Tortura il culo di Alice (1/5)

Scritto da , il 2021-02-17, genere fisting

Giovanni ha dato un altro bel tiro alla corda che legava le mani dietro la schiena della sua schiava Alice solo per assicurarsi che gli attacchi fossero ben saldi.

La giovane donna bionda era piegata sul letto.

Una pila di vecchi asciugamani la sostenevano in modo che potesse sdraiarsi comodamente con il culo per
aria.

Alice era slegata, ad eccezione delle sue mani. Questo non tatto per trattenerla ma più fatto di non bloccarla in modo troppo estremo.

Alice amava la schiavitù, la faceva sentire al sicuro e amata.

Una volta che era sicuro che le mani di Alice erano state legate saldamente, Giovanni si mise sulle sue Giovannicchia dietro di lei spingendogli il cazzo su per il culo.

Non c'era stato riscaldamento, nessun lubrificante e nessun tocco dolce prima di questo.
Il buco della schiava era lì, invitante, in mostra, e il Maestro lo aveva appena penetrato senza preliminari.

Alice grugnì quando il cazzo del suo aguzzino la riempì improvvisamente, ma era abituata al sesso anale, che praticava frequentemente.

Intanto Giovanni iniziava a spingere, nell’aria si udivano i suoi piccoli gemiti di piacere, mentre lei premeva il culo verso il suo Maestro per incontrare le sue spinte, sperando di farlo entrare un po' più in profondità ogni volta.

Giovanni amava davvero di Alice poiché era così dannatamente reattiva.

Il Maestro era davvero tentato di svuotarsi nel retto invitante della schiava, ma aveva diverse cose in
programma per quella sera e con un po' di rammarico si tirò fuori dal suo culo. Si chinò sul pavimento, dove si trovava una bottiglia di lubrificante e iniziò a ungersi la mano.

Una volta che Giovanni vide che le sue dita erano belle e scivolose, accarezzò amorevolmente il piccolo bocciolo di rosa anale di Alice prima di spingerle brutalmente tre dita dentro.
Di nuovo la schiava grugnì, mentre un quarto dito si fece strada nel retto della schiava mentre la ragazza iniziò a piagnucolare.

"Mi vuoi fistare, Maestro?" Chiese Alice un po' timorosa.

Il piacere nell'essere fistata analmente, aveva detto una volta a Giovanni, era che la faceva sentire
meravigliosamente sottomessa e vicina a lui e le dava anche un esilarante senso di pienezza una volta che le nocche del suo Maestro finalmente scivolarono dentro di lei, e la sua intera mano svanisse nel suo buco caldo.

Tuttavia il fisting e soprattutto il fisting anale erano dolorosi per la ragazza e quindi la prospettiva la fece un po' spaventare.

Intanto Giovanni aggiunse il pollice e iniziò a spingere contro il retto della schiava, prima di risponderle, ignorando i gemiti di dolore di Alice.

"Sì, schiava ma stasera farò anche di più. Sa, desideravo masturbarmi nel tuo retto, e stasera lo farò."

Era vero che Giovanni aveva da tempo questo desiderio e Alice lo sapeva, ma probabilmente non si era mai aspettata che lui lo facesse davvero a lei.

"Che cosa?"

La ragazza rimase a bocca aperta per lo shock e poi andò nel panico e cercò di alzarsi e allontanarsi dalla tortura che era stata prospettata.

La voce di Giovanni si fece dura e ferma.

“Sta’ giù e non muoverti, a meno che tu non voglia che usi la frusta. Sì, sarà doloroso, ma è quello che voglio fare e mi farà molto piacere".

"Per favore, Maestro, perdonami, ho solo paura. Maestro, per favore non frustarmi."

segue 2/5

Questo racconto di è stato letto 4 3 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.