Primi sogni: Victoria_parte 4

Scritto da , il 2021-03-14, genere prime esperienze

Venezia, Novembre 1995
Victoria salì di corsa le scale che portavano al grande appartamento dove Robert viveva con i suoi genitori. Non si vedevano da tre settimane. Aveva vissuto attimi di terrore quando le era giunta la notizia dell’incidente in moto che lo aveva coinvolto, e anche se Robert se l’era cavata con un braccio rotto e alcune abrasioni Victoria non era stata mai davvero tranquilla in tutti quei giorni. Gli incidenti stradali continuavano a farle una paura atroce, fin da quando lei stessa era quasi morta in quell’auto da bambina, e il pensiero di poter perdere Robert in un evento del genere le toglieva il fiato. Lui era una parte sempre più importante della sua vita, sentiva il bisogno della sua presenza. Per tacere di quanto le fosse mancato il sesso. Arrivò alla porta e sistemo i propri capelli, dopodiché suonò il campanello. Le aprì la madre di Robert, una donna sempre sorridente ma con un’aria vagamente triste “Ciao tesoro! Entra pure, il mutilato di guerra ti sta aspettando. Lascia, prendo io il tuo cappotto..” Victoria le sorrise, togliendosi le scarpe e celando l’imbarazzo che provava sempre un po’ con i genitori di Robert “Grazie mille, signora. Lei e suo marito tutto bene?” Ecco tornare l’aria triste negli occhi della donna “Oh, io bene…mio marito è da qualche parte in Medio Oriente per lavoro, come sempre. Tra poco devo uscire, tra parentesi – se hai bisogno di qualsiasi cosa non farti problemi, ormai la casa la conosci.” Victoria voleva saltare di gioia all’idea che la casa stesse per venire liberata, ma si contenne e ringraziò. Si incamminò lungo il corridoio che portava alla camera di Robert. Non sapendo se stesse dormendo non bussò ed entrò più silenziosamente possibile. “Tanto ti vedo che sei tu…” lo sentì dire ridendo. Victoria allora spalancò la porta ed entrò in camera di corsa, saltando addosso a Robert che sedeva sul letto. Fece appena in tempo ad accorgersi del braccio ingessato per evitare di colpirlo. Quasi in lacrime Victoria strinse le braccia al collo di Robert e lo tenne stretto senza muoversi per alcuni istanti, sentendo che anche lui la abbracciava con il solo braccio che aveva a disposizione. “Ehi, amore, sono qui – non sono un fantasma.” Le disse. Victoria gli prese il volto tra le mani e lo baciò così a lungo da quasi togliere il fiato ad entrambi. Quando si staccò gli sussurrò “Fammi un’altra cosa del genere e ti spezzo le gambe…” poi tornò a baciarlo mentre lui rideva. Rimasero accoccolati a scherzare e parlare per diverso tempo. Robert poteva camminare, anche se zoppicando un po’, ma aveva avuto l’ordine dal medico di stare fermo a riposare per un paio di giorni. La stanza era molto calda e dopo un po’Victoria dovette togliersi il pesante maglione di lana, rimanendo in jeans e maglietta degli Oasis. Sotto la maglietta non indossava nulla, e capì dallo sguardo di Robert che lui se ne era accorto subito. Lui tentò di afferrarla per riportarla vicino a sé, ma lei sfuggì alla sua presa facendogli una linguaccia. “Mettiamo su un po’di musica?” gli propose, e attraversò la camera a piedi scalzi (adorava quel pavimento in legno) per raggiungere lo stereo. Inserì un cd di Enya e premette play, poi in due salti tornò a stendersi nel letto a fianco a Robert.
