Tortura il culo di Alice (3/5)

Scritto da , il 2021-02-17, genere fisting

segue da 2/5

Poi ha aperto la mano all’interno del culo di lei, prima di iniziare a forzare anche il suo cazzo al suo interno.

"Maestro ... aaarrrghhhh ... che dolore ... è ... è ... nooooooooo!"

Parole confuse e grida uscirono dalle labbra di Alice, mentre il suo Maestro spingeva il cazzo proprio accanto alla sua mano.

Giovanni ignorò le proteste della sua schiava, lei era di sua proprietà, era lì per essere usata.

Alla fine il suo cazzo è sparito dalla vista, sepolto a fondo nel buco del culo della piccola schiava. Lo ha tenuto fermo per alcuni istanti per consentire ad Alice di adattarsi all’allargamento.

“Shh, Alice va tutto bene, starai bene. Oh come mi sto godendo il tuo dolore, piccola, mi piace quando soffri per me. "

Sussurrò Giovanni, le parole dove più per il
beneficio della kajira che per il suo, la ragazza non era una troia del dolore, odiava
tutto tranne una leggera sculacciata, ma quando sapeva
che la sua sofferenza era per il piacere del suo Maestro
poteva sopportare molto di più.

"Io ... aaaoooohhhh ... per favore Maestro, ho paura."

La piccola schiava piagnucolò e Giovanni ancora una volta le accarezzò gentilmente la schiena con l'altra mano.

"Non aver paura amore mio, è solo dolore e io sono qui per vegliare su di te, va tutto bene e tu sei al sicuro." sussurrò mentre la schiava stava ancora singhiozzando.

"Per favore, non forzare più il mio retto ... Maestro ... fa così male ... così tanto."

Alice singhiozzò e Giovanni continuò ad accarezzarla gentilmente per confortarla.

“Resterò ferma per qualche istante, Alice, per permettere al tuo buco di adattarsi, ma poi ti coccolerò e sarò gentile con te. Ho sognato da così tanto tempo di farlo, sarà duro e brutale, ma resisti per me".

I singhiozzi di Alice si fecero più forti, e la sua figa iniziò a grondare alla prospettiva di soffrire per il bene del suo Maestro e di potergli da offrire qualcosa che desiderava da tanto tempo.

Giovanni aspettò qualche minuto. Ogni tanto il buco del culo abusato di Alice si contraeva e lei gridava di
dolore.

Intanto il suo cazzo pulsava terribilmente e Giovanni iniziò a masturbarsi dentro la sua schiava. Lo ha fatto senza avvertimento, non ha detto niente, ha solo iniziato a pompare il suo cazzo dentro
il buco del culo della schiava, usandola per il suo piacere e ignorando completamente le sue urla di dolore.

Alice giaceva completamente spossata sugli asciugamani, il dolore era troppo grande e tutto ciò che poteva fare era urlare e resistere. Il sudore le copriva tutto il corpo e tremava come un albero scosso dalla tempesta per quanto stava accadendo.

Giovanni grugnì mentre si masturbava.

Amava vedere la sua schiava soffrire così tanto, amava vederla sdraiata, abbandonata, completamente arresa alla sofferenza che le veniva inflitta.

Lui intanto continuò a strofinare il suo cazzo, diventando sempre più violento.

Il sangue di Alice ora tingeva il lubrificante attorno al culo di rosa scuro e lei emetteva costantemente gemiti gutturali di tormento.

“Ah sì, prendilo, fottuta puttana! Sei una troia, guardati sdraiata mentre un uomo si masturba nel tuo
retto. Tu sei nata per essere posseduta, per essere usata e abusata, non sei d'accordo ragazza? "

Giovanni gridò, mentre aumentava la velocità della sua sega all’interno del retto di lei.

Alice urlò e singhiozzò, ma riuscì comunque a urlare:

"Sì ... Maestro ... aaaarrrrghhhh!"

Giovanni grugnì di piacere, mentre schiaffeggiava forte la sua schiava sul culo con la mano libera.

"Ti piace essere usata vero una puttana? ... grazie per farti usare, e per permettermi di masturbarmi nel tuo culo."

Alice pianse impotente sia per il dolore che per l'imbarazzo.

"Aggghhh grazie ... ohhrrrhh ... grazie per esserti masturbato nel mio culo Maestro."

La bionda troia riuscì a contenere i suoi violenti singhiozzi.

segue 4/5

Questo racconto di è stato letto 3 0 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.