L'incredibile storia di Alice e Giulia 5 -Gizem-

Scritto da , il 2021-02-08, genere feticismo



Quell' episodio di violenza ai suoi danni aveva scosso troppo Alice, la quale sebbene avesse avuto ciò che voleva, riteneva inammissibile un trattamento di quel tipo. ci teneva alla propria dignità. Il fatto che le piacessero i piedi di Giulia non significava dover essere trattata "di merda". Avrebbe voluto raggiungere qule traguardo pacificamente e con il consenso di entrambe, non forzatamente, maltrattata come ai tempi del negozio senza rispetto, sarebbe stato un incubo.
Giulia la mattina seguente resasi conto di quanto avesse esagerato, si pentì molto. Aveva perso davvero tanto solo per uno scatto d'ira. Alice signifaicava moltissimo per lei, era davvero indispensabile, era parte della sua vita. In più quel massaggio con la lingua era stato qualcosa di unico ed indimenticabile. Subito tentò di chiamarla, di inviare messaggi di scuse su quanto avesse esagerato e di quanto non sarebbe mai più accaduto. Arrivò anche per un paio di settimane a mandare lettere alla casa dei genitori (non sapeva dove fosse in quel momento) di scuse con anche soldi dentro e promesse di aumeto di paga, così come di non fale toccare più i piedi, poteva rinunciare a tutto per avere la compagnia di Alice, in fondo era quello che contava per Giulia, anche se solo adesso se ne rendeva conto.
Dal canto proprio Alice che aveva una sua dignità, rimase male per una settimana per questa faccenda, rimase dai suoi genitori, poi decise che era tempo di rifarsi una propria vita e decise di prendere un appartamento in affitto a Milano. I soldi non le mancavano, Giulia le aveva dato mance e regali costosi, che uniti ai 1500€ mensili, mai spesi perché aveva vissuto sempre a carico del suo capo, facevano un bel gruzzolo.
Vivere da sola in un appartamento proporio, sebbene molto spartano, sarebbe durato poco, perché in quel tempo avrebbe cercato lavoro come tuttofare ed estetista personale, lo stesso lavoro di prima che non le dispiaceva (in pratica la domestica).
Dopo poco tempo, parando con gente che conosceva, le giunse notiza che una signora con una conoscenza in comune cercava una domestica ma anche avrebbe apprezzato le doti da estetista di Alice sapendo comunque della sua abilità.
La signora in questione era una istruttrice i yoga dalla palestra che frequentava(negi ultimi tempi quasi mai) Alice (e Giulia).
Sebbene non avesse mai fatto yoga, Alice aveva presente di vista la signora.
Era una donna di media statura dal fisco tonico con molti tatuaggi, aveva probabilmente tra i 35 ed i 40 anni, una bella donna con i capelli lisci mori con sopracciglia ben curate ed occhi marroni, i tratti somatici non sembravano italiani anche se erano mediterraneri.
Le due si sentirono via mail, 1000€ al mese per pulizia, cuscina e faccende varie, occasionalmente pedicure e massaggi. Il vitto e alloggio erano compresi.
Alice accettò, le sembrava un ottima proposta.
Si recò all' indirizzo, l'indirizzo era di un palazzo moderno 'da ricchi' in un quartiere nuovo di Milano. Aperta la porta vide la signora Gizem. L'accolse con un sorriso, era vestita con una tuta bianca lagra, così come i pantaloni, era scalza o meglio così sembrava ad Alice che in quel momento non poté soffermarsi troppo sui piedi della sua nuova padrona.
"Ciao Alice finalmente ci vediamo, ti accompagno nella tua stanza"
Paralva molto bene italiano, ma sicuramente aveva un accento straniero.
L'impressione era che fosse una signora cordiale, sorrideva ed era gentile.
Gizem fece fare il giro della casa. Una casa moderna e grossa, con un ampio terrazzo e molte stanze larghe tutte moderne, ma c'era uno stlie hippie-orientale nel moderno.
