne.
Il giorno del mio 44 compleanmo, ad ottobre del 1992, mi partecipò che avremmo festeggiato in maniera speciale. Mi raccomandò di prepararmi con accurata attenzione. Capii che mi avrebbe procurato un altro amante. Stavo ancora con la ragazza che lui scopava regolarmente. E quando le riferii del programma andò su tutte le furie perché, entrambe, eravamo certe di festeggiare insieme, così come avevamo fatto, un mese prima a distanza di pochi giorni, per il compleanmo di lei e di Luigi. Lui, quando la ragazza gli manifestò la sua ira, fece spallucce, dicendole che mi avrebbe avuta per tutto il tempo che volevo ma quella sera, proprio, no. Quello fu l'inizio di una lunga lotta tra loro due; mentre io sapevo quale sarebbe stato l'epilogo e mi astenni dal protestare. La sera del mio compleanno, mi preparai più per me che per lui ed il nuovo amante che mi avrebbe presentato. Fu Giovanna, la mia giovane amica ed amante, che mi suggerì cosa dovessi indossare: solidarietà femminile, pur gelosa. Mi fidavo di lei e, devo ammettere, fui uno schianto per... "Abdullah!"
Eccolo! Ricordai il nome che mi aveva raccomandato un anno e mezzo prima, in ascensore! " una mogliera incantevola tu hai, Luigi"
Fu il suo commento appena ci salutammo, nel suo problematico italiano. Del che, sorridendo ed ammiccando a me, si scuso` per non parlare bene la nostra lingua, con civettuolo compiacimento.
Ci misi poco, pur non intervenendo nel suo scarno racconto di introduzione, ad intuire che era, non solo un bell'uomo, anche accattivante se non affascinante.
Ne fui certa di lì a poco quando, durante la cena, cominciò a corteggiarmi con un tatto straordinario: mai eccessivo, men che meno grossolano, con classe e con un erotismo appena percepibile. Non consumò nulla del cibo che portarono a tavola. Si sottrasse all'insistenza di Luigi che almeno assaggiasse, sostenendo che "sarei stato invitato non a cena ma ad un convivio particolare con una bella mogliera; e so per certo che certi convivi risultano eccellenti a digiuno, almeno per non deludere la signora che potrebbe onorarmi delle sue grazie." Apprezzai moltissimo quella conclusione che anticipava tutte le attenzioni che mi avrebbe riservato e digiunai anch'io...
Nessun accenno al sesso o alla trasgressione che era stata concordata tra lui e mio marito. Ne` allusioni o espressioni lascive; tanto meno allungò le mani sul mio corpo. Sembrava dovessimo partecipare, di lì a poco, ad un concerto o visitare una mostra. Era egiziano e lavorava per una ditta di import-export alle dipendenze del cugino. Ma era un egiziano coltissimo, arguto, sapiente. Mi affascino` con ricostruzioni storiche, religiose, antiche, con un modo che catturava il mio interesse e non mi stancavo di seguirne gli approfondimenti che mi affascinavano.Mi sedusse proprio lì.
Quando ci invitò a casa sua, vi ci recammo con la nostra auto. Al momento di salire, mi apri` lo sportello anteriore con perfetta galanteria e mi fece il baciamano. Lui sali`dietro:ma per poco restò da solo. Scesi dall'auto e lo raggiunsi,dietro, dicendo a Luigi di volare.
Nel breve tragitto ebbi il tempo di sussurrargli che ero pronta per lui. In risposta, mi disse con voce vellutata: "non ti deluderò". Quindi mi baciò con dolcezza sulle labbra.
La sua casa era modesta ed anche molto disordinata. In altre circostanze, mi sarei rifiutata anche di sedermi su una sedia, lì. Invece, dopo aver detto a Luigi che volevo esere lasciata da sola con Abdullah, cominciai a spogliarlo e lui me. Nudi totalmente, ci avviluppammo in una serie di baci interminabili; presto la mia fica diventò umida, bagnata ed, infine, gocciolante. Potei ammirare il suo cazzo grosso ma non eccessivamente lungo e ne sentivo la consistenza per il fatto di essere stretti in un abbraccio che durò a lungo. Gli dissi che ero pronta per lui e non ebbe bisogno di preliminari: la mia clitoride risiedeva in qualche anfratto del mio cervello e lui, di certo, l'aveva individuato. Mi prese sicuro e deciso, adagiandomi sul letto che odorava di lui e che mi inebriava. Mentre si introduceva in me, mi disse "benvenuta nella terra d'Egitto dove tutto è fertile, arte e storia".
Dopo fu una giostra di emozioni, un carosello di sensazioni, una palestra ludica di virtuosismi ginnici. Mi scopo` per oltre 45 minuti, senza tirar fuori il cazzo dalla fica e, ciò nonostante, cambiavamo posizione: da quella del missionario mi portava in cima su di lui; col membro sempre sequestrato dalla mia vagina. Non so quante volte fu artefice di queste evoluzioni senza fallire. Le mie cosce erano piene fino alle ginocchia di umori vaginali che lasciavo andare abbondantemente. Ogni tanto interrompeva l'alternanza "sopra-sotto" e mi posizionava a "69", portandomi ad un susseguirsi di orgasmi che non contai più. Lo implorai di godere in me per dare fine a quel meraviglioso supplizio. Mi chiese, con tono canzonatorio, se stavo dicendo sul serio. Gli sorrisi e lo implorai: "Abdullah, vieni e godi dentro di me; ti voglio e mi hai portato già in paradiso".
Impiegò alcuni minuti prima di riempire il mio ventre di seme. E venni, anch'io, allo stesso istante in cui sentii i primi schizzi di esotico sperma. Restammo avvinghiati per un tempo interminabile e fummo interrotti dalla percezione di essere stati spiati da mio marito. Non ne fui felice e, il mio amante, lo canzono` " tu non aver ascoltato invito di mogliera, stasera quando tornerete a casa lei ti picchia". Scoppiammo a ridere tutti. Mentre mi rivestivo mi si accostò e mi disse :"scusami se non ho avuto attenzione per tuo culo perché è invitante e avrebbe meritato: è bello, ed avrei voluto visitarlo; giuro che prossima volta, io fare festa con lui". Lo baciai e gli dissi che sarebbe stato suo, il mio culo. Uscimmo senza voltarci e guadagnammo l'auto, avviandoci in autostrada che ci separava più di 100 chilometri da casa. Prima del casello, in una piazzola di sosta, mi prese perché a mio marito piaceva sguazzare dentro la fica di sua moglie, piena di sperma altrui.

Questo racconto di è stato letto 2 7 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.