Primi sogni: Victoria_parte 2

Scritto da , il 2021-02-20, genere etero

Barcellona, 05.04.1996
Era tutto il giorno che Victoria aspettava quel momento. Finalmente era arrivata la sera, sarebbero usciti e lei avrebbe potuto usare per la prima volta il bellissimo vestito rosso corto di pelle che aveva comprato apposta da usare in quella vacanza. Quando l’aveva mostrato ad Emma per la prima volta, la prima cosa che l’amica le aveva detto era stata “Wow! Quel ragazzo ti sta trasformando in una pornostar, tesoro!” Emma non andava mai per il sottile. Victoria ancora rideva pensando a quella frase, ma in cuor suo doveva ammettere che Robert aveva sbloccato tante di quelle cose dentro di lei che quasi pensava di essere ormai un’altra persona rispetto a quando l’aveva conosciuto, quasi un anno prima. Per lei il suo amore significava moltissimo. Sì, non aveva più paura di usare quella parola, nemmeno con sé stessa. E poi c’era il sesso…un intero mondo che aveva solo cominciato a scoprire. E quel vestito faceva parte di quel mondo. Cominciò a prepararsi, approfittando dell’assenza di Robert che era nella lobby dell’Hotel a parlare con il direttore. Victoria non aveva mai pensato che potesse essere così semplice prenotare una vacanza a Barcellona nel weekend di Pasqua con così poco preavviso, ma il fatto che il padre di Robert fosse tra gli azionisti di maggioranza di quella catena di alberghi aveva effettivamente fatto la differenza. La loro prima vacanza soli insieme, pensò con un sorriso. Il vestito le calzava perfettamente, e poiché al di sotto indossava solo un perizoma nero tutte le sue forme erano ben evidenziate. Aveva una profonda scollatura davanti fino allo stomaco, mentre dietro l’apertura arrivava ancora più in basso fin quasi al coccige. A fare il paio, sandali neri con tacco a spillo – non troppo alti, voleva poter passare la sera a camminare senza rompersi le caviglie. Guardandosi nello specchio del bagno della enorme stanza che avevano prenotato, si chiese per un istante se quel look non fosse un po’eccessivo. Niente pensieri inutili, si disse. Voleva divertirsi e sentirsi bella, quella sera – e poi non usciva per rimorchiare il primo che passava, usciva con il suo ragazzo ed era per lui che voleva essere irresistibile. Trucco e capelli le presero poco tempo – non vi si dedicava mai più di tanto, considerando che i suoi lunghi boccoli neri erano difficilmente domabili – e poco dopo essere uscita dal bagno sentì Robert rientrare. Victoria si mise al centro esatto della stanza, assumendo una posa studiata e apparentemente casuale. Funzionò. Appena Robert entrò la vide e rimase con la bocca spalancata per alcuni istanti. “Hai convinto il direttore a lasciarti le chiavi di tutto l’albergo?” gli chiese sorridendo e mordendosi un poco il labbro inferiore. Lui si chiuse la porta alle spalle e la raggiunse con pochi, lunghi passi. “Per ora solo della piscina interna, a qualsiasi ora del giorno – e della notte.” Le rispose, dopodiché la strinse con forza e la baciò. Erin si staccò volutamente prima di quando lui avrebbe desiderato, allontanandosi di qualche centimetro per farsi ammirare di nuovo. “Cosa ne dici?” chiese. “Sei bellissima” rispose Robert. “Solo bellissima?...” Robert la prese per i fianchi e la strinse a sé “Sei uno schianto, e tutta Barcellona mi invidierà vedendoti.” Victoria sorrise soddisfatta. Era bellissimo anche lui: indossava una camicia blu scura e stretti pantaloni bianchi. Robert mise in tasca il portafoglio, Victoria prese la borsetta di pelle nera e uscirono dalla stanza. Incrociarono lungo il corridoio uno degli inservienti dell’albergo, che nel vedere Victoria spalancò gli occhi per un istante. Lei non ci si era ancora abituata: era successo tutto così in fretta. Erano passati solo pochi mesi da quando suo nonno materno l’aveva convinta ad esibirsi ad un piccolo concerto di beneficenza a Dublino. Aveva sempre avuto grandi riserve ad esibirsi in pubblico, ma per amore di suo nonno aveva accettato e aveva cantato, accompagnandosi al piano, una versione di “What A Wonderful World” di Louis Armstrong al quale lavorava da quando aveva tredici anni. L’esibizione aveva ricevuto un grande apprezzamento dal pubblico, ma in teoria la cosa sarebbe dovuta finire lì. In realtà quell’esibizione, insieme a tutto il concerto, era stata filmata da un canale televisivo locale; il video era piaciuto ed era stato ripreso dalla televisione nazionale irlandese, la quale aveva ricevuto tantissime telefonate in merito a quella piccola ragazza al piano e la sua voce; l’eco si era ingrandita sempre di più fino a quando il video di Victoria che cantava al pianoforte era finito in un programma televisivo del mattino della BBC. E lì la bomba era esplosa, per così dire. Tutti sembravano voler sapere chi lei fosse. La BBC era arrivata a contattarla a casa dei suoi genitori a Venezia, Dio solo sapeva come, chiedendole se fosse interessata a partecipare alla prossima puntata del programma televisivo esibendosi