Gizem spiegò ad alice i propri compiti giornalieri, spiegò che aveva un marito italiano che era un mese via ed una settimana a casa per lavoro, era un dirigente di una multinazionale, aveva lasciato casa giusto due giorni prima.
Lei invece lavorava dalla mattina al pomeriggio alle 17:30 in palestra, aveva bisogno di trovare la cena e che le preparasse un pranzo d'asporto ogni giorno. Fare tutte le pulizie e la spesa. Inoltre la pedicure e manicure, siccome, per quello l'aveva secelta tra le altre badanti che sapevano solo pulire.
Gizem stava poco in casa, finito il lavoro usciva con le amiche e tornava a casa per cenare e poco dopo dormire, si incrociarono poco i primi giorni.
Gizem spiegò ad Alice che era turca ma viveva da anni in Italia. Amava lo yoga la vita sana, vestiva con vestiti da hippie o tecnici da yoga, ma aveva anche qualche tacco per la sera, sempre usato in maniera 'alternativa'.
In casa andava a piedi nudi in giro, i suoi piedi erano taglia 40, li aveva visti sempre smaltati di rosso acceso come la mani. Portava due cavigere nere uguali di filo di cotone sottile, un tatuaggio proseguova dalla cavigia al piede destro, creando un effetto piuttosto "sexy". In casa e probabilmente anche quando insegnava yoga, spesso utlizzava delle decorazioni chiamate "barefoot sandals" in pratica erano ornamenti per il dorso del piede legati alla caviglia da una parte ed al secondo dito dall'altra. L'effetto era quello della decorazione di un sandalo senza la suola. Ne aveva di diversi colori, bianchi, azzurri, gialli, neri. Tutti in cotone. Alice li trovava molto belli. Aveva notato che comunque anche Gizem aveva un culto della cura del piede, sebbene minore e diverso da Giulia. I primi giorni andarono bene, tranquilli, Alice apprezzava quall'ambiente tranquillo e il fatto che la sua nuova padrona non fosse molto esigente o pignola.
La mattina di sabato, dopo aver fatto colazione, Gizem cheise ad Alice la manicure e pedicure. In questa occasione si fece raccontare anche le sue esperienze lavorative: centro estetico, negozio di scarpe e domestica. In più si paralrono dei propri interessi. Gizem amava la vita naurale, le piacevano la meditazione ed i rimedi naturali. Le piacevano i tatuaggi, le cavigliere le collane, gli orecchini ecc.
I piedi di Gizem erano molto belli, dita lunghe, con il piede 'alla greca' ovvero con un dito sporgente, piuttosto muscolosi sulla pianta e con caviglie sottili. Sebbene non fossero perfetti come quelli di Giulia, anche questi erano molto attraenti agli occhi di Alice, sebbene in modo volgarmente sexy piuttosto che in naturale candida perfezione.
Gizem era una donna sveglia e aveva visto nella sua vita più volte sguardi sognatori sui propri piedi e non le dispiaceva, amava provocare ed essere apprezzata, riconobbe in Alice uno sguardo troppo attento nel togliere calli e smaltate le unghie di rosso. Unito al fatto della cariera legata al piede Gizem pensò di aver giustamente inquadrato la sua nuova domestica e pensò di poter ottenere molto da lei.
Alice riguardo al proprio precedente lavoro aveva detto di aver terminato il rapporto per motivi familiari e che poi era stata sostituita troppo in fretta.
La pedicure finì con un massaggio, lubrificato con dell' olio da cucina. Gizem apprezzò sinceramente la cosa, e spesso guardava alice negli occhi anche imbarazzandola.
Nel pomeriggio Gizem andava per casa con barefoot sandals neri leggins attillati neri e top nero da yoga.
Verso sera avvisò Alice che sarebbe andata fuori per una corsa.
Al suo ritorno mise le scarpe da ginnastica e le calze usate, dei fantasmi neri, al suo interno mettendo un capello sopra di essi.
Inutile dire che dopo aver fatto la doccio il capello non era più lì. Gizem aveva la conferma di ciò che sospettava. Ora poteva giocarsela come voleva.