In quel momento sentirono la madre di Robert salutare ad alta voce, seguita dal suono della porta di casa che si chiudeva. Victoria guardò Robert mordendosi lentamente il labbro, poi lo baciò con più intensità di prima. Non sapeva quanto sarebbero riusciti a fare, data la sua condizione, ma era intenzionata a scoprirlo e andare più in fondo possibile. Aveva sentito troppo la sua mancanza. Da come lui la baciava e stringeva, poi, capiva che anche per Robert valeva lo stesso. Sentì la sua mano percorrerla la schiena sotto la maglietta e poi entrare sotto i jeans, fermandosi su quel punto all’inizio della divisione tra le natiche che gli piaceva tanto. Victoria, senza smettere di baciarlo, gli accarezzò il petto e poi cominciò a scendere con la mano. Sentì che Robert aveva già cominciato ad indurirsi. Prese ad accarezzargli il pene attraverso i pantaloni della tuta, prima lentamente poi con più forza, scendendo fino a toccare l’attaccatura dei testicoli. “Voglio vedere come sta…” sussurrò Victoria con un sorriso, poi scivolò verso il basso fino all’altezza delle anche di Robert. Ormai poteva chiaramente vedere tutta l’erezione, che baciò in più punti. Afferrò insieme l’elastico dei pantaloni e dei boxer e cominciò a tirare lentamente in direzione dei piedi, osservando divertita Robert che la guardava già con respiro affannato. Scoprì il suo ventre, poi i soffici peli pubici castano chiari che si fermò a baciare. Tirando un po’più forte abbassò tutto fino all’altezza di metà coscia. Strinse il pene ormai durissimo di Robert e cominciò a baciarlo e leccarlo piano, tenendolo vicino al proprio viso. Victoria aveva sviluppato ormai una passione per il sesso orale, anche se capiva di avere ancora diverse cose da imparare. Tuttavia adorava farlo a Robert, sentire il suo respiro mentre lei gli dava piacere e lui le teneva la testa. “Mi mancava da impazzire…” sussurrò Victoria, muovendo la mano lungo la lunghezza del pene. “Anche a me mancava sentirti…da matti…” rispose Robert tra i sospiri. Victoria spostò i propri capelli dietro al collo, strinse la presa e cominciò a succhiargli la cappella. Le piaceva moltissimo sentire il pene di Robert nella sua bocca, sentirlo pulsare mentre lei stringeva le labbra. Cominciò a prenderlo più a fondo, aiutandosi con la mano. Voleva farlo godere più possibile, quasi per superare in quel modo il ricordo di quello che era successo. “Cazzo amore sei pazzesca…così mi fai esplodere…amore aspetta, aspetta…” A quelle parole Victoria si allarmò, pensando di aver fatto qualcosa di sbagliato. Guardò Robert con aria interrogativa, dopo aver lasciato più delicatamente possibile il suo pene. “Ti voglio troppo” le disse lui “facciamolo. Scopiamo.” Victoria sentì brividi di eccitazione correrle lungo la schiena. “Tesoro non voglio che ti faccia male…” gli disse. “Non preoccuparti” le rispose lui sorridendo “io resto qui sdraiato, fai tutto tu.” Victoria si sentì come un fuoco d’artificio prossimo ad esplodere. Baciò Robert mordendogli piano le labbra, poi scese dal letto e si sbottonò i pantaloni. Stava per sfilarsi la maglietta quando Robert la fermò “Quella tienila, ti voglio così…togli le mutande.” Victoria rimase per un attimo stupita da quell’idea, ma fece come lui le chiedeva. Lentamente, anche se fremeva dalla voglia di saltare addosso a Robert, si abbassò e tolse le mutande. Aveva addosso solo la maglietta, che le arrivava appena sotto le anche. Ridendo fece una veloce piroetta, per dare a Robert una visione a trecentosessanta gradi. Aveva ancora sulla natica destra il segno di un morso che lui le aveva dato alcune settimane prima, durante un pomeriggio di sesso particolarmente ispirato. “Però devi darmi un po’di tempo per prepararmi anch’io, se vuoi prendermi…” disse Victoria con tono volutamente provocatorio. Robert non se lo fece ripetere. Allungò la mano per afferrarla in vita e la trasse a sé. “Vieni qui da me” le disse “fammela vedere bene – te la voglio mangiare.” Fremendo, Victoria si sedette a cavalcioni sul suo torace, poi lentamente cominciò a sporgere in avanti il bacino. Quando con i peli del pube cominciò a sfiorare il volto di Robert, sentì la sua mano stringerle con forza la natica per spingerla contro di sé. In un attimo Victoria si trovò quasi a sedere sul suo viso. Si preoccupò in un primo momento di non fargli male e non soffocarlo, ma quei pensieri sparirono velocemente quando