Anche le donne grasse hanno bisogno di essere fistate (2/2)

Scritto da , il 2021-02-14, genere fisting

segue da 1/2

Abbiamo scopato Carla finché non ha implorato pietà.

Il suo buco del culo si è poi stretto intorno al mio cazzo e in quel momento mi sono arreso. Sono venuto copiosamente nel suo culo, mandando il mio seme caldo nel profondo del buco del culo di Carla.

Allo stesso tempo Alice aveva nuovamente penetrato Carla in figa con il pugno, quasi fino al gomito.

L'urlo acuto di Carla è echeggiato per tutto l'appartamento.

Ho riso e così ha fatto Alice. Era musica per le nostre orecchie.

Una volta che abbiamo finito con Carla, ormai fuori combattimento dalle forti emozioni, Alice e io abbiamo deciso di divertirci tra di noi.

Le ho allargato le cosce carnose e le ho leccato la figa.

Alice ha una figa dal sapore dolce. Non tutte le donne hanno delle fighe dal buon sapore, credimi, delle volte l’odore mi fa venire voglia di vomitare.

Poi, Alice mi ha disteso sul materasso e ha iniziato a succhiarmi il cazzo.

Carla invece giaceva lì vicino. Ancora non si era ripresa dalla spettacolare scopata che aveva appena ricevuto.

Ho messo Alice a quattro zampe e le ho allargato le natiche bianche e paffute.
Ho spinto il mio cazzo nel suo buco del culo.

Carla intanto ci osservava, sgrillettandosi furiosamente.

Ho notato che le labbra della sua figa erano ancora un po' aperte dal fisting che aveva ricevuto da Alice.

Ho spinto il mio cazzo più a fondo nel buco del culo di Alice e lei ha grugnito, senza però lamentarsi ulteriormente.

Anche se è una donna davvero cicciona, il suo buco del culo è abbastanza stretto.

Poi Carla ha avuto un'idea meravigliosa, l’ho intravvisto nei suoi occhi.

Carla si è unita a noi, con uno sguardo malizioso sul viso, facendo scivolare senza apparente resistenza la sua mano nella fica di Alice.

Mentre ho sbattuto il mio cazzo nelle profondità proibite dello stretto buco del culo di Alice, Carla ha iniziato a fistarle la figa.

D’un tratto Alice ha gridato.

Mi sono chinato in modo da poter vedere il suo viso. La sua bocca era spalancata e gli occhi sporgenti mentre veniva servita in entrambe i buchi.

Ho riso. Se me lo chiedi, è esattamente quello di cui aveva bisogno.

Carla ridacchiò di gioia mentre Alice urlava e spingeva il pugno più a fondo nella figa della grande donna a quattro zampe.

Più Carla ha penetrato con la mano la fica di Alice, più il suo culo si è stretto intorno al mio cazzo.

Ho chiesto a Carla di scopare Alice ancora più a fondo.

Ridendo Carla ha obbedito immediatamente.

Alice mi ha lanciato un'occhiataccia prima di ululare, mentre Carla iniziava a prenderla a pugni ancora più violentemente.

Più Carla pompava, più stretto è diventato il suo buco del culo.

Ho continuato a sbattere il mio cazzo dentro e fuori dal buco del culo di Alice, fino a quando non è accaduto l’irreparabile.

Un grido acuto era sfuggito dalle labbra di Alice mentre il suo culo si è stretto più che mai intorno al mio cazzo. Nel mentre Carla ha sbattuto allegramente il pugno nella figa di Alice, penetrandola quasi fino al gomito.

Alice si è bloccate e poi ha gridato di nuovo.

È stato allora che sono venuto.

Ho fatto esplodere il mio sperma caldo nel profondo del buco del culo di Alice, mentre un ululato di puro, primordiale piacere le era sfuggito dalle labbra.

È stato allora che ho capito cosa stesse succedendo.

Alice stava vivendo un orgasmo sconvolgente, era una cosa meravigliosa da vedere. Carla e io abbiamo lavorato su di lei fino a quando anche lei non è venuta.

Poi ci siamo sdraiati tutti e tre insieme sul materasso.

I nostri tre corpi erano ricoperti di sperma. Tre volti sorridenti.

Era stata veramente una giornata speciale.

FINE

Questo racconto di è stato letto 2 4 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.