La sera dopo cena decisero di guardare insieme la televisione sul divano. Gizem disse: "Alice cara, non ti dispiace se allungo le mie gambe dalla tua parte? Ho un po' freddo ai piedi, magari se me li rsicaldi un po' anche solo con le mani"
"Non c'è problema Gizem" (anche questa padrona voleva essere chiamata per nome)
Questo fatto non era troppo strano, Gizem voleva abituare Alice alla presenza dei propri piedi.
La serata finì normalmente.
La domenica Gizem andò a casa di amiche e tornò alle 19. A cena pralarono del più e del meno, c'era un rapporto cordiale tra le due, sebbene distaccato 'di lavoro', per quanto andassro d'accordo non erano amiche come con Giulia.
Dopo cena Gizem era al computer a vedere video su YouTube, quando chiamò Alice. "Alice vieni subito qui per favore"
Alice venne subito.
"Ho fatto un disastro, stavo mangiando questa crostata e questo succo di frutta quando le ho rovesciate tutte per terra. Puoi sistemare questo disastro?"
"Certo perndo subito le cose e arrivo"
"Grazie"
Nel fare questo alice prese uno straccio e la scopa per asciugare e raccogliere le cose. Un po' maleducatamente Gizem era ancora seduta a guardare video su YouTube divertenti, rideva, mentre Alice era sotto la scrivania intenta a raccogliere briciole e asciugare il succo in giro.
Alice da quella posizione poteva vedere lo splendore dei piedi di Gizem, che li muoveva di atnto in tanto. La pulizia continuò fino a che, Gizem disse: "guarda qui c'è un pezzo grosso ancora, è un peccato sprecarlo, si può mangiare ancora" così dicendo con il piede avvicinò il pezzo di crostata verso Alice la quale un po' riluttante disse: "è vero, si.."
"Mangialo pure tu se vuoi"
Suonava più come un ordine sebbene fosse una richiesta. "Alice un po' confusa lo avvicinò alla bocca e lo mangiò. Gizem era soddisfatta "è buona vero?" "Si" il fatto strano finì lì, la serata continuò normalmente. La settimana incominciò normalmente. La sera del lunedì, dopo cena Gizem chiese un massaggio sul divano, chiese anche di massaggiare le gambe. La cosa strana per Alice era che Gizem sembrava divertirsi nel guardarla praticare i massggi, sorrideva e cercava il contatto visivo dicendo poche cose se non complimenti. mentre Alice era solita non essere considerata da Giulia.
Il giorno successivo idem, "sei proprio brava, ci sai fare"
Mercoledì pure: "è il tuo lavoro davvero"
Sempre con quegli sguardi strani che Alice evitava.
Usavano sempre l'olio d'oliva per i massaggi, ma giovedì sera Gizem chiese di usare la propria saliva, perché aveva letto essere un metodo naturale ed efficace. La cosa sorprese molto Alice, la quale forse aveva influenzato tanto e bene l'internet di falsi articoli da creare una falsa concezione? O forse più probabilmente la voce si era sparsa in palestra tramite Giulia, sicuramente indirettamente che consigliava questa pratica. Infatti chiese ad Alice di sputarsi sulle mani e fare i massggi. Alice colse l'occasione per fare i discorsi che fece con Giulia, Consigliamdo siti, articoli, le stesse cose. Gizem credette a tutto, anche se per lei Alice era comunque attratta dai piedi e si divertiva nel provocarla.
Venerdì, Alice fece trovare a Gizem una 'lingua pennello' da usare cin i flaconi fatti da lei. Esattamente come da Giulia, solo che le cose erano molto più facili, perché Gizem sembrava molto più incline a credere a queete cose, più veloce a sperimentarle, era un po' più il suo campo diciamo.
Quella sera Gizem non fu molto entusiasta dell'applicatore e si chiedeva se avesse dovuto comprarsi un cane oppure: "tu che hai lavorato in un centro estetico sai se ci sono persone disposte a fare il trattamento di leccaggio? Ne sarei interessata, informati"
Le cose stavano andando più veloce di quanto Alice potesse immaginare nelle più rosee delle previsioni.