cominciò a sentire la lingua di Robert leccarla lentamente tra le gambe. Sospirando, Victoria strinse le mani sulla sua testa, proprio come lui faceva con lei. “Amore sì…così…un po’più in basso…oddio sì…sì…continua…” lo incoraggiò lei, ansimando mentre sentiva la sua lingua strofinarle e spingerle il clitoride. Aprì gli occhi e vide Robert che a bocca spalancata le mangiava quasi tutto il pube. Quella vista la fece eccitare ancora di più. Con un enorme sforzo di volontà, Victoria si staccò da quella presa fantastica. Baciò Robert, fregandosene che avesse il viso coperto dai suoi stessi umori, e si sdraiò su di lui. “Sei bravissimo amore, adesso però mettimelo dentro…” gli disse, e allungò la mano per trovare il suo pene. Era ancora durissimo. In pochi istanti Victoria spinse il bacino verso il basso e lo sentì scivolare dentro di sé. Gemette sonoramente, sentendo come la toccava in profondità. Cominciò a muoversi ritmicamente, puntellandosi sul materasso con i gomiti. Robert le stringeva saldamente la natica destra, usando l’unica mano a sua disposizione. “Dio quanto ti ho sognata” le disse tra i sospiri “non sai quanto mi mancava…ooh…scoparti…” Victoria lo baciò spingendo con violenza la lingua nella sua bocca “Sì amore…anch’io…tanto…oddio…tanto…” gli rispose aumentando il ritmo. Si alzò dritta, sentendo Robert penetrarla ancora più in fondo. Non si trattenne più e cominciò a gemere più forte, mentre lui a sua volta spingeva per accompagnare i suoi movimenti. Robert allungò la mano e le strinse forte il seno attraverso la maglietta. “Hai le tette più belle del mondo, te le mangerei…” le disse affannosamente “Stringile forte tesoro, sono tue…” rispose lei con ancora meno fiato. Victoria si piegò leggermente all’indietro, poggiando le mani sugli stinchi di Robert e continuando il movimento ritmico. Sentiva ogni centimetro del suo membro toccarla dentro, avrebbe voluto che non finisse mai. In quella posizione la sua maglietta si alzò a scoprire ancora di più il suo ventre, e Robert fissava ipnotizzato lo spettacolo del suo pene che entrava e usciva dal corpo di Victoria. “Amore prendimi le palle, stringile” le disse. Victoria allungò una mano dietro a sé e arrivò a toccargli i testicoli “Qualcuno è pieno da scoppiare…” gli disse sorridendo, poi strinse un po’più forte. “Sì amore così…dai fammi venire…ti voglio esplodere dentro…” prese a gridare lui. “Dai amore, sbattimi forte…ancora…dai…dai!” Victoria gridò a sua volta. Vennero entrambi allo stesso momento, urlando per il piacere. Non era mai accaduto prima. Anche se senza fiato, Victoria quasi si commosse. Si sdraiò su Robert, ansimando appoggiata al suo petto. Lui le accarezzò con tocco leggero i capelli, la baciò sulla fronte e poco dopo si addormentò. Victoria rimase sdraiata accanto a lui, osservando il contorno del suo viso. Che strano quel sentimento che sentiva legarla a lui – strano e fortissimo. Non sapeva bene cosa aspettarsi dal futuro, pregava solo di continuare ad avere Robert con lei e di non perdere quel sentimento. Facendo piano per non svegliarlo si alzò dal letto e si rivestì. Uscì dalla camera e raggiunse il salotto, dove c’era il bellissimo pianoforte a coda nero della madre di Robert. Adorava quello strumento, così elegante e dal suono così pieno, ma non aveva osato toccarlo finché la madre di Robert non le aveva dato il permesso. Si sedette sullo sgabello e cominciò a sfiorare i tasti. Da quando aveva conosciuto Robert aveva sentito molte porte aprirsi dentro di lei, e una di quelle porte era la musica – non suonava più solo per sé stessa, ma stava scoprendo il piacere di esprimere le proprie emozioni tramite le note anche di fronte ad altre persone. Suonò una melodia leggera e luminosa, facendo correre le dita veloci sulla tastiera. Si fece prendere completamente dalla musica, al punto che non si accorse quando dopo alcuni minuti Robert la raggiunse e le accarezzò la testa. Victoria trasalì e si voltò. Quando vide Robert lo abbracciò forte in vita. “Sei bravissima, lo sai vero?” le disse lui accarezzandole il viso “Ti va di mangiare qualcosa?”. Victoria sollevò lo sguardo e gli sorrise, asciugandosi le lacrime. “Sì, ma prima voglio fare un’altra cosa. Vieni…” gli rispose, dopodiché lo prese per mano e lo riportò in camera da letto, dove fecero di nuovo l’amore.

Questo racconto di è stato letto 5 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.