dal vivo con la stessa canzone. Victoria non riusciva a crederci, ma quasi in trance aveva accettato. La sua esibizione nello studio televisivo era poi rimbalzata su vari altri canali in giro per il mondo. A quello erano seguiti inviti ad altri programmi televisivi ed eventi dal vivo, e all’inizio dell’anno una casa discografica di Londra aveva preso contatti con lei. Victoria, che aveva sempre suonato e composto le sue canzoni praticamente solo per sé stessa, ora stava per firmare un contratto discografico per registrare un proprio album. Era ancora allucinante da pensare, se non fosse che era anche fantastico oltre ogni descrizione. Suo padre era stato categorico: qualsiasi cosa fosse successa lei quell’anno avrebbe completato il Liceo, non esistevano scuse o alternative. Posto quel punto, la sua famiglia – e i suoi nonni irlandesi in particolare – la supportava più di quanto lei avrebbe immaginato (e aveva sempre immaginato che non avrebbero mai appoggiato nulla di simile). Il supporto di Robert poi era stato fondamentale: spesso scherzava che sarebbe arrivata a vincere un Grammy Award prima che lui conseguisse la laurea in Ingegneria. Ripensandoci Victoria si strinse forte al suo braccio. Stavano cose importanti e grandi, molto grandi nella sua vita – ma quella sera c’erano solo loro due. Entrarono nell’ascensore alla fine del corridoio, Robert premette il pulsante del piano terra e le porte si chiusero. Dopo alcuni secondi Victoria attivò il suo piano. Blocco l’ascensore con il tasto di emergenza e si aggrappò al collo di Robert, baciandolo con forza e spingendogli la lingua nella bocca. Quando poté riprendere il fiato, lui le chiese divertito ma un po’confuso “Vicky, cosa vuoi fare…”. Lei gli sorrise accarezzandogli la guancia “Questa serata speciale comincia ora. Tranquillo, ci sono altri quattro ascensori in questo albergo che gli altri possono usare…” Detto ciò tornò a baciarlo, stavolta più dolcemente. Con le mani però cominciò a sbottonargli i pantaloni. Sentiva che si stava già irrigidendo. Il suo ragazzo era sempre molto rapido a trovare l’eccitazione e Victoria lo adorava anche per questo. Baciandogli il collo scese lentamente fino a inginocchiarsi davanti a lui: con due strattoni forti gli aprì del tutto i pantaloni abbassandoli di qualche centimetro. Il suo pene già pulsava sotto i boxer. Victoria lo baciò e mordicchiò attraverso il tessuto, poi lentamente afferrò l’elastico dei boxer e li abbassò. Il membro di Robert uscì così forte che quasi la colpì in viso. Lei rise, mentre lui la guardava ipnotizzato accarezzandole la testa. Victoria voleva che quella prima fase della serata fosse più bella possibile, ma anche che non durasse eccessivamente. Cominciò quindi a fare una delle cose che facevano impazzire Robert di più: prese a leccargli e succhiargli i testicoli, mentre con la mano gli accarezzava lentamente il pene. Robert aveva gli occhi chiusi e ansimava profondamente. Dopo alcuni istanti di quel trattamento, Victoria gli chiese sottovoce “Vuoi venirmi in bocca, amore?” Robert rispose tra gli ansimi “Sì…” Ma non le bastava “Vuoi farmi ingoiare tutto?” Robert trovò un po’ più di fiato “Sì” rispose di nuovo, stringendo la presa sui suoi capelli. Victoria allora strinse piano i suoi testicoli in una mano, mentre con l’altra teneva saldamente la base del pene, aprì la bocca e lo prese tutto dentro. Lo succhiò a fondo, percorrendo tutta la lunghezza dell’asta (ormai aveva sviluppato la sua tecnica) e ogni tanto stringendo più forte la presa. Robert allungò una mano a toccarle il seno: lei si abbassò una spallina del vestito per facilitarlo e lui le strizzò forte il seno sinistro. Victoria sentiva dalla frequenza del suo respiro che era sempre più vicino ad arrivare. “Sto per venire…sto per venire…così, prendilo tutto in gola…” lo sentì infatti dire, mentre aumentava la velocità e gli faceva sentire anche la lingua. Dopo pochi secondi Robert urlò e spingendole forte la testa contro il proprio pube ebbe l’orgasmi: Victoria strinse i suoi testicoli e sentì uno, due, tre, quattro fiotti di liquido caldo entrarle in bocca. Rimasero senza muoversi per alcuni istanti, durante i quali Victoria ingoiò tutto e lentamente fece uscire il pene di Robert dalla sua bocca. Lui si appoggiava alla parete dell’ascensore per stare in piedi, e con fatica si mise a posto mutande e pantaloni. Victoria nel frattempo aveva già rimesso a posto la spallina e stava controllando nello specchio di non avere macchie sospette sul viso o sul petto. Fece ripartire l’ascensore, tornando ad aggrapparsi al collo di Robert che la guardava un po’esausto ma incantato. Continuarono a baciarsi per tutto il resto della discesa. Arrivati al piano terra Victoria pensò a quell’angolo appartato lungo la spiaggia che aveva visto la mattina e dove intendeva portarlo per proseguire, più a fondo, il discorso. Sarebbe stata davvero una serata speciale.

Questo racconto di è stato letto 9 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.