La mattina di sabato durante la colazione le ragazze parlarono del discorso saliva. Tanto è che ne seguì un massaggio sul divano. Con le solite occhiate inquietanti. Gizem uscì con un a frase:" ti piacciono i piedi, lo fai con passione, si vede, non è vero?"
Alice rimase un po'spiazzata, non si aspettava una affermazione simile.
" S,s, si, è vero..mi appassionano"
"Si vede" disse Gizem sempre osservadola sorridendo.
Alice pensò che ormai giocava a carte scoperte, la situazione era quasi imbarazzante però.
La cosa si concluse lì e la sera stessa dopo una corsa, dopo cena Gizem ed Alice erano sul divano, connla scusa di riscaldarli, li teneva sulle gambe di Alice, ernao nudi solo cin due cavigiere, dopo la corsa anche piuttosto odorosi.
Ad un tratto Gizem disse:" puzzano? Ti dispiace?"
Cosa voleva dire con quella frase?
"Non no, non sento a dire il vero"
" Prova a sentire e dimmi"
Così facendo avvicinò il piede destro al viso di Alice movendo le dita, sfiorandole il naso.
"E ora?"
"No, non molto.." rispose Alice imbarazzata, ma anche trasportata dall' eccitazione.
"Prova così e dimmi"
Gizem mise entrambi i piedi in faccia ad Alice, coprendola tutta, con fuori il naso.
Alice non si aspettava una cosa simile, ma le piacque e si fece prendere sall situazione.
Alice respirava forte, amava quel profumo e la sensazione di avere un cuscino morbidissimo sul viso.
Gizem rideva di gusto e cheise "ti piace vero? Sii sincera, non avere paura"
Alice tardò a rispondere, ma sussurrò:"si.."
"Non ho sentito bene" disse Gizem sempre ridendo godendosi la scena.
"Si, mi piace" disse Alice con un po' di coraggio. Nel frattempo Gizem aveva spostato le gambe di Alice sotto le proprie ed era in braccio a lei, la teneva per le mani e ogni tanto tirava a se Alice. "Ora non credi di dovermi ringraziare? Bacia."
E così Alice si mise a baciare follemente. Le piaceva la situazione, sebbene fosse un po' strana. Gizem si godeva il trattamento, le era già successo nella sua vita di trovare gente come Alice.
"Ora usa la lingua."
E così Alice iniziò ad usare la lingua, fù spettacolare, anche il gusto, fu qualcosa di unico, ma allo stesso tempo mancava qualcosa. Per quanto fosse il suo sogno fare una cosa di quel genere, c'era qualcosa di sterile.
Non sea per nulla simile nemmeno a massaggiare i piedi di Giulia. Era qualcosa di bello ma fine a se stesso.
Le leccate finirono dopo un quadro d'ora, quando Gizem come se fosse la cosa più normale del mondo andò a fare la doccia e poi a dormire.
Quella notte Alice era inquieta, aveva apprezzato la avere dei piedi stupefacenti a propria disposizione, ma mancava qualcosa, le mancava il carattere, la presenza, l'amicizia di Giulia. Chissà se sarebbe stato possibile riavere la vita precedente?
Il giorno dopo Gizem chiese, come se fosse la cosa più normale del mondo di avere i piedi leccati. Così come tutta la settimana. Ad alice non dispocaeva affatto, però lo vedeva un po' comeun imposizione, un dovere, mentre con Giulia era una propria iniziativa, anche la cosa più bella se imposta diventa col tempo sgradevole.
Gizem arrivò a chiedere di essere svegliata con la lingua. Si faceva leccare anche le mani, ormai Alice era diventata un cane e se ne rendeva conto. Per Gizem questo era perfettamente normale, non paralvano mai di questa cosa, come se fosse naturalissima. Parlavano poco tra di loro in verità, il distacco iniziale rimase, non si instaurò mai un rapporto di fiducia reciproca, era solo cordiale 'di lavoro'.
Alice con il passare dei giorni diventava sempre più brava nel leccare, Gizem aveva iniziato a darlo per scontato, telefonava, faceva altro nel mentre, per fortuna aveva smesso di guardarla.
Quando tornava dal lavoro diceva "Alice qui, pulisci". Spesso chiedeva anche solo dei baci sui piedi e anche sulle mani, perché la facevano rilassare, a volte semplicemente amava appoggare entrambe le piante sil viso di Alice, mentre leggeva o guardava la televisione, a volte le strofinava e le premeva. Qualche volta è capitato perso che mettesse un piede in bocca ad Alice, il che provocava conati di vomito, ma seza mai esagerare.
Quest' ultima pratica non piaceva molto ad Alice, la trovava troppo irrispettosa.
Il culmine venne raggiunto un sabato, quando dopo la sveglia mattutina, Gizem aveva chiesto ad Alice di salire sul letto e di sdraiarsi. Alice era impaurita, quando vide Gizem togliersi i pantaloni del pigiama aveva il cuore a mille, il risultato fu che si sedette sul ciso di Alice. La povera ragazza poteva respirare malamente, il culo di Gizem era tonico ma morbido, comunque era una sensazione inaspettata, non sapeva che pensare, si sentiva annullata, un oggetto.
Gizem disse:"lasciati andare e rilassti, vedrai che ti piacerà, è il tuo posto questo" Gizem chiaramente traeva piacere in queste pratiche, ad ulilizzare Alice a suo piacimento, come un oggetto, ma allos stesso tempo forse c'era una volontà contorta di insegare qualcosa, tipo uno stato meditativo sia a lei sia ad Alice.
Questo episodio molto strano finì nel nulla come sempre, come se fosse normalissimo.
Si ripetè però, specialmente quando erano sul divano, orami Alice aveva fatto l'abitudine e le era piuttosto indifferente la cosa.
Un giorno mentre erano in una di queste 'sedute' ad un tratto Gizem disse: "ringrazia" quando diceva così di solito intendeva di baciare la mano od i piedi. Alice rimase spiazzata, non si aspettava una richiesta simile. Vedendo nessun cambiamento Gizem allora si alzo di poco e presa la testa di Alice per i capelli a pochi centimetri dalle sue chiappe coperte dai leggings, oer aspettare la reazione di Alice. La povera sguattera iniziò timidamente a farlo, a baciare le chiappe. "Brava così"
Alice era molto imbarazzata, questo 'lavoro' era diventato qualcosa di inaspettato.
Gizem era sempre più sfacciata, dopo il lavoro ormai si sdraiava sul proprio letto, chiamava Alice per spogliarla qusi completamente tranne le mutande, e chedeva a questa di leccarle i piedi, massggiarli e poi di "ringraziarla" come diceva lei, sui piedi, gambe, culo, mani e bracccia.
Con il tempo si faceva sempre "ringraziare" sulle natiche anche in mezzo ad esse, sebbene Alice fosse sempre titubante a farlo.
Con il tempo anche le mutande scomparvero.
Il culmine si raggiunse un giorno, che, durante queste sessioni di adorazione Gizem continuava ricevere "ringraziamenti" sul di dietro da Alice, quando ad un tratto le afferrò la testa con una mano e disse senza cattiveria, ma era un ordine:"ora con la lingua"
Allora Alice a quel punto tirò fuori la lingua e Gizem la usó come carta igienica. Alice non riuscì a trattenere le lacrime, era troppo. Gizem non sembrava affatto curarsene tanto è che mentre usava Alice in quel modo persino gemeva. Quando la padrona ne ebbe abbastanza il 'gioco' finì.
Alice non ne poteva più di tutto ciò, era diventata un oggetto sessuale più che una domestica.
La mattina seguente diede le dimissioni. Gizem fu sorpresa ma non le dispiacque nemmeno troppo, avrebbe trovato altre domestiche ed altri 'giocattoli'. Regalò ad Alice dei barefoot sandals neri come ricordo. tutto sommato non si lasciarono male, ma con la comprensione di Gizem che quelle cose non facevano per Alice